Articolo Cucina Alimentazione
Sana alimentazione è sinonimo di agricoltura biologica freccevenerdì 8 novembre 2013      


Avete mai fatto attenzione agli alimenti che mangiate? Vi siete mai soffermati a considerare sapori, aromi, freschezza e consistenza di carne, uova, latte, formaggi, frutta e verdura? Avete mai pensato di chiedere a delle persone anziane se i cibi che mangiano oggi sono gli stessi di cui si nutrivano trenta-quaranta anni fa e se hanno mantenuto le stesse caratteristiche di genuinità?

Prima di porvi e di porre le suddette domande, è bene sapere che una sessantina di anni or sono la maniera di coltivare la terra per produrre il cibo da estensiva (basata cioè sulla vastità dei terreni messi a coltura) si tramutò in intensiva; un nuovo modo fondato sullo sfruttamento del terreno al massimo delle sue potenzialità e del suo rendimento, sia in termini di spazio che di coltivazione, completamente dipendente dall’uso di pesticidi, concimi ed erbicidi chimici. Queste sostanze sono divenute, nel tempo, indispensabili per produrre quantità sempre maggiori di alimenti, ma spesso di scarsa qualità; e considerato che dalla quantità, ma soprattutto dalla qualità dei cibi che mangiamo dipendono la nostra salute ed il nostro benessere, oggi alcuni agricoltori stanno tornando a coltivare la terra in maniera naturale, cercando di valorizzare al massimo la capacità produttiva del suolo e delle piante senza impoverire eccessivamente il terreno stesso e senza fare uso di prodotti chimici in nessuna fase del ciclo produttivo.

Oggi sana alimentazione e sinonimo di agricoltura biologica. La terra – ne sono a conoscenza anche i bambini – è importante per le piante; quest’ultime nel substrato affondano le proprie radici, ottenendo sostegno, acqua e sostanze nutritive che occorrono loro per vivere e produrre i propri frutti. L’agricoltore biologico, consapevole di tutto ciò, cerca di mantenere e migliorare la fertilità del suolo. Ovviamente egli non utilizza concimi chimici perché inquinano, ma cerca di trasformare tutto ciò che è considerato scarto (letame e residui vegetali) in fertilizzante. Un buon agricoltore biologico cerca inoltre di evitare che le piante siano attaccate dai parassiti, ed in tale compito si fa aiutare dalla natura stessa ripristinando e mantenendo gli ambienti naturali utili all’equilibrio ecologico come ad esempio le siepi, i fossi, lo stagno, e i boschetti; ambienti naturali in cui vivono insetti ed uccelli utili a contenere i diversi parassiti che possono danneggiare le coltivazioni.

All’interno di un’azienda agricola altro elemento importante per la prevenzione dalle malattie e dagli attacchi dei parassiti è la diversità delle colture; per tale motivo è fondamentale che le colture si alternino nel tempo e nello spazio, seguendo un piano di rotazione pluriennale. In alcuni casi si ricorre alla consociazione delle colture, piantando coltivazioni diverse nello stesso campo. Se poi le piante si ammalano o se c’è un attacco di insetti, l’agricoltore biologico può avvalersi di insetticidi e funghicidi naturali, a base di vegetali e minerali, come ad esempio il piretro e lo zolfo. Nelle serre si può ricorrere alla lotta biologica, che si avvale della competizione esistente in natura tra parassiti delle piante ed organismi predatori di quest’ultimi. Per difendere le colture l’agricoltore biologico può – infine – far ricorso anche alla pacciamatura, che consiste nel coprire il terreno con residui vegetali come ad esempio la paglia, in modo da impedire la crescita di piante infestanti e lo sviluppo di malattie; la pacciamatura è, nel contempo, utile per mantenere l’umidità del terreno.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Marcello  Gelfusa - vedi tutti gli articoli di Marcello  Gelfusa



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Risotto alle castagne
Fare soffriggere lo scalogno tritato con un filo d’olio in una padella antiaderente. Sminuzzare le castagne finemente e metterle da parte.
Aggiungere ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Mangiare il pesce fa bene! - lunedì 23 settembre 2013
Esistono diversi tipi di pesce ed è diverso il loro grado di digeribilità: alcuni sono molti digeribili e adatti all'alimentazione di bambini e anziani(platessa, nasello, sogliola, trota), altri possono risultare meno digeribili(tonno, sgombro, ........

Autunno: l'alimentazione che cura. Non solo frutta e verdura - domenica 29 settembre 2013
Arriva l’autunno e spesso ci si affanna alla ricerca di un’ alimentazione che possa curarci dai malanni stagionali. Il cambio di stagione è da sempre sinonimo di stress psicologico ma soprattutto fisico ma non siamo soli. La natura ci lancia ........

Il cioccolato un amico della salute - sabato 27 aprile 2013

La salute e il cioccolato sono due facce della stessa medaglia, si potrebbe dire,  a condizione che  il cioccolato sia solo e rigorosamente fondente, cosa che non vale per il  cioccolato al latte, bianco o di qualsiasi altro ........

Il peso ideale e i metodi per calcolarlo - giovedì 25 aprile 2013

Calcolare il peso ideale non è difficile, dal momento che esistono diversi metodi studiati per tale esigenza, tuttavia le variabili in gioco sono talmente tante che i risultati possono anche essere sostanzialmente differenti.  Infatti, ........

Una corretta dieta vegetariana - lunedì 11 novembre 2013
Una corretta dieta vegetariana deve garantire all’organismo, attraverso l’assunzione quotidiana di frutta e verdure di stagione, un apporto equilibrato di vitamine e fibre, che rinforzano e depurano il nostro organismo allo stesso tempo, nonché ........



Ricetta del giorno
Aspic di frutta estiva
Lavare e asciugare bene la frutta, eliminare la buccia di cocomero e melone e tagliarne la polta a cubetti. Grattugiare la buccia dell’arancia, eliminare ....



 articolo Cucina Alimentazione
Sana alimentazione è sinonimo di agricoltura biologica freccevenerdì 8 novembre 2013      

Avete mai fatto attenzione agli alimenti che mangiate? Vi siete mai soffermati a considerare sapori, aromi, freschezza e consistenza di carne, uova, latte, formaggi, frutta e verdura? Avete mai pensato di chiedere a delle persone anziane se i cibi che mangiano oggi sono gli stessi di cui si nutrivano trenta-quaranta anni fa e se hanno mantenuto le stesse caratteristiche di genuinità?

Prima di porvi e di porre le suddette domande, è bene sapere che una sessantina di anni or sono la maniera di coltivare la terra per produrre il cibo da estensiva (basata cioè sulla vastità dei terreni messi a coltura) si tramutò in intensiva; un nuovo modo fondato sullo sfruttamento del terreno al massimo delle sue potenzialità e del suo rendimento, sia in termini di spazio che di coltivazione, completamente dipendente dall’uso di pesticidi, concimi ed erbicidi chimici. Queste sostanze sono divenute, nel tempo, indispensabili per produrre quantità sempre maggiori di alimenti, ma spesso di scarsa qualità; e considerato che dalla quantità, ma soprattutto dalla qualità dei cibi che mangiamo dipendono la nostra salute ed il nostro benessere, oggi alcuni agricoltori stanno tornando a coltivare la terra in maniera naturale, cercando di valorizzare al massimo la capacità produttiva del suolo e delle piante senza impoverire eccessivamente il terreno stesso e senza fare uso di prodotti chimici in nessuna fase del ciclo produttivo.

Oggi sana alimentazione e sinonimo di agricoltura biologica. La terra – ne sono a conoscenza anche i bambini – è importante per le piante; quest’ultime nel substrato affondano le proprie radici, ottenendo sostegno, acqua e sostanze nutritive che occorrono loro per vivere e produrre i propri frutti. L’agricoltore biologico, consapevole di tutto ciò, cerca di mantenere e migliorare la fertilità del suolo. Ovviamente egli non utilizza concimi chimici perché inquinano, ma cerca di trasformare tutto ciò che è considerato scarto (letame e residui vegetali) in fertilizzante. Un buon agricoltore biologico cerca inoltre di evitare che le piante siano attaccate dai parassiti, ed in tale compito si fa aiutare dalla natura stessa ripristinando e mantenendo gli ambienti naturali utili all’equilibrio ecologico come ad esempio le siepi, i fossi, lo stagno, e i boschetti; ambienti naturali in cui vivono insetti ed uccelli utili a contenere i diversi parassiti che possono danneggiare le coltivazioni.

All’interno di un’azienda agricola altro elemento importante per la prevenzione dalle malattie e dagli attacchi dei parassiti è la diversità delle colture; per tale motivo è fondamentale che le colture si alternino nel tempo e nello spazio, seguendo un piano di rotazione pluriennale. In alcuni casi si ricorre alla consociazione delle colture, piantando coltivazioni diverse nello stesso campo. Se poi le piante si ammalano o se c’è un attacco di insetti, l’agricoltore biologico può avvalersi di insetticidi e funghicidi naturali, a base di vegetali e minerali, come ad esempio il piretro e lo zolfo. Nelle serre si può ricorrere alla lotta biologica, che si avvale della competizione esistente in natura tra parassiti delle piante ed organismi predatori di quest’ultimi. Per difendere le colture l’agricoltore biologico può – infine – far ricorso anche alla pacciamatura, che consiste nel coprire il terreno con residui vegetali come ad esempio la paglia, in modo da impedire la crescita di piante infestanti e lo sviluppo di malattie; la pacciamatura è, nel contempo, utile per mantenere l’umidità del terreno.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Marcello  Gelfusa - vedi tutti gli articoli di Marcello  Gelfusa





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: