articolo Cucina
Il gelato, buono o cattivo? freccemercoledì 11 settembre 2013 


Che il gelato sia più buono o cattivo è possibile stabilirlo solo conoscendolo bene. Certo, parlare di gelato a settembre, quando l’estate spara ormai le sue ultime cartucce e l’armadio è in attesa del ribaltamento stagionale, può sembrare paradossale. In realtà, che sia in un surriscaldato centro commerciale o come degno dopo cena tra amici, si può dire che non fa mai troppo freddo per averne voglia. Le sue origini sono antichissime, bisogna andare indietro di almeno 500 anni e l’Italia ormai ha un riconosciuto primato in materia.

Bisogna però avere consapevolezza di cosa si mangia e dunque saper scegliere. Inutile dire che sarebbe meglio evitare i gelati confezionati. Infatti, al di là di casi specifici come vacanze all’estero in luoghi non sicuri dal punto di vista igienico, questi presentano solo svantaggi a livello nutrizionale, annullando del tutto le qualità che di solito attribuiamo al gelato. Le produzioni industriali, infatti, presentano una quantità superiore di zucchero (che oltre a rendere il gelato più goloso serve ad abbassare la temperatura di congelamento donando quindi maggior cremosità) e ricorrono ad aromi artificiali, conservanti, stabilizzanti, etc.

Questo vale anche per i ghiaccioli che in genere vengono offerti ai bambini come qualcosa di rinfrescante e innocuo, magari con l’intenzione di far mangiare della frutta per vie traverse. In realtà anche qui il sapore è dato solo dagli aromi artificiali...dunque di frutta neanche l’ombra. Il discorso cambia se parliamo di gelato artigianale. Qui addirittura c’è chi sostiene che saltuariamente possa essere assunto come sostituto di un pasto e c’è sicuramente accordo nel ritenerlo una valida merenda. Oltre a coccolare il palato con la sua cremosità e a soddisfare la gola col gusto che preferiamo, il gelato apporta una serie di micronutrienti utili al nostro organismo.

Innanzi tutto è da apprezzare la quantità di proteine ad alto valore biologico quali quelle del latte e delle uova (nel caso dei gelati alle creme), poi gli zuccheri, i carboidrati e la frutta. Inoltre ci si trova di fronte ad ingredienti di qualità e non ad espedienti come succhi di frutta o latte in polvere. Ovviamente l’unica arma che abbiamo a disposizione, per scegliere bene, è la lista degli ingredienti. La legge prevede che sia sempre esposta anche nelle gelaterie artigianali, sebbene purtroppo questa disposizione sia spesso disattesa.

Possiamo mangiare tranquilli se nell’elenco non compaiono oli o grassi idrogenati, o quanto meno se questi non sono tra i primi posti, il che significherebbe che predominano quantitativamente. A livello calorico si spazia indicativamente dalle 100 alle 300 calorie (per 100gr), a seconda che si scelga un gelato alla frutta o uno alle creme e in relazione agli specifici gusti. Esistono poi interessanti soluzioni per chi è particolarmente attento alla linea o per problemi di salute dovesse evitare latte e derivati. Tra questi si pensi al sorbetto al cioccolato ottenuto con cacao amaro o dalle tavolette e assolutamente privo di latte o panna, oppure al gelato di riso o anche al gelato ottenuto con latte di soia.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Antonella  Giosa - vedi tutti gli articoli di Antonella  Giosa


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Alimentazione. Dimagrire mangiando bene - lunedì 14 gennaio 2013

L’alimentazione è una delle cose con cui bisogna fare i conti praticamente tutti i giorni, perché è una di quelle cose di cui non è possibile fare a meno. L’alimentazione, il mangiare tanto per intenderci, non è solo una questione di sopravvivenza, ........

Torta al cioccolato e bambini, un dolce ritorno - giovedì 26 settembre 2013
Settembre, torta e cioccolato. Inizia il grigio, il nuvoloso, il freddo ma soprattutto si torna al lavoro… e a scuola. Allora perché non cucinare insieme con i nostri piccoli qualcosa di buono iniziando il nuovo anno con un po’ di dolcezza? Magari ........

Carne di tacchino: proprietà e ricetta - martedì 17 settembre 2013
Le proprietà della carne di tacchino sono molteplici e, soprattutto, non hanno rovesci della medaglia. Com’è risaputo il tacchino appartiene al gruppo delle carni bianche, di cui le linee guida del Ministero della Salute promuovono un consumo ........

Tante gustose alternative al frumento! - lunedì 23 settembre 2013
Il frumento o grano è noto fin dai tempi antichi e rappresenta ancor oggi, soprattutto, nelle zone temperate, la principale fonte di cibo per l'uomo, tuttavia esistono delle valide alternativa da poter prendere in considerazione. Qui di seguito ........

L'olio di cocco: pregi e difetti - mercoledì 4 dicembre 2013
L'olio di cocco è un olio vegetale che viene estratto dalla polpa essicata della noce di cocco, detta anche copra, l'olio di cocco per anni è stato sottovalutato per il suo elevato tenore di grassi saturi, esattamente come il burro, infatti l'olio ........

 

Ricetta del giorno
Arancini di riso alla siciliana
Fate lessare il riso in abbondante acqua salata, sgocciolatelo bene e ancora caldo mantecatelo con lo zafferano, il parmigiano grattugiato e due delle ....


Articoli correlati

Grassi idrogenati: cosa sono e come evitarli - giovedì 28 novembre 2013
I grassi idrogenati sono dei grassi assolutamente nocivi per la nostra salute, in quanto frutto di una manipolazione chimica chiamata appunto idrogenazione; in pratica si prende un olio vegetale, solitamente economico, e lo si sottopone a tale ........

Il curry: benefici e proprietà - domenica 3 novembre 2013
Il curry è un alimento di origine indiana, con importanti proprietà curative e capace di donare specifici benefici al nostro organismo. E’ formato da una miscela di spezie, prima tostate e poi triturate, diverse a seconda della regione di provenienza, ........

I datteri - sabato 14 dicembre 2013
I datteri sono i frutti della palma da dattero e sono originari del nord africa, dell'Arabia,del golfo Persico e del medio oriente in generale; i datteri rappresentano presso le popolazioni locali di queste zone una delle principali fonti di sostentamento, ........

Il berberè: cos’è e come si prepara - giovedì 20 febbraio 2014
Il berberè è una miscela particolarmente piccante, tipica della cucina eritrea e del Corno d’Africa più in generale, un’area geografica all’interno della quale questo rappresenta un elemento essenziale per la preparazione dello zighinì, servito ........

Conoscere la cucina etnica - giovedì 26 settembre 2013
I cultori della buona cucina amano degustare piatti tradizionali provenienti da terre lontane, dove gli ingredienti hanno odori e sapori diversi dai nostri e dove, la cucina internazionale diventa motivo di grande attenzione. La cucina è una componente ........

Ricetta del giorno
Ciambellone di riso estivo con verdure e polpette di soia
Fate bollire l’acqua, salatela e cuoceteci il riso basmati, mantenendolo al dente. Nel frattempo lavate tutte le verdure, tritate il più finemente ....
Articoli redazionali

Il cioccolato diventa arte da Antica Cioccolateria napoletana - lunedì 11 novembre 2013

« Alla fine, Charlie Bucket aveva ottenuto una fabbrica di cioccolato. Ma Willy Wonka aveva ottenuto una cosa anche migliore: una famiglia. E una cosa era assolutamente certa: la vita non era mai stata più dolce. » : questa ........


 articolo Cucina
Il gelato, buono o cattivo? freccemercoledì 11 settembre 2013 

Che il gelato sia più buono o cattivo è possibile stabilirlo solo conoscendolo bene. Certo, parlare di gelato a settembre, quando l’estate spara ormai le sue ultime cartucce e l’armadio è in attesa del ribaltamento stagionale, può sembrare paradossale. In realtà, che sia in un surriscaldato centro commerciale o come degno dopo cena tra amici, si può dire che non fa mai troppo freddo per averne voglia. Le sue origini sono antichissime, bisogna andare indietro di almeno 500 anni e l’Italia ormai ha un riconosciuto primato in materia.

Bisogna però avere consapevolezza di cosa si mangia e dunque saper scegliere. Inutile dire che sarebbe meglio evitare i gelati confezionati. Infatti, al di là di casi specifici come vacanze all’estero in luoghi non sicuri dal punto di vista igienico, questi presentano solo svantaggi a livello nutrizionale, annullando del tutto le qualità che di solito attribuiamo al gelato. Le produzioni industriali, infatti, presentano una quantità superiore di zucchero (che oltre a rendere il gelato più goloso serve ad abbassare la temperatura di congelamento donando quindi maggior cremosità) e ricorrono ad aromi artificiali, conservanti, stabilizzanti, etc.

Questo vale anche per i ghiaccioli che in genere vengono offerti ai bambini come qualcosa di rinfrescante e innocuo, magari con l’intenzione di far mangiare della frutta per vie traverse. In realtà anche qui il sapore è dato solo dagli aromi artificiali...dunque di frutta neanche l’ombra. Il discorso cambia se parliamo di gelato artigianale. Qui addirittura c’è chi sostiene che saltuariamente possa essere assunto come sostituto di un pasto e c’è sicuramente accordo nel ritenerlo una valida merenda. Oltre a coccolare il palato con la sua cremosità e a soddisfare la gola col gusto che preferiamo, il gelato apporta una serie di micronutrienti utili al nostro organismo.

Innanzi tutto è da apprezzare la quantità di proteine ad alto valore biologico quali quelle del latte e delle uova (nel caso dei gelati alle creme), poi gli zuccheri, i carboidrati e la frutta. Inoltre ci si trova di fronte ad ingredienti di qualità e non ad espedienti come succhi di frutta o latte in polvere. Ovviamente l’unica arma che abbiamo a disposizione, per scegliere bene, è la lista degli ingredienti. La legge prevede che sia sempre esposta anche nelle gelaterie artigianali, sebbene purtroppo questa disposizione sia spesso disattesa.

Possiamo mangiare tranquilli se nell’elenco non compaiono oli o grassi idrogenati, o quanto meno se questi non sono tra i primi posti, il che significherebbe che predominano quantitativamente. A livello calorico si spazia indicativamente dalle 100 alle 300 calorie (per 100gr), a seconda che si scelga un gelato alla frutta o uno alle creme e in relazione agli specifici gusti. Esistono poi interessanti soluzioni per chi è particolarmente attento alla linea o per problemi di salute dovesse evitare latte e derivati. Tra questi si pensi al sorbetto al cioccolato ottenuto con cacao amaro o dalle tavolette e assolutamente privo di latte o panna, oppure al gelato di riso o anche al gelato ottenuto con latte di soia.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Antonella  Giosa - vedi tutti gli articoli di Antonella  Giosa





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: