piante da interni appartamento Aglaonema
Aglaonema

Aglaonema, genere di 50 specie di piante d’appartamento o da serra perenni e sempreverdi appartenenti alla famiglia delle Aracee. Sono originarie delle zone tropicali e richiedono un ambiente caldo e umido e una posizione soleggiata. Hanno foglie variegate, ovali ed oblunghe, lanceolate, che sono poi l’aspetto più decorativo della pianta. I fiori sono simili a quelli dell’Arum, ma meno vistosi. Quasi tutte le varietà sono di dimensioni contenute, alte circa 15 cm e del diametro di 20-30 cm, ad eccezione della varietà Oblongifolium che raggiunge anche il metro d’altezza.

Trattandosi di una pianta di origine tropicale le Aglaonema richiedono un ambiente caldo e umido, a una temperatura non inferiore ai 15° C, in estate comunque si deve ventilare quando la temperatura supera i 21° C. Necessita di un terreno umido e ricco, torboso. Si mettono a dimora a marzo e vanno poi rinvasate ogni due anni in marzo-aprile, mentre negli altri anni si deve somministrare mensilmente e durante il periodo della crescita della pianta, un fertilizzante liquido, seguendo le indicazioni presenti sulla confezione del prodotto.

Aglaonema commutatum: pianta originaria delle Filippine e della Malacca, ha foglie lanceolate, verde scuro macchiate di grigio-argento. Fiorisce in luglio con spate bianche, lunghe circa 3 cm, seguite da bacche rosso scuro.
Aglaonema costatum: pianta originaria della Malacca, ha foglie a forma di cuore, venate di avorio e macchiate di bianco. I fiori, delle spate bianche lunghe circa 3 cm, compaiono in luglio.
Aglaonema oblongifolium: pianta originaria della Malacca, è la più alta e raggiunge il metro di altezza. Ha foglie verde scuro macchiate di argento e spate verde chiaro, quasi bianche che compaiono in luglio. La varietà più diffusa è la Oblongifolium curtisii.
Aglaonema pictum: pianta originaria della Malacca e di Sumatra, ha foglie oblunghe, verde scuro, con macchie più chiare. Le spate, vede-giallastro, compaiono in agosto.
Aglaonema treubii: pianta originaria dell’Indonesia, è tra le più diffuse. Ha foglie oblunghe e lanceolate, verde chiaro, macchiate di argento e spate bianche che compaiono in luglio.


riproduzione: per divisione dei cespi, da effettuarsi in aprile, il metodo migliore. Si può anche moltiplicare per talea, in aprile-maggio, prelevando i germogli basali o i polloni con almeno un paio di foglie, che vanno poi piantati in cassoni alla temperatura di 18-20° C. Si può procedere anche alla semina, in primavera, a temperature elevate, almeno 27° C.
esposizione:
fioritura: Luglio-agosto a seconda della specie




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Echinopsis

Echinopsis, genere di 35 specie di piante perenni, rustiche, appartenenti alla famiglia delle Cactaceae, che durante l’inverno vanno tenute completamente all’asciutto. Si coltivano per i fiori, imbutiformi, rosa o bianchi, ........

Buganvìllea (Bougainvillea)

La Buganvìllea (Bougainvillea) , originaria del Brasile, comprende circa 14 specie ed è un rampicante robusto, con rami che possono raggiungere ragguardevoli lunghezze, muniti di spine diritte o ricurve.

Nelumbo (Fior di Loto)

Nelumbo (Fior di Loto), genere di 2 specie perenni, acquatiche, una delle quali, il Fior di Loto propriamente detto, è conosciuta sin dall’antichità. Ambedue hanno foglie peltate, a lamina tondeggiante, ondulata, leggermente ........

Gerbera
La Gerbera è una pianta erbacea, perenne, semirustica o delicata della quale si contano 70 specie. Ha foglie lanceolate, tomentose, lobate, disposte in rosette, e capolini di vari colori, fra cui giallo, arancio, ........

Chlorophytum

Chlorophytum, genere di 215 specie di piante erbacee sempreverdi, appartenenti alla famiglia delle Liliaceae. La specie descritta è abbastanza facile da coltivare sia in serra che in appartamento e anche all’aperto nelle ........

 

Ricetta del giorno
Spaghetti al pesto di rucola e pistacchi
Mettere a bollire l’acqua per la pasta, e una volta raggiunto il bollore, salarla e tuffarvi gli spaghetti, quindi rimettere il coperchio alla pentola ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Hedychium

Hedychium, genere di 50 specie di piante erbacee, perenni, rizomatose, con fusti robusti, che portano foglie guainanti, disposte parallelamente su 2 linee. I fiori, simili a qulli delle Orchidee, spesso profumati, sono riuniti ........

Pittòsporo Pittosporum)
Il Pittòsporo (Pittosporum) originario dell'Africa, Asia, Australia, Nuova Zelanda e Isole del Pacifico, comprende circa 80 specie ed è un aubusto o piccolo albero di limitata altezza.
Le foglie, ........

Heracleum

Heracleum, genere di 70 specie di piante erbacee, perenni e biennali, rustiche. La specie descritta è grande, poco elegante, adatta ad essere coltivata nelle vicinanze di grandi stagni.
Si piantano fra ottobre e marzo, ........

Eryngium (Eringio)

Eryngium (Eringio, genere di 230 specie di piante erbacee perenni, rustiche e delicate, appartenenti alla famiglia delle Umbelliferae. Le specie descritte sono adatte per le bordure e per formare gruppi di piante. Hanno ........

Arnebia

Arnebia, genere di 25 specie di piante erbacee perenni, annuali, rustiche o delicate, appartenenti alla famiglia delle Boraginaceae. Solitamente viene coltivata in giardino una sola specie, perenne, rustica, adatta al primo ........


piante da interni appartamento Aglaonema
Aglaonema

Aglaonema, genere di 50 specie di piante d’appartamento o da serra perenni e sempreverdi appartenenti alla famiglia delle Aracee. Sono originarie delle zone tropicali e richiedono un ambiente caldo e umido e una posizione soleggiata. Hanno foglie variegate, ovali ed oblunghe, lanceolate, che sono poi l’aspetto più decorativo della pianta. I fiori sono simili a quelli dell’Arum, ma meno vistosi. Quasi tutte le varietà sono di dimensioni contenute, alte circa 15 cm e del diametro di 20-30 cm, ad eccezione della varietà Oblongifolium che raggiunge anche il metro d’altezza.

Trattandosi di una pianta di origine tropicale le Aglaonema richiedono un ambiente caldo e umido, a una temperatura non inferiore ai 15° C, in estate comunque si deve ventilare quando la temperatura supera i 21° C. Necessita di un terreno umido e ricco, torboso. Si mettono a dimora a marzo e vanno poi rinvasate ogni due anni in marzo-aprile, mentre negli altri anni si deve somministrare mensilmente e durante il periodo della crescita della pianta, un fertilizzante liquido, seguendo le indicazioni presenti sulla confezione del prodotto.

Aglaonema commutatum: pianta originaria delle Filippine e della Malacca, ha foglie lanceolate, verde scuro macchiate di grigio-argento. Fiorisce in luglio con spate bianche, lunghe circa 3 cm, seguite da bacche rosso scuro.
Aglaonema costatum: pianta originaria della Malacca, ha foglie a forma di cuore, venate di avorio e macchiate di bianco. I fiori, delle spate bianche lunghe circa 3 cm, compaiono in luglio.
Aglaonema oblongifolium: pianta originaria della Malacca, è la più alta e raggiunge il metro di altezza. Ha foglie verde scuro macchiate di argento e spate verde chiaro, quasi bianche che compaiono in luglio. La varietà più diffusa è la Oblongifolium curtisii.
Aglaonema pictum: pianta originaria della Malacca e di Sumatra, ha foglie oblunghe, verde scuro, con macchie più chiare. Le spate, vede-giallastro, compaiono in agosto.
Aglaonema treubii: pianta originaria dell’Indonesia, è tra le più diffuse. Ha foglie oblunghe e lanceolate, verde chiaro, macchiate di argento e spate bianche che compaiono in luglio.


riproduzione: per divisione dei cespi, da effettuarsi in aprile, il metodo migliore. Si può anche moltiplicare per talea, in aprile-maggio, prelevando i germogli basali o i polloni con almeno un paio di foglie, che vanno poi piantati in cassoni alla temperatura di 18-20° C. Si può procedere anche alla semina, in primavera, a temperature elevate, almeno 27° C.
esposizione:
fioritura: Luglio-agosto a seconda della specie



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su