articolo Cucina
Sana alimentazione è sinonimo di agricoltura biologica freccevenerdì 8 novembre 2013 


Avete mai fatto attenzione agli alimenti che mangiate? Vi siete mai soffermati a considerare sapori, aromi, freschezza e consistenza di carne, uova, latte, formaggi, frutta e verdura? Avete mai pensato di chiedere a delle persone anziane se i cibi che mangiano oggi sono gli stessi di cui si nutrivano trenta-quaranta anni fa e se hanno mantenuto le stesse caratteristiche di genuinità?

Prima di porvi e di porre le suddette domande, è bene sapere che una sessantina di anni or sono la maniera di coltivare la terra per produrre il cibo da estensiva (basata cioè sulla vastità dei terreni messi a coltura) si tramutò in intensiva; un nuovo modo fondato sullo sfruttamento del terreno al massimo delle sue potenzialità e del suo rendimento, sia in termini di spazio che di coltivazione, completamente dipendente dall’uso di pesticidi, concimi ed erbicidi chimici. Queste sostanze sono divenute, nel tempo, indispensabili per produrre quantità sempre maggiori di alimenti, ma spesso di scarsa qualità; e considerato che dalla quantità, ma soprattutto dalla qualità dei cibi che mangiamo dipendono la nostra salute ed il nostro benessere, oggi alcuni agricoltori stanno tornando a coltivare la terra in maniera naturale, cercando di valorizzare al massimo la capacità produttiva del suolo e delle piante senza impoverire eccessivamente il terreno stesso e senza fare uso di prodotti chimici in nessuna fase del ciclo produttivo.

Oggi sana alimentazione e sinonimo di agricoltura biologica. La terra – ne sono a conoscenza anche i bambini – è importante per le piante; quest’ultime nel substrato affondano le proprie radici, ottenendo sostegno, acqua e sostanze nutritive che occorrono loro per vivere e produrre i propri frutti. L’agricoltore biologico, consapevole di tutto ciò, cerca di mantenere e migliorare la fertilità del suolo. Ovviamente egli non utilizza concimi chimici perché inquinano, ma cerca di trasformare tutto ciò che è considerato scarto (letame e residui vegetali) in fertilizzante. Un buon agricoltore biologico cerca inoltre di evitare che le piante siano attaccate dai parassiti, ed in tale compito si fa aiutare dalla natura stessa ripristinando e mantenendo gli ambienti naturali utili all’equilibrio ecologico come ad esempio le siepi, i fossi, lo stagno, e i boschetti; ambienti naturali in cui vivono insetti ed uccelli utili a contenere i diversi parassiti che possono danneggiare le coltivazioni.

All’interno di un’azienda agricola altro elemento importante per la prevenzione dalle malattie e dagli attacchi dei parassiti è la diversità delle colture; per tale motivo è fondamentale che le colture si alternino nel tempo e nello spazio, seguendo un piano di rotazione pluriennale. In alcuni casi si ricorre alla consociazione delle colture, piantando coltivazioni diverse nello stesso campo. Se poi le piante si ammalano o se c’è un attacco di insetti, l’agricoltore biologico può avvalersi di insetticidi e funghicidi naturali, a base di vegetali e minerali, come ad esempio il piretro e lo zolfo. Nelle serre si può ricorrere alla lotta biologica, che si avvale della competizione esistente in natura tra parassiti delle piante ed organismi predatori di quest’ultimi. Per difendere le colture l’agricoltore biologico può – infine – far ricorso anche alla pacciamatura, che consiste nel coprire il terreno con residui vegetali come ad esempio la paglia, in modo da impedire la crescita di piante infestanti e lo sviluppo di malattie; la pacciamatura è, nel contempo, utile per mantenere l’umidità del terreno.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Marcello  Gelfusa - vedi tutti gli articoli di Marcello  Gelfusa


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Come preparare le polpettine al gorgonzola - domenica 15 settembre 2013
Le polpettine di patate al gorgonzola sono senza dubbio un cibo gustoso che può essere preparato da tutti, a basso costo e di sicuro successo. In questa guida aiuteremo quindi il letto a prepararle in modo da poter intrattenere i propri amici. ........

Come preparare i peperoni alla griglia - giovedì 12 settembre 2013
Uno dei piatti più deliziosi della cucina mediterranea sono senza dubbio i peperoni alla griglia, facilissimi da preparare, poco dispendiosi e adatti per qualsiasi occasione sia in inverno che in estate. Il costo per una pietanza del genere è ........

La banana, frutto dalle tante eccellenti proprietà - sabato 20 aprile 2013

La banana un frutto potremmo dire quasi prodigioso ricco di tante eccellenti proprietà, che lo rendono uno dei frutti più consumati e adatti ad un gran numero di diete. Amata in particolare dagli sportivi, che ne ricavano una carica energetica ........

Come fare i germogli in casa - giovedì 3 ottobre 2013
È possibile fare i germogli in casa? Sì, è possibile, facile e fa bene alla salute. Ormai sentiamo sempre più spesso parlare di una nutrizione diversa, più sostenibile, preferibilmente biologica e naturale. In questa nuova, e sempre più fortunata, ........

Il vino in cucina - martedì 26 novembre 2013

Il vino in cucina, una idea di cui non è possibile stabilire le origini sia temporali che locali, tuttavia è certo che si trattò di un’idea geniale e, comunque sia nata, per caso, per spirito di innovazione o per esigenze di conservazione degli ........

 

Ricetta del giorno
Orecchiette con ricotta
FAre bollire in una pentola di generose dimensioni 3 litri d’acqua e salarla con il sale grosso. Buttare la pasta, avendo cura di mescolare subito con ....


Articoli correlati

Alimentazione. Dimagrire mangiando bene - lunedì 14 gennaio 2013

L’alimentazione è una delle cose con cui bisogna fare i conti praticamente tutti i giorni, perché è una di quelle cose di cui non è possibile fare a meno. L’alimentazione, il mangiare tanto per intenderci, non è solo una questione di sopravvivenza, ........

Biscotti della nonna: ricetta delle ciambelle all'anice - mercoledì 11 settembre 2013
Quando mia nonna cucinava le ciambelle all'anice, la casa si inondava di un profumo buonissimo, anche ad occhi chiusi si poteva indovinare cosa cuoceva nel forno. I profumi restano nella memoria come le immagini, le sensazioni, gli eventi vissuti, ........

Aperitivo low cost - domenica 8 settembre 2013
E’ sabato hai invitato gente a cena, hai poco tempo e vorresti preparare un aperitivo sfizioso e a basso costo ma sei a corto di idee? Non farti prendere dal panico e segui i nostri consigli per realizzare un perfetto aperitivo low cost. Per ........

Un weekend extravergine - domenica 24 novembre 2013

Se la gita fuori porta di questo fine settimana vi dovesse condurre in una località di campagna, è bene che non manchiate di fare un salto nei vari frantoi disseminati un po’ ovunque sul territorio della nostra penisola; potreste unire l’utile al ........

Le gallette di riso, un pericolo per la salute - sabato 8 giugno 2013

Le gallette di riso, o meglio tutti i cereali e i prodotti a base di riso, quindi il riso stesso, sono potenzialmente pericolosi per la salute. Il pericolo è rappresentato dall’arsenico che è presente in piccolissima parte, si tratta di microgrammi, ........

Ricetta del giorno
Banane flambées
Fare tostare per dieci minuti le mandorle in forno caldo e quindi tritarle minutamente. Dopo aver sbucciato le banane, tagliarle a metà nel senso della ....

 articolo Cucina
Sana alimentazione è sinonimo di agricoltura biologica freccevenerdì 8 novembre 2013 

Avete mai fatto attenzione agli alimenti che mangiate? Vi siete mai soffermati a considerare sapori, aromi, freschezza e consistenza di carne, uova, latte, formaggi, frutta e verdura? Avete mai pensato di chiedere a delle persone anziane se i cibi che mangiano oggi sono gli stessi di cui si nutrivano trenta-quaranta anni fa e se hanno mantenuto le stesse caratteristiche di genuinità?

Prima di porvi e di porre le suddette domande, è bene sapere che una sessantina di anni or sono la maniera di coltivare la terra per produrre il cibo da estensiva (basata cioè sulla vastità dei terreni messi a coltura) si tramutò in intensiva; un nuovo modo fondato sullo sfruttamento del terreno al massimo delle sue potenzialità e del suo rendimento, sia in termini di spazio che di coltivazione, completamente dipendente dall’uso di pesticidi, concimi ed erbicidi chimici. Queste sostanze sono divenute, nel tempo, indispensabili per produrre quantità sempre maggiori di alimenti, ma spesso di scarsa qualità; e considerato che dalla quantità, ma soprattutto dalla qualità dei cibi che mangiamo dipendono la nostra salute ed il nostro benessere, oggi alcuni agricoltori stanno tornando a coltivare la terra in maniera naturale, cercando di valorizzare al massimo la capacità produttiva del suolo e delle piante senza impoverire eccessivamente il terreno stesso e senza fare uso di prodotti chimici in nessuna fase del ciclo produttivo.

Oggi sana alimentazione e sinonimo di agricoltura biologica. La terra – ne sono a conoscenza anche i bambini – è importante per le piante; quest’ultime nel substrato affondano le proprie radici, ottenendo sostegno, acqua e sostanze nutritive che occorrono loro per vivere e produrre i propri frutti. L’agricoltore biologico, consapevole di tutto ciò, cerca di mantenere e migliorare la fertilità del suolo. Ovviamente egli non utilizza concimi chimici perché inquinano, ma cerca di trasformare tutto ciò che è considerato scarto (letame e residui vegetali) in fertilizzante. Un buon agricoltore biologico cerca inoltre di evitare che le piante siano attaccate dai parassiti, ed in tale compito si fa aiutare dalla natura stessa ripristinando e mantenendo gli ambienti naturali utili all’equilibrio ecologico come ad esempio le siepi, i fossi, lo stagno, e i boschetti; ambienti naturali in cui vivono insetti ed uccelli utili a contenere i diversi parassiti che possono danneggiare le coltivazioni.

All’interno di un’azienda agricola altro elemento importante per la prevenzione dalle malattie e dagli attacchi dei parassiti è la diversità delle colture; per tale motivo è fondamentale che le colture si alternino nel tempo e nello spazio, seguendo un piano di rotazione pluriennale. In alcuni casi si ricorre alla consociazione delle colture, piantando coltivazioni diverse nello stesso campo. Se poi le piante si ammalano o se c’è un attacco di insetti, l’agricoltore biologico può avvalersi di insetticidi e funghicidi naturali, a base di vegetali e minerali, come ad esempio il piretro e lo zolfo. Nelle serre si può ricorrere alla lotta biologica, che si avvale della competizione esistente in natura tra parassiti delle piante ed organismi predatori di quest’ultimi. Per difendere le colture l’agricoltore biologico può – infine – far ricorso anche alla pacciamatura, che consiste nel coprire il terreno con residui vegetali come ad esempio la paglia, in modo da impedire la crescita di piante infestanti e lo sviluppo di malattie; la pacciamatura è, nel contempo, utile per mantenere l’umidità del terreno.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Marcello  Gelfusa - vedi tutti gli articoli di Marcello  Gelfusa





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: