erbacee perenni Gynura
Gynura

Gynura, genere di 100 specie di piante erbacee perenni, sempreverdi, coltivate per i fusti e il fogliame molto ornamentali. Le specie descritte sono adatte per la coltivazione i serra o in appartamento. I fiori hanno un odore pesante e pungente che potrebbe anche essere sgradevole.
Essendo piante più ornamentali da giovani, si sostituiscono almeno ogni 2 anni. Si coltivano in vasi riempiti con una composta da vasi o a base di torba. In marzo-aprile le piante giovani si rinvasano in contenitori da 13-15 cm. La temperatura invermale ideale è di 12-14° C, ma sopravvivono anche a 10° C. Durante l'inverno, le piante devono essere poste in posizioni illuminate e si tiene appena umida la composta. In primavera ed estate le piante si pongono in posizioni parzialmente ombreggiate, si bagnano abbondantemente e si bagna frequentemente il ripiano sul quale sono sistemate in serra, ma bisoga fare attenzione a non bagnare le foglie, soprattutto nelle ore più calde della giornata. Se si desidera coltivarle per più di una stagione, in aprile-maggio si rinvasano in contenitori più grandi e ogni 15 giorni si somministra, nel periodo che va da giugno a settembre, un concime liquido.

Potatura:
in marzo-aprile si tagliano tutti i germogli laterali all'altezza di 8 cm e si usano per fare talee. Per evitare che le piante si allunghino eccessivamente, si cimano periodicamente gli apici, 2-3 volte, finchè giovani.

Gynura aurantiaca: pianta originaria di Giava, alta fino a 1 m e del diametro di 45 cm. I fusti e le foglie sono ricoperti di una fitta peluria viola-porpora. Le foglie, verde scuro, triangolari, lunghe fino a 15 cm, possono essere intere o con lobi poco pronunciati. I capolini, color arancio, lunghi 2,5 cm, sbocciano in febbraio.
Gynura sarmentosa: pianta originaria dell'India, alta 1,2-1,5 m o più. Questa specie, simile alla precedente, è strisciante o rampicante e necessita di sostegni. I capolini, arancio chiaro, lunghi 1-1,5 cm, compaiono in marzo-aprile.


riproduzione: in aprile si prelevano dai germogli giovani in buone condizioni, talee lunghe 8 cm e si piantano, in gruppi di 4, in vasi di 8 cm, riempiti con un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali, alla temperatura di 18-20° C. Le talee radicate si invasano singolarmente in contenitori da 8 cm, riempiti con una composta da vasi e, per 1-2 settimane, per dar modo alle piantine di attecchire bene, si tengono alla stessa temperatura. Successivamente, quando le piantine avranno riempito i vasi con le loro radici, si abbassa la temperatura a 16° C e si espongono gradatamente alla luce e all'aria.
esposizione:
fioritura: tra febbraio ed aprile a seconda della varietà




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Angelica

Angelica, pianta erbacea perenne, rustica, appartenente alla famiglia delle Ombrellifere, spontanea in Europa e in Asia. L’Angelica si pianta in marzo-aprile in terreni ricchi di sostanza organica, umidi, e in posizione ........

Chionodoxa

La Chionodoxa fa parte delle Liliaceae, è originaria dell'Asia Minore e Creta, comprende 6 specie ed è una pianta perenne, bulbosa, rustica.
Le foglie sono verdi, nastriformi, ottuse all'estremità, ........

Ipèrico (Hypericum)
L' Ipèrico (Hypericum) , originario dell'Europa, bacino del mediterraneo, Asia Minore, Himalaya, Yunnan, e America settentrionale, comprende circa 400 specie ed è un arbusto sempreverde e una erbacea ........

Phalaris

Phalaris, genere di 20 specie di graminacee ornamentali, perenni e annuali, rustiche. La specie descritta si espande rapidamente da un rizoma strisciate e può diventare invadente. Sarà quindi necessario controllarla costantemente ........

Lupìno (Lupinus)
Il Lupìno (Lupinus) è originario dell'America del Nord e Sud e del bacino del mediterraneo, comprende circa 300 specie ed è una erbacea perenne o annuale, talvolta arbustiva o semiarbustiva.

 

Ricetta del giorno
Caprese mozzarella e anguria
Fare bollire l'aceto balsamico e lo zucchero in un pentolino a fuoco medio fin quando non avrà assunto l'aspetto di uno sciroppo denso, simile al miele, ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Ourisia

Ourisia, genere di 20 specie di piante erbacee, perenni, rustiche. Le specie descritte sono adatte per le zone umide dei giardini rocciosi.
Si piantano in marzo-aprile, in posizioni parzialmente ombreggiate, in terreno ........

Asphodelus (Asfodelo)

Asphodelus (Asfodelo), genere di 12 specie di piante erbacee, perenni, rustiche, appartenenti alla famiglia delle Liliaceae, diffuse nel bacino del mediterraneo e nell’Asia occidentale. Crescono bene anche nei luoghi aridi ........

Enkianthus
Enkianthus, genere di 10 specie di arbusti rustici, a foglie decidue o parzialmente sempreverdi. Si coltivano per i fiori piccoli, abbondanti, generalmente campanulati e per il fogliame che, in autunno, assume ........

Astilbe (Astilbe)
L' Astilbe (Astilbe), originaria dell'Asia e dell'America Nord-orientale, comprende circa 25 specie ed è un'erbacea perenne, rizomatosa e rustica, alta da 40 cm a poco meno di 2 m a seconda della specie.

Diplacus

Diplacus, genere di 6-7 specie di piante arbustive, perenni, sempreverdi. La specie descritta si coltiva in serra e si tiene all'aperto in estate. Nelle zone a clima decisamente mite può essere coltivata in piena terra.
Si ........


erbacee perenni Gynura
Gynura

Gynura, genere di 100 specie di piante erbacee perenni, sempreverdi, coltivate per i fusti e il fogliame molto ornamentali. Le specie descritte sono adatte per la coltivazione i serra o in appartamento. I fiori hanno un odore pesante e pungente che potrebbe anche essere sgradevole.
Essendo piante più ornamentali da giovani, si sostituiscono almeno ogni 2 anni. Si coltivano in vasi riempiti con una composta da vasi o a base di torba. In marzo-aprile le piante giovani si rinvasano in contenitori da 13-15 cm. La temperatura invermale ideale è di 12-14° C, ma sopravvivono anche a 10° C. Durante l'inverno, le piante devono essere poste in posizioni illuminate e si tiene appena umida la composta. In primavera ed estate le piante si pongono in posizioni parzialmente ombreggiate, si bagnano abbondantemente e si bagna frequentemente il ripiano sul quale sono sistemate in serra, ma bisoga fare attenzione a non bagnare le foglie, soprattutto nelle ore più calde della giornata. Se si desidera coltivarle per più di una stagione, in aprile-maggio si rinvasano in contenitori più grandi e ogni 15 giorni si somministra, nel periodo che va da giugno a settembre, un concime liquido.

Potatura:
in marzo-aprile si tagliano tutti i germogli laterali all'altezza di 8 cm e si usano per fare talee. Per evitare che le piante si allunghino eccessivamente, si cimano periodicamente gli apici, 2-3 volte, finchè giovani.

Gynura aurantiaca: pianta originaria di Giava, alta fino a 1 m e del diametro di 45 cm. I fusti e le foglie sono ricoperti di una fitta peluria viola-porpora. Le foglie, verde scuro, triangolari, lunghe fino a 15 cm, possono essere intere o con lobi poco pronunciati. I capolini, color arancio, lunghi 2,5 cm, sbocciano in febbraio.
Gynura sarmentosa: pianta originaria dell'India, alta 1,2-1,5 m o più. Questa specie, simile alla precedente, è strisciante o rampicante e necessita di sostegni. I capolini, arancio chiaro, lunghi 1-1,5 cm, compaiono in marzo-aprile.


riproduzione: in aprile si prelevano dai germogli giovani in buone condizioni, talee lunghe 8 cm e si piantano, in gruppi di 4, in vasi di 8 cm, riempiti con un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali, alla temperatura di 18-20° C. Le talee radicate si invasano singolarmente in contenitori da 8 cm, riempiti con una composta da vasi e, per 1-2 settimane, per dar modo alle piantine di attecchire bene, si tengono alla stessa temperatura. Successivamente, quando le piantine avranno riempito i vasi con le loro radici, si abbassa la temperatura a 16° C e si espongono gradatamente alla luce e all'aria.
esposizione:
fioritura: tra febbraio ed aprile a seconda della varietà



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su