articolo Cucina
Il caffè, tra leggenda e realtà freccemercoledì 25 settembre 2013 


Si narrano numerose leggende sull'origine del caffè. Tra le più note, quella di un pastore etiope di nome Kaldi. Un giorno, le sue capre, mentre erano al pascolo, mangiarono delle bacche e le foglie di una certa pianta. Fin qui nulla di strano se non che, la notte, le capre, restarono sveglie e agitate, vagabondando con energia e vitalità per la campagna. Il pastore, osservando le capre,notò che apprezzavano alimentarsi di quella strana pianta e, raccolti alcuni semi, li mise sul fuoco, li macinò e ne fece un infuso, ottenendo il caffè.

Un'altra leggenda rimanderebbe le origini del caffè agli altipiani dell'Abissinia, altre nello Yemen. Tuttavia, dalle narrazioni di parecchi viaggiatori, si evince che, l'uso del caffè, fosse assai diffuso in tutto l'Oriente islamico alla fine del XVI secolo. Venezia, grazie ai suoi rapporti commerciali con il Vicino Oriente, favorì la diffusione del caffè in Italia e, proprio a Venezia, sembrerebbe sia stata aperta la prima "Bottega del caffè" tra il 1640 e il 1650.

In Europa i caffè erano locali d'incontro per lo scambio di idee tra letterati, filosofi, politici; in Inghilterra nacquero, intorno al 1650, i famosi caffeehouse, nel 1670, si inaugurò il primo caffè a Berlino, nel 1684 a Vienna e nel 1686 a Parigi, nel 1689 a Boston e nel 1696 a New York. Nel Settecento ogni città d'Europa aveva almeno un caffè e la sua coltivazione si diffuse, ad ampio raggio, nelle colonie inglesi e in quelle olandesi.

Gli interessi di chi possedeva queste piante dai frutti preziosi e di chi voleva, invece, ricavarne profitto dalla loro vendita, favorì una rapida diffusione in tutto il mondo, dai luoghi di origine a quelli di coltivazione come Giava, Caraibi, Martinica, tutto il Centro America, al Brasile e alle grandi città d'Europa. Come gustarlo:
  • utilizzare sempre caffè di buona qualità e una vota aperta la confezione, conservarla in una lattina per non disperderne aroma e gusto;
  • usare acqua leggera, poiché, se troppo calcarea, ne rovinerebbe il gusto e, inoltre, deve essere fresca, in modo che si scaldi gradualmente sulla fiamma in un'amalgama con il caffè;
  • la dose ideale è un cucchiaino da tavola per persona, non pressate il caffè;
  • seguire la fase di infusione, lasciando il coperchio sollevato, poiché condensa e il calore, cadendo all'interno della moka, potrebbero alterare il gusto;
  • togliere la caffettiera dal fuoco qualche momento prima che termini l'erogazione, il caffè non deve bollire, perché il gusto diventerebbe sgradevole; bere il caffè appena erogato, caldo, è il momento ideale per assaporarne al meglio gusto ed aroma e quello non consumato, va conservato in contenitori di ceramica o vetro, non di metallo e riscaldato su piastra elettrica o a bagnomaria, non su fiamma;
  • la caffettiera deve essere pulita con cura dopo ogni utilizzo, senza sapone o detersivi, ma con l'ausilio di uno spazzolino ed acqua bollente per filtro e punti nascosti.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Elisabetta  Mancini - vedi tutti gli articoli di Elisabetta  Mancini


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Come cucinare velocemente, sano e con gusto - domenica 1 settembre 2013
Non serve essere un grande chef per sapere come cucinare velocemente, sano e con gusto nel poco tempo che spesso ci rimane tra lavoro e tempo libero. Bastano poche buone, facili regole da seguire, senza stravolgere la nostra vita quotidiana ma ........

Verdure pulite e sicure! - lunedì 16 settembre 2013
È chiaro che mangiare frutta e verdura fa bene, sempre se sono pulite. Cosí come lavarsi le mani evita mille infermità, il lavaggio di frutta e verdura compie lo stesso compito nel tuo organismo. Prima di arrivare alla tua tavola, la frutta e ........

Aperitivo low cost - domenica 8 settembre 2013
E’ sabato hai invitato gente a cena, hai poco tempo e vorresti preparare un aperitivo sfizioso e a basso costo ma sei a corto di idee? Non farti prendere dal panico e segui i nostri consigli per realizzare un perfetto aperitivo low cost. Per ........

Padelle Antiaderenti, il Teflon può essere Cancerogeno - lunedì 28 luglio 2014

Padelle Antiaderenti, il Teflon può essere Cancerogeno, è quanto sembrano dimostrare alcune recenti ricerche che quindi consiglierebbero di evitare di utilizzare questo tipo di padelle, ma anche pentole, per la cottura degli alimenti. Il condizionale ........

Cenone della befana: concludere le feste con una cena buffet. Come organizzarla - lunedì 16 dicembre 2013
Perché non organizzare un ricco buffet per il Cenone della befana? Piuttosto che la solita cena seduti, un modo alternativo per trascorrere ancora l’ultima serata di festa con amici e parenti, potrebbe essere quello di organizzare una cena in ........

 

Ricetta del giorno
Bavarese ai frutti di bosco
In un pentolino versate il latte, aggiungete l'agar agar e fate bollire. Lasciate, poi, sul fuoco per un paio di minuti, tenendo la fiamma bassa e mescolando ....


Articoli correlati

Burro, margarina e olio di oliva: le differenze - lunedì 2 dicembre 2013
Burro, margarina e olio di oliva sono alimenti molto noti dal punto di vista alimentare,alcuni in cucina fanno uso di tutti e tre, altri utilizzano solo due di questi altri soltanto uno;tra il burro, la margarina e l'olio di oliva vi sono enormi ........

Pesce povero... ma bello - venerdì 25 ottobre 2013
Il pesce povero. Potassolo, Palamita, Boga, Musdea, Zerro, Soace… Alzi la mano chi è in grado di dire di prim’acchito di cosa stiamo parlando Di vini??!, azzarderà qualcuno… No, di pesce! Nei nostri mari si pescano ........

Formaggi light e formaggi tradizionali - martedì 24 dicembre 2013
In commercio troviamo vari tipi di formaggio, che si differenziano tra loro per il diverso contenuto di sostanze grasse in essi presente, infatti da questo punto di vista i formaggi possono essere suddivisi in tre categorie: formaggi grassi, ........

Cibi di stagione - giovedì 19 settembre 2013
Potrebbe sembrare scontato parlare di quanto sia importante mangiare cibi di stagione, ma tutte le cose scontate vengono troppo spesso ignorate, perchè sono così tanto presenti nell’aria da sfiorarci senza però toccarci realmente. Il punto ........

I burger vegetali: un'alternativa alla carne - lunedì 11 novembre 2013
I burger vegetali sono un' ottima alternativa al consumo di carne, infatti nell'ambito della dieta vegetariana e vegana, rappresentano uno degli alimenti più innovativi e gustosi. I burger vegetali oltre ad essere molto buoni, sono anche molto ........

Ricetta del giorno
Riso e fagioli neri
Lessare per 15 minuti il riso per risotti, scolarlo e metterlo da parte. Sbucciare le cipolle rosse. Affettarle molto sottili e stufarle per 10 minuti ....

 articolo Cucina
Il caffè, tra leggenda e realtà freccemercoledì 25 settembre 2013 

Si narrano numerose leggende sull'origine del caffè. Tra le più note, quella di un pastore etiope di nome Kaldi. Un giorno, le sue capre, mentre erano al pascolo, mangiarono delle bacche e le foglie di una certa pianta. Fin qui nulla di strano se non che, la notte, le capre, restarono sveglie e agitate, vagabondando con energia e vitalità per la campagna. Il pastore, osservando le capre,notò che apprezzavano alimentarsi di quella strana pianta e, raccolti alcuni semi, li mise sul fuoco, li macinò e ne fece un infuso, ottenendo il caffè.

Un'altra leggenda rimanderebbe le origini del caffè agli altipiani dell'Abissinia, altre nello Yemen. Tuttavia, dalle narrazioni di parecchi viaggiatori, si evince che, l'uso del caffè, fosse assai diffuso in tutto l'Oriente islamico alla fine del XVI secolo. Venezia, grazie ai suoi rapporti commerciali con il Vicino Oriente, favorì la diffusione del caffè in Italia e, proprio a Venezia, sembrerebbe sia stata aperta la prima "Bottega del caffè" tra il 1640 e il 1650.

In Europa i caffè erano locali d'incontro per lo scambio di idee tra letterati, filosofi, politici; in Inghilterra nacquero, intorno al 1650, i famosi caffeehouse, nel 1670, si inaugurò il primo caffè a Berlino, nel 1684 a Vienna e nel 1686 a Parigi, nel 1689 a Boston e nel 1696 a New York. Nel Settecento ogni città d'Europa aveva almeno un caffè e la sua coltivazione si diffuse, ad ampio raggio, nelle colonie inglesi e in quelle olandesi.

Gli interessi di chi possedeva queste piante dai frutti preziosi e di chi voleva, invece, ricavarne profitto dalla loro vendita, favorì una rapida diffusione in tutto il mondo, dai luoghi di origine a quelli di coltivazione come Giava, Caraibi, Martinica, tutto il Centro America, al Brasile e alle grandi città d'Europa. Come gustarlo:
  • utilizzare sempre caffè di buona qualità e una vota aperta la confezione, conservarla in una lattina per non disperderne aroma e gusto;
  • usare acqua leggera, poiché, se troppo calcarea, ne rovinerebbe il gusto e, inoltre, deve essere fresca, in modo che si scaldi gradualmente sulla fiamma in un'amalgama con il caffè;
  • la dose ideale è un cucchiaino da tavola per persona, non pressate il caffè;
  • seguire la fase di infusione, lasciando il coperchio sollevato, poiché condensa e il calore, cadendo all'interno della moka, potrebbero alterare il gusto;
  • togliere la caffettiera dal fuoco qualche momento prima che termini l'erogazione, il caffè non deve bollire, perché il gusto diventerebbe sgradevole; bere il caffè appena erogato, caldo, è il momento ideale per assaporarne al meglio gusto ed aroma e quello non consumato, va conservato in contenitori di ceramica o vetro, non di metallo e riscaldato su piastra elettrica o a bagnomaria, non su fiamma;
  • la caffettiera deve essere pulita con cura dopo ogni utilizzo, senza sapone o detersivi, ma con l'ausilio di uno spazzolino ed acqua bollente per filtro e punti nascosti.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Elisabetta  Mancini - vedi tutti gli articoli di Elisabetta  Mancini





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: