rampicanti da fiore Maurandia
Maurandia

Maurandia, genere di 10 specie di piante perenni, rampicanti o striscianti, sempreverdi, delicate o semirustiche, appartenenti alla famiglia delle Scrophulariaceae. Le specie descritte possono essere coltivate all’aperto come annuali semirustiche, o in serra come annuali o perenni.  Crescono attorcigliandosi attorno ai sostegni e possono essere coltivate su tralicci o contro i muri provvisti di un graticciato di metallo o fio di ferro. Hanno fiori simili alle bocche di leone  che sbocciano isolati all’ascella delle foglie superiori.
In serra si coltivano in vasi da 15-20 cm, riempiti con una composta da vasi, alla temperatura invernale minima di 7° C. SI annaffia abbondantemente durante il periodo vegetativo e si mantiene la composta appena umida in inverno. Se coltivate come perenni, vanno rinvasate annualmente in marzo-aprile.
All’aperto si coltivano in terreno fertile, ben drenato, preferibilmente arricchito con letame ben maturo o con composta, al sole e in posizioni riparate. Le piante giovani vanno messe a dimora verso la fine di maggio. All’aperto le si può coltivare anche in vasi da 15-20 cm, riempiti con una composta da vasi.

Potatura:  per limitare la crescita delle piante coltivate in serra come perenni, in febbraio si tagliano i fusti a 15 cm dalla base.

Maurandia barclaiana:
pianta originaria del Messico, alta 2-4 m. I tratta di una specie con foglie triangolari, verde scuro, e fiori lunghi 5 cm, rosa-porpora, che sbocciano da maggio a novembre, se coltivata in serra, e da luglio a settembre se coltivata all’aperto.
Maurandia erubescens: pianta originaria del Messico, alta 2-4 m. Si tratta di una pianta con foglie verde chiaro, triangolari, e fiori lunghi 7/8 cm, tubulosi, bianchi macchiati di rosa internamente e lobi terminali rosa. Se coltivata in serra fiorisce da maggio a novembre, mentre se coltivata all’aperto da luglio a settembre-ottobre.


riproduzione: si semina in febbraio-marzo, in vasi o terrine riempiti con una composta da semi, sotto vetro, alla temperatura di 16-18° C. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano singolarmente in vasi da 8 cm, riempiti con una composta da vasi, e si fanno irrobustire all’aperto, prima di metterle a dimora in maggio.
Si possono anche riprodurre per talea, prelevando porzioni lunghe 5-8 cm dai germogli frondosi, corti, in agosto o in febbraio, mettendoli a radicare in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali, alla temperatura di 16-18° C. Le talee radicate, si trapiantano singolarmente in vasi da 8 cm e si trattano come le piantine ottenute da seme.
esposizione:
fioritura: tra maggio e settembre a seconda del tipo di coltivazione




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Osmanthus (Osmanto)

Osmanthus (Osmanto), genere di 15 specie di arbusti sempreverdi, fioriferi, ornamentali, a crescita lenta. Le specie descritte sono rustiche, tuttavia non è consigliabile coltivarle in zone a clima particolarmente rigido.
Si ........

Sanguinaria

Sanguinaria, genere comprendente una sola specie erbacea, perenne, rustica appartenente alla famiglia delle Papaveraceae, adatta per il giardino roccioso e per il primo piano delle bordure. Il genere deriva dalla linfa rossa ........

Tradescantia

Tradescantia, genere di 60 specie di piante perenni, rustiche e delicate, appartenenti alla famiglia delle  Commelinaceae, coltivate per i fiori e le foglie molto ornamentali. Le specie delicate descritte sono adatte alla ........

Angraecum

Angraecum, genere comprendente circa 200 specie di orchidee tropicali dell’Africa e del Madagascar appartenenti alla famiglia delle Orchidacee. Si tratta di piante epifite, ovvero che vivono su altre piante senza parassitarle, ........

Podophyllum

Podophyllum, genere di 10 specie di erbacee perenni, rustiche, rizomatose, appartenenti alla famiglia delle Podophyllaceae. La  specie descritta è adatta alla coltivazione in terreni umidi e ricchi di sostanze organiche.
Si ........

 

Ricetta del giorno
Bavarese ai frutti di bosco
In un pentolino versate il latte, aggiungete l'agar agar e fate bollire. Lasciate, poi, sul fuoco per un paio di minuti, tenendo la fiamma bassa e mescolando ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Echinops (Echinopo)

Echinops (Echinopo), genere di 100 specie di piante erbacee perenni e biennali, rustiche, dai capolini sferici color metallo lucido, che possono essere recisi e seccati per le decorazioni invernali. Le specie perenni hanno ........

Anaphalis

Anaphalis, genere di 25 specie di piante erbacee perenni, rustiche, a portamento eretto  e dal bel fogliame grigio. Le infiorescenze, appiattite, bianche, durevoli, le rendono particolarmente adatte per le composizioni ........

Howea (Kentia)

Howea (Kentia), ghenere di 2 specie di palme da appartamento o da serra, appartenenti alla famiglia delle Palmae. L’altezza e le dimensioni delle foglie si riferiscono a esemplari coltivati in appartamento o in serra.
Si ........

Magnòlia (Magnolia)

La Magnòlia (Magnolia), originaria dell'Asia, America, Antille e Filippine comprende circa 80 specie ed è un Albero o arbusto a foglia sempreverde o caduca.
Le foglie sono di varia forma, più ........

Sagina

Sagina, genere di 20-30 specie di piante erbacee, prevalentemente perenni, diffuse allo stato spontaneo nelle regioni temperate e temperato-fredde dell'emisfero settentrionale. La specie descritta è adatta a formare tappeti ........


rampicanti da fiore Maurandia
Maurandia

Maurandia, genere di 10 specie di piante perenni, rampicanti o striscianti, sempreverdi, delicate o semirustiche, appartenenti alla famiglia delle Scrophulariaceae. Le specie descritte possono essere coltivate all’aperto come annuali semirustiche, o in serra come annuali o perenni.  Crescono attorcigliandosi attorno ai sostegni e possono essere coltivate su tralicci o contro i muri provvisti di un graticciato di metallo o fio di ferro. Hanno fiori simili alle bocche di leone  che sbocciano isolati all’ascella delle foglie superiori.
In serra si coltivano in vasi da 15-20 cm, riempiti con una composta da vasi, alla temperatura invernale minima di 7° C. SI annaffia abbondantemente durante il periodo vegetativo e si mantiene la composta appena umida in inverno. Se coltivate come perenni, vanno rinvasate annualmente in marzo-aprile.
All’aperto si coltivano in terreno fertile, ben drenato, preferibilmente arricchito con letame ben maturo o con composta, al sole e in posizioni riparate. Le piante giovani vanno messe a dimora verso la fine di maggio. All’aperto le si può coltivare anche in vasi da 15-20 cm, riempiti con una composta da vasi.

Potatura:  per limitare la crescita delle piante coltivate in serra come perenni, in febbraio si tagliano i fusti a 15 cm dalla base.

Maurandia barclaiana:
pianta originaria del Messico, alta 2-4 m. I tratta di una specie con foglie triangolari, verde scuro, e fiori lunghi 5 cm, rosa-porpora, che sbocciano da maggio a novembre, se coltivata in serra, e da luglio a settembre se coltivata all’aperto.
Maurandia erubescens: pianta originaria del Messico, alta 2-4 m. Si tratta di una pianta con foglie verde chiaro, triangolari, e fiori lunghi 7/8 cm, tubulosi, bianchi macchiati di rosa internamente e lobi terminali rosa. Se coltivata in serra fiorisce da maggio a novembre, mentre se coltivata all’aperto da luglio a settembre-ottobre.


riproduzione: si semina in febbraio-marzo, in vasi o terrine riempiti con una composta da semi, sotto vetro, alla temperatura di 16-18° C. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano singolarmente in vasi da 8 cm, riempiti con una composta da vasi, e si fanno irrobustire all’aperto, prima di metterle a dimora in maggio.
Si possono anche riprodurre per talea, prelevando porzioni lunghe 5-8 cm dai germogli frondosi, corti, in agosto o in febbraio, mettendoli a radicare in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali, alla temperatura di 16-18° C. Le talee radicate, si trapiantano singolarmente in vasi da 8 cm e si trattano come le piantine ottenute da seme.

esposizione:
fioritura: tra maggio e settembre a seconda del tipo di coltivazione



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su