piante da interni appartamento Aechmea
Aechmea

Aechmea, genere di circa 50 specie di piante sempreverdi. La maggior parte sono epifite, alcune sono terrestri. Tutte sono dotate di rosette, tubolari o allargate, di foglie più o meno spinose e addossate  l’una all’altra alla base, così da formare una cavità centrale che trattiene l’acqua. La maggior parte delle specie è facile da coltivare in appartamento o in serra.
Le piante si mettono a dimora nella tarda primavera e all’inizio dell’estate in una composta soffice, priva di calcare formata  da aghi di pino, terriccio di foglie, torba e sabbia. Si possono somministrare piccole dosi di fertilizzante liquido, distribuendolo nel terriccio oppure spruzzandolo sulle foglie. La rosetta deve essere mantenuta piena d’acqua. Si annaffia abbondantemente durante il periodo di crescita evitando però i ristagni d’acqua. In autunno, quando la crescita rallenta, la rosetta di foglie come il terreno vanno mantenuti leggermente umidi. Negli ambienti asciutti è necessario spruzzare acqua durante tutto l’anno per mantenere elevato il livello di umidità. Le piante muoiono 1-2 anni dopo la fioritura.

Aechmea(Billbergia) chantinii: pianta originaria dell’amazzonia, alta fino a 90 cm. Le foglie verde intenso con striature trasversali argentee formano una rosetta imbutiforme, al cui centro  si forma il fusto che porta l’infiorescenza a a pannocchia, lunga 10-15 cm, con brattee arancione-salmone e fiori rosso-gialli. Sia le foglie che i fiori sono di colore variabile. Questa specie produce stoloni a volte lunghi anche diversi cm.
Aechmea(Billbergia) fasciata: pianta originaria del Brasile, alta 50 cm. Le foglie, verde-grigie, formano una rosetta allargata e sono dotate di spine nere lungo il margine e striature trasversali argentee. I fiori sono tubulosi, azzurri in un primo momento e poi rosa, riuniti in una infiorescenza a pannocchia compatta, lunga circa 15 cm, nella quale sono presenti brattee spinose rosa. Si tratta della bromeliacea più facile da coltivare e non richiede cure particolari. Si moltiplica facilmente staccando e facendo radicare i germogli laterali o quelli prodotti dagli stoloni.
Aechmea fulgens: pianta originaria del Brasile, alta 30-35 cm. Le foglie presentano spine molto piccole e formano una rosetta aperta. L’infiorescenza è una pannocchia eretta, ovale, lunga 10-15 cm, con numerosi fiori peduncolati, azzurri, che sbocciano in agosto-settembre e sono seguiti da bacche vermiglie persistenti. Tra le varietà la Discolor, più diffusa della specie tipica, con foglie dalla pagine inferiore purpurea coperta da striature grigio chiaro.
Aechmea marmorata: pianta originaria dell’America del Sud, alta 50-60 cm. Ha foglie verde-bianco con macchie più scure e infiorescenza rossastra. Si tratta di una pianta meno diffusa delle precedenti.


riproduzione: si staccano i germogli laterali o quelli prodotti dagli stoloni, quando sono grossi da u terzo alla metà della pianta. Si tagliano con un coltello affilato, il più vicino possibile alla base, e si lascia asciugare la superficie di taglio per 1-2 giorni, prima di piantare i germogli singolarmente a profondità non eccessiva in contenitori riempiti con la composta descritta in precedenza. Le piantine vanno sostenute fin quando le radici non si saranno ben sviluppate, cosa che è possibile verificare assestando alle piantine dei colpi molto lievi.
È possibile anche la moltiplicazione per seme, ma le piante ottenute non fioriranno prima di 5 anni.
esposizione:
fioritura: agosto-settembre




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 




Codonopsis

Codonopsis, genere di circa 30 specie di piante erbacee, rampicanti o ascendenti, annuali e perenni. Hanno fiori a forma di campana o di stella, talvolta con screziature molto belle all'interno della corolla. Sono particolarmente ........

Fothergilla

Fothergilla, genere di 4 specie di arbusti a foglie decidue, rustici, a crescita lenta, originari delle regioni sud-orientali dell'America settentrionale. Questi arbusti sono molto ornamentali per i brillanti colori autunnali ........

Erinus

Erinus, genere comprendente una sola specie variabile, nana, rustica, sempreverde, perenne, adatta per il giardino roccioso. Cresce bene sui muri a secco e nonostante non sia una pianta longeva, produce una gran quantità ........

Arctostaphylos

Arctortaphylos, genere di 70 piante a foglie decidue e sempreverdi, legnose, appartenenti alla famiglia delle Ericaceae. Si tratta di piccoli alberi o arbusti a fusti prostrati.
Si piantano ........

 

Ricetta del giorno
Risotto alle castagne
Fare soffriggere lo scalogno tritato con un filo d’olio in una padella antiaderente. Sminuzzare le castagne finemente e metterle da parte.
Aggiungere ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Yucca
La Yucca è un genere di 40 specie di piccoli alberi o arbusti sempreverdi, delicati o rustici, mlto longevi, adatti anche per i terreni sabbiosi. Hanno foglie lunghe, nastriformi, spesso con apice spinoso. ........

Lisimàchia (Lysimachia)
La Lisimàchia (Lysimachia) , originaria dell'Asia, Europa e America, comprende circa 100 specie, alcune spontanee in Italia, ed è una erbacea perenne o annuale, rustica o semirustica, glabre o ricoperte  ........

Epimedium

Epimedium, genere di 21 specie di piante perenni, rustiche, sempreverdi o semisempreverdi che formano dei bei tappeti ornamentali se coltivate in posizioni parzialmente ombreggiate. In primavera le foglie giovani, verdi,  ........


Laurus (Alloro)

Laurus (Alloro), genere di 2 specie di arbusti o piccoli alberi sempreverdi, rustici. La specie descritta, diffusa allo stato spontaneo nelle regioni mediterranee, si coltiva in piena terra o in mastelli e si può anche impiegare ........


piante da interni appartamento Aechmea
Aechmea

Aechmea, genere di circa 50 specie di piante sempreverdi. La maggior parte sono epifite, alcune sono terrestri. Tutte sono dotate di rosette, tubolari o allargate, di foglie più o meno spinose e addossate  l’una all’altra alla base, così da formare una cavità centrale che trattiene l’acqua. La maggior parte delle specie è facile da coltivare in appartamento o in serra.
Le piante si mettono a dimora nella tarda primavera e all’inizio dell’estate in una composta soffice, priva di calcare formata  da aghi di pino, terriccio di foglie, torba e sabbia. Si possono somministrare piccole dosi di fertilizzante liquido, distribuendolo nel terriccio oppure spruzzandolo sulle foglie. La rosetta deve essere mantenuta piena d’acqua. Si annaffia abbondantemente durante il periodo di crescita evitando però i ristagni d’acqua. In autunno, quando la crescita rallenta, la rosetta di foglie come il terreno vanno mantenuti leggermente umidi. Negli ambienti asciutti è necessario spruzzare acqua durante tutto l’anno per mantenere elevato il livello di umidità. Le piante muoiono 1-2 anni dopo la fioritura.

Aechmea(Billbergia) chantinii: pianta originaria dell’amazzonia, alta fino a 90 cm. Le foglie verde intenso con striature trasversali argentee formano una rosetta imbutiforme, al cui centro  si forma il fusto che porta l’infiorescenza a a pannocchia, lunga 10-15 cm, con brattee arancione-salmone e fiori rosso-gialli. Sia le foglie che i fiori sono di colore variabile. Questa specie produce stoloni a volte lunghi anche diversi cm.
Aechmea(Billbergia) fasciata: pianta originaria del Brasile, alta 50 cm. Le foglie, verde-grigie, formano una rosetta allargata e sono dotate di spine nere lungo il margine e striature trasversali argentee. I fiori sono tubulosi, azzurri in un primo momento e poi rosa, riuniti in una infiorescenza a pannocchia compatta, lunga circa 15 cm, nella quale sono presenti brattee spinose rosa. Si tratta della bromeliacea più facile da coltivare e non richiede cure particolari. Si moltiplica facilmente staccando e facendo radicare i germogli laterali o quelli prodotti dagli stoloni.
Aechmea fulgens: pianta originaria del Brasile, alta 30-35 cm. Le foglie presentano spine molto piccole e formano una rosetta aperta. L’infiorescenza è una pannocchia eretta, ovale, lunga 10-15 cm, con numerosi fiori peduncolati, azzurri, che sbocciano in agosto-settembre e sono seguiti da bacche vermiglie persistenti. Tra le varietà la Discolor, più diffusa della specie tipica, con foglie dalla pagine inferiore purpurea coperta da striature grigio chiaro.
Aechmea marmorata: pianta originaria dell’America del Sud, alta 50-60 cm. Ha foglie verde-bianco con macchie più scure e infiorescenza rossastra. Si tratta di una pianta meno diffusa delle precedenti.


riproduzione: si staccano i germogli laterali o quelli prodotti dagli stoloni, quando sono grossi da u terzo alla metà della pianta. Si tagliano con un coltello affilato, il più vicino possibile alla base, e si lascia asciugare la superficie di taglio per 1-2 giorni, prima di piantare i germogli singolarmente a profondità non eccessiva in contenitori riempiti con la composta descritta in precedenza. Le piantine vanno sostenute fin quando le radici non si saranno ben sviluppate, cosa che è possibile verificare assestando alle piantine dei colpi molto lievi.
È possibile anche la moltiplicazione per seme, ma le piante ottenute non fioriranno prima di 5 anni.

esposizione:
fioritura: agosto-settembre



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su