articolo Cucina
Cenone della befana: concludere le feste con una cena buffet. Come organizzarla freccelunedì 16 dicembre 2013 


Perché non organizzare un ricco buffet per il Cenone della befana? Piuttosto che la solita cena seduti, un modo alternativo per trascorrere ancora l’ultima serata di festa con amici e parenti, potrebbe essere quello di organizzare una cena in piedi, facendo attenzione a qualche semplice regola, che vi consentirà di organizzare un delizioso e piacevole incontro conviviale.

Organizzare una cena in piedi, anziché posizionare gli ospiti intorno a una o più tavole apparecchiate, non implica dover disporre necessariamente di ampi spazi, come terrazze o giardini, bensì vuol dire soprattutto dare la possibilità agli invitati di muoversi liberamente, di dialogare con tutti e non solo con i vicini di tavolo. All’interno della sala del buffet si lascerà a disposizione qualche posto a sedere; questo è fondamentale soprattutto se tra gli invitati ci sono persone anziane che non resisterebbero ad una serata da trascorrere in piedi. Il buffet sarà composto da due tavoli: un tavolo con tutte le pietanze e un altro adibito appositamente per i tovaglioli, il pane e le stoviglie.

Si può donare un’aria elegante al buffet, utilizzando la cristalleria e l’argenteria. Il tavolo potrà avere al centro una composizione floreale e si potrà dare vita anche a delle composizioni con frutta, verdura e ghiaccio. E’ necessario pensare alla particolare scelta e preparazione dei cibi che, per essere consumati con facilità, richiederanno un uso limitato delle posate e per questo, quando è possibile, saranno già presentati in piccole porzioni. Un buffet di piatti freddi e caldi deve risultare invitante e appetitoso. I cibi freddi devono essere serviti all’inizio del buffet. Si possono servire: i canapè (fette di pane guarnite o spalmate di composti vari; se calde, diventano crostini), le tartine, della grandezza di un solo boccone, e i vol-au-vent (piccoli cestini di pasta sfoglia riempiti con gamberetti e maionese, insalata di pollo, mousse di formaggio o prosciutto).

Semplicissimi da preparare e sempre apprezzati sono i cubetti di formaggio e prosciutto cotto infilati sugli spiedini. Altre cose da poter proporre sono: torte rustiche, mini-rustici con i wurstel, focacce, cotolette, insalata di pasta fredda, rotoli salati composti da crepe ripiene di sottilette e tonno e maionese, taglieri di salumi e formaggi tipici. I piatti caldi potranno essere mantenuti tali con l’ausilio di scaldavivande. Vedremo che con un pizzico di fantasia, facilmente si riuscirà a rispettare il numero delle 13 pietanze: tradizione culinaria tipica di questo giorno. Non bisogna dimenticare la frutta fresca, i dolci e le bevande analcoliche, oltre ai vini, sia rossi che bianchi, scelti con un certo criterio.

Il vino bianco va sistemato in frigo alcune ore prima di servirlo, quello rosso, invece, va servito a temperatura ambiente, ma deve essere stappato almeno un’ora prima di essere servito, affinché si ossigeni. Un’accortezza è quella di sistemare qua e là dei posaceneri, per far sì che gli ospiti non usino eventualmente il pavimento come tale. Controllate poi le varie bottiglie, le quali se vuote, andranno sostituite subito. Prima di iniziare la cena, andrà sempre servito l’aperitivo sia alcolico che analcolico per gli astemi. La cena potrà essere allietata dalla musica e a Mezzanotte, se ci sono bambini, si potrebbero distribuire delle calze della befana e qualora ci fosse un camino in casa, farle trovare appese lì.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Veronica  Otranto Godano - vedi tutti gli articoli di Veronica  Otranto Godano


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Il cioccolato un amico della salute - sabato 27 aprile 2013

La salute e il cioccolato sono due facce della stessa medaglia, si potrebbe dire,  a condizione che  il cioccolato sia solo e rigorosamente fondente, cosa che non vale per il  cioccolato al latte, bianco o di qualsiasi altro ........

Gli alimenti ricchi di sali minerali - sabato 7 giugno 2014
La dieta, quando equilibrata, consente di assumere il giusto quantitativo di sali minerali, che sono essenziali per tutelare la nostra salute. Cibi ed alimenti ne contengono, infatti, una buona percentuale, basta solo ricordare che nella cottura ........

Formaggi light e formaggi tradizionali - martedì 24 dicembre 2013
In commercio troviamo vari tipi di formaggio, che si differenziano tra loro per il diverso contenuto di sostanze grasse in essi presente, infatti da questo punto di vista i formaggi possono essere suddivisi in tre categorie: formaggi grassi, ........

Il caffè, tra leggenda e realtà - mercoledì 25 settembre 2013
Si narrano numerose leggende sull'origine del caffè. Tra le più note, quella di un pastore etiope di nome Kaldi. Un giorno, le sue capre, mentre erano al pascolo, mangiarono delle bacche e le foglie di una certa pianta. Fin qui nulla di strano ........

I vegetariani vivono più a lungo dei carnivori - domenica 30 giugno 2013

I vegetariani vivono più a lungo di coloro che mangiano anche la carne.  È quanto emerge dai risultati di una ricerca della Loma Linda University in California che ha osservato per un certo periodo di tempo, circa sei anni, oltre ........

 

Ricetta del giorno
Lenticchie speziate all'indiana
Lavate le lenticchie e lasciatele scolare. Intanto in una padella mettete a rosolare la cipolla rossa, ben triturata, nell'olio e quando questa ....


Articoli correlati

Parmigiana di melanzane light - domenica 6 ottobre 2013
Una parmigiana di melanzane? Ci piace mangiar bene e saporito ma teniamo comunque alla linea? Un dilemma,questo, non di facile soluzione se si pensa che alla base della cucina saporita c’è sempre l’abitudine di soffriggere e friggere: due modalità ........

Come preparare un dietetica mousse all'arancia - venerdì 13 settembre 2013
Quando si è a dieta ma non si vuole rinunciare a qualcosa di dolce, a patto naturalmente che non vanifichi tutti gli sforzi fatti per perdere i chili superflui, la soluzione migliore è senza dubbio la mousse all'arancia. Si tratta di un dolce ........

Come cucinare le olive con le arance - lunedì 23 settembre 2013
Avere una pianta di ulivo nel vostro giardino è senza dubbio una cosa utilissima, in quanto se trattata con cura in autunno porterà frutto, e questo frutto è rappresentato da splendide olive che possono essere utilizzate sia per fare l'olio che ........

Marmellate dicembrine: ogni mese ci preserva una conserva - domenica 1 dicembre 2013
Non tutti sanno che ogni mese dell’anno ha la sua conserva di frutta e di verdura. Bene, il mese di Dicembre si prospetta come il mese ideale per preparare delle deliziose conserve di carciofi e confetture di banane, ma prima vediamo insieme qualche ........

La cucina delle mamme e delle nonne - mercoledì 11 settembre 2013
La cucina delle mamme, è da sempre un elemento fondamentale della vita di tutti noi, tanto da far pensare che mamme che non passerebbero la prima selezione di Master Chef, siano delle ottime cuoche super organizzate. A fare che tutto ciò sia ........

Ricetta del giorno
Spaghetti al pesto di rucola e pistacchi
Mettere a bollire l’acqua per la pasta, e una volta raggiunto il bollore, salarla e tuffarvi gli spaghetti, quindi rimettere il coperchio alla pentola ....
Articoli redazionali

La Contessa di “Camaldoli” - giovedì 13 marzo 2014

C’è un luogo magico in cui il tempo sembra fermarsi, in cui le papille gustative sembrano essere spinte  a degustare con maggior consapevolezza qualche specialità partenopea o a inebriarsi con vini pregiati, per via della posizione surreale ........


 articolo Cucina
Cenone della befana: concludere le feste con una cena buffet. Come organizzarla freccelunedì 16 dicembre 2013 

Perché non organizzare un ricco buffet per il Cenone della befana? Piuttosto che la solita cena seduti, un modo alternativo per trascorrere ancora l’ultima serata di festa con amici e parenti, potrebbe essere quello di organizzare una cena in piedi, facendo attenzione a qualche semplice regola, che vi consentirà di organizzare un delizioso e piacevole incontro conviviale.

Organizzare una cena in piedi, anziché posizionare gli ospiti intorno a una o più tavole apparecchiate, non implica dover disporre necessariamente di ampi spazi, come terrazze o giardini, bensì vuol dire soprattutto dare la possibilità agli invitati di muoversi liberamente, di dialogare con tutti e non solo con i vicini di tavolo. All’interno della sala del buffet si lascerà a disposizione qualche posto a sedere; questo è fondamentale soprattutto se tra gli invitati ci sono persone anziane che non resisterebbero ad una serata da trascorrere in piedi. Il buffet sarà composto da due tavoli: un tavolo con tutte le pietanze e un altro adibito appositamente per i tovaglioli, il pane e le stoviglie.

Si può donare un’aria elegante al buffet, utilizzando la cristalleria e l’argenteria. Il tavolo potrà avere al centro una composizione floreale e si potrà dare vita anche a delle composizioni con frutta, verdura e ghiaccio. E’ necessario pensare alla particolare scelta e preparazione dei cibi che, per essere consumati con facilità, richiederanno un uso limitato delle posate e per questo, quando è possibile, saranno già presentati in piccole porzioni. Un buffet di piatti freddi e caldi deve risultare invitante e appetitoso. I cibi freddi devono essere serviti all’inizio del buffet. Si possono servire: i canapè (fette di pane guarnite o spalmate di composti vari; se calde, diventano crostini), le tartine, della grandezza di un solo boccone, e i vol-au-vent (piccoli cestini di pasta sfoglia riempiti con gamberetti e maionese, insalata di pollo, mousse di formaggio o prosciutto).

Semplicissimi da preparare e sempre apprezzati sono i cubetti di formaggio e prosciutto cotto infilati sugli spiedini. Altre cose da poter proporre sono: torte rustiche, mini-rustici con i wurstel, focacce, cotolette, insalata di pasta fredda, rotoli salati composti da crepe ripiene di sottilette e tonno e maionese, taglieri di salumi e formaggi tipici. I piatti caldi potranno essere mantenuti tali con l’ausilio di scaldavivande. Vedremo che con un pizzico di fantasia, facilmente si riuscirà a rispettare il numero delle 13 pietanze: tradizione culinaria tipica di questo giorno. Non bisogna dimenticare la frutta fresca, i dolci e le bevande analcoliche, oltre ai vini, sia rossi che bianchi, scelti con un certo criterio.

Il vino bianco va sistemato in frigo alcune ore prima di servirlo, quello rosso, invece, va servito a temperatura ambiente, ma deve essere stappato almeno un’ora prima di essere servito, affinché si ossigeni. Un’accortezza è quella di sistemare qua e là dei posaceneri, per far sì che gli ospiti non usino eventualmente il pavimento come tale. Controllate poi le varie bottiglie, le quali se vuote, andranno sostituite subito. Prima di iniziare la cena, andrà sempre servito l’aperitivo sia alcolico che analcolico per gli astemi. La cena potrà essere allietata dalla musica e a Mezzanotte, se ci sono bambini, si potrebbero distribuire delle calze della befana e qualora ci fosse un camino in casa, farle trovare appese lì.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Veronica  Otranto Godano - vedi tutti gli articoli di Veronica  Otranto Godano





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: