alberi a foglia caduca Olmo (Ulmus)
Olmo (Ulmus)

Olmo (Ulmus), genere di 45 specie di alberi rustici a foglie decidue, appartenenti alla famiglia delle Olmacee, originari delle regioni temperate dell’emisfero boreale. Per il loro bell’aspetto, la rapida crescita nelle fasi giovanili, in pratica più di 1 metro all’anno, e la facilità di riproduzione, sono spesso impiegati nella decorazione di parchi e di grandi giardini e nelle alberature stradali. Gli olmi sono piante di media e grossa taglia, alti anche 10-20 m; piuttosto longevi, considerando che possono vivere anche più di 500 anni, apprezzate anche per il legno, molto durevole, elastico e resistente.

Le foglie sono di colore verde più o meno scuro, alterne, glabre e lucide, a margine dentato, con nervature ben evidenti, e hanno la caratteristica di avere le due metà asimmetriche, per il modo in cui la lamina fogliare è inserita sul picciolo. I fiori sono giallo-rossastri, ermafroditi e compaiono sulla pianta in primavera, prima delle foglie. Il frutto che segue la fioritura è una samara, con il seme circondato da una lamina piatta rotondeggiante, e giunge a maturazione prima che le foglie siano completamente sviluppate.

L’olmo è pianta abbastanza adattabile, che predilige terreni fertili, freschi e profondi, ben drenati, anche argillosi; resiste bene al gelo e molte delle sue varietà sopportano agevolmente anche l’aria inquinata delle città.

Parassiti vegetali: da alcuni anni le specie indigene di olmo sono state attaccate da una malattia fungina, la Moria dell’Olmo o Graphium ulmi, diffusa tramite alcuni coleotteri che scavano gallerie nel legno sotto la corteccia, che conduce rapidamente al disseccamento delle foglie e alla morte della pianta. Contro di essa non sono stati ancora messi a punto rimedi efficaci per cui l’unico modo per combatterla è utilizzare specie resistenti e varietà innestate su di esse.

Ulmus americana: noto anche come Olmo bianco d’America, è un albero originario delle regioni orientali dell’America settentrionale, dalla chioma espansa e dal fogliame verde scuro, fitto, ottimo per l’ombreggiatura stradale e dei giardini. Le foglie, rugose, dal margine doppiamente dentato, hanno una dissimmetria pronunciata. Tra le varietà la Ascendens, a chioma piramidale; Pendula, dai rami lunghi e decombenti.
Ulmus campestris: noto anche come Ulmus procera, è l’olmo campestre delle nostre pianure e colline, dove si trova spesso piantato a filari sui bordi dei campi. Diffuso nell’Europa centro-meridionale e nell’Africa settentrionale, l’olmo campestre è un albero di grande taglia, alto 10-20 m e del diametro di 7-9 m, molto longevo, di crescita rapida, dalla chioma ovale allungata, talvolta slanciata, con ramificazioni sottili e fogliame compatto. Fruttifica abbondantemente, ma i frutti spesso sono sterili. Il suo legno è eccellente. L’olmo campestre è probabilmente la specie da cui è stato ottenuto il maggior numero di varietà ornamentali tra le quali si ricordano Argenteo-variegata e Aureo-variegata, con foglie screziate rispettivamente di bianco e di giallo; Antarctica, dalle foglie color bronzo dorato; Corylifolia, dalle foglie simili a quelle del nocciolo; Cucullata, con foglie goffrate a forma di cappuccio; Dumontii, dalla chioma slanciata adatta per formare alberature di viali; Horizontalis, dalla ramificazione orizzontale; Myrtifolia purpurea, dal fogliame minuto, rossiccio; Pendula, dai rami ricadenti.
Ulmus carpinifolia: originario dell’Europa e dell’Asia occidentale, alto 15 m, ha foglie accentuatamente dissimmetriche alla base, molto appuntite, lisce sulla pagina superiore e leggermente vellutate inferiormente. In autunno si colora di giallo scuro. È pianta resistente ai venti salmastri e ha la chioma ovale e tondeggiante.
Ulmus glabra: noto anche come Ulmus montana, è originario dell’Europa centro-settentrionale, alto 10-20 m e del diametro di 5-10 m. La chioma non è molto folta, formata da ramificazioni sparse, con le branche principali che si dividono dal fusto già a poca distanza dal suolo. Le foglie sono obovate-ovate. Tra le tante varietà Atropurpurea, dalle foglie porpora scuro; Camperdownii, dal portamento piramidale e foglie piccole; Fastigata aurea, con ramificazioni erette e foglie piccole; Monstruosa e Nana a taglia ridotta; Pendula, a rami pendenti; Purpurea, con foglie porpora.
Hulmus x hollandica: pianta di origine orticola, alta 20 m, dalle caratteristiche alquanto variabili.
Ulmus levis: noto anche come Olmo ciliato, è una specie di grossa taglia dalla chioma irregolare e dal fusto costolato e dai caratteristici fiori lungamente peduncolati. È specie spontanea e diffusa in Europa centro-settentrionale, introdotta in Italia per la sua resistenza ai parassiti.
Ulmus pumila: noto anche come Olmo siberiano, di taglia modesta, non supera i 12 m di altezza. Originario della Cin e delle zone nordorientali dell’Unione Sovietica, ha foglie verde scuro ovali, appuntite e con margine grossolanamente dentato. Anch’esso è stato introdotto in Italia per la sua buona resistenza ai parassiti. Tra le varietà si ricordano Arborea, dal portamento piramidale; Pendula, a rami ricadenti; Pinnato-ramosa, molto ramificata e con foglie appuntite.


riproduzione: per seme che è difficilmente conservabile e va messo a dimora subito dopo la maturazione, ad inizio estate, in terriccio sabbioso a 2 cm di profondità. Le piantine germinano rapidamente, circa 20 gg, ma la percentuale di semi germinati è piuttosto bassa. Le piantine sono pronte per la messa dimora quando hanno 2-3 anni.
La moltiplicazione per talea o per propaggine è altrettanto facile ed è il metodo solitamente usato per riprodurre con costanza di caratteri le varietà, cosa non possibile per seme.
esposizione:
fioritura: estate




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Pachysandra
Pachysandra, genere di 4 specie di piante perenni, sempreverdi, rustiche, dal fusto prostrato. La specie descritta è adatta in particolar modo a coprire il terreno nelle zone ombreggiate del giardino, dove ........

Lamarckia

Lamarckia, genere comprendente una sola specie erbacea, annuale, diffusa allo stato spontaneo nei paesi del bacino del Mediterraneo. Può essere utlizzata nelle bordure annuali e miste. Le infiorescenze possono essere seccate ........

Dicèntra (Dicentra)

La Dicèntra (Dicentra) , originaria dell'Asia occidentale, Himalaya e America del Nord, comprende circa 12 specie ed è una erbacea perenne rizomatosa alta da 15 a 80 cm.
Le foglie sono composte ........


Nandina

Nandina, genere di una sola specie di piante arbustive, sempreverdi, semirustiche, appartenenti alla famiglia delle Berberidaceae, simili al bambù.
Si pianta fra marzo e maggio in terreno fertile, ben drenato, in posizioni ........

 

Ricetta del giorno
Insalata greca
Lavare accuratamente e poi tagliare il cetriolo e i pomodori maturi a pezzi grossi, che è poi il segreto di una buona insalata greca. Tagliare le due ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Ursinia

Ursinia, genere di 80 specie di piante perenni ed annuali e di arbusti. Le specie descritte si coltivano nelle bordure miste e nelle aiuole e anche in vaso e sono anche adatte per la produzione di fiori da recidere. I capolini ........

Codonopsis

Codonopsis, genere di circa 30 specie di piante erbacee, rampicanti o ascendenti, annuali e perenni. Hanno fiori a forma di campana o di stella, talvolta con screziature molto belle all'interno della corolla. Sono particolarmente ........

Actaea

Actaea, genere di circa 10 specie di piante erbacee, perenni, rustiche, adatte per il giardino roccioso, le bordure e il sottobosco.
Queste piante crescono bene nei terreni ricchi di sostanza organica, in posizioni ombreggiate. ........

Erianthus

Erianthus, genere di 28 specie di piante erbacee di grandi dimensioni, originarie dell'America tropicale, dell'Europa meridionale, dell'Asia e dell'Africa. La specie descritta può essere utilizzata come l'erba delle Pampas, ........

Ixia

Ixia, genere di circa 40 specie di piante bulbose, delicate, appartenenti alla famiglia delle Iridaceae, originarie del Sud-Africa. Si coltivano all’aperto nelle regioni a clima particolarmente mite, e si utilizzano anche ........


alberi a foglia caduca Olmo (Ulmus)
Olmo (Ulmus)

Olmo (Ulmus), genere di 45 specie di alberi rustici a foglie decidue, appartenenti alla famiglia delle Olmacee, originari delle regioni temperate dell’emisfero boreale. Per il loro bell’aspetto, la rapida crescita nelle fasi giovanili, in pratica più di 1 metro all’anno, e la facilità di riproduzione, sono spesso impiegati nella decorazione di parchi e di grandi giardini e nelle alberature stradali. Gli olmi sono piante di media e grossa taglia, alti anche 10-20 m; piuttosto longevi, considerando che possono vivere anche più di 500 anni, apprezzate anche per il legno, molto durevole, elastico e resistente.

Le foglie sono di colore verde più o meno scuro, alterne, glabre e lucide, a margine dentato, con nervature ben evidenti, e hanno la caratteristica di avere le due metà asimmetriche, per il modo in cui la lamina fogliare è inserita sul picciolo. I fiori sono giallo-rossastri, ermafroditi e compaiono sulla pianta in primavera, prima delle foglie. Il frutto che segue la fioritura è una samara, con il seme circondato da una lamina piatta rotondeggiante, e giunge a maturazione prima che le foglie siano completamente sviluppate.

L’olmo è pianta abbastanza adattabile, che predilige terreni fertili, freschi e profondi, ben drenati, anche argillosi; resiste bene al gelo e molte delle sue varietà sopportano agevolmente anche l’aria inquinata delle città.

Parassiti vegetali: da alcuni anni le specie indigene di olmo sono state attaccate da una malattia fungina, la Moria dell’Olmo o Graphium ulmi, diffusa tramite alcuni coleotteri che scavano gallerie nel legno sotto la corteccia, che conduce rapidamente al disseccamento delle foglie e alla morte della pianta. Contro di essa non sono stati ancora messi a punto rimedi efficaci per cui l’unico modo per combatterla è utilizzare specie resistenti e varietà innestate su di esse.

Ulmus americana: noto anche come Olmo bianco d’America, è un albero originario delle regioni orientali dell’America settentrionale, dalla chioma espansa e dal fogliame verde scuro, fitto, ottimo per l’ombreggiatura stradale e dei giardini. Le foglie, rugose, dal margine doppiamente dentato, hanno una dissimmetria pronunciata. Tra le varietà la Ascendens, a chioma piramidale; Pendula, dai rami lunghi e decombenti.
Ulmus campestris: noto anche come Ulmus procera, è l’olmo campestre delle nostre pianure e colline, dove si trova spesso piantato a filari sui bordi dei campi. Diffuso nell’Europa centro-meridionale e nell’Africa settentrionale, l’olmo campestre è un albero di grande taglia, alto 10-20 m e del diametro di 7-9 m, molto longevo, di crescita rapida, dalla chioma ovale allungata, talvolta slanciata, con ramificazioni sottili e fogliame compatto. Fruttifica abbondantemente, ma i frutti spesso sono sterili. Il suo legno è eccellente. L’olmo campestre è probabilmente la specie da cui è stato ottenuto il maggior numero di varietà ornamentali tra le quali si ricordano Argenteo-variegata e Aureo-variegata, con foglie screziate rispettivamente di bianco e di giallo; Antarctica, dalle foglie color bronzo dorato; Corylifolia, dalle foglie simili a quelle del nocciolo; Cucullata, con foglie goffrate a forma di cappuccio; Dumontii, dalla chioma slanciata adatta per formare alberature di viali; Horizontalis, dalla ramificazione orizzontale; Myrtifolia purpurea, dal fogliame minuto, rossiccio; Pendula, dai rami ricadenti.
Ulmus carpinifolia: originario dell’Europa e dell’Asia occidentale, alto 15 m, ha foglie accentuatamente dissimmetriche alla base, molto appuntite, lisce sulla pagina superiore e leggermente vellutate inferiormente. In autunno si colora di giallo scuro. È pianta resistente ai venti salmastri e ha la chioma ovale e tondeggiante.
Ulmus glabra: noto anche come Ulmus montana, è originario dell’Europa centro-settentrionale, alto 10-20 m e del diametro di 5-10 m. La chioma non è molto folta, formata da ramificazioni sparse, con le branche principali che si dividono dal fusto già a poca distanza dal suolo. Le foglie sono obovate-ovate. Tra le tante varietà Atropurpurea, dalle foglie porpora scuro; Camperdownii, dal portamento piramidale e foglie piccole; Fastigata aurea, con ramificazioni erette e foglie piccole; Monstruosa e Nana a taglia ridotta; Pendula, a rami pendenti; Purpurea, con foglie porpora.
Hulmus x hollandica: pianta di origine orticola, alta 20 m, dalle caratteristiche alquanto variabili.
Ulmus levis: noto anche come Olmo ciliato, è una specie di grossa taglia dalla chioma irregolare e dal fusto costolato e dai caratteristici fiori lungamente peduncolati. È specie spontanea e diffusa in Europa centro-settentrionale, introdotta in Italia per la sua resistenza ai parassiti.
Ulmus pumila: noto anche come Olmo siberiano, di taglia modesta, non supera i 12 m di altezza. Originario della Cin e delle zone nordorientali dell’Unione Sovietica, ha foglie verde scuro ovali, appuntite e con margine grossolanamente dentato. Anch’esso è stato introdotto in Italia per la sua buona resistenza ai parassiti. Tra le varietà si ricordano Arborea, dal portamento piramidale; Pendula, a rami ricadenti; Pinnato-ramosa, molto ramificata e con foglie appuntite.


riproduzione: per seme che è difficilmente conservabile e va messo a dimora subito dopo la maturazione, ad inizio estate, in terriccio sabbioso a 2 cm di profondità. Le piantine germinano rapidamente, circa 20 gg, ma la percentuale di semi germinati è piuttosto bassa. Le piantine sono pronte per la messa dimora quando hanno 2-3 anni.
La moltiplicazione per talea o per propaggine è altrettanto facile ed è il metodo solitamente usato per riprodurre con costanza di caratteri le varietà, cosa non possibile per seme.

esposizione:
fioritura: estate



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su