articolo Cucina
I vegetariani vivono più a lungo dei carnivori freccedomenica 30 giugno 2013 


I vegetariani vivono più a lungo di coloro che mangiano anche la carne.  È quanto emerge dai risultati di una ricerca della Loma Linda University in California che ha osservato per un certo periodo di tempo, circa sei anni, oltre 73000 soggetti, tra uomini e donne, gruppo formato da  persone di cui una parte seguivano  una dieta vegetariana e altri che invece seguivano una dieta in cui la carne era regolarmente presente. Una così vasta platea di soggetti, tutti non giovanissimi, proprio per verificare il tasso di mortalità, rappresenta quindi una base di osservazione di una certa rilevanza, così come il lasso di tempo, per cui i risultati della ricerca possono essere considerati significativi.

Bisogna fare una distinzione, giusto per chiarezza, tra vegetariani e vegani. I primi, che a loro volta possono essere suddivisi in ulteriori gruppi a seconda se dalla loro dieta sono escluse anche le uova, i frutti di mare, i formaggi e tutti i derivati del latte, sicuramente non consumano carne. I vegani, invece, escludono dalla loro dieta tutti gli alimenti di origine animale. La ricerca in questione non ha preso in esame questi ultimi, ma solo i vegetariano e i non vegetariani e, alla fine del periodo di osservazione, si è potuto constatare che la percentuale di mortalità variava dallo 0,88 al 12% in meno per i vegetariani rispetto ai carnivori.

Che la carne faccia male è un dato ormai certo, assodato da tempo, solo che questo concetto non riesce a far breccia nelle persone, anche se negli ultimi tempi si è assistito ad un aumento del numero dei vegetariani. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS, raccomanda un consumo limitato di carne, non oltre le 4-5 volte al mese, senza fare distinzione tra carni bianche e rosse, in quanto rappresenta un serio rischio cancerogeno.
A parte l’etica che raccomanderebbe un maggior rispetto per le altre forme di vita, per cui allevarli con amore per poi eliminarli in maniera cruenta e spesso dolorosa, potrebbe essere considerata una pratica come minimo disdicevole, le proteine che si assumono con la carne, indispensabili per l’organismo, possono essere egregiamente sostituite da proteine di origine vegetale, come quelle dei fagioli che un tempo erano definiti la carne dei poveri, proprio per il loro elevato contenuto proteico.

Senza poi contare che la stragrande maggiorana di prodotti vegetali è una vera miniare di sostanze indispensabili per l’organismo, tanto è vero che molte diete raccomandano il rispetto della regola del cinque, ovvero 5 porzioni di frutta a verdura nell’arco della giornata. Ora, anche questa ultima recente ricerca, i cui risultati sono stati resi noti ai primi di giugno, conferma il fatto che non mangiare carne allunga la vita. Quindi, gli scettici, potrebbero come minimo farci un pensierino.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

La cannella, preziosa in cucina e amica della linea - sabato 26 gennaio 2013

La  cannella, una spezia preziosa in cucina e grande amica della linea perché contrasta la formazione di quegli antiestetici rotolini di grasso sulla pancia. Spezia che trova la sua naturale utilizzazione nella preparazione dei dolci, ........

Torta al cioccolato e bambini, un dolce ritorno - giovedì 26 settembre 2013
Settembre, torta e cioccolato. Inizia il grigio, il nuvoloso, il freddo ma soprattutto si torna al lavoro… e a scuola. Allora perché non cucinare insieme con i nostri piccoli qualcosa di buono iniziando il nuovo anno con un po’ di dolcezza? Magari ........

Il gelato, buono o cattivo? - mercoledì 11 settembre 2013
Che il gelato sia più buono o cattivo è possibile stabilirlo solo conoscendolo bene. Certo, parlare di gelato a settembre, quando l’estate spara ormai le sue ultime cartucce e l’armadio è in attesa del ribaltamento stagionale, può sembrare paradossale. ........

Una corretta dieta vegetariana - lunedì 11 novembre 2013
Una corretta dieta vegetariana deve garantire all’organismo, attraverso l’assunzione quotidiana di frutta e verdure di stagione, un apporto equilibrato di vitamine e fibre, che rinforzano e depurano il nostro organismo allo stesso tempo, nonché ........

Il mirtillo: un frutto buono e sano. - domenica 15 settembre 2013
Ecco che arriva il mirtillo. Ormai ci siamo: il 22 settembre inizierà l’autunno e potremmo dire definitivamente “arrivederci” alla nostra estate tanto voluta e amata. Cade di una domenica che, secondo le previsioni Meteo, sarà soleggiata con un ........

 

Ricetta del giorno
Cassatine di ricotta
Scolare la ricotta dal latte e versarla in una ciotola, unire lo zucchero, il sale e la vanillina, amalgamare e lavorare fino ad ottenere un composto ....


Articoli correlati

Il cioccolato un amico della salute - sabato 27 aprile 2013

La salute e il cioccolato sono due facce della stessa medaglia, si potrebbe dire,  a condizione che  il cioccolato sia solo e rigorosamente fondente, cosa che non vale per il  cioccolato al latte, bianco o di qualsiasi altro ........

Come cucinare velocemente, sano e con gusto - domenica 1 settembre 2013
Non serve essere un grande chef per sapere come cucinare velocemente, sano e con gusto nel poco tempo che spesso ci rimane tra lavoro e tempo libero. Bastano poche buone, facili regole da seguire, senza stravolgere la nostra vita quotidiana ma ........

Mangiare il pesce fa bene! - lunedì 23 settembre 2013
Esistono diversi tipi di pesce ed è diverso il loro grado di digeribilità: alcuni sono molti digeribili e adatti all'alimentazione di bambini e anziani(platessa, nasello, sogliola, trota), altri possono risultare meno digeribili(tonno, sgombro, ........

Pancia gonfia? Ecco cosa mangiare per essere nuovamente in forma - martedì 16 aprile 2013

Pancia gonfia? Un problema con cui sono chiamati a fare i conti ogni giorno un gran numero di persone che oltre tutto non sanno come fare a liberarsi del  fastidio. Si, perché il fastidio è decisamente serio, visto che oltre ad un problema ........

Le gallette di riso, un pericolo per la salute - sabato 8 giugno 2013

Le gallette di riso, o meglio tutti i cereali e i prodotti a base di riso, quindi il riso stesso, sono potenzialmente pericolosi per la salute. Il pericolo è rappresentato dall’arsenico che è presente in piccolissima parte, si tratta di microgrammi, ........

Ricetta del giorno
Risotto al pesto di rucola
Tagliate a fettine sottili lo scalogno e mettetelo nell'olio in una pentola. Fatelo rosolare a fiamma viva e, non appena diventa dorato, aggiungete il ....

 articolo Cucina
I vegetariani vivono più a lungo dei carnivori freccedomenica 30 giugno 2013 

I vegetariani vivono più a lungo di coloro che mangiano anche la carne.  È quanto emerge dai risultati di una ricerca della Loma Linda University in California che ha osservato per un certo periodo di tempo, circa sei anni, oltre 73000 soggetti, tra uomini e donne, gruppo formato da  persone di cui una parte seguivano  una dieta vegetariana e altri che invece seguivano una dieta in cui la carne era regolarmente presente. Una così vasta platea di soggetti, tutti non giovanissimi, proprio per verificare il tasso di mortalità, rappresenta quindi una base di osservazione di una certa rilevanza, così come il lasso di tempo, per cui i risultati della ricerca possono essere considerati significativi.

Bisogna fare una distinzione, giusto per chiarezza, tra vegetariani e vegani. I primi, che a loro volta possono essere suddivisi in ulteriori gruppi a seconda se dalla loro dieta sono escluse anche le uova, i frutti di mare, i formaggi e tutti i derivati del latte, sicuramente non consumano carne. I vegani, invece, escludono dalla loro dieta tutti gli alimenti di origine animale. La ricerca in questione non ha preso in esame questi ultimi, ma solo i vegetariano e i non vegetariani e, alla fine del periodo di osservazione, si è potuto constatare che la percentuale di mortalità variava dallo 0,88 al 12% in meno per i vegetariani rispetto ai carnivori.

Che la carne faccia male è un dato ormai certo, assodato da tempo, solo che questo concetto non riesce a far breccia nelle persone, anche se negli ultimi tempi si è assistito ad un aumento del numero dei vegetariani. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS, raccomanda un consumo limitato di carne, non oltre le 4-5 volte al mese, senza fare distinzione tra carni bianche e rosse, in quanto rappresenta un serio rischio cancerogeno.
A parte l’etica che raccomanderebbe un maggior rispetto per le altre forme di vita, per cui allevarli con amore per poi eliminarli in maniera cruenta e spesso dolorosa, potrebbe essere considerata una pratica come minimo disdicevole, le proteine che si assumono con la carne, indispensabili per l’organismo, possono essere egregiamente sostituite da proteine di origine vegetale, come quelle dei fagioli che un tempo erano definiti la carne dei poveri, proprio per il loro elevato contenuto proteico.

Senza poi contare che la stragrande maggiorana di prodotti vegetali è una vera miniare di sostanze indispensabili per l’organismo, tanto è vero che molte diete raccomandano il rispetto della regola del cinque, ovvero 5 porzioni di frutta a verdura nell’arco della giornata. Ora, anche questa ultima recente ricerca, i cui risultati sono stati resi noti ai primi di giugno, conferma il fatto che non mangiare carne allunga la vita. Quindi, gli scettici, potrebbero come minimo farci un pensierino.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: