articolo Cucina
Menù etnico - i cibi di Atlantide – parte 1 freccegiovedì 29 agosto 2013 


Sembra incredibile come questi Menù Etnici siano finiti nelle mie mani; in realtà avevo sempre considerato molto improbabile l'esistenza di testimonianze Atlantidee: credevo fosse tutta roba da fumetti! Ma adesso sono qui e sono pronto a renderli pubblici.

Tutto cominciò tempo fa, durante un viaggio in Montana (negli Stati Uniti), quando uno sciamano (uomo della medicina indiana) chiamato Tsike mi raccontò una storia o meglio un'antica leggenda a tema storico/culinario legata alla tribù dei Fleathead, mai comparsa su alcuna documentazione in nessuna parte del mondo (posso dirlo dopo aver compiuto numerose ricerche). Il piccolo e anziano indiano mi disse che suo padre gli aveva raccontato come l'umanità fosse stata creata da due frange: la prima nata nell'Isola di Pasqua (Rapa Nui) e derivava dall'antica Mu (a suo dire, di loro, non sapeva niente), la seconda invece, da cui lui discendeva, era nata alle Hawaii, derivava da Atlantide e aveva compiuto, tra il 5000 e il 2100 a.C., un pellegrinaggio attorno all'intero globo, fino a trasferirsi stabilmente nel Montana.

Questo “stregone” indiano disse che numerose erano le ricette culinarie tramandate da questo incredibile viaggio intorno al mondo e che lui me ne avrebbe descritte solo alcune, le più significative, per avvicinare anche il vecchio continente alle tradizioni Fleathead. Lui chiamò queste bevande e questi piatti “Menù Atlantidei” e ora vado a raccontarveli in modo che anche voi possiate ricrearli e rivivere così il giro del mondo come fecero i precursori degli indiani d'America.

Questa è la prima parte comprendente le acque fredde e le acque calde: Questa differenziazione veniva fatta ovviamente in relazione alla temperatura e, un po' come ai giorni nostri, all'utilizzo; le acque fredde venivano raccolte da fiumi o torrenti e la loro temperatura non veniva alterata in nessun modo; le acque calde venivano scaldate al fuoco e servivano principalmente come tonico o per rilassare. Principalmente ci sono ben cinque tipi differenti di acque fredde:
  1. acqua Bathòm (del nascente pasto) in cui, al normale liquido raccolto dalle fonti, vengono aggiunti semi di finocchi selvatico (che, dalle leggende, si diceva fossero lasciati cadere dai grandi volatili dell'epoca) e spicchi di mandarino che, incastrati ai lati delle ciotole, vengono mangiati subito prima di bere.
  2. acqua Batekamun (del lungo cammino) in cui si aggiunge della cannella in polvere, alcune foglie di menta e un pizzico microscopico di sale. Era usanza berla durante le carni e contemporaneamente utilizzarla per intingervi le dita per pulirle dal sugo e così non buttare via nulla.
  3. acqua Balutoak (del ridere felice); si aggiunge dello zucchero di canna e del peperoncino molto forte; utilizzata come accompagnamento alle torte di verdura, veniva bevuta con delle piccole cannucce ricavate dagli steli di alcune piante.
  4. acqua Myticiton (dei bambini antichi); usata come accompagnamento a pagnottelle di mais dolce; arricchita da zenzero, latte di capra di montagna (con moderazione), alcuni piccoli frammenti di aglio e uva sultanina, appoggiata ai bordi della ciotola e anche qui mangiata subito prima di bere.
  5. acqua Tocumayen (del tramonto solitario); questa era l'acqua che ciascuno portava accanto al proprio giaciglio per la notte: molto semplice, contiene alcune gocce di limone, del miele e, come protezione Divina, del nettare di calendula.
Per quanto riguarda le acque calde il discorso era molto diverso. Fu subito trovato un accostamento “sacro” che, secondo l'usanza, proteggeva l'intero popolo lungo tutto il pellegrinaggio. Questo era dato dall'accostamento di elementi simili ai comuni Thè e caffè odierni; una volta uniti, fungevano da base per qualsiasi tipo di acqua calda venisse preparato. Il nome di questa strana alchimia era Timataiè. Con questo mix così particolare venivano curate numerose malattie ed era molto utile per digerire, addormentarsi, rasserenarsi e molte altre cose ancora.

Unire teina e caffeina faceva il miracolo! Poi altri ingredienti venivano aggiunti a discrezione di ognuno; dalla cannella a tanti tipi diversi di foglie aromatiche, poi rabarbaro, chiodi di garofano e le essenze di molti fiori che venivano raccolti nei lunghi soggiorni tra uno spostamento e l'altro. Sinceramente ho provato in prima persona tutti questi accostamenti così insoliti; devo dire che sono squisiti, assolutamente primordiali ed totalmente evocativi. Nei prossimi articoli vi parlerò delle torte, delle carni, del pesce, dei dolci... insomma di tutto quello che vi permetterà di provare menù etnici davvero unici..... il cibo di Atlantide!
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Simone  Balduzzi - vedi tutti gli articoli di Simone  Balduzzi


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Lo zenzero: brucia i grassi e preserva la salute - giovedì 29 maggio 2014
Lo zenzero (Zingiber officinale Roscoe) è una spezia ricavata da una pianta di origine orientale, più precisamente asiatica, arrivata nel nostro Continente in epoca romana e, sin da allora, usata per le molteplici proprietà delle sue radici, utilizzate ........

Conoscere la cucina etnica - giovedì 26 settembre 2013
I cultori della buona cucina amano degustare piatti tradizionali provenienti da terre lontane, dove gli ingredienti hanno odori e sapori diversi dai nostri e dove, la cucina internazionale diventa motivo di grande attenzione. La cucina è una componente ........

Cucina etnica: Tavce na Gravce....la Macedonia in tavola - venerdì 13 settembre 2013
Se avete voglia di cucinare qualcosa di diverso e portare in tavola un piatto tipico macedone, gustoso e prelibato, vi consiglio la ricetta dei "Gravce na Tavce" ovvero fagioli con salsiccia e paprika .....somiglia molto ad un piatto nostrano ........

Cozze gratinate alla siciliana - venerdì 18 ottobre 2013
Le cozze, il mollusco per eccellenza, quello maggiormente conosciuto e consumato, tanto che in alcune regioni d'Italia è considerato un piatto prelibato. Vi sono diversi modi di preparare le cozze, tuttavia la prima cosa da fare è quella di valutare ........

L'olio di cocco: pregi e difetti - mercoledì 4 dicembre 2013
L'olio di cocco è un olio vegetale che viene estratto dalla polpa essicata della noce di cocco, detta anche copra, l'olio di cocco per anni è stato sottovalutato per il suo elevato tenore di grassi saturi, esattamente come il burro, infatti l'olio ........

 

Ricetta del giorno
Polpettine di fagioli
Lessare le patate, sbucciarle, schiacciarle con lo schiacciapatate e metterle da parte. Lessare nel frattempo i fagioli, tritare il porro, sgocciolare ....


Articoli correlati

Zucchero di canna e zucchero bianco: le differenze - giovedì 12 dicembre 2013
La differenza fondamentale tra lo zucchero di canna e quello bianco raffinato, consiste nel fatto che, mentre quello di canna, come dice la parola stessa viene estratto dalla canna da zucchero, quello bianco invece deriva dalla lavorazione della ........

Il caffè, tra leggenda e realtà - mercoledì 25 settembre 2013
Si narrano numerose leggende sull'origine del caffè. Tra le più note, quella di un pastore etiope di nome Kaldi. Un giorno, le sue capre, mentre erano al pascolo, mangiarono delle bacche e le foglie di una certa pianta. Fin qui nulla di strano ........

I burger vegetali: un'alternativa alla carne - lunedì 11 novembre 2013
I burger vegetali sono un' ottima alternativa al consumo di carne, infatti nell'ambito della dieta vegetariana e vegana, rappresentano uno degli alimenti più innovativi e gustosi. I burger vegetali oltre ad essere molto buoni, sono anche molto ........

Una corretta dieta vegetariana - lunedì 11 novembre 2013
Una corretta dieta vegetariana deve garantire all’organismo, attraverso l’assunzione quotidiana di frutta e verdure di stagione, un apporto equilibrato di vitamine e fibre, che rinforzano e depurano il nostro organismo allo stesso tempo, nonché ........

Slow Food o Fast Food? - giovedì 19 settembre 2013
Salve a tutti!!! Si sa che è sempre un piacere, consumare i pasti quotidiani in qualche locale. Da sempre ci piace stare insieme a qualche amico, la nostra famiglia o la nostra metà davanti ad un tavolo pieno di prelibatezze. Ma a questo scopo, ........

Ricetta del giorno
Lenticchie speziate all'indiana
Lavate le lenticchie e lasciatele scolare. Intanto in una padella mettete a rosolare la cipolla rossa, ben triturata, nell'olio e quando questa ....

 articolo Cucina
Menù etnico - i cibi di Atlantide – parte 1 freccegiovedì 29 agosto 2013 

Sembra incredibile come questi Menù Etnici siano finiti nelle mie mani; in realtà avevo sempre considerato molto improbabile l'esistenza di testimonianze Atlantidee: credevo fosse tutta roba da fumetti! Ma adesso sono qui e sono pronto a renderli pubblici.

Tutto cominciò tempo fa, durante un viaggio in Montana (negli Stati Uniti), quando uno sciamano (uomo della medicina indiana) chiamato Tsike mi raccontò una storia o meglio un'antica leggenda a tema storico/culinario legata alla tribù dei Fleathead, mai comparsa su alcuna documentazione in nessuna parte del mondo (posso dirlo dopo aver compiuto numerose ricerche). Il piccolo e anziano indiano mi disse che suo padre gli aveva raccontato come l'umanità fosse stata creata da due frange: la prima nata nell'Isola di Pasqua (Rapa Nui) e derivava dall'antica Mu (a suo dire, di loro, non sapeva niente), la seconda invece, da cui lui discendeva, era nata alle Hawaii, derivava da Atlantide e aveva compiuto, tra il 5000 e il 2100 a.C., un pellegrinaggio attorno all'intero globo, fino a trasferirsi stabilmente nel Montana.

Questo “stregone” indiano disse che numerose erano le ricette culinarie tramandate da questo incredibile viaggio intorno al mondo e che lui me ne avrebbe descritte solo alcune, le più significative, per avvicinare anche il vecchio continente alle tradizioni Fleathead. Lui chiamò queste bevande e questi piatti “Menù Atlantidei” e ora vado a raccontarveli in modo che anche voi possiate ricrearli e rivivere così il giro del mondo come fecero i precursori degli indiani d'America.

Questa è la prima parte comprendente le acque fredde e le acque calde: Questa differenziazione veniva fatta ovviamente in relazione alla temperatura e, un po' come ai giorni nostri, all'utilizzo; le acque fredde venivano raccolte da fiumi o torrenti e la loro temperatura non veniva alterata in nessun modo; le acque calde venivano scaldate al fuoco e servivano principalmente come tonico o per rilassare. Principalmente ci sono ben cinque tipi differenti di acque fredde:
  1. acqua Bathòm (del nascente pasto) in cui, al normale liquido raccolto dalle fonti, vengono aggiunti semi di finocchi selvatico (che, dalle leggende, si diceva fossero lasciati cadere dai grandi volatili dell'epoca) e spicchi di mandarino che, incastrati ai lati delle ciotole, vengono mangiati subito prima di bere.
  2. acqua Batekamun (del lungo cammino) in cui si aggiunge della cannella in polvere, alcune foglie di menta e un pizzico microscopico di sale. Era usanza berla durante le carni e contemporaneamente utilizzarla per intingervi le dita per pulirle dal sugo e così non buttare via nulla.
  3. acqua Balutoak (del ridere felice); si aggiunge dello zucchero di canna e del peperoncino molto forte; utilizzata come accompagnamento alle torte di verdura, veniva bevuta con delle piccole cannucce ricavate dagli steli di alcune piante.
  4. acqua Myticiton (dei bambini antichi); usata come accompagnamento a pagnottelle di mais dolce; arricchita da zenzero, latte di capra di montagna (con moderazione), alcuni piccoli frammenti di aglio e uva sultanina, appoggiata ai bordi della ciotola e anche qui mangiata subito prima di bere.
  5. acqua Tocumayen (del tramonto solitario); questa era l'acqua che ciascuno portava accanto al proprio giaciglio per la notte: molto semplice, contiene alcune gocce di limone, del miele e, come protezione Divina, del nettare di calendula.
Per quanto riguarda le acque calde il discorso era molto diverso. Fu subito trovato un accostamento “sacro” che, secondo l'usanza, proteggeva l'intero popolo lungo tutto il pellegrinaggio. Questo era dato dall'accostamento di elementi simili ai comuni Thè e caffè odierni; una volta uniti, fungevano da base per qualsiasi tipo di acqua calda venisse preparato. Il nome di questa strana alchimia era Timataiè. Con questo mix così particolare venivano curate numerose malattie ed era molto utile per digerire, addormentarsi, rasserenarsi e molte altre cose ancora.

Unire teina e caffeina faceva il miracolo! Poi altri ingredienti venivano aggiunti a discrezione di ognuno; dalla cannella a tanti tipi diversi di foglie aromatiche, poi rabarbaro, chiodi di garofano e le essenze di molti fiori che venivano raccolti nei lunghi soggiorni tra uno spostamento e l'altro. Sinceramente ho provato in prima persona tutti questi accostamenti così insoliti; devo dire che sono squisiti, assolutamente primordiali ed totalmente evocativi. Nei prossimi articoli vi parlerò delle torte, delle carni, del pesce, dei dolci... insomma di tutto quello che vi permetterà di provare menù etnici davvero unici..... il cibo di Atlantide!
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Simone  Balduzzi - vedi tutti gli articoli di Simone  Balduzzi





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: