articolo Cucina
Le gallette di riso, un pericolo per la salute freccesabato 8 giugno 2013 


Le gallette di riso, o meglio tutti i cereali e i prodotti a base di riso, quindi il riso stesso, sono potenzialmente pericolosi per la salute. Il pericolo è rappresentato dall’arsenico che è presente in piccolissima parte, si tratta di microgrammi, dal momento che viene assorbito dalle piante e che quindi si trasferisce al chicco. Una recente nota della FDA, The Food and Drug Administration, l’organizzazione governativa americana che provvede a monitorare, oltre ai medicinali, anche centinaia tra cibi e bevande che arrivano tutti i giorni sulle tavole degli americani, ha posto l’accento sul fatto che sarebbe consigliabile variare il tipo di cereali utilizzati per l'alimentazione, in modo da non consumare solo quelli a base di riso, come le gallette o il riso soffiato.

La FDA controlla regolarmente e da oltre 20 anni i livelli di arsenico presenti nel suolo, tenendo conto anche che la concentrazione non è omogenea per tutte le coltivazioni di questa pianta che, come si sa, viene effettuata praticamente in tutto il mondo. L’arsenico è un elemento chimico presente nel suolo e distribuito quasi uniformemente sulla crosta terrestre dove viene rilasciato da eruzioni vulcaniche, dalla normale erosione del suolo da parte delle acque, ma anche perché vi viene immesso dall’uomo, anche inconsapevolmente, come residuo della combustione di legno, carbone, benzina, senza contare poi una infinitesima parte presente anche in alcuni prodotti per agricoltura.

La concentrazione nel suolo, come detto, è risultata essere costante nel tempo, tanto è vero che non sono state rilevate significative variazioni, tuttavia sono cambiate le conoscenze e anche i metodi per valutare l’impatto che anche una minima parte di questo composto chimico può avere sulla salute, certamente non nell’immediato, ma  nel lungo periodo. Infatti, anche se si tratta solo di microgrammi, ovvero un milionesimo di grammo, quindi abbondantemente nei limiti di tolleranza, non è dato sapere nel tempo un accumulo di tale sostanza quali danni è in grado di produrre sulla salute.
Da qui la raccomandazione di variare la dieta, cercando di non fossilizzarsi solo sul consumo di  gallette di riso, riso soffiato o altri prodotti derivati dal riso stesso, come il latte e altro ancora, in particolar modo per quanto riguarda l’alimentazione dei bambini. La situazione è ben diversa, invece, per gli orientali per i quali i riso è praticamente il piatto nazionale, al pari dei soggetti celiaci che utilizzano molto il riso in alternativa alla pasta per colpa del glutine in essa presente.

L’obiettivo della FDA è quello di continuare a monitorare tutti i prodotti a base di riso, oltre un migliaio almeno tra quelli presenti sul territorio americano, in modo da poter valutare con maggiore precisione il livello di rischio. Al momento, non viene emesso un allarme, ma semplicemente una raccomandazione a variare l’alimentazione che non deve quindi prevedere il consumo esclusivo o preminente di cereali a base di riso, così come il riso stesso.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Come preparare i peperoni alla griglia - giovedì 12 settembre 2013
Uno dei piatti più deliziosi della cucina mediterranea sono senza dubbio i peperoni alla griglia, facilissimi da preparare, poco dispendiosi e adatti per qualsiasi occasione sia in inverno che in estate. Il costo per una pietanza del genere è ........

Come risparmiare in cucina riutilizzando il pane secco - mercoledì 11 settembre 2013
Risparmiare partendo proprio dalla cucina? Ebbene sì, è possibile! Quante volte ci si ritrova col carrello pieno e il portafoglio vuoto? Per evitare che la spesa ci vuoti le tasche possiamo farci furbi. Pensiamo al pane! Quante volte ci si ........

Torta al cioccolato e bambini, un dolce ritorno - giovedì 26 settembre 2013
Settembre, torta e cioccolato. Inizia il grigio, il nuvoloso, il freddo ma soprattutto si torna al lavoro… e a scuola. Allora perché non cucinare insieme con i nostri piccoli qualcosa di buono iniziando il nuovo anno con un po’ di dolcezza? Magari ........

L'ananas: non solo un frutto anticellulite e brucia grassi - mercoledì 6 novembre 2013
L'ananas è una pianta appartenente alla famiglia delle bromelacee, originaria del sud America, in seguito venne portata anche in Europa e poi nelle isole del pacifico,america latina, Florida e a Cuba. I suoi frutti non sono soltanto buoni da mangiare, ........

Cucina etnica: Tavce na Gravce....la Macedonia in tavola - venerdì 13 settembre 2013
Se avete voglia di cucinare qualcosa di diverso e portare in tavola un piatto tipico macedone, gustoso e prelibato, vi consiglio la ricetta dei "Gravce na Tavce" ovvero fagioli con salsiccia e paprika .....somiglia molto ad un piatto nostrano ........

 

Ricetta del giorno
Frittata con pecorino toscano e pistacchi
Iniziare con lo sgusciare i pistacchi, tritarli sul tagliere con il coltello e metterli da parte.
Rompere le uova in una ciotola, unire sale, ....


Articoli correlati

Conoscere l'olio - mercoledì 25 settembre 2013
L'ulivo è originario del Mediterraneo, le tracce più antiche sono state trovate in Israele e risalgono al V millennio a.C.. La coltivazione e la produzione vennero messe a punto dai Greci e poi dai Romani. La raccolta delle olive mediante "brucatura" ........

I vegetariani vivono più a lungo dei carnivori - domenica 30 giugno 2013

I vegetariani vivono più a lungo di coloro che mangiano anche la carne.  È quanto emerge dai risultati di una ricerca della Loma Linda University in California che ha osservato per un certo periodo di tempo, circa sei anni, oltre ........

Come cucinare velocemente, sano e con gusto - domenica 1 settembre 2013
Non serve essere un grande chef per sapere come cucinare velocemente, sano e con gusto nel poco tempo che spesso ci rimane tra lavoro e tempo libero. Bastano poche buone, facili regole da seguire, senza stravolgere la nostra vita quotidiana ma ........

Biscotti della nonna: ricetta delle ciambelle all'anice - mercoledì 11 settembre 2013
Quando mia nonna cucinava le ciambelle all'anice, la casa si inondava di un profumo buonissimo, anche ad occhi chiusi si poteva indovinare cosa cuoceva nel forno. I profumi restano nella memoria come le immagini, le sensazioni, gli eventi vissuti, ........

I burger vegetali: un'alternativa alla carne - lunedì 11 novembre 2013
I burger vegetali sono un' ottima alternativa al consumo di carne, infatti nell'ambito della dieta vegetariana e vegana, rappresentano uno degli alimenti più innovativi e gustosi. I burger vegetali oltre ad essere molto buoni, sono anche molto ........

Ricetta del giorno
Vermicelli alla siracusana
Lavare il peperone, eliminare i semi interni, passarlo sulla griglia per abbrustolirlo, dopo di che eliminare la buccia.
Lavare la melanzana, asciugarla ....

 articolo Cucina
Le gallette di riso, un pericolo per la salute freccesabato 8 giugno 2013 

Le gallette di riso, o meglio tutti i cereali e i prodotti a base di riso, quindi il riso stesso, sono potenzialmente pericolosi per la salute. Il pericolo è rappresentato dall’arsenico che è presente in piccolissima parte, si tratta di microgrammi, dal momento che viene assorbito dalle piante e che quindi si trasferisce al chicco. Una recente nota della FDA, The Food and Drug Administration, l’organizzazione governativa americana che provvede a monitorare, oltre ai medicinali, anche centinaia tra cibi e bevande che arrivano tutti i giorni sulle tavole degli americani, ha posto l’accento sul fatto che sarebbe consigliabile variare il tipo di cereali utilizzati per l'alimentazione, in modo da non consumare solo quelli a base di riso, come le gallette o il riso soffiato.

La FDA controlla regolarmente e da oltre 20 anni i livelli di arsenico presenti nel suolo, tenendo conto anche che la concentrazione non è omogenea per tutte le coltivazioni di questa pianta che, come si sa, viene effettuata praticamente in tutto il mondo. L’arsenico è un elemento chimico presente nel suolo e distribuito quasi uniformemente sulla crosta terrestre dove viene rilasciato da eruzioni vulcaniche, dalla normale erosione del suolo da parte delle acque, ma anche perché vi viene immesso dall’uomo, anche inconsapevolmente, come residuo della combustione di legno, carbone, benzina, senza contare poi una infinitesima parte presente anche in alcuni prodotti per agricoltura.

La concentrazione nel suolo, come detto, è risultata essere costante nel tempo, tanto è vero che non sono state rilevate significative variazioni, tuttavia sono cambiate le conoscenze e anche i metodi per valutare l’impatto che anche una minima parte di questo composto chimico può avere sulla salute, certamente non nell’immediato, ma  nel lungo periodo. Infatti, anche se si tratta solo di microgrammi, ovvero un milionesimo di grammo, quindi abbondantemente nei limiti di tolleranza, non è dato sapere nel tempo un accumulo di tale sostanza quali danni è in grado di produrre sulla salute.
Da qui la raccomandazione di variare la dieta, cercando di non fossilizzarsi solo sul consumo di  gallette di riso, riso soffiato o altri prodotti derivati dal riso stesso, come il latte e altro ancora, in particolar modo per quanto riguarda l’alimentazione dei bambini. La situazione è ben diversa, invece, per gli orientali per i quali i riso è praticamente il piatto nazionale, al pari dei soggetti celiaci che utilizzano molto il riso in alternativa alla pasta per colpa del glutine in essa presente.

L’obiettivo della FDA è quello di continuare a monitorare tutti i prodotti a base di riso, oltre un migliaio almeno tra quelli presenti sul territorio americano, in modo da poter valutare con maggiore precisione il livello di rischio. Al momento, non viene emesso un allarme, ma semplicemente una raccomandazione a variare l’alimentazione che non deve quindi prevedere il consumo esclusivo o preminente di cereali a base di riso, così come il riso stesso.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: