articolo Cucina
Cosa si deve mangiare per bruciare i grassi freccegiovedì 25 aprile 2013 


Bruciare i grassi, per molti una necessità più che un desiderio, solo che il più delle volte si sceglie la strada sbagliata, perché ci si affida a diete estreme che, pur dando di risultati in molti casi, possono tuttavia rappresentare un pericolo per la salute, in particolar modo nel lungo periodo.
Le diete estreme si basano soprattutto sugli  alimenti ricchi di proteine, le diete iperproteiche, a discapito dei carboidrati, diete facili da affrontare se vogliamo  ma dense di insidie  per la salute. Tralasciando per il momento  i più che probabili danni ai reni, fegato, epitelio e altro ancora,  anche se i sostenitori di queste diete non sono d’accordo, bisogna tener presente che un consumo eccessivo di carne, che rappresenta la  principale  fonte di proteine, accresce il  rischio di contrarre un cancro al colon o al seno.

Già da sola questa considerazione che, si badi bene, non è semplicemente una opinione di parte ma una certezza confermata da innumerevoli e autorevoli ricerche, dovrebbe far desistere dal prendere in considerazione certe diete, solo che il più delle volte  la sola idea di poter  perdere dei chili rapidamente ha il sopravvento sulla salute. Ovviamente ciascuno è libero di fare le proprie scelte, così come altri sono liberi di dissentire.
A parte queste considerazioni di base, per bruciare grassi, oltre al  consumo di alimenti proteici che in tutti i casi non sono solo di origine animale, è necessario assumere alimenti a basso contenuto glicemico, che hanno un basso impatto sui livelli degli zuccheri nel sangue, con conseguente  positiva  ricaduta sui livelli di insulina che, se bassi, fanno si che i carboidrati in eccesso non si trasformino in grassi di deposito.

Quindi, per prima cosa è necessario evitare di consumare troppi carboidrati la sera poiché è il momento della giornata in cui il metabolismo è sensibilmente più lento e visto che la digestione dei carboidrati richiede maggior impegno da parte dell’organismo, il riposo notturno potrebbe essere messo a dura prova.
Quindi, per il pasto serale,  scegliere alimenti che non siano carboidrati, quindi formaggi magri, frutta  e verdura, quest’ultima preferibilmente cotta per evitare anche il rischio che si formino troppi gas intestinali, o ancora uova e pesce, che rappresentano una eccellente fonte di proteine, in alternativa alla carne che come detto anche altre volte, va consumata non più di 4-5 volte al mese.
Bere almeno 1,5-2 litri di acqua nel corso della giornata poiché la  disidratazione rallenta il metabolismo e con esso anche l’eliminazione dei grassi. Evitare in tutti i casi di passare da un regime di scarsa idratazione a quello opposto, ma incrementare gradatamente il consumo di acqua quotidiano ricordando sempre di bere acqua naturale e non gassata.

Per accelerare il metabolismo che, con il passare degli anni, diventa inevitabilmente sempre più pigro, è necessario  mangiare molte proteine e fibre,  evitando come detto in precedenza le proteine della carne, che  possono essere sostituite anche dai legumi.  Una alimentazione del genere è in grado di dare una sveglia  ad un metabolismo un po’ addormentato  contribuendo non poco  a bruciare i grassi.
Lo stesso risultato lo si ottiene aumentando il consumo di tutto ciò che è in grado di ravvivare il metabolismo, ovviamente in modo naturale, come ad esempio il caffè e il tè, particolarmente efficaci,  ovviamente senza esagerare, considerando tuttavia che con il passar del tempo,  solitamente nel giro di qualche mese, l’organismo si abituerà e  la velocità del metabolismo tornerà lentamente ai livelli precedenti. Il peperoncino è un vero amico dell’organismo in quanto, oltre ad accelerare il metabolismo, è ricco di tante altre virtù. È un vasodilatatore, un antinfiammatorio naturale e contrasta con estrema efficacia i radicali liberi, responsabili tra l’altro dell’invecchiamento e del decadimento  dell’organiamo.

Un altro  fattore di rischio per l’incremento del peso corporeo è il cortisolo, i cui valori dipendono dallo  stress.  Sarà quindi necessario dormire bene e per un tempo sufficiente, almeno 8 ore a notte, cercando anche di ridurre lo stress, anche se controllarlo è decisamente difficile e spesso è del tutto indipendente dalla nostra volontà.
A parte l’alimentazione, il modo migliore per dare una sveglia al metabolismo è l’attività fisica di tipo aerobico, ovvero la marcia, lo jogging, la cyclette, senza trascurare anche un po’ di esercizi di tipo anaerobico, per il consolidamento della massa muscolare. Oltre a far perdere peso, una costante attività fisica migliora la massa muscolare che, è bene ricordarlo, necessita di maggiore energia rispetto alla massa grassa, anche a riposo, e quindi accelera significativamente il metabolismo, contribuendo non poco a bruciare i grassi in eccesso.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

L'ananas: non solo un frutto anticellulite e brucia grassi - mercoledì 6 novembre 2013
L'ananas è una pianta appartenente alla famiglia delle bromelacee, originaria del sud America, in seguito venne portata anche in Europa e poi nelle isole del pacifico,america latina, Florida e a Cuba. I suoi frutti non sono soltanto buoni da mangiare, ........

Il caglio vegetale nei formaggi - venerdì 20 dicembre 2013
Per caglio s'intende quella sostanza che serve per coagulare il latte nella produzione dei formaggi, però non tutti sono a conoscienza che esistono ben tre diversi tipi di caglio: animale, microbico e vegetale; il caglio animale è sicuramente ........

Lo zenzero: brucia i grassi e preserva la salute - giovedì 29 maggio 2014
Lo zenzero (Zingiber officinale Roscoe) è una spezia ricavata da una pianta di origine orientale, più precisamente asiatica, arrivata nel nostro Continente in epoca romana e, sin da allora, usata per le molteplici proprietà delle sue radici, utilizzate ........

Gli aromi che fanno la differenza! - martedì 24 settembre 2013
Nel convento di Rupertsberg, in Germania, la monaca Hildegarde von Bingen (1099-1179) descrive circa 200 piante medicinali di uso corrente, quali, il cumino, il finocchio, la menta il rosmarino, la salvia, la ruta. Sono tante, poco conosciute ........

Il miele: anche un ottimo antibiotico naturale - venerdì 8 novembre 2013
Il miele è un alimento prodotto dal lavoro intenso delle api. La base di partenza per la produzione del miele è il nettare che le api estraggono dai fiori e il miele è un alimento prezioso e noto sin dall'antichità per le sue proprietà benefiche, ........

 

Ricetta del giorno
Aspic di frutta estiva
Lavare e asciugare bene la frutta, eliminare la buccia di cocomero e melone e tagliarne la polta a cubetti. Grattugiare la buccia dell’arancia, eliminare ....


Articoli correlati

I burger vegetali: un'alternativa alla carne - lunedì 11 novembre 2013
I burger vegetali sono un' ottima alternativa al consumo di carne, infatti nell'ambito della dieta vegetariana e vegana, rappresentano uno degli alimenti più innovativi e gustosi. I burger vegetali oltre ad essere molto buoni, sono anche molto ........

Una corretta dieta vegetariana - lunedì 11 novembre 2013
Una corretta dieta vegetariana deve garantire all’organismo, attraverso l’assunzione quotidiana di frutta e verdure di stagione, un apporto equilibrato di vitamine e fibre, che rinforzano e depurano il nostro organismo allo stesso tempo, nonché ........

Cucina a bassa temperatura: la pazienza in cucina - venerdì 6 settembre 2013
Sono molte le tecniche culinarie che esistono oggi per preparare gli alimenti, sia in casa che al ristorante. Una delle più recenti è la cucina a bassa temperatura. Per un’alimentazione sana, la dieta non è sufficiente, in quanto è fondamentale ........

Ricetta farro e ceci - martedì 22 ottobre 2013
Fanno una coppia perfetto il farro e i ceci, una coppia di cui i toscani hanno colto da tempo immemorabile le potenzialità. Il farro è forse il cereale più salutare in quanto è il meno calorico, ha inoltre pochissimi grassi, un basso indice glicemico ........

Sana alimentazione è sinonimo di agricoltura biologica - venerdì 8 novembre 2013

Avete mai fatto attenzione agli alimenti che mangiate? Vi siete mai soffermati a considerare sapori, aromi, freschezza e consistenza di carne, uova, latte, formaggi, frutta e verdura? Avete mai pensato di chiedere a delle persone ........

Ricetta del giorno
Polpettine di fagioli
Lessare le patate, sbucciarle, schiacciarle con lo schiacciapatate e metterle da parte. Lessare nel frattempo i fagioli, tritare il porro, sgocciolare ....

 articolo Cucina
Cosa si deve mangiare per bruciare i grassi freccegiovedì 25 aprile 2013 

Bruciare i grassi, per molti una necessità più che un desiderio, solo che il più delle volte si sceglie la strada sbagliata, perché ci si affida a diete estreme che, pur dando di risultati in molti casi, possono tuttavia rappresentare un pericolo per la salute, in particolar modo nel lungo periodo.
Le diete estreme si basano soprattutto sugli  alimenti ricchi di proteine, le diete iperproteiche, a discapito dei carboidrati, diete facili da affrontare se vogliamo  ma dense di insidie  per la salute. Tralasciando per il momento  i più che probabili danni ai reni, fegato, epitelio e altro ancora,  anche se i sostenitori di queste diete non sono d’accordo, bisogna tener presente che un consumo eccessivo di carne, che rappresenta la  principale  fonte di proteine, accresce il  rischio di contrarre un cancro al colon o al seno.

Già da sola questa considerazione che, si badi bene, non è semplicemente una opinione di parte ma una certezza confermata da innumerevoli e autorevoli ricerche, dovrebbe far desistere dal prendere in considerazione certe diete, solo che il più delle volte  la sola idea di poter  perdere dei chili rapidamente ha il sopravvento sulla salute. Ovviamente ciascuno è libero di fare le proprie scelte, così come altri sono liberi di dissentire.
A parte queste considerazioni di base, per bruciare grassi, oltre al  consumo di alimenti proteici che in tutti i casi non sono solo di origine animale, è necessario assumere alimenti a basso contenuto glicemico, che hanno un basso impatto sui livelli degli zuccheri nel sangue, con conseguente  positiva  ricaduta sui livelli di insulina che, se bassi, fanno si che i carboidrati in eccesso non si trasformino in grassi di deposito.

Quindi, per prima cosa è necessario evitare di consumare troppi carboidrati la sera poiché è il momento della giornata in cui il metabolismo è sensibilmente più lento e visto che la digestione dei carboidrati richiede maggior impegno da parte dell’organismo, il riposo notturno potrebbe essere messo a dura prova.
Quindi, per il pasto serale,  scegliere alimenti che non siano carboidrati, quindi formaggi magri, frutta  e verdura, quest’ultima preferibilmente cotta per evitare anche il rischio che si formino troppi gas intestinali, o ancora uova e pesce, che rappresentano una eccellente fonte di proteine, in alternativa alla carne che come detto anche altre volte, va consumata non più di 4-5 volte al mese.
Bere almeno 1,5-2 litri di acqua nel corso della giornata poiché la  disidratazione rallenta il metabolismo e con esso anche l’eliminazione dei grassi. Evitare in tutti i casi di passare da un regime di scarsa idratazione a quello opposto, ma incrementare gradatamente il consumo di acqua quotidiano ricordando sempre di bere acqua naturale e non gassata.

Per accelerare il metabolismo che, con il passare degli anni, diventa inevitabilmente sempre più pigro, è necessario  mangiare molte proteine e fibre,  evitando come detto in precedenza le proteine della carne, che  possono essere sostituite anche dai legumi.  Una alimentazione del genere è in grado di dare una sveglia  ad un metabolismo un po’ addormentato  contribuendo non poco  a bruciare i grassi.
Lo stesso risultato lo si ottiene aumentando il consumo di tutto ciò che è in grado di ravvivare il metabolismo, ovviamente in modo naturale, come ad esempio il caffè e il tè, particolarmente efficaci,  ovviamente senza esagerare, considerando tuttavia che con il passar del tempo,  solitamente nel giro di qualche mese, l’organismo si abituerà e  la velocità del metabolismo tornerà lentamente ai livelli precedenti. Il peperoncino è un vero amico dell’organismo in quanto, oltre ad accelerare il metabolismo, è ricco di tante altre virtù. È un vasodilatatore, un antinfiammatorio naturale e contrasta con estrema efficacia i radicali liberi, responsabili tra l’altro dell’invecchiamento e del decadimento  dell’organiamo.

Un altro  fattore di rischio per l’incremento del peso corporeo è il cortisolo, i cui valori dipendono dallo  stress.  Sarà quindi necessario dormire bene e per un tempo sufficiente, almeno 8 ore a notte, cercando anche di ridurre lo stress, anche se controllarlo è decisamente difficile e spesso è del tutto indipendente dalla nostra volontà.
A parte l’alimentazione, il modo migliore per dare una sveglia al metabolismo è l’attività fisica di tipo aerobico, ovvero la marcia, lo jogging, la cyclette, senza trascurare anche un po’ di esercizi di tipo anaerobico, per il consolidamento della massa muscolare. Oltre a far perdere peso, una costante attività fisica migliora la massa muscolare che, è bene ricordarlo, necessita di maggiore energia rispetto alla massa grassa, anche a riposo, e quindi accelera significativamente il metabolismo, contribuendo non poco a bruciare i grassi in eccesso.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: