articolo Cucina
Cibi di stagione freccegiovedì 19 settembre 2013 


Potrebbe sembrare scontato parlare di quanto sia importante mangiare cibi di stagione, ma tutte le cose scontate vengono troppo spesso ignorate, perchè sono così tanto presenti nell’aria da sfiorarci senza però toccarci realmente. Il punto è che se nel riempire il carrello della spesa, pensassimo di più alla sostanza di quello che scegliamo ci renderemmo conto di quanto i supermercati contino sulla nostra ignoranza e sulla nostra superficialità.

Creano bisogni dal nulla, riempendo gli scaffali di roba invitante, colorata, dandoci l’impressione di poter avere tutto ciò che desideriamo, che siano le fragole a dicembre o le castagne a ferragosto non ha importanza... Invece assecondando questo sistema di danni ne procuriamo, eccome. Così come possiamo fare il pieno di vitamina C, tramite kiwi,arance etc proprio in inverno, quando dobbiamo difenderci dall’influenza. E’chiaro quindi che adeguarci all’alternarsi naturale dei prodotti ortofrutticoli oltre a permetterci di variare spesso la nostra dieta, il che è alla base di una corretta alimentazione, ci consente di affrontare le difficoltà che il nostro organismo incontra di stagione in stagione.

Già questo potrebbe bastare a convincerci, ma non è tutto. La frutta e la verdura fatte crescere forzatamente al di fuori delle loro condizioni naturali non presentano gli stessi nutrienti e principi attivi, inoltre richiedono un utilizzo maggiore di pesticidi essendo più soggette agli attacchi dei parassiti. Un ulteriore vantaggio, nel consumare cibi di stagione, lo troviamo a livello ambientale. Abbiamo già parlato dell’uso dei pesticidi, questi così come i fertilizzanti artificiali sono in generale ottenuti dal petrolio. In più far crescere certe piante fuori tempo richiede l’uso di serre, il che si traduce in riscaldamento ed illuminazione, quindi spreco di energia, senza contare l’eventuale impiego di trasporti aerei o di altro genere quando parliamo di importazione.

Pensiamo infine alle nostre tasche. Mangiare prodotti stagionali costa meno, perchè non richiede l’uso di energia artificiale. Se poi vogliamo essere dei veri virtuosi, l’ideale sarebbe mangiare i prodotti che la nostra terra, nel senso della nostra regione, di volta in volta ci propone. Si tratta del famoso km 0, che chiaramente consente di abbattere anche ogni costo di trasporto. In ogni caso, ciò che più di ogni altra cosa dovrebbe poterci guidare nella scelta di ciò che acquistiamo e il nostro palato. Non c’è paragone a livello di gusto tra un finocchio raccolto a dicembre ed uno nato non si sa come a luglio. A questo punto possiamo soffermarci su cosa ci offre la terra nella stagione che ci viene incontro.

A settembre troviamo ad esempio: aglio, bietole, broccoli, carote, cavolfiori, cicoria, cipolle, fagioli, fagiolini, fiori di zucca, funghi, insalata, mais, melanzane, patate, peperoni, piselli, porri, radicchio verde, scarola, songino, rucola. Per quanto riguarda la frutta invece è tempo di albicocche banane, fichi d’india, kiwi, limoni, melagrane, mele, meloni, mirtilli, more, pere, pesche, ribes, susine ed uva. Ad ottobre possiamo iniziare a mangiare la zucca, le cime di rapa, le lenticchie, l’orzo, i ravanelli, gli scalogni, il tartufo, l’ananas, i cachi, le castagne, le mandorle , le noci , le olive.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Antonella  Giosa - vedi tutti gli articoli di Antonella  Giosa


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Come preparare il pane con la farina di castagne - venerdì 8 novembre 2013
Il pane fatto con la farina di castagna anticamente, nei periodi di crisi del raccolto che investirono la nostra Penisola, fu senza dubbio una valida alternativa alla sola farina. Cerchiamo ora di riprendere questa antica tradizione spiegando ........

Ricette alla rosa - lunedì 16 dicembre 2013
Ecco due ricette alla rosa deliziose e semplici. Marmellata di rose Ingredienti per sei vasetti da grammi 250: grammi 500 di petali di rosa del colore preferito, mezzo litro di acqua, grammi 500 di zucchero, due limoni, tre cucchiai di acqua ........

Un weekend extravergine - domenica 24 novembre 2013

Se la gita fuori porta di questo fine settimana vi dovesse condurre in una località di campagna, è bene che non manchiate di fare un salto nei vari frantoi disseminati un po’ ovunque sul territorio della nostra penisola; potreste unire l’utile al ........

I vegetariani vivono più a lungo dei carnivori - domenica 30 giugno 2013

I vegetariani vivono più a lungo di coloro che mangiano anche la carne.  È quanto emerge dai risultati di una ricerca della Loma Linda University in California che ha osservato per un certo periodo di tempo, circa sei anni, oltre ........

Panna vegetale e panna tradizionale: le differenze - martedì 17 dicembre 2013

La panna vegetale, come la margarina, è uno dei tanti alimenti vegetali che sono stati creati come alternativa ai grassi di origine animale, perciò molti avranno sicuramente pensato che i grassi di origine vegetale siano migliori di quelli ........

 

Ricetta del giorno
Insalata con feta e polpa di granchio
Lavare la menta, asciugarla, staccare le foglie dal rametto e tritarle. Versare lo yogurt in una ciotola con il succo di limone, l’olio, sale, pepe e ....


Articoli correlati

Come cucinare velocemente, sano e con gusto - domenica 1 settembre 2013
Non serve essere un grande chef per sapere come cucinare velocemente, sano e con gusto nel poco tempo che spesso ci rimane tra lavoro e tempo libero. Bastano poche buone, facili regole da seguire, senza stravolgere la nostra vita quotidiana ma ........

Formaggi light e formaggi tradizionali - martedì 24 dicembre 2013
In commercio troviamo vari tipi di formaggio, che si differenziano tra loro per il diverso contenuto di sostanze grasse in essi presente, infatti da questo punto di vista i formaggi possono essere suddivisi in tre categorie: formaggi grassi, ........

Aperitivo low cost - domenica 8 settembre 2013
E’ sabato hai invitato gente a cena, hai poco tempo e vorresti preparare un aperitivo sfizioso e a basso costo ma sei a corto di idee? Non farti prendere dal panico e segui i nostri consigli per realizzare un perfetto aperitivo low cost. Per ........

Ricetta farro e ceci - martedì 22 ottobre 2013
Fanno una coppia perfetto il farro e i ceci, una coppia di cui i toscani hanno colto da tempo immemorabile le potenzialità. Il farro è forse il cereale più salutare in quanto è il meno calorico, ha inoltre pochissimi grassi, un basso indice glicemico ........

Un weekend extravergine - domenica 24 novembre 2013

Se la gita fuori porta di questo fine settimana vi dovesse condurre in una località di campagna, è bene che non manchiate di fare un salto nei vari frantoi disseminati un po’ ovunque sul territorio della nostra penisola; potreste unire l’utile al ........

Ricetta del giorno
Lenticchie speziate all'indiana
Lavate le lenticchie e lasciatele scolare. Intanto in una padella mettete a rosolare la cipolla rossa, ben triturata, nell'olio e quando questa ....

 articolo Cucina
Cibi di stagione freccegiovedì 19 settembre 2013 

Potrebbe sembrare scontato parlare di quanto sia importante mangiare cibi di stagione, ma tutte le cose scontate vengono troppo spesso ignorate, perchè sono così tanto presenti nell’aria da sfiorarci senza però toccarci realmente. Il punto è che se nel riempire il carrello della spesa, pensassimo di più alla sostanza di quello che scegliamo ci renderemmo conto di quanto i supermercati contino sulla nostra ignoranza e sulla nostra superficialità.

Creano bisogni dal nulla, riempendo gli scaffali di roba invitante, colorata, dandoci l’impressione di poter avere tutto ciò che desideriamo, che siano le fragole a dicembre o le castagne a ferragosto non ha importanza... Invece assecondando questo sistema di danni ne procuriamo, eccome. Così come possiamo fare il pieno di vitamina C, tramite kiwi,arance etc proprio in inverno, quando dobbiamo difenderci dall’influenza. E’chiaro quindi che adeguarci all’alternarsi naturale dei prodotti ortofrutticoli oltre a permetterci di variare spesso la nostra dieta, il che è alla base di una corretta alimentazione, ci consente di affrontare le difficoltà che il nostro organismo incontra di stagione in stagione.

Già questo potrebbe bastare a convincerci, ma non è tutto. La frutta e la verdura fatte crescere forzatamente al di fuori delle loro condizioni naturali non presentano gli stessi nutrienti e principi attivi, inoltre richiedono un utilizzo maggiore di pesticidi essendo più soggette agli attacchi dei parassiti. Un ulteriore vantaggio, nel consumare cibi di stagione, lo troviamo a livello ambientale. Abbiamo già parlato dell’uso dei pesticidi, questi così come i fertilizzanti artificiali sono in generale ottenuti dal petrolio. In più far crescere certe piante fuori tempo richiede l’uso di serre, il che si traduce in riscaldamento ed illuminazione, quindi spreco di energia, senza contare l’eventuale impiego di trasporti aerei o di altro genere quando parliamo di importazione.

Pensiamo infine alle nostre tasche. Mangiare prodotti stagionali costa meno, perchè non richiede l’uso di energia artificiale. Se poi vogliamo essere dei veri virtuosi, l’ideale sarebbe mangiare i prodotti che la nostra terra, nel senso della nostra regione, di volta in volta ci propone. Si tratta del famoso km 0, che chiaramente consente di abbattere anche ogni costo di trasporto. In ogni caso, ciò che più di ogni altra cosa dovrebbe poterci guidare nella scelta di ciò che acquistiamo e il nostro palato. Non c’è paragone a livello di gusto tra un finocchio raccolto a dicembre ed uno nato non si sa come a luglio. A questo punto possiamo soffermarci su cosa ci offre la terra nella stagione che ci viene incontro.

A settembre troviamo ad esempio: aglio, bietole, broccoli, carote, cavolfiori, cicoria, cipolle, fagioli, fagiolini, fiori di zucca, funghi, insalata, mais, melanzane, patate, peperoni, piselli, porri, radicchio verde, scarola, songino, rucola. Per quanto riguarda la frutta invece è tempo di albicocche banane, fichi d’india, kiwi, limoni, melagrane, mele, meloni, mirtilli, more, pere, pesche, ribes, susine ed uva. Ad ottobre possiamo iniziare a mangiare la zucca, le cime di rapa, le lenticchie, l’orzo, i ravanelli, gli scalogni, il tartufo, l’ananas, i cachi, le castagne, le mandorle , le noci , le olive.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Antonella  Giosa - vedi tutti gli articoli di Antonella  Giosa





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: