arbusti sempreverdi Phyllodoce
Phyllodoce

Phyllodoce, genere di 7 specie di piante suffruticose, sempreverdi, rustiche, appartenenti alla famiglia delle Ericaceae, originarie delle zone montuose dell’emisfero settentrionale. Hanno foglie strette, verde scuro o chiaro, riunite in verticilli. I fiori sbocciano generalmente da aprile a giugno e talvolta una seconda volta in autunno. Sono piante adatte per il giardino roccioso, dove si coltivano in terreno fresco, umido, non calcareo e crescono particolarmente bene nelle zone piovose.
Si coltivano su terreni acidi, torbosi e leggeri. Nei terreni pesanti si deve aggiungere torba o sabbia. Si piantano in posizione soleggiata, a gruppi o isolate, ma lontano da altre piante, da marzo a maggio o in ottobre-novembre, dopo aver concimato il terreno con 100-150 g/mq di farina di ossa. Durante le stagioni calde e secche è necessario annaffiare copiosamente e, per mantenere l’umidità, è consigliata una pacciamatura di foglie.

Potatura: le infiorescenze vanno tagliate appena sfiorite. Le varietà di maggiore altezza vanno cimate leggermente nel tardo autunno o comunque prima della ripresa vegetativa,  per evitare che possano crescere eccessivamente.

Phyllodoce aleutica: pianta originaria dell’Asia nord-orientale e dell’Alaska, alta 10-30 cm e del diametro di 30 cm e più. Si tratta di una specie con fiori globosi, giallo-verdi, riuniti in ombrelle terminali lunghe 2,5-5 cm.
Phyllodoce breweri: pianta originaria della California, alta 20-30 cm e di pari diametro. Si tratta di una specie con fiori a forma di coppa, color rosa carico, profondamente lobati, con stami appariscenti, riuniti in ombrelle terminali lunghe 5-8 cm.
Phyllodoce caerulea: pianta originaria dell’Europa settentrionale, alta 10-30 cm e del diametro di 30 cm e più. Si tratta di una specie dai fiori otricolati, color rosa-porpora.
Phyllodoce empetriformis: pianta originaria delle Montagne Rocciose (America settentrionale), alta 10-30 cm e del diametro di 30 cm e più. Si tratta della specie più resistente alla siccità, dai fiori rosa-rossi, a 5 lobi, riuniti in ombrelle terminali lunghe 2,5-5 cm
Phyllodoce nipponica: pianta originaria del Giappone, alta 10-15 cm e di pari diametro. Si tratta di una pianta a portamento compatto, con foglie verde scuro sulla pagina superiore e grigie su quella inferiore. I fiori, bianchi, spesso soffusi di rosa, sono riuniti in infiorescenze terminali lunghe 2,5-5 cm.


riproduzione: si moltiplicano generalmente per talea, da luglio ad ottobre, prelevando dai giovani germogli laterali talee lunghe 2,5-5 cm che vanno piantate, per un terzo della loro lunghezza, in un miscuglio formato da 2 parti di sabbia e 1 di torba, e si fanno radicare in ambiente saturo di umidità. Le talee radicate si trapiantano in vivaio e andranno poi messe a dimora quando avranno raggiunto l’altezza di 7-10 cm. Si possono moltiplicare anche per propaggine in marzo.
esposizione:
fioritura: da aprile a giugno




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Mertensia

Mertensia, genere di 50 specie di piante erbacee perenni, rustiche, di cui si coltivano solo 4-5 specie, con fiori campanulati e tubulosi, facili da coltivare, adatte per le bordura e per il giardino roccioso.
Si piantano ........

Crinodendron

Crinodendron, genere di 2 specie di alberi o arbusti sempreverdi, originari dell'America meridionale. La specie descritta può essere coltivata all'aperto nelle regioni a clima mite.
Questo arbusto o piccolo albero cresce ........

Choisya

Choisya, genere di 6 specie di arbusti sempreverdi, originari del Messico. La specie descritta è rustica, ma viene danneggiata dalle gelate molto prolungate e dai venti freddi, per cui in Italia settentrionale deve essere ........

Ligularia
Ligularia, genere di 150 specie di piante erbacee, perenni, diffuse allo stato spontaneo nelle regionii a clima temperato dell'Europa e dell'Asia. Sono particolarmente adatte ai terreni costantemente umidi e raggiungono, ........

Cipolla – Allium cepa

Cipolla, Allium cepa, pianta appartenente alla famiglia delle Gigliacee, utilizzata sin dall’antichità per le sue proprietà curative e alimentari. Originaria dell’Asia occidentale, si è diffusa verso il Mediterraneo e oltre, ........

 

Ricetta del giorno
Vellutata di barbabietole fredda
Lessare le barbabietole, dopo di che sbucciarle e metterle da parte. Lavare accuratamente il cetriolo, sbucciarlo e tagliarlo a dadino. Scottare i pomodori ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Cortaderia - Erba delle Pampas
La Cortaderia o Erba delle Pampas è una pianta graminacea sempreverde che conta 15 specie. Piante molto uno sfondo scuro. La specie rustica è adatta per le bordure miste e per formare ........

Celastrus (Celastro)

Celastrus, genere comprendente una trentina di specie di arbusti a foglie caduche e sempreverdi, appartenenti alla famiglia delle Celastracee, con fusti volubili alti fino a 7-12 m. I fiori, piccoli, bianco-verdastri, poco ........

Elsholtzia

Elsholtzia, genere di 35 specie di piante erbacee e suffruticose, appartenenti alla famiglia delle Labiateae, originarie dell’Asia, dell’Europa orientale e dell’Abissinia. Le specie descritte fioriscono nella tarda estate ........

Grevillea
La Grevillea, genere di 90 specie di arbusti e alberelli sempreverdi, è originaria della Nuova Guinea della Nuova Caledonia. Le foglie sono alterne, aghiformi, intere o frastagliate, a seconda della specie.

Lagurus

Lagurus, genere comprendente una sola specie annuale, rustica, molto ornamentale, adatta per le bordure miste. Le infiorescenze possono esere seccate e impiegate per la preparazione di decorazioni floreali invernali.
Si ........


arbusti sempreverdi Phyllodoce
Phyllodoce

Phyllodoce, genere di 7 specie di piante suffruticose, sempreverdi, rustiche, appartenenti alla famiglia delle Ericaceae, originarie delle zone montuose dell’emisfero settentrionale. Hanno foglie strette, verde scuro o chiaro, riunite in verticilli. I fiori sbocciano generalmente da aprile a giugno e talvolta una seconda volta in autunno. Sono piante adatte per il giardino roccioso, dove si coltivano in terreno fresco, umido, non calcareo e crescono particolarmente bene nelle zone piovose.
Si coltivano su terreni acidi, torbosi e leggeri. Nei terreni pesanti si deve aggiungere torba o sabbia. Si piantano in posizione soleggiata, a gruppi o isolate, ma lontano da altre piante, da marzo a maggio o in ottobre-novembre, dopo aver concimato il terreno con 100-150 g/mq di farina di ossa. Durante le stagioni calde e secche è necessario annaffiare copiosamente e, per mantenere l’umidità, è consigliata una pacciamatura di foglie.

Potatura: le infiorescenze vanno tagliate appena sfiorite. Le varietà di maggiore altezza vanno cimate leggermente nel tardo autunno o comunque prima della ripresa vegetativa,  per evitare che possano crescere eccessivamente.

Phyllodoce aleutica: pianta originaria dell’Asia nord-orientale e dell’Alaska, alta 10-30 cm e del diametro di 30 cm e più. Si tratta di una specie con fiori globosi, giallo-verdi, riuniti in ombrelle terminali lunghe 2,5-5 cm.
Phyllodoce breweri: pianta originaria della California, alta 20-30 cm e di pari diametro. Si tratta di una specie con fiori a forma di coppa, color rosa carico, profondamente lobati, con stami appariscenti, riuniti in ombrelle terminali lunghe 5-8 cm.
Phyllodoce caerulea: pianta originaria dell’Europa settentrionale, alta 10-30 cm e del diametro di 30 cm e più. Si tratta di una specie dai fiori otricolati, color rosa-porpora.
Phyllodoce empetriformis: pianta originaria delle Montagne Rocciose (America settentrionale), alta 10-30 cm e del diametro di 30 cm e più. Si tratta della specie più resistente alla siccità, dai fiori rosa-rossi, a 5 lobi, riuniti in ombrelle terminali lunghe 2,5-5 cm
Phyllodoce nipponica: pianta originaria del Giappone, alta 10-15 cm e di pari diametro. Si tratta di una pianta a portamento compatto, con foglie verde scuro sulla pagina superiore e grigie su quella inferiore. I fiori, bianchi, spesso soffusi di rosa, sono riuniti in infiorescenze terminali lunghe 2,5-5 cm.


riproduzione: si moltiplicano generalmente per talea, da luglio ad ottobre, prelevando dai giovani germogli laterali talee lunghe 2,5-5 cm che vanno piantate, per un terzo della loro lunghezza, in un miscuglio formato da 2 parti di sabbia e 1 di torba, e si fanno radicare in ambiente saturo di umidità. Le talee radicate si trapiantano in vivaio e andranno poi messe a dimora quando avranno raggiunto l’altezza di 7-10 cm. Si possono moltiplicare anche per propaggine in marzo.
esposizione:
fioritura: da aprile a giugno



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su