articolo Cucina
Menù etnico – i cibi di Atlantide – parte 2 freccevenerdì 30 agosto 2013 


Tsike, lo sciamano guaritore della tribù dei Fleathead, incontrato nel 1991 nel Montana, proseguì la sua storia sul lungo viaggio dei suoi progenitori (tra il 5000 e il 2100 a.C. dalle Hawaii al Nord America, passando per l'Egitto, l'Europa, il Medio Oriente e l'India), dicendomi che era usanza, in molteplici occasioni, accompagnare le vivande con distillati d'uva. Nei Menù Atlantidei queste bevande, così simili al vino, venivano preparate dai bambini e dalle anziane donne del popolo dei camminatori (non vi avevo ancora detto che si chiamavano Cohei).

I giovani raccoglievano l'uva e la spremevano con le mani (non con i piedi, da dedicare solo alla marcia) mentre le donne preparavano gli ingredienti per la preparazione del Citwà (acqua dell'abbandono - questo era il nome di quei vini) e, all'occorrenza, accendevano i fuochi che, con lunghe cotture, avrebbero trasformato il succo di quel frutto nella scura acqua del “dolce abbraccio” dell'abbandono; una bevanda chiamata Citwà Retwì (una sostanza mielosa e poco alcolica – al giorno d'oggi, una cosa simile viene ancora fatto in alcune città della Puglia). Tsike, di fronte ai miei occhi, preparò quattro tipologie diverse di Citwà e me le fece assaggiare tutte.

Pur bevendo un solo sorso per ognuna, mi addormentai quasi subito e il mattino dopo mi ero dimenticato ogni cosa; fu lui, con un sorriso sornione, a raccontarmi l'esperienza che avevo vissuto e, tra l'altro, mi disse che avevo cominciato a cantare in una lingua sconosciuta prima di gettarmi su un giaciglio e cominciare a russare come un trombone. Mi diede poi le ricette dei diversi tipi di Citwà, dicendomi di fare molta attenzione poiché grande è il loro potere. In base all'esperienza organolettica di Tsike, lui consigliava quattro vini “moderni” che ho ritrovato in Italia nei: Primitivo di Manciuria, Barbera, Pinot grigio e Fragolino.

Ora, questi sono i quattro tipi di Citwè che Tsike mi ha fatto provare e poi insegnato a preparare a mia volta: (tutte le quantità sono descritte per una singola bottiglia)
  1. Citwè Mtulay (abbandono nella pioggia del Dio) – Si può usare come base il vino Primitivo al quale aggiungere della menta peperita e del the verde in foglioline, un chiodo di garofano, dello zucchero bianco e del cacao puro in scaglie; scaldare il tutto fino alla bollitura o anche oltre a seconda dell'età dei commensali (più viene cotto, meno è alcolico). Quando lo abbiamo preparato, personalmente, mi sentivo proprio come uno stregone.
  2. Citwè Visciuà (abbandono dell'amica ferita) – Come base, il Barbera, a cui viene aggiunto del miele in grande quantità, qualche goccia di olio di semi di girasole, delle nocciole in scaglie e un pizzico di sale. Viene riscaldato appena e servito in grandi ciotole. Nell'antichità veniva preparato principalmente per i cacciatori che tornavano stanchi dalle battute. Si diceva che il sale li mantenesse vigili e attenti nel caso in cui gli animali uccisi tornassero dall'aldilà per vendicarsi.
  3. Citwè Yoykun (abbandono degli alberi antichi) – La base è il Pinot Grigio con l'aggiunta di semi di finocchio, cannella in polvere, una poltiglia fatta da pasta di olive e alcune erbe aromatiche (tracce di rosmarino e basilico) e infine un mix tra zucchero di canna e sale che, a seconda dell'anzianità del bevitore, veniva inserito direttamente in ogni ciotola; una maggiore anzianità comportava a una maggiore quantità di sale. Questo tipo di bevanda veniva servito dopo la cena e la sua temperatura dipendeva dalla stagione.
  4. Citwè Miminkù (abbandono alla gioia dell'infante) – Fragolino con aggiunta di numerosa frutta a seconda delle zone in cui i Cohei si trovavano; inoltre tracce di peperoncino piccante, foglie di lauro e violette selvatiche in grandissima quantità. Questa bevanda era riservata ai più giovani e veniva bevuta soprattutto durante le cerimonie per l'ingresso nell'età adulta.
Posso assicurare che bere il vino così lavorato è stata per me un'esperienza unica. Certo, dopo quella prima volta così “folle”, mi sono ritrovato a proporli in numerose feste o banchetti con amici, sempre con un certo successo. Riguardo a quel lontano 1991, sono comunque convinto che Tsike ci avesse aggiunto qualche intruglio stregonesco, perché poi non è più capitata un'esperienza così stravolgente. Quindi vi consiglio di assaggiare senza timore ognuno di questi Citwè, poiché anche queste bevande, piene di storia e di primitiva cultura, aggiungono un tassello allo svelarsi del mistico mistero di Atlantide e dei suoi cibi. Vi auguro una buona bevuta.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Simone  Balduzzi - vedi tutti gli articoli di Simone  Balduzzi


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Il computer e la cucina - giovedì 5 settembre 2013
Un confronto tra il PC e la nostra cucina, tra il serio e il faceto… Il disco rigido. Immaginate il frigorifero, i cassetti e gli sportelli di cucina. Si tratta di ambiti in cui memorizzare i vostri pranzi, gli avanzi, il latte, le carni, gli ........

Conoscere la cucina etnica - giovedì 26 settembre 2013
I cultori della buona cucina amano degustare piatti tradizionali provenienti da terre lontane, dove gli ingredienti hanno odori e sapori diversi dai nostri e dove, la cucina internazionale diventa motivo di grande attenzione. La cucina è una componente ........

La buona tavola, la prima regola del mangiare bene - lunedì 15 ottobre 2012

La buona tavola deve rispettare le regole del mangiare bene, sano ed equilibrato. Questo non vuol dire affatto che la buona tavola è solo quella salutista, quella delle diete, tanto per intenderci, ma è quella caratterizzata da una cucina sana, ........

Formaggi light e formaggi tradizionali - martedì 24 dicembre 2013
In commercio troviamo vari tipi di formaggio, che si differenziano tra loro per il diverso contenuto di sostanze grasse in essi presente, infatti da questo punto di vista i formaggi possono essere suddivisi in tre categorie: formaggi grassi, ........

Il berberè: cos’è e come si prepara - giovedì 20 febbraio 2014
Il berberè è una miscela particolarmente piccante, tipica della cucina eritrea e del Corno d’Africa più in generale, un’area geografica all’interno della quale questo rappresenta un elemento essenziale per la preparazione dello zighinì, servito ........

 

Ricetta del giorno
Orecchiette con cime di rapa e tofu
Lavate le cime di rapa, tagliatele a pezzettini e lessatele in acqua salata bollente. Nel frattempo in una padella fate soffriggere un cucchiaio di olio ....


Articoli correlati

Menù etnico – i cibi di Atlantide – parte 2 - venerdì 30 agosto 2013
Tsike, lo sciamano guaritore della tribù dei Fleathead, incontrato nel 1991 nel Montana, proseguì la sua storia sul lungo viaggio dei suoi progenitori (tra il 5000 e il 2100 a.C. dalle Hawaii al Nord America, passando per l'Egitto, l'Europa, il ........

La banana, frutto dalle tante eccellenti proprietà - sabato 20 aprile 2013

La banana un frutto potremmo dire quasi prodigioso ricco di tante eccellenti proprietà, che lo rendono uno dei frutti più consumati e adatti ad un gran numero di diete. Amata in particolare dagli sportivi, che ne ricavano una carica energetica ........

Conoscere l'olio - mercoledì 25 settembre 2013
L'ulivo è originario del Mediterraneo, le tracce più antiche sono state trovate in Israele e risalgono al V millennio a.C.. La coltivazione e la produzione vennero messe a punto dai Greci e poi dai Romani. La raccolta delle olive mediante "brucatura" ........

La dieta e il diabete - sabato 11 maggio 2013

Il diabete va curato per lo più con un appropriato regime alimentare. Il ruolo della dieta, o meglio, la corretta alimentazione nella cura della malattia è fondamentale. Infatti i medici la considerano non una pura e semplice indicazione, da ........

Tante gustose alternative al frumento! - lunedì 23 settembre 2013
Il frumento o grano è noto fin dai tempi antichi e rappresenta ancor oggi, soprattutto, nelle zone temperate, la principale fonte di cibo per l'uomo, tuttavia esistono delle valide alternativa da poter prendere in considerazione. Qui di seguito ........

Ricetta del giorno
Orecchiette con ricotta
FAre bollire in una pentola di generose dimensioni 3 litri d’acqua e salarla con il sale grosso. Buttare la pasta, avendo cura di mescolare subito con ....

 articolo Cucina
Menù etnico – i cibi di Atlantide – parte 2 freccevenerdì 30 agosto 2013 

Tsike, lo sciamano guaritore della tribù dei Fleathead, incontrato nel 1991 nel Montana, proseguì la sua storia sul lungo viaggio dei suoi progenitori (tra il 5000 e il 2100 a.C. dalle Hawaii al Nord America, passando per l'Egitto, l'Europa, il Medio Oriente e l'India), dicendomi che era usanza, in molteplici occasioni, accompagnare le vivande con distillati d'uva. Nei Menù Atlantidei queste bevande, così simili al vino, venivano preparate dai bambini e dalle anziane donne del popolo dei camminatori (non vi avevo ancora detto che si chiamavano Cohei).

I giovani raccoglievano l'uva e la spremevano con le mani (non con i piedi, da dedicare solo alla marcia) mentre le donne preparavano gli ingredienti per la preparazione del Citwà (acqua dell'abbandono - questo era il nome di quei vini) e, all'occorrenza, accendevano i fuochi che, con lunghe cotture, avrebbero trasformato il succo di quel frutto nella scura acqua del “dolce abbraccio” dell'abbandono; una bevanda chiamata Citwà Retwì (una sostanza mielosa e poco alcolica – al giorno d'oggi, una cosa simile viene ancora fatto in alcune città della Puglia). Tsike, di fronte ai miei occhi, preparò quattro tipologie diverse di Citwà e me le fece assaggiare tutte.

Pur bevendo un solo sorso per ognuna, mi addormentai quasi subito e il mattino dopo mi ero dimenticato ogni cosa; fu lui, con un sorriso sornione, a raccontarmi l'esperienza che avevo vissuto e, tra l'altro, mi disse che avevo cominciato a cantare in una lingua sconosciuta prima di gettarmi su un giaciglio e cominciare a russare come un trombone. Mi diede poi le ricette dei diversi tipi di Citwà, dicendomi di fare molta attenzione poiché grande è il loro potere. In base all'esperienza organolettica di Tsike, lui consigliava quattro vini “moderni” che ho ritrovato in Italia nei: Primitivo di Manciuria, Barbera, Pinot grigio e Fragolino.

Ora, questi sono i quattro tipi di Citwè che Tsike mi ha fatto provare e poi insegnato a preparare a mia volta: (tutte le quantità sono descritte per una singola bottiglia)
  1. Citwè Mtulay (abbandono nella pioggia del Dio) – Si può usare come base il vino Primitivo al quale aggiungere della menta peperita e del the verde in foglioline, un chiodo di garofano, dello zucchero bianco e del cacao puro in scaglie; scaldare il tutto fino alla bollitura o anche oltre a seconda dell'età dei commensali (più viene cotto, meno è alcolico). Quando lo abbiamo preparato, personalmente, mi sentivo proprio come uno stregone.
  2. Citwè Visciuà (abbandono dell'amica ferita) – Come base, il Barbera, a cui viene aggiunto del miele in grande quantità, qualche goccia di olio di semi di girasole, delle nocciole in scaglie e un pizzico di sale. Viene riscaldato appena e servito in grandi ciotole. Nell'antichità veniva preparato principalmente per i cacciatori che tornavano stanchi dalle battute. Si diceva che il sale li mantenesse vigili e attenti nel caso in cui gli animali uccisi tornassero dall'aldilà per vendicarsi.
  3. Citwè Yoykun (abbandono degli alberi antichi) – La base è il Pinot Grigio con l'aggiunta di semi di finocchio, cannella in polvere, una poltiglia fatta da pasta di olive e alcune erbe aromatiche (tracce di rosmarino e basilico) e infine un mix tra zucchero di canna e sale che, a seconda dell'anzianità del bevitore, veniva inserito direttamente in ogni ciotola; una maggiore anzianità comportava a una maggiore quantità di sale. Questo tipo di bevanda veniva servito dopo la cena e la sua temperatura dipendeva dalla stagione.
  4. Citwè Miminkù (abbandono alla gioia dell'infante) – Fragolino con aggiunta di numerosa frutta a seconda delle zone in cui i Cohei si trovavano; inoltre tracce di peperoncino piccante, foglie di lauro e violette selvatiche in grandissima quantità. Questa bevanda era riservata ai più giovani e veniva bevuta soprattutto durante le cerimonie per l'ingresso nell'età adulta.
Posso assicurare che bere il vino così lavorato è stata per me un'esperienza unica. Certo, dopo quella prima volta così “folle”, mi sono ritrovato a proporli in numerose feste o banchetti con amici, sempre con un certo successo. Riguardo a quel lontano 1991, sono comunque convinto che Tsike ci avesse aggiunto qualche intruglio stregonesco, perché poi non è più capitata un'esperienza così stravolgente. Quindi vi consiglio di assaggiare senza timore ognuno di questi Citwè, poiché anche queste bevande, piene di storia e di primitiva cultura, aggiungono un tassello allo svelarsi del mistico mistero di Atlantide e dei suoi cibi. Vi auguro una buona bevuta.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Simone  Balduzzi - vedi tutti gli articoli di Simone  Balduzzi





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: