articolo Cucina
Sushi vegetariano o con pesce cotto. Un all you can cook a casa tua freccedomenica 29 settembre 2013 


Da due anni a questa parte la città nella quale vivo si è del tutto modificata e si è riempita di ristoranti giapponesi "all you can eat". Il sushi, piatto forte della cucina nipponica, ha letteralmente stregato tutti coloro che amano il pesce, ma anche i vegetariani che optano per le versioni vegan. Ormai la maggior parte di noi mangia sushi almeno una volta al mese. Purtroppo, però, non è sempre semplice accorgersi della qualità di ciò che si mangia e spesso si ha un po’ di timore di stare male dopo una grande abbuffata.

Allora perché non risparmiare e mettersi alla prova cercando di cucinare da soli il sushi? Io, per mia natura, non amo il pesce. Spesso quando proferisco questa frase molti amici mi additano ad eretica ma è così e non posso farci nulla se non obbligarmi a mangiarlo per i tanti valori nutritivi che contiene. E qui arriva il bello di provare a cucinarlo a casa da soli: si possono scegliere gli ingredienti da utilizzare!Allora…perché non preparare un sushi vegetariano? Oppure, perchè non optare per il pesce cotto? Il sapore sarà un po’ più delicato e più digeribile e, soprattutto, se non si ha avuto la fortuna di pescarlo il giorno stesso o se non se ne conosce l'esatta provenienza, non si corrono pericoli di nessun tipo.Il tutto è molto facile. Allora mettiamoci al lavoro.

Per alcuni ingredienti contenuti in questa ricetta dobbiamo rivolgerci ad un qualche negozio che venda alimenti importati ma la maggior parte sono usuali e facilmente trovabili al supermercato. Prima di tutto l’alga. Essa è la regina di una specie di sushi che adoro che si chiama maki. Non tutte le alghe vanno bene. Dovrete cercare la alga Nori, una specialità di alga marina. Le alghe sono fonti di proteine e sali minerali. Sono spesso ricche di iodio e quindi sono fondamentali per il metabolismo dei grassi. Esse sono fondamentali per ridurre il colesterolo nel sangue e per il contenuto di fibre, attivano il sistema immunitario, attivano il metabolismo e sono un ottimo lassativo naturale, stimolano l’attività degli enzimi del fegato migliorandone il funzionamento.

Combattono cellulite, ritenzione idrica e sovrappeso ( e questa parte piacerà in particolar modo alle donne...). Per quanto riguarda il riso invece, conviene prendere quello per risotti perché avremo bisogno di una tipologia che riesca a trattenere molta acqua, che si gonfi e che rimanga pastoso in modo tale da poterlo lavorare. Per essere sicuri potete comprare quello specifico per sushi che ormai è presente in molte catene di supermercati. Altrimenti dovrete fare in modo che il riso assorba tutta l’acqua di cottura ( quindi per ogni tazza di riso mettere circa due tazze d’acqua) e dovrete cercare di lasciare il riso fermo nella pentola anche una volta cotto, in modo tale che assorba anche tutto il vapore acqueo ( almeno per 15 minuti).

Eccoci pronti allora a partire. Non resta che decidere quale verdura o quale pesce cotto inserire ( o entrambi). Io consiglierei un classico: tonno e cetrioli. Io di solito faccio così: prendo una ciotola abbastanza capiente e tengo a portata di mano un cucchiaio di legno. Prendo un bicchiere e lo riempio per metà di aceto. Ad esso aggiungo zucchero ( due cucchiaini) e un cucchiaino di sale. Passati 15 minuti prendo il riso e lo trasferisco nella ciotola. Prendo l’aceto e lo scaldo in un pentolino finché il tutto non sarà del tutto sciolto. Lo verso sul riso e giro. Con l’aiuto di un foglio di carta o, ancora meglio, un ventaglio, sventolo il riso. In questo modo l’aceto evaporerà più velocemente. Lascio da parte il riso a lascio a riposo finché non sarà del tutto freddo. Lo lascio coperto con una coperta o un tessuto umido. Faccio lessare le verdure e le lascio raffreddare.

Le taglio per il lungo in modo tale da avere una forma cilindrica. Inizio a costruire i fantastici rolls di sushi. Prendo l’alga e la stendo su un foglio di pellicola. la inumidisco leggermente con le mani e posiziono il riso su di essa, sempre inumidendolo appena appena con le mani e abbastanza velocemente. Lascio un rettangolo di alga senza riso. Posiziono allora il cetriolo o il tonno nella parte del riso. Se mi piace, aggiungo un po’ di salsa wasabi. Bagnandomi le mani vado ad arrotolare l’alga, a partire dalla parte con il ripieno. Ovviamente, bisogna prestare attenzione a non arrotolare la pellicola insieme all'alga!

Una volta pronto il rotolino bagno ancora una volta le mani e faccio appiccicare una parte dell’alga alla parte finale in modo tale che rimanga compatta. Prendo un coltello ben affilato e lo inumidisco. Taglio il rotolo a formare dei piccoli rolls. Il nostro sushi vegetariano o con pesce cotto è pronto. Non ci resta che spolverarlo con del sesamo tostato ( se di nostro gradimento) e preparare in una ciotola l’immancabile salsa di soia per accompagnarli. E ora a tavola. Bacchette alla mano, il Giappone è servito. A casa nostra.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Irene  De Luca - vedi tutti gli articoli di Irene  De Luca


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Pesce povero... ma bello - venerdì 25 ottobre 2013
Il pesce povero. Potassolo, Palamita, Boga, Musdea, Zerro, Soace… Alzi la mano chi è in grado di dire di prim’acchito di cosa stiamo parlando Di vini??!, azzarderà qualcuno… No, di pesce! Nei nostri mari si pescano ........

Il gelato come alimento che si rivoluziona in modo positivo. - martedì 3 settembre 2013
Per gli amanti del gelato, non c’è di cui preoccuparsi, non sarà la fine dell'estate e l’inizio del lavoro, atteso con amore, a frenare la voglia di mangiare un bel cono gelato; ma non solo.. Oramai, anche per coloro che vogliono continuare a ........

La pizza turca - lunedì 16 settembre 2013
Il Lahmacun (che significa impasto di carne) è una pizza diffusa in Turchia e Armenia. E' molto popolare quasi quanto il kebab. E' un sottile strato di pasta ricoperto di carne di agnello o manzo macinata e peperoni verdi. Viene solitamente ........

Tutti matti per la pizza! - lunedì 23 settembre 2013
La storia della pizza è lunga e complicata. Già nell'antichità esisteva una variante simile alla pizza, cioè delle focacce, più o meno appiattite, alle quali venivano aggiunti svariati tipi di condimenti. Questi pani di forma piatta provenivano ........

Bavarese di zucca e cioccolato - lunedì 7 ottobre 2013
La Bavarese di zucca è un dolce squisito, a base di zucca, una sorta di dolce"quasi dietetico", perfetto per le feste di Halloween, per il dopo pasto autunnale nelle prime cene tra amici, intorno al camino. E si, perché ormai l'estate è finita ........

 

Ricetta del giorno
Vellutata di barbabietole fredda
Lessare le barbabietole, dopo di che sbucciarle e metterle da parte. Lavare accuratamente il cetriolo, sbucciarlo e tagliarlo a dadino. Scottare i pomodori ....


Articoli correlati

Il tartufo, delizia del palato e dannazione per la tasca - martedì 1 ottobre 2013
Il tartufo, nonostante sia stato accertato che non possegga alcun valore nutritivo, viene ampiamente apprezzato per il proprio aroma tanto da essere unanimemente definito uno degli ingredienti principe dell’arte culinaria. Babilonesi, greci e ........

Il vino in cucina - martedì 26 novembre 2013

Il vino in cucina, una idea di cui non è possibile stabilire le origini sia temporali che locali, tuttavia è certo che si trattò di un’idea geniale e, comunque sia nata, per caso, per spirito di innovazione o per esigenze di conservazione degli ........

Ricette alla rosa - lunedì 16 dicembre 2013
Ecco due ricette alla rosa deliziose e semplici. Marmellata di rose Ingredienti per sei vasetti da grammi 250: grammi 500 di petali di rosa del colore preferito, mezzo litro di acqua, grammi 500 di zucchero, due limoni, tre cucchiai di acqua ........

La cannella, preziosa in cucina e amica della linea - sabato 26 gennaio 2013

La  cannella, una spezia preziosa in cucina e grande amica della linea perché contrasta la formazione di quegli antiestetici rotolini di grasso sulla pancia. Spezia che trova la sua naturale utilizzazione nella preparazione dei dolci, ........

Come preparare le polpettine al gorgonzola - domenica 15 settembre 2013
Le polpettine di patate al gorgonzola sono senza dubbio un cibo gustoso che può essere preparato da tutti, a basso costo e di sicuro successo. In questa guida aiuteremo quindi il letto a prepararle in modo da poter intrattenere i propri amici. ........

Ricetta del giorno
Orecchiette con cime di rapa e tofu
Lavate le cime di rapa, tagliatele a pezzettini e lessatele in acqua salata bollente. Nel frattempo in una padella fate soffriggere un cucchiaio di olio ....
Articoli redazionali

La Contessa di “Camaldoli” - giovedì 13 marzo 2014

C’è un luogo magico in cui il tempo sembra fermarsi, in cui le papille gustative sembrano essere spinte  a degustare con maggior consapevolezza qualche specialità partenopea o a inebriarsi con vini pregiati, per via della posizione surreale ........


 articolo Cucina
Sushi vegetariano o con pesce cotto. Un all you can cook a casa tua freccedomenica 29 settembre 2013 

Da due anni a questa parte la città nella quale vivo si è del tutto modificata e si è riempita di ristoranti giapponesi "all you can eat". Il sushi, piatto forte della cucina nipponica, ha letteralmente stregato tutti coloro che amano il pesce, ma anche i vegetariani che optano per le versioni vegan. Ormai la maggior parte di noi mangia sushi almeno una volta al mese. Purtroppo, però, non è sempre semplice accorgersi della qualità di ciò che si mangia e spesso si ha un po’ di timore di stare male dopo una grande abbuffata.

Allora perché non risparmiare e mettersi alla prova cercando di cucinare da soli il sushi? Io, per mia natura, non amo il pesce. Spesso quando proferisco questa frase molti amici mi additano ad eretica ma è così e non posso farci nulla se non obbligarmi a mangiarlo per i tanti valori nutritivi che contiene. E qui arriva il bello di provare a cucinarlo a casa da soli: si possono scegliere gli ingredienti da utilizzare!Allora…perché non preparare un sushi vegetariano? Oppure, perchè non optare per il pesce cotto? Il sapore sarà un po’ più delicato e più digeribile e, soprattutto, se non si ha avuto la fortuna di pescarlo il giorno stesso o se non se ne conosce l'esatta provenienza, non si corrono pericoli di nessun tipo.Il tutto è molto facile. Allora mettiamoci al lavoro.

Per alcuni ingredienti contenuti in questa ricetta dobbiamo rivolgerci ad un qualche negozio che venda alimenti importati ma la maggior parte sono usuali e facilmente trovabili al supermercato. Prima di tutto l’alga. Essa è la regina di una specie di sushi che adoro che si chiama maki. Non tutte le alghe vanno bene. Dovrete cercare la alga Nori, una specialità di alga marina. Le alghe sono fonti di proteine e sali minerali. Sono spesso ricche di iodio e quindi sono fondamentali per il metabolismo dei grassi. Esse sono fondamentali per ridurre il colesterolo nel sangue e per il contenuto di fibre, attivano il sistema immunitario, attivano il metabolismo e sono un ottimo lassativo naturale, stimolano l’attività degli enzimi del fegato migliorandone il funzionamento.

Combattono cellulite, ritenzione idrica e sovrappeso ( e questa parte piacerà in particolar modo alle donne...). Per quanto riguarda il riso invece, conviene prendere quello per risotti perché avremo bisogno di una tipologia che riesca a trattenere molta acqua, che si gonfi e che rimanga pastoso in modo tale da poterlo lavorare. Per essere sicuri potete comprare quello specifico per sushi che ormai è presente in molte catene di supermercati. Altrimenti dovrete fare in modo che il riso assorba tutta l’acqua di cottura ( quindi per ogni tazza di riso mettere circa due tazze d’acqua) e dovrete cercare di lasciare il riso fermo nella pentola anche una volta cotto, in modo tale che assorba anche tutto il vapore acqueo ( almeno per 15 minuti).

Eccoci pronti allora a partire. Non resta che decidere quale verdura o quale pesce cotto inserire ( o entrambi). Io consiglierei un classico: tonno e cetrioli. Io di solito faccio così: prendo una ciotola abbastanza capiente e tengo a portata di mano un cucchiaio di legno. Prendo un bicchiere e lo riempio per metà di aceto. Ad esso aggiungo zucchero ( due cucchiaini) e un cucchiaino di sale. Passati 15 minuti prendo il riso e lo trasferisco nella ciotola. Prendo l’aceto e lo scaldo in un pentolino finché il tutto non sarà del tutto sciolto. Lo verso sul riso e giro. Con l’aiuto di un foglio di carta o, ancora meglio, un ventaglio, sventolo il riso. In questo modo l’aceto evaporerà più velocemente. Lascio da parte il riso a lascio a riposo finché non sarà del tutto freddo. Lo lascio coperto con una coperta o un tessuto umido. Faccio lessare le verdure e le lascio raffreddare.

Le taglio per il lungo in modo tale da avere una forma cilindrica. Inizio a costruire i fantastici rolls di sushi. Prendo l’alga e la stendo su un foglio di pellicola. la inumidisco leggermente con le mani e posiziono il riso su di essa, sempre inumidendolo appena appena con le mani e abbastanza velocemente. Lascio un rettangolo di alga senza riso. Posiziono allora il cetriolo o il tonno nella parte del riso. Se mi piace, aggiungo un po’ di salsa wasabi. Bagnandomi le mani vado ad arrotolare l’alga, a partire dalla parte con il ripieno. Ovviamente, bisogna prestare attenzione a non arrotolare la pellicola insieme all'alga!

Una volta pronto il rotolino bagno ancora una volta le mani e faccio appiccicare una parte dell’alga alla parte finale in modo tale che rimanga compatta. Prendo un coltello ben affilato e lo inumidisco. Taglio il rotolo a formare dei piccoli rolls. Il nostro sushi vegetariano o con pesce cotto è pronto. Non ci resta che spolverarlo con del sesamo tostato ( se di nostro gradimento) e preparare in una ciotola l’immancabile salsa di soia per accompagnarli. E ora a tavola. Bacchette alla mano, il Giappone è servito. A casa nostra.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Irene  De Luca - vedi tutti gli articoli di Irene  De Luca





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: