Articolo Salute Benessere
Curare il giradito freccedomenica 15 settembre 2013      


Il giradito è un’infezione molto comune tra chi ha il vizio di rosicchiarsi unghie e pellicine. Il giradito, compare solitamente intorno all’unghia e raramente attorno al polpastrello. Infatti, l’asportazione delle pellicine, porta al sanguinamento del tessuto sottostante e alla nascita di una piccola ferita, che è la via di accesso per i batteri. Attorno al dito colpito si forma una vescicola circolare, detta giradito, che provoca molto dolore. Il dolore regredisce se si ha l’apertura spontanea con fuoriuscita del pus o se viene effettuata un’incisione chirurgica.

Il giradito è noto come “patereccio” ed è un processo infiammatorio, che colpisce l’estremità delle dita, causato da batteri come Escherichia coli e lo Streptococcus pyogenes, trasportati con la saliva o penetrati attraverso piccole ferite con schegge e punture. Prima di ricorrere al medico, per curare il giradito, basta preparare una tazza contenente dell’acqua e un po’ di sale; il dito, colpito da tale infezione, va tenuto per 20 minuti. Tale applicazione va ripetuta per 3 volte al giorno. Il sale ha un’azione antinfiammatoria e sgonfia il dito.

Altro rimedio per curare il giradito è quello di applicare una pomata antibiotica (come il gentalyn), in quanto è un’infezione causata da batteri. In questo caso dopo aver applicato al dito la pomata per 2 volte al giorno, copritelo con garza e cerotto di carta per farlo traspirare. Se scompare mettendo in atto questi due rimedi, potete evitare di andare dal medico, se invece vedete che non va via vi conviene recarvi dal medico, che lo incide per far fuoriuscire il pus. Se si evita di curare il giradito, questo può portare a gravi conseguenze. Infatti ci sono tre tipi di patereccio.
  • Il patereccio superficiale, che stacca gli strati epidermici e colpisce una o più falangi
  • il patereccio sottocutaneo, che si propaga ai tessuti periungueali e sottoungueali; questo distrugge la materia cornea dell’unghia;
  • infine c’è il patereccio profondo, l’infiammazione in questo caso ha raggiunto i tendini e il tessuto osseo e produce gravi alterazioni della funzionalità della mano.
Se il giradito colpisce l’unghia, la pelle risulterà tesa, l’unghia apparirà infiammata e gonfia; questa può anche scolarsi dalla sua sede naturale e diventare bianca o verde a seconda del microrganismo che l’ha infettata. Se, invece, il giradito colpisce il polpastrello, questo apparirà gonfio e arrossato. Inoltre, si avvertirà la sensazione del pulsare, in casi gravi può portare oltre al dolore anche febbre. In questi casi, occorre assumere, sotto consiglio del medico, antibiotici (se è provocato da un batterio); o antimicotici (se è un fungo) oppure antivirali (se è un virus).

Nei casi più gravi, il giradito va asportato con un intervento chirurgico. Le situazioni che favoriscono il formarsi di un giradito possono essere tante, in quanto i batteri che portano alla sua formazione sono presenti nell’aria, nell’acqua, nella terra, negli alimenti ecc.; ma le principali cause sono dovute al rosicchiarsi le unghie, ad una manicure aggressiva fatta con strumenti non sterilizzati ed anche all’avere il diabete. Curare il giradito per non incappare in problemi maggiori è la soluzione migliore! ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Valentina  Loconte - vedi tutti gli articoli di Valentina  Loconte



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Aspic di frutta estiva
Lavare e asciugare bene la frutta, eliminare la buccia di cocomero e melone e tagliarne la polta a cubetti. Grattugiare la buccia dell’arancia, eliminare ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Un'arte....marziale! - lunedì 30 settembre 2013
Lo sport è parte integrante della cultura di una società e si sviluppa in simbiosi con i cambiamenti che la contraddistinguono. Si pensi solamente al bagaglio di tradizioni che le discipline sportive tradizionali apportano alle culture delle nazioni ........

Curarsi con la cromoterapia - giovedì 16 ottobre 2014
Curarsi con la cromoterapia è una tendenza particolarmente in voga in questi ultimi decenni. Tale metodologia non deve, tuttavia, sostituire le pratiche della medicina convenzionale. La cromoterapia si basa su studi condotti da ricerche scientifiche, ........

Rimedi contro i dolori mestruali - lunedì 23 settembre 2013
Escludendo alcune fortunate elette, la maggior parte delle donne attende con fastidio l'appuntamento mensile con il ciclo o tecnicamente "dismenorrea"! Se anche voi non appartenete alla categoria di donne che in quei giorni si buttano dal paracadute, ........

Acqua Magnetizzata, proprietà e benefici - giovedì 12 giugno 2014

Acqua Magnetizzata, l’acqua che in pochi conoscono, ma in grado di apportare un gran numero di benefici alla salute. Si tratta di acqua normale che ha subito un processo di magnetizzazione, che può essere positivo, negativo o misto, e le sue ........

Tisana Miele e Cannella In Polvere, un aiuto al metabolismo per bruciare grasso addominale - martedì 21 novembre 2017

Tisana Miele e Cannella In Polvere, un valido aiuto per risvegliare un metabolismo un po’ pigro e rimetterlo in grado di bruciare i grassi in eccesso. L’addome è il posto dove, in prima battuta, cominciano ad accumularsi i grassi in eccesso, ........



Ricetta del giorno
Arancini di riso alla siciliana
Fate lessare il riso in abbondante acqua salata, sgocciolatelo bene e ancora caldo mantecatelo con lo zafferano, il parmigiano grattugiato e due delle ....



 articolo Salute Benessere
Curare il giradito freccedomenica 15 settembre 2013      

Il giradito è un’infezione molto comune tra chi ha il vizio di rosicchiarsi unghie e pellicine. Il giradito, compare solitamente intorno all’unghia e raramente attorno al polpastrello. Infatti, l’asportazione delle pellicine, porta al sanguinamento del tessuto sottostante e alla nascita di una piccola ferita, che è la via di accesso per i batteri. Attorno al dito colpito si forma una vescicola circolare, detta giradito, che provoca molto dolore. Il dolore regredisce se si ha l’apertura spontanea con fuoriuscita del pus o se viene effettuata un’incisione chirurgica.

Il giradito è noto come “patereccio” ed è un processo infiammatorio, che colpisce l’estremità delle dita, causato da batteri come Escherichia coli e lo Streptococcus pyogenes, trasportati con la saliva o penetrati attraverso piccole ferite con schegge e punture. Prima di ricorrere al medico, per curare il giradito, basta preparare una tazza contenente dell’acqua e un po’ di sale; il dito, colpito da tale infezione, va tenuto per 20 minuti. Tale applicazione va ripetuta per 3 volte al giorno. Il sale ha un’azione antinfiammatoria e sgonfia il dito.

Altro rimedio per curare il giradito è quello di applicare una pomata antibiotica (come il gentalyn), in quanto è un’infezione causata da batteri. In questo caso dopo aver applicato al dito la pomata per 2 volte al giorno, copritelo con garza e cerotto di carta per farlo traspirare. Se scompare mettendo in atto questi due rimedi, potete evitare di andare dal medico, se invece vedete che non va via vi conviene recarvi dal medico, che lo incide per far fuoriuscire il pus. Se si evita di curare il giradito, questo può portare a gravi conseguenze. Infatti ci sono tre tipi di patereccio.
  • Il patereccio superficiale, che stacca gli strati epidermici e colpisce una o più falangi
  • il patereccio sottocutaneo, che si propaga ai tessuti periungueali e sottoungueali; questo distrugge la materia cornea dell’unghia;
  • infine c’è il patereccio profondo, l’infiammazione in questo caso ha raggiunto i tendini e il tessuto osseo e produce gravi alterazioni della funzionalità della mano.
Se il giradito colpisce l’unghia, la pelle risulterà tesa, l’unghia apparirà infiammata e gonfia; questa può anche scolarsi dalla sua sede naturale e diventare bianca o verde a seconda del microrganismo che l’ha infettata. Se, invece, il giradito colpisce il polpastrello, questo apparirà gonfio e arrossato. Inoltre, si avvertirà la sensazione del pulsare, in casi gravi può portare oltre al dolore anche febbre. In questi casi, occorre assumere, sotto consiglio del medico, antibiotici (se è provocato da un batterio); o antimicotici (se è un fungo) oppure antivirali (se è un virus).

Nei casi più gravi, il giradito va asportato con un intervento chirurgico. Le situazioni che favoriscono il formarsi di un giradito possono essere tante, in quanto i batteri che portano alla sua formazione sono presenti nell’aria, nell’acqua, nella terra, negli alimenti ecc.; ma le principali cause sono dovute al rosicchiarsi le unghie, ad una manicure aggressiva fatta con strumenti non sterilizzati ed anche all’avere il diabete. Curare il giradito per non incappare in problemi maggiori è la soluzione migliore! ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Valentina  Loconte - vedi tutti gli articoli di Valentina  Loconte





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: