articolo Cucina
I vegetariani vivono più a lungo dei carnivori freccedomenica 30 giugno 2013 


I vegetariani vivono più a lungo di coloro che mangiano anche la carne.  È quanto emerge dai risultati di una ricerca della Loma Linda University in California che ha osservato per un certo periodo di tempo, circa sei anni, oltre 73000 soggetti, tra uomini e donne, gruppo formato da  persone di cui una parte seguivano  una dieta vegetariana e altri che invece seguivano una dieta in cui la carne era regolarmente presente. Una così vasta platea di soggetti, tutti non giovanissimi, proprio per verificare il tasso di mortalità, rappresenta quindi una base di osservazione di una certa rilevanza, così come il lasso di tempo, per cui i risultati della ricerca possono essere considerati significativi.

Bisogna fare una distinzione, giusto per chiarezza, tra vegetariani e vegani. I primi, che a loro volta possono essere suddivisi in ulteriori gruppi a seconda se dalla loro dieta sono escluse anche le uova, i frutti di mare, i formaggi e tutti i derivati del latte, sicuramente non consumano carne. I vegani, invece, escludono dalla loro dieta tutti gli alimenti di origine animale. La ricerca in questione non ha preso in esame questi ultimi, ma solo i vegetariano e i non vegetariani e, alla fine del periodo di osservazione, si è potuto constatare che la percentuale di mortalità variava dallo 0,88 al 12% in meno per i vegetariani rispetto ai carnivori.

Che la carne faccia male è un dato ormai certo, assodato da tempo, solo che questo concetto non riesce a far breccia nelle persone, anche se negli ultimi tempi si è assistito ad un aumento del numero dei vegetariani. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS, raccomanda un consumo limitato di carne, non oltre le 4-5 volte al mese, senza fare distinzione tra carni bianche e rosse, in quanto rappresenta un serio rischio cancerogeno.
A parte l’etica che raccomanderebbe un maggior rispetto per le altre forme di vita, per cui allevarli con amore per poi eliminarli in maniera cruenta e spesso dolorosa, potrebbe essere considerata una pratica come minimo disdicevole, le proteine che si assumono con la carne, indispensabili per l’organismo, possono essere egregiamente sostituite da proteine di origine vegetale, come quelle dei fagioli che un tempo erano definiti la carne dei poveri, proprio per il loro elevato contenuto proteico.

Senza poi contare che la stragrande maggiorana di prodotti vegetali è una vera miniare di sostanze indispensabili per l’organismo, tanto è vero che molte diete raccomandano il rispetto della regola del cinque, ovvero 5 porzioni di frutta a verdura nell’arco della giornata. Ora, anche questa ultima recente ricerca, i cui risultati sono stati resi noti ai primi di giugno, conferma il fatto che non mangiare carne allunga la vita. Quindi, gli scettici, potrebbero come minimo farci un pensierino.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Conoscere l'olio - mercoledì 25 settembre 2013
L'ulivo è originario del Mediterraneo, le tracce più antiche sono state trovate in Israele e risalgono al V millennio a.C.. La coltivazione e la produzione vennero messe a punto dai Greci e poi dai Romani. La raccolta delle olive mediante "brucatura" ........

Come preparare l'insalata bavarese - venerdì 15 novembre 2013
L'insalata bavarese è un piatto tipico europeo semplice da preparare, nutriente e gustoso. In questa guida vogliamo infatti aiutare il lettore, specialmente se è single ed ha poca dimestichezza in cucina, a prepararla in maniera semplice e veloce. ........

Come preparare le arepas - giovedì 12 settembre 2013
Oggigiorno sempre più persone si appassionano ai cibi esotici, e prendono sempre più piede le focacce che vengono cucinate in America latina. Tra queste menzioneremo le arepas, di origine venezuelane, che sono entrate prepotentemente nelle nostre ........

Tutti matti per la pizza! - lunedì 23 settembre 2013
La storia della pizza è lunga e complicata. Già nell'antichità esisteva una variante simile alla pizza, cioè delle focacce, più o meno appiattite, alle quali venivano aggiunti svariati tipi di condimenti. Questi pani di forma piatta provenivano ........

Frutta nelle scuole - lunedì 23 settembre 2013
Non tutti i bambini amano e apprezzano la frutta, perciò è ideale trovare modi alternativi e gustosi per presentare la frutta. Ecco alcune delle idee più facili da realizzare e più gustose per invogliare il bambino all'uso quotidiano di questo ........

 

Ricetta del giorno
Vellutata di barbabietole fredda
Lessare le barbabietole, dopo di che sbucciarle e metterle da parte. Lavare accuratamente il cetriolo, sbucciarlo e tagliarlo a dadino. Scottare i pomodori ....


Articoli correlati

Il caglio vegetale nei formaggi - venerdì 20 dicembre 2013
Per caglio s'intende quella sostanza che serve per coagulare il latte nella produzione dei formaggi, però non tutti sono a conoscienza che esistono ben tre diversi tipi di caglio: animale, microbico e vegetale; il caglio animale è sicuramente ........

La dieta e il diabete - sabato 11 maggio 2013

Il diabete va curato per lo più con un appropriato regime alimentare. Il ruolo della dieta, o meglio, la corretta alimentazione nella cura della malattia è fondamentale. Infatti i medici la considerano non una pura e semplice indicazione, da ........

Carne di tacchino: proprietà e ricetta - martedì 17 settembre 2013
Le proprietà della carne di tacchino sono molteplici e, soprattutto, non hanno rovesci della medaglia. Com’è risaputo il tacchino appartiene al gruppo delle carni bianche, di cui le linee guida del Ministero della Salute promuovono un consumo ........

Zucchero di canna e zucchero bianco: le differenze - giovedì 12 dicembre 2013
La differenza fondamentale tra lo zucchero di canna e quello bianco raffinato, consiste nel fatto che, mentre quello di canna, come dice la parola stessa viene estratto dalla canna da zucchero, quello bianco invece deriva dalla lavorazione della ........

La banana, frutto dalle tante eccellenti proprietà - sabato 20 aprile 2013

La banana un frutto potremmo dire quasi prodigioso ricco di tante eccellenti proprietà, che lo rendono uno dei frutti più consumati e adatti ad un gran numero di diete. Amata in particolare dagli sportivi, che ne ricavano una carica energetica ........

Ricetta del giorno
Riso Basmati con peperoni
Lessare il riso per 15 minuti in una pentola con acqua bollente ovviamente salata, scolarlo e versarlo in una insalatiera. Condire con 2 cucchiai di olio ....

 articolo Cucina
I vegetariani vivono più a lungo dei carnivori freccedomenica 30 giugno 2013 

I vegetariani vivono più a lungo di coloro che mangiano anche la carne.  È quanto emerge dai risultati di una ricerca della Loma Linda University in California che ha osservato per un certo periodo di tempo, circa sei anni, oltre 73000 soggetti, tra uomini e donne, gruppo formato da  persone di cui una parte seguivano  una dieta vegetariana e altri che invece seguivano una dieta in cui la carne era regolarmente presente. Una così vasta platea di soggetti, tutti non giovanissimi, proprio per verificare il tasso di mortalità, rappresenta quindi una base di osservazione di una certa rilevanza, così come il lasso di tempo, per cui i risultati della ricerca possono essere considerati significativi.

Bisogna fare una distinzione, giusto per chiarezza, tra vegetariani e vegani. I primi, che a loro volta possono essere suddivisi in ulteriori gruppi a seconda se dalla loro dieta sono escluse anche le uova, i frutti di mare, i formaggi e tutti i derivati del latte, sicuramente non consumano carne. I vegani, invece, escludono dalla loro dieta tutti gli alimenti di origine animale. La ricerca in questione non ha preso in esame questi ultimi, ma solo i vegetariano e i non vegetariani e, alla fine del periodo di osservazione, si è potuto constatare che la percentuale di mortalità variava dallo 0,88 al 12% in meno per i vegetariani rispetto ai carnivori.

Che la carne faccia male è un dato ormai certo, assodato da tempo, solo che questo concetto non riesce a far breccia nelle persone, anche se negli ultimi tempi si è assistito ad un aumento del numero dei vegetariani. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS, raccomanda un consumo limitato di carne, non oltre le 4-5 volte al mese, senza fare distinzione tra carni bianche e rosse, in quanto rappresenta un serio rischio cancerogeno.
A parte l’etica che raccomanderebbe un maggior rispetto per le altre forme di vita, per cui allevarli con amore per poi eliminarli in maniera cruenta e spesso dolorosa, potrebbe essere considerata una pratica come minimo disdicevole, le proteine che si assumono con la carne, indispensabili per l’organismo, possono essere egregiamente sostituite da proteine di origine vegetale, come quelle dei fagioli che un tempo erano definiti la carne dei poveri, proprio per il loro elevato contenuto proteico.

Senza poi contare che la stragrande maggiorana di prodotti vegetali è una vera miniare di sostanze indispensabili per l’organismo, tanto è vero che molte diete raccomandano il rispetto della regola del cinque, ovvero 5 porzioni di frutta a verdura nell’arco della giornata. Ora, anche questa ultima recente ricerca, i cui risultati sono stati resi noti ai primi di giugno, conferma il fatto che non mangiare carne allunga la vita. Quindi, gli scettici, potrebbero come minimo farci un pensierino.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: