articolo Cucina
Tante gustose alternative al frumento! freccelunedì 23 settembre 2013 


Il frumento o grano è noto fin dai tempi antichi e rappresenta ancor oggi, soprattutto, nelle zone temperate, la principale fonte di cibo per l'uomo, tuttavia esistono delle valide alternativa da poter prendere in considerazione. Qui di seguito ecco illustrati altri tipi di cereali. Il Kamut è un cereale molto antico, si pensi che già più di 5000 anni fa era coltivato dalla popolazione egiziana. Questo cereale, strettamente imparentato con il grano, è stato riscoperto ed ha cominciato a diffondersi su larga scala negli anni '70 ad opera di un agricoltore americano di nome Bob Quinn, a cui si deve anche attribuire il nome "kamut", il cui significato è "anima della terra".

E' stato dimostrato che in confronto agli altri tipi di grano, il kamut, è in grado di dare un apporto energetico molto maggiore ed è considerato uno dei cereali più completi dal punto di vista nutrizionale. Il kamut ha un contenuto d'acqua pari al 9,8%, le proteine sono presenti in misura del 17 % circa, i carboidrati al 68% e le fibre alimentari grezze al 2 %. Inoltre vi troviamo minerali(calcio, ferro, magnesio, fosforo, potassio, rame, zinco, sodio, selenio) e vitamine B e E, quest'ultima presente in quantità pari al 30 % in più rispetto al grano comune. Da alcuni studi statunitensi è emerso che circa il 70% delle persone che non tollerano il grano tradizionale a causa di reazioni allergiche possono tranquillamente consumare il kamut. Le stesse indicazioni non valgono però per i celiaci, in quanto, il kamut, contiene, come il grano, il glutine.

Il farro, una specie di grano coltivata dal 5000 a.C., è stato un prodotto molto importante in alcune parti d'Europa, dall'Età del bronzo all'epoca medioevale. E' utilizzato in un'ampia varietà di cereali, pasta, cracker, prodotti da forno e birre. Il farro è spesso considerato una sottospecie del frumento tenero, infatti, è simile al frumento in apparenza, tuttavia, il guscio del farro è più duro di quello del grano, il che aiuta a proteggere gli elementi nutritivi presenti al suo interno e permette di sopportare gli attacchi di agenti inquinanti e persino invasioni di insetti. Questo cereale contiene più proteine del grano, che, inoltre, sono di più facile digestione; ciò significa che alcune persone allergiche al grano, possono tollerarlo. Come frumento e kamut, il farro, contiene al suo interno glutine e non è pertanto indicato per le persone celiache.

E' una fonte eccellente di nutrienti essenziali e possiede un importante valore nutritivo grazie al suo elevato contenuto proteico, nonché per la composizione di lipidi, fibre grezze, vitamine e minerali. Contiene circa il 57,9% di carboidrati, l'1% di proteine e 3% di grassi, minerali e vitamine. Quindi, perché mangiare il farro? I motivi sono molteplici:
  • contiene più proteine, amminoacidi, vitamine B e minerali rispetto ad un frumento ibrido; 
  • ha proprietà anallergiche; 
  • è compatibile con tutti i tipi di sangue e aggiunge un delizioso sapore di nocciola agli alimenti, quando lo si usa. 
La segale è un tipo di cereale diffuso nelle zone temperate. E' uno dei cereali classici dell'antichità; iniziò probabilmente la sua storia in Asia Minore come pianta selvatica che cresceva nei campi coltivati a orzo e frumento. Ancora oggi, è utilizzato, soprattutto, sotto forma di farina con la quale si realizzano pane misto e pane integrale. In Russia, nei paesi di lingua tedesca e in alcune aree montane dell'Italia del nord si consuma molto pane di segale, il tipico pane nero, arricchito a volte con semi di finocchio e cumino, preparato mescolando farina di segale con una piccola percentuale di farina di frumento.

Per le sue caratteristiche di resistenza e adattabilità al clima e al terreno, non necessitando di cure particolari, la segale è il cereale più diffuso nelle Dolomiti, dove, fin dal IX secolo era presente sotto forma di erba infestante. L'uso frequente di questo cereale è raccomandabile a chi soffre di stipsi, data l'alta percentuale di fibre in esso contenute. Inoltre, secondo un recente studio il consumo regolare del pane di segale aiuterebbe a ridurre la percentuale di colesterolo circolante nel sangue. Una cucina che annovera una varietà di cereali e fibre favorisce e soddisfa più palati e solletica un appetito "nutritivo".
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Elisabetta  Mancini - vedi tutti gli articoli di Elisabetta  Mancini


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Come preparare un dietetica mousse all'arancia - venerdì 13 settembre 2013
Quando si è a dieta ma non si vuole rinunciare a qualcosa di dolce, a patto naturalmente che non vanifichi tutti gli sforzi fatti per perdere i chili superflui, la soluzione migliore è senza dubbio la mousse all'arancia. Si tratta di un dolce ........

Leggi bene l'etichetta!.....è light! - venerdì 27 settembre 2013
Gli alimenti "light" sono prodotti alimentari che contengono meno calorie rispetto agli equivalenti tradizionali, poiché viene ridotto il contenuto di grassi, zuccheri, alcol e colesterolo. Per mantenere inalterate le proprietà organolettiche ........

Menù etnico - i cibi di Atlantide – parte 1 - giovedì 29 agosto 2013
Sembra incredibile come questi Menù Etnici siano finiti nelle mie mani; in realtà avevo sempre considerato molto improbabile l'esistenza di testimonianze Atlantidee: credevo fosse tutta roba da fumetti! Ma adesso sono qui e sono pronto a renderli ........

Cozze gratinate alla siciliana - venerdì 18 ottobre 2013
Le cozze, il mollusco per eccellenza, quello maggiormente conosciuto e consumato, tanto che in alcune regioni d'Italia è considerato un piatto prelibato. Vi sono diversi modi di preparare le cozze, tuttavia la prima cosa da fare è quella di valutare ........

Come e perché utilizzare la zucca gialla - martedì 29 ottobre 2013
Esistono diverse tipologie di zucche, e non tutte sono commestibili, infatti alcune tipologie vengono utilizzate per l'alimentazione del bestiame, altre si prestano ad essere intagliate per fare belle decorazioni. Tale ortaggio particolarmente ........

 

Ricetta del giorno
Risotto al pesto di rucola
Tagliate a fettine sottili lo scalogno e mettetelo nell'olio in una pentola. Fatelo rosolare a fiamma viva e, non appena diventa dorato, aggiungete il ....


Articoli correlati

Pancia gonfia? Ecco cosa mangiare per essere nuovamente in forma - martedì 16 aprile 2013

Pancia gonfia? Un problema con cui sono chiamati a fare i conti ogni giorno un gran numero di persone che oltre tutto non sanno come fare a liberarsi del  fastidio. Si, perché il fastidio è decisamente serio, visto che oltre ad un problema ........

Mangiare il pesce fa bene! - lunedì 23 settembre 2013
Esistono diversi tipi di pesce ed è diverso il loro grado di digeribilità: alcuni sono molti digeribili e adatti all'alimentazione di bambini e anziani(platessa, nasello, sogliola, trota), altri possono risultare meno digeribili(tonno, sgombro, ........

Tante gustose alternative al frumento! - lunedì 23 settembre 2013
Il frumento o grano è noto fin dai tempi antichi e rappresenta ancor oggi, soprattutto, nelle zone temperate, la principale fonte di cibo per l'uomo, tuttavia esistono delle valide alternativa da poter prendere in considerazione. Qui di seguito ........

Il mirtillo: un frutto buono e sano. - domenica 15 settembre 2013
Ecco che arriva il mirtillo. Ormai ci siamo: il 22 settembre inizierà l’autunno e potremmo dire definitivamente “arrivederci” alla nostra estate tanto voluta e amata. Cade di una domenica che, secondo le previsioni Meteo, sarà soleggiata con un ........

Pesce povero... ma bello - venerdì 25 ottobre 2013
Il pesce povero. Potassolo, Palamita, Boga, Musdea, Zerro, Soace… Alzi la mano chi è in grado di dire di prim’acchito di cosa stiamo parlando Di vini??!, azzarderà qualcuno… No, di pesce! Nei nostri mari si pescano ........

Ricetta del giorno
Bavarese alla frutta
Fate ammorbidire in acqua fredda per circa 20 minuti i fogli di gelatina, metteteli senza strizzarli in un tegame nel quale aggiungete un bicchiere di ....

 articolo Cucina
Tante gustose alternative al frumento! freccelunedì 23 settembre 2013 

Il frumento o grano è noto fin dai tempi antichi e rappresenta ancor oggi, soprattutto, nelle zone temperate, la principale fonte di cibo per l'uomo, tuttavia esistono delle valide alternativa da poter prendere in considerazione. Qui di seguito ecco illustrati altri tipi di cereali. Il Kamut è un cereale molto antico, si pensi che già più di 5000 anni fa era coltivato dalla popolazione egiziana. Questo cereale, strettamente imparentato con il grano, è stato riscoperto ed ha cominciato a diffondersi su larga scala negli anni '70 ad opera di un agricoltore americano di nome Bob Quinn, a cui si deve anche attribuire il nome "kamut", il cui significato è "anima della terra".

E' stato dimostrato che in confronto agli altri tipi di grano, il kamut, è in grado di dare un apporto energetico molto maggiore ed è considerato uno dei cereali più completi dal punto di vista nutrizionale. Il kamut ha un contenuto d'acqua pari al 9,8%, le proteine sono presenti in misura del 17 % circa, i carboidrati al 68% e le fibre alimentari grezze al 2 %. Inoltre vi troviamo minerali(calcio, ferro, magnesio, fosforo, potassio, rame, zinco, sodio, selenio) e vitamine B e E, quest'ultima presente in quantità pari al 30 % in più rispetto al grano comune. Da alcuni studi statunitensi è emerso che circa il 70% delle persone che non tollerano il grano tradizionale a causa di reazioni allergiche possono tranquillamente consumare il kamut. Le stesse indicazioni non valgono però per i celiaci, in quanto, il kamut, contiene, come il grano, il glutine.

Il farro, una specie di grano coltivata dal 5000 a.C., è stato un prodotto molto importante in alcune parti d'Europa, dall'Età del bronzo all'epoca medioevale. E' utilizzato in un'ampia varietà di cereali, pasta, cracker, prodotti da forno e birre. Il farro è spesso considerato una sottospecie del frumento tenero, infatti, è simile al frumento in apparenza, tuttavia, il guscio del farro è più duro di quello del grano, il che aiuta a proteggere gli elementi nutritivi presenti al suo interno e permette di sopportare gli attacchi di agenti inquinanti e persino invasioni di insetti. Questo cereale contiene più proteine del grano, che, inoltre, sono di più facile digestione; ciò significa che alcune persone allergiche al grano, possono tollerarlo. Come frumento e kamut, il farro, contiene al suo interno glutine e non è pertanto indicato per le persone celiache.

E' una fonte eccellente di nutrienti essenziali e possiede un importante valore nutritivo grazie al suo elevato contenuto proteico, nonché per la composizione di lipidi, fibre grezze, vitamine e minerali. Contiene circa il 57,9% di carboidrati, l'1% di proteine e 3% di grassi, minerali e vitamine. Quindi, perché mangiare il farro? I motivi sono molteplici:
  • contiene più proteine, amminoacidi, vitamine B e minerali rispetto ad un frumento ibrido; 
  • ha proprietà anallergiche; 
  • è compatibile con tutti i tipi di sangue e aggiunge un delizioso sapore di nocciola agli alimenti, quando lo si usa. 
La segale è un tipo di cereale diffuso nelle zone temperate. E' uno dei cereali classici dell'antichità; iniziò probabilmente la sua storia in Asia Minore come pianta selvatica che cresceva nei campi coltivati a orzo e frumento. Ancora oggi, è utilizzato, soprattutto, sotto forma di farina con la quale si realizzano pane misto e pane integrale. In Russia, nei paesi di lingua tedesca e in alcune aree montane dell'Italia del nord si consuma molto pane di segale, il tipico pane nero, arricchito a volte con semi di finocchio e cumino, preparato mescolando farina di segale con una piccola percentuale di farina di frumento.

Per le sue caratteristiche di resistenza e adattabilità al clima e al terreno, non necessitando di cure particolari, la segale è il cereale più diffuso nelle Dolomiti, dove, fin dal IX secolo era presente sotto forma di erba infestante. L'uso frequente di questo cereale è raccomandabile a chi soffre di stipsi, data l'alta percentuale di fibre in esso contenute. Inoltre, secondo un recente studio il consumo regolare del pane di segale aiuterebbe a ridurre la percentuale di colesterolo circolante nel sangue. Una cucina che annovera una varietà di cereali e fibre favorisce e soddisfa più palati e solletica un appetito "nutritivo".
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Elisabetta  Mancini - vedi tutti gli articoli di Elisabetta  Mancini





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: