articolo Cucina
Mangiare il pesce fa bene! freccelunedì 23 settembre 2013 


Esistono diversi tipi di pesce ed è diverso il loro grado di digeribilità: alcuni sono molti digeribili e adatti all'alimentazione di bambini e anziani(platessa, nasello, sogliola, trota), altri possono risultare meno digeribili(tonno, sgombro, aringhe e sardine). Un ulteriore elemento a favore del consumo di pesce a discapito della carne è il suo miglior contenuto di grassi. Gli Omega 3 sono acidi grassi essenziali per la nostra salute. Il nostro organismo non è in grado di sintetizzarli, pertanto la loro introduzione attraverso la dieta è fondamentale.

Gli effetti principali sono, soprattutto, legati alla protezione del cuore e del sistema circolatorio, aspetto positivo già evidenziato dagli studi epidemiologici, iniziati intorno agli anni '70. In quegli anni furono studiati gli "Inuits", una popolazione eschimese, che si cibava, prevalentemente, di pesce proveniente dalle coste della Groenlandia e del Giappone, a questo tipo di alimentazione si poteva far derivare la minore presenza di malattie all'apparato cardiovascolare. Inoltre gli Omega 3 riducono la possibile formazione di coaguli nel sangue, controllano il livello plasmatico dei lipidi e la pressione arteriosa.

Una recente ricerca in Svezia ha coinvolto 4000 maschi dai 15 ai 18 anni per verificare gli effetti del consumo di pesce in un'età con grande capacità di apprendimento. Da ciò è emerso che, se si mangia il pesce almeno una volta alla settimana, si può aumentare il proprio quoziente intellettivo in una percentuale del 6% circa. Un tempo, questo effetto positivo del consumo di pesce, era imputato al fosforo; in realtà, il merito va alla presenza degli Omega 3 attivi maggiormente nel pesce azzurro. Un'unica avvertenza: una cottura eccessiva può distruggere il patrimonio di acidi grassi essenziali.

La longevità dei giapponesi è dovuta al consumo di abbondanti quantità di pesce crudo o cotto a basse temperature. Vari studi mostrano come l'assunzione di due porzioni circa di pesce a settimana riduca la possibilità di contrarre determinate patologie:
  • aiuta a prevenire il diabete; 
  • riduce il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari e protegge la salute del cuore e dei vasi sanguigni; 
  • riduce la probabilità di ammalarsi di depressione e aumenta il buon umore; 
  • uno studio ha evidenziato come, due porzioni di pesce al mese. dallo svezzamento al primo anno di vita, limiterebbero il rischio di sviluppare rinite allergica, asma ed eczema in quei soggetti che possono essere, per famiglia, predisposti. 
Per verificare la freschezza del pesce bisogna controllare la consistenza soda della carne, la pelle, che deve essere lucida e tesa, le branchie devono essere intatte e il ventre integro, l'occhio brillante, la coda e le pinne non devono essere rovinate e l'odore non deve essere sgradevole. E allora dopo aver seguito alla lettera tutte queste accortezze....gustatevi questo toccasana per cuore e cervello!
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Elisabetta  Mancini - vedi tutti gli articoli di Elisabetta  Mancini


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Come reimpiegare il pane secco - lunedì 4 novembre 2013
Il pane se non si mangia fresco diventa stantio e dopo pochi giorni ammuffisce e molti sono quindi soliti buttarlo tra i rifiuti. Pensando che gran parte della popolazione mondiale muore di fame e soprattutto che il pane costa e di questi tempi ........

Il tartufo, delizia del palato e dannazione per la tasca - martedì 1 ottobre 2013
Il tartufo, nonostante sia stato accertato che non possegga alcun valore nutritivo, viene ampiamente apprezzato per il proprio aroma tanto da essere unanimemente definito uno degli ingredienti principe dell’arte culinaria. Babilonesi, greci e ........

Il berberè: cos’è e come si prepara - giovedì 20 febbraio 2014
Il berberè è una miscela particolarmente piccante, tipica della cucina eritrea e del Corno d’Africa più in generale, un’area geografica all’interno della quale questo rappresenta un elemento essenziale per la preparazione dello zighinì, servito ........

Consumare cibi di stagione fa bene alla salute ed al portafoglio - mercoledì 16 ottobre 2013
Consumare cibi di stagione sarebbe la cosa migliore solo che alzi la mano chi, al giorno d’oggi, sa quando è tempo di cavolfiori, peperoni, melanzane… oppure quando maturano le susine, le pere!?! I nostri nonni conoscevano i periodi di maturazione ........

Un weekend extravergine - domenica 24 novembre 2013

Se la gita fuori porta di questo fine settimana vi dovesse condurre in una località di campagna, è bene che non manchiate di fare un salto nei vari frantoi disseminati un po’ ovunque sul territorio della nostra penisola; potreste unire l’utile al ........

 

Ricetta del giorno
Pollo con fagioli e ravanelli
Sciacquare i pezzi di pollo, asciugarli lasciandoli appena umidi e rivestirli con il misto spezie. Scaldare metà olio in un tegame generoso e cuocervi ....


Articoli correlati

Menù etnico – i cibi di Atlantide – parte 2 - venerdì 30 agosto 2013
Tsike, lo sciamano guaritore della tribù dei Fleathead, incontrato nel 1991 nel Montana, proseguì la sua storia sul lungo viaggio dei suoi progenitori (tra il 5000 e il 2100 a.C. dalle Hawaii al Nord America, passando per l'Egitto, l'Europa, il ........

Cucina a bassa temperatura: la pazienza in cucina - venerdì 6 settembre 2013
Sono molte le tecniche culinarie che esistono oggi per preparare gli alimenti, sia in casa che al ristorante. Una delle più recenti è la cucina a bassa temperatura. Per un’alimentazione sana, la dieta non è sufficiente, in quanto è fondamentale ........

Menù etnico - i cibi di Atlantide – parte 1 - giovedì 29 agosto 2013
Sembra incredibile come questi Menù Etnici siano finiti nelle mie mani; in realtà avevo sempre considerato molto improbabile l'esistenza di testimonianze Atlantidee: credevo fosse tutta roba da fumetti! Ma adesso sono qui e sono pronto a renderli ........

Panna vegetale e panna tradizionale: le differenze - martedì 17 dicembre 2013

La panna vegetale, come la margarina, è uno dei tanti alimenti vegetali che sono stati creati come alternativa ai grassi di origine animale, perciò molti avranno sicuramente pensato che i grassi di origine vegetale siano migliori di quelli ........

L'olio di cocco: pregi e difetti - mercoledì 4 dicembre 2013
L'olio di cocco è un olio vegetale che viene estratto dalla polpa essicata della noce di cocco, detta anche copra, l'olio di cocco per anni è stato sottovalutato per il suo elevato tenore di grassi saturi, esattamente come il burro, infatti l'olio ........

Ricetta del giorno
Ciambellone di riso estivo con verdure e polpette di soia
Fate bollire l’acqua, salatela e cuoceteci il riso basmati, mantenendolo al dente. Nel frattempo lavate tutte le verdure, tritate il più finemente ....

 articolo Cucina
Mangiare il pesce fa bene! freccelunedì 23 settembre 2013 

Esistono diversi tipi di pesce ed è diverso il loro grado di digeribilità: alcuni sono molti digeribili e adatti all'alimentazione di bambini e anziani(platessa, nasello, sogliola, trota), altri possono risultare meno digeribili(tonno, sgombro, aringhe e sardine). Un ulteriore elemento a favore del consumo di pesce a discapito della carne è il suo miglior contenuto di grassi. Gli Omega 3 sono acidi grassi essenziali per la nostra salute. Il nostro organismo non è in grado di sintetizzarli, pertanto la loro introduzione attraverso la dieta è fondamentale.

Gli effetti principali sono, soprattutto, legati alla protezione del cuore e del sistema circolatorio, aspetto positivo già evidenziato dagli studi epidemiologici, iniziati intorno agli anni '70. In quegli anni furono studiati gli "Inuits", una popolazione eschimese, che si cibava, prevalentemente, di pesce proveniente dalle coste della Groenlandia e del Giappone, a questo tipo di alimentazione si poteva far derivare la minore presenza di malattie all'apparato cardiovascolare. Inoltre gli Omega 3 riducono la possibile formazione di coaguli nel sangue, controllano il livello plasmatico dei lipidi e la pressione arteriosa.

Una recente ricerca in Svezia ha coinvolto 4000 maschi dai 15 ai 18 anni per verificare gli effetti del consumo di pesce in un'età con grande capacità di apprendimento. Da ciò è emerso che, se si mangia il pesce almeno una volta alla settimana, si può aumentare il proprio quoziente intellettivo in una percentuale del 6% circa. Un tempo, questo effetto positivo del consumo di pesce, era imputato al fosforo; in realtà, il merito va alla presenza degli Omega 3 attivi maggiormente nel pesce azzurro. Un'unica avvertenza: una cottura eccessiva può distruggere il patrimonio di acidi grassi essenziali.

La longevità dei giapponesi è dovuta al consumo di abbondanti quantità di pesce crudo o cotto a basse temperature. Vari studi mostrano come l'assunzione di due porzioni circa di pesce a settimana riduca la possibilità di contrarre determinate patologie:
  • aiuta a prevenire il diabete; 
  • riduce il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari e protegge la salute del cuore e dei vasi sanguigni; 
  • riduce la probabilità di ammalarsi di depressione e aumenta il buon umore; 
  • uno studio ha evidenziato come, due porzioni di pesce al mese. dallo svezzamento al primo anno di vita, limiterebbero il rischio di sviluppare rinite allergica, asma ed eczema in quei soggetti che possono essere, per famiglia, predisposti. 
Per verificare la freschezza del pesce bisogna controllare la consistenza soda della carne, la pelle, che deve essere lucida e tesa, le branchie devono essere intatte e il ventre integro, l'occhio brillante, la coda e le pinne non devono essere rovinate e l'odore non deve essere sgradevole. E allora dopo aver seguito alla lettera tutte queste accortezze....gustatevi questo toccasana per cuore e cervello!
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Elisabetta  Mancini - vedi tutti gli articoli di Elisabetta  Mancini





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: