articolo Cucina
Cibi di stagione freccegiovedì 19 settembre 2013 


Potrebbe sembrare scontato parlare di quanto sia importante mangiare cibi di stagione, ma tutte le cose scontate vengono troppo spesso ignorate, perchè sono così tanto presenti nell’aria da sfiorarci senza però toccarci realmente. Il punto è che se nel riempire il carrello della spesa, pensassimo di più alla sostanza di quello che scegliamo ci renderemmo conto di quanto i supermercati contino sulla nostra ignoranza e sulla nostra superficialità.

Creano bisogni dal nulla, riempendo gli scaffali di roba invitante, colorata, dandoci l’impressione di poter avere tutto ciò che desideriamo, che siano le fragole a dicembre o le castagne a ferragosto non ha importanza... Invece assecondando questo sistema di danni ne procuriamo, eccome. Così come possiamo fare il pieno di vitamina C, tramite kiwi,arance etc proprio in inverno, quando dobbiamo difenderci dall’influenza. E’chiaro quindi che adeguarci all’alternarsi naturale dei prodotti ortofrutticoli oltre a permetterci di variare spesso la nostra dieta, il che è alla base di una corretta alimentazione, ci consente di affrontare le difficoltà che il nostro organismo incontra di stagione in stagione.

Già questo potrebbe bastare a convincerci, ma non è tutto. La frutta e la verdura fatte crescere forzatamente al di fuori delle loro condizioni naturali non presentano gli stessi nutrienti e principi attivi, inoltre richiedono un utilizzo maggiore di pesticidi essendo più soggette agli attacchi dei parassiti. Un ulteriore vantaggio, nel consumare cibi di stagione, lo troviamo a livello ambientale. Abbiamo già parlato dell’uso dei pesticidi, questi così come i fertilizzanti artificiali sono in generale ottenuti dal petrolio. In più far crescere certe piante fuori tempo richiede l’uso di serre, il che si traduce in riscaldamento ed illuminazione, quindi spreco di energia, senza contare l’eventuale impiego di trasporti aerei o di altro genere quando parliamo di importazione.

Pensiamo infine alle nostre tasche. Mangiare prodotti stagionali costa meno, perchè non richiede l’uso di energia artificiale. Se poi vogliamo essere dei veri virtuosi, l’ideale sarebbe mangiare i prodotti che la nostra terra, nel senso della nostra regione, di volta in volta ci propone. Si tratta del famoso km 0, che chiaramente consente di abbattere anche ogni costo di trasporto. In ogni caso, ciò che più di ogni altra cosa dovrebbe poterci guidare nella scelta di ciò che acquistiamo e il nostro palato. Non c’è paragone a livello di gusto tra un finocchio raccolto a dicembre ed uno nato non si sa come a luglio. A questo punto possiamo soffermarci su cosa ci offre la terra nella stagione che ci viene incontro.

A settembre troviamo ad esempio: aglio, bietole, broccoli, carote, cavolfiori, cicoria, cipolle, fagioli, fagiolini, fiori di zucca, funghi, insalata, mais, melanzane, patate, peperoni, piselli, porri, radicchio verde, scarola, songino, rucola. Per quanto riguarda la frutta invece è tempo di albicocche banane, fichi d’india, kiwi, limoni, melagrane, mele, meloni, mirtilli, more, pere, pesche, ribes, susine ed uva. Ad ottobre possiamo iniziare a mangiare la zucca, le cime di rapa, le lenticchie, l’orzo, i ravanelli, gli scalogni, il tartufo, l’ananas, i cachi, le castagne, le mandorle , le noci , le olive.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Antonella  Giosa - vedi tutti gli articoli di Antonella  Giosa


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Conoscere l'olio - mercoledì 25 settembre 2013
L'ulivo è originario del Mediterraneo, le tracce più antiche sono state trovate in Israele e risalgono al V millennio a.C.. La coltivazione e la produzione vennero messe a punto dai Greci e poi dai Romani. La raccolta delle olive mediante "brucatura" ........

Tutti matti per la pizza! - lunedì 23 settembre 2013
La storia della pizza è lunga e complicata. Già nell'antichità esisteva una variante simile alla pizza, cioè delle focacce, più o meno appiattite, alle quali venivano aggiunti svariati tipi di condimenti. Questi pani di forma piatta provenivano ........

La pizza turca - lunedì 16 settembre 2013
Il Lahmacun (che significa impasto di carne) è una pizza diffusa in Turchia e Armenia. E' molto popolare quasi quanto il kebab. E' un sottile strato di pasta ricoperto di carne di agnello o manzo macinata e peperoni verdi. Viene solitamente ........

Bavarese di zucca e cioccolato - lunedì 7 ottobre 2013
La Bavarese di zucca è un dolce squisito, a base di zucca, una sorta di dolce"quasi dietetico", perfetto per le feste di Halloween, per il dopo pasto autunnale nelle prime cene tra amici, intorno al camino. E si, perché ormai l'estate è finita ........

Basta un poco di zucchero e...... !!!!!! - martedì 24 settembre 2013
Il miele è uno degli alimenti più semplici e allo stesso tempo più complessi che la natura ci possa offrire. Esso è il risultato di una perfetta sinergia tra le api e i fiori, le prime che ne raccolgono il nettare per trasformarlo nel prezioso ........

 

Ricetta del giorno
Mezze maniche con zucchine e salmone
Fare bollire una pentola con circa 3,5 litri di acqua salata con sale grosso. Calare le mezze maniche, mescolare e portare a cottura.
Intanto si ....


Articoli correlati

Il gelato come alimento che si rivoluziona in modo positivo. - martedì 3 settembre 2013
Per gli amanti del gelato, non c’è di cui preoccuparsi, non sarà la fine dell'estate e l’inizio del lavoro, atteso con amore, a frenare la voglia di mangiare un bel cono gelato; ma non solo.. Oramai, anche per coloro che vogliono continuare a ........

Cibi di stagione - giovedì 19 settembre 2013
Potrebbe sembrare scontato parlare di quanto sia importante mangiare cibi di stagione, ma tutte le cose scontate vengono troppo spesso ignorate, perchè sono così tanto presenti nell’aria da sfiorarci senza però toccarci realmente. Il punto ........

Sostituire la maionese: ricetta - lunedì 23 settembre 2013
A me la maionese non piace, ma questo è un problema mio. Non si può negare però che molto spesso, per ragioni di salute o di linea, ci si trova a doverne fare a meno, il che in certi casi comporta una rinuncia piuttosto antipatica. Ci sono piatti, ........

Cosa si deve mangiare per bruciare i grassi - giovedì 25 aprile 2013

Bruciare i grassi, per molti una necessità più che un desiderio, solo che il più delle volte si sceglie la strada sbagliata, perché ci si affida a diete estreme che, pur dando di risultati in molti casi, possono tuttavia rappresentare un pericolo ........

Frutta e verdura per una pancia piatta in poco tempo - sabato 9 marzo 2013

Avere un bel fisico asciutto, una pancia piatta da poter  esibire  orgogliosamente in costume è l’obiettivo che in tanti cercano di raggiungere in tutti i modi, costi quello che costi, e con l’avvicinarsi dell’estate, anche se mancano ........

Ricetta del giorno
Riso e fagioli neri
Lessare per 15 minuti il riso per risotti, scolarlo e metterlo da parte. Sbucciare le cipolle rosse. Affettarle molto sottili e stufarle per 10 minuti ....

 articolo Cucina
Cibi di stagione freccegiovedì 19 settembre 2013 

Potrebbe sembrare scontato parlare di quanto sia importante mangiare cibi di stagione, ma tutte le cose scontate vengono troppo spesso ignorate, perchè sono così tanto presenti nell’aria da sfiorarci senza però toccarci realmente. Il punto è che se nel riempire il carrello della spesa, pensassimo di più alla sostanza di quello che scegliamo ci renderemmo conto di quanto i supermercati contino sulla nostra ignoranza e sulla nostra superficialità.

Creano bisogni dal nulla, riempendo gli scaffali di roba invitante, colorata, dandoci l’impressione di poter avere tutto ciò che desideriamo, che siano le fragole a dicembre o le castagne a ferragosto non ha importanza... Invece assecondando questo sistema di danni ne procuriamo, eccome. Così come possiamo fare il pieno di vitamina C, tramite kiwi,arance etc proprio in inverno, quando dobbiamo difenderci dall’influenza. E’chiaro quindi che adeguarci all’alternarsi naturale dei prodotti ortofrutticoli oltre a permetterci di variare spesso la nostra dieta, il che è alla base di una corretta alimentazione, ci consente di affrontare le difficoltà che il nostro organismo incontra di stagione in stagione.

Già questo potrebbe bastare a convincerci, ma non è tutto. La frutta e la verdura fatte crescere forzatamente al di fuori delle loro condizioni naturali non presentano gli stessi nutrienti e principi attivi, inoltre richiedono un utilizzo maggiore di pesticidi essendo più soggette agli attacchi dei parassiti. Un ulteriore vantaggio, nel consumare cibi di stagione, lo troviamo a livello ambientale. Abbiamo già parlato dell’uso dei pesticidi, questi così come i fertilizzanti artificiali sono in generale ottenuti dal petrolio. In più far crescere certe piante fuori tempo richiede l’uso di serre, il che si traduce in riscaldamento ed illuminazione, quindi spreco di energia, senza contare l’eventuale impiego di trasporti aerei o di altro genere quando parliamo di importazione.

Pensiamo infine alle nostre tasche. Mangiare prodotti stagionali costa meno, perchè non richiede l’uso di energia artificiale. Se poi vogliamo essere dei veri virtuosi, l’ideale sarebbe mangiare i prodotti che la nostra terra, nel senso della nostra regione, di volta in volta ci propone. Si tratta del famoso km 0, che chiaramente consente di abbattere anche ogni costo di trasporto. In ogni caso, ciò che più di ogni altra cosa dovrebbe poterci guidare nella scelta di ciò che acquistiamo e il nostro palato. Non c’è paragone a livello di gusto tra un finocchio raccolto a dicembre ed uno nato non si sa come a luglio. A questo punto possiamo soffermarci su cosa ci offre la terra nella stagione che ci viene incontro.

A settembre troviamo ad esempio: aglio, bietole, broccoli, carote, cavolfiori, cicoria, cipolle, fagioli, fagiolini, fiori di zucca, funghi, insalata, mais, melanzane, patate, peperoni, piselli, porri, radicchio verde, scarola, songino, rucola. Per quanto riguarda la frutta invece è tempo di albicocche banane, fichi d’india, kiwi, limoni, melagrane, mele, meloni, mirtilli, more, pere, pesche, ribes, susine ed uva. Ad ottobre possiamo iniziare a mangiare la zucca, le cime di rapa, le lenticchie, l’orzo, i ravanelli, gli scalogni, il tartufo, l’ananas, i cachi, le castagne, le mandorle , le noci , le olive.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Antonella  Giosa - vedi tutti gli articoli di Antonella  Giosa





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: