articolo Cucina
Una sana alimentazione e un po’ di attività fisica aiutano a restare giovani freccesabato 20 aprile 2013 


Per mantenersi in forma e restare giovani  è necessario mangiare bene e fare un po’ di sana attività fisica. Mangiare bene non significa mangiare abbondantemente, ma mangiare nella maniera corretta, alimentarsi e non abboffarsi, tanto per intenderci, e per questo non è necessario adottare delle diete particolari, come quelle che vanno tanto di moda in questo periodo, che tutto sono tranne che un sano regime alimentare. Infatti, per lo più si tratta di diete estreme, iperproteiche, in cui la carne svolge un ruolo da protagonista, mentre invece dovrebbe essere consumata con estrema cautela, non più di 4-5 volte al mese, in quanto rappresenta un serio rischio cancerogeno, come del resto raccomanda anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS

Quindi, basterebbe semplicemente eliminare  i veri responsabili dell’incremento di peso, ovvero i vari snack, merendine,  cibi precotti, che tutto sono tranne che alimenti sani, e ridurre semplicemente le quantità degli altri alimenti. La dieta mediterranea, in tutti i casi, rappresenta la soluzione ideale, quella che tutto il mondo ci invidia e che ha rappresentato per anni l’alimentazione tipo. Poi sono arrivate le merendine, i fast food e addio forma fisica.

Tuttavia, non basta solo una sana alimentazione per mantenersi in forma, in quanto a questa è necessario associare un po’ di sana attività fisica, quella di tipo aerobico o cardiovascolare, come lo jogging, la marcia, la cyclette e il nuoto. Ovviamente, la corsa o la marcia, intesa anche solo come il camminare, sono quelle più semplici da praticare, anche perché non richiedono alcun esborso economico particolare se non l’acquisto di un paio di scarpette adatte, indispensabili per evitare infortuni che possono anche essere molto più che un semplice fastidio.

Camminare fa bene al  corpo e alla mente, aiuta a prevenire diverse malattie anche gravi e aiuta a mantenersi in buona salute. Camminare è l'esercizio fisico di base, fondamentale, con la sola differenza che lo si può fare praticamente a quasi tutte le età. Basta solamente indossare un paio di scarpe adatte, degli abiti comodi, e camminare diventa un vero piacere. La cosa migliore, sarebbe di camminare tutti i giorni, per almeno 30-40 minuti, senza fretta, cercando di godersi la passeggiata, e quindi certamente la città piena di traffico non è il luogo più adatto. Una zona pedonale del quartiere, un parco, il lungomare libero dal traffico automobilistico, sono tutti luoghi adatti alla bisogna che consentono di liberare la mente dai cattivi pensieri, di scaricare lo stress, di distrarsi e di godersi  la giornata.

Se poi a farci compagnia vi è un amico a quattro zampe, un  vero amico, la serenità e il piacere saranno ancora maggiori, visto che si potrebbero condividere dei momenti di  serenità  e al tempo stesso far godere anche a lui di un periodo di tempo passato all'aria aperta  piuttosto che costretto tra quattro mura. Ma oltre alla sensazione di  pace  e di benessere  che deriva da una bella e tranquilla passeggiata, vi sono anche tanti altri vantaggi che non sono assolutamente da  trascurare. Camminare consente di rinforzare i muscoli, di migliorare complessivamente il  metabolismo, di mantenere sotto controllo il livello del colesterolo  LDL, ma nel complesso del colesterolo totale in quanto, fare una distinzione tra LDL e HDL sembra ormai essere un concetto superato da recenti ricerche.

Quindi, si  riduce  significativamente il rischio di  infarto  e di ictus, di contrarre il cancro al colon e al seno, di andare incontro a problemi di diabete, stando all'aria aperta e quindi essendo esposti alla luce solare si stimola la produzione di vitamina D, cha tanta importanza ha per il nostro organismo, si bruciano i grassi e quindi si riduce il rischio di andare incontro a problemi di sovrappeso o, peggio di obesità. Ma con il lavoro come la mettiamo? Basta organizzarsi e ritagliarsi del tempo per camminare un po'. Basterebbe, per esempio, abituarsi a fare le scale a piedi, visto che oggi si ha l'abitudine di prendere l'ascensore anche solo per salire un paio di piani, e quel che è peggio anche in discesa, o fermare l'auto ad una  certa distanza  dalla nostra destinazione, qualunque essa sia, piuttosto che fermarsi in seconda fila per paura di dover fare 2 metri a piedi. Si tratta solo di buona volontà e buonsenso.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Marmellate dicembrine: ogni mese ci preserva una conserva - domenica 1 dicembre 2013
Non tutti sanno che ogni mese dell’anno ha la sua conserva di frutta e di verdura. Bene, il mese di Dicembre si prospetta come il mese ideale per preparare delle deliziose conserve di carciofi e confetture di banane, ma prima vediamo insieme qualche ........

Cucina a bassa temperatura: la pazienza in cucina - venerdì 6 settembre 2013
Sono molte le tecniche culinarie che esistono oggi per preparare gli alimenti, sia in casa che al ristorante. Una delle più recenti è la cucina a bassa temperatura. Per un’alimentazione sana, la dieta non è sufficiente, in quanto è fondamentale ........

Come preparare i peperoni alla griglia - giovedì 12 settembre 2013
Uno dei piatti più deliziosi della cucina mediterranea sono senza dubbio i peperoni alla griglia, facilissimi da preparare, poco dispendiosi e adatti per qualsiasi occasione sia in inverno che in estate. Il costo per una pietanza del genere è ........

Cibi di stagione - giovedì 19 settembre 2013
Potrebbe sembrare scontato parlare di quanto sia importante mangiare cibi di stagione, ma tutte le cose scontate vengono troppo spesso ignorate, perchè sono così tanto presenti nell’aria da sfiorarci senza però toccarci realmente. Il punto ........

Menù etnico – i cibi di Atlantide – parte 2 - venerdì 30 agosto 2013
Tsike, lo sciamano guaritore della tribù dei Fleathead, incontrato nel 1991 nel Montana, proseguì la sua storia sul lungo viaggio dei suoi progenitori (tra il 5000 e il 2100 a.C. dalle Hawaii al Nord America, passando per l'Egitto, l'Europa, il ........

 

Ricetta del giorno
Arrosto al latte
Passate il pezzo di carne nella farina, in modo da spolverizzarlo leggermente, poi adagiatelo in una casseruola in 40 grammi di burro caldo e fatelo rosolare ....


Articoli correlati

Cibi di stagione - giovedì 19 settembre 2013
Potrebbe sembrare scontato parlare di quanto sia importante mangiare cibi di stagione, ma tutte le cose scontate vengono troppo spesso ignorate, perchè sono così tanto presenti nell’aria da sfiorarci senza però toccarci realmente. Il punto ........

Formaggi light e formaggi tradizionali - martedì 24 dicembre 2013
In commercio troviamo vari tipi di formaggio, che si differenziano tra loro per il diverso contenuto di sostanze grasse in essi presente, infatti da questo punto di vista i formaggi possono essere suddivisi in tre categorie: formaggi grassi, ........

Autunno: l'alimentazione che cura. Non solo frutta e verdura - domenica 29 settembre 2013
Arriva l’autunno e spesso ci si affanna alla ricerca di un’ alimentazione che possa curarci dai malanni stagionali. Il cambio di stagione è da sempre sinonimo di stress psicologico ma soprattutto fisico ma non siamo soli. La natura ci lancia ........

Il mirtillo: un frutto buono e sano. - domenica 15 settembre 2013
Ecco che arriva il mirtillo. Ormai ci siamo: il 22 settembre inizierà l’autunno e potremmo dire definitivamente “arrivederci” alla nostra estate tanto voluta e amata. Cade di una domenica che, secondo le previsioni Meteo, sarà soleggiata con un ........

Burro, margarina e olio di oliva: le differenze - lunedì 2 dicembre 2013
Burro, margarina e olio di oliva sono alimenti molto noti dal punto di vista alimentare,alcuni in cucina fanno uso di tutti e tre, altri utilizzano solo due di questi altri soltanto uno;tra il burro, la margarina e l'olio di oliva vi sono enormi ........

Ricetta del giorno
Aspic di frutta estiva
Lavare e asciugare bene la frutta, eliminare la buccia di cocomero e melone e tagliarne la polta a cubetti. Grattugiare la buccia dell’arancia, eliminare ....

 articolo Cucina
Una sana alimentazione e un po’ di attività fisica aiutano a restare giovani freccesabato 20 aprile 2013 

Per mantenersi in forma e restare giovani  è necessario mangiare bene e fare un po’ di sana attività fisica. Mangiare bene non significa mangiare abbondantemente, ma mangiare nella maniera corretta, alimentarsi e non abboffarsi, tanto per intenderci, e per questo non è necessario adottare delle diete particolari, come quelle che vanno tanto di moda in questo periodo, che tutto sono tranne che un sano regime alimentare. Infatti, per lo più si tratta di diete estreme, iperproteiche, in cui la carne svolge un ruolo da protagonista, mentre invece dovrebbe essere consumata con estrema cautela, non più di 4-5 volte al mese, in quanto rappresenta un serio rischio cancerogeno, come del resto raccomanda anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS

Quindi, basterebbe semplicemente eliminare  i veri responsabili dell’incremento di peso, ovvero i vari snack, merendine,  cibi precotti, che tutto sono tranne che alimenti sani, e ridurre semplicemente le quantità degli altri alimenti. La dieta mediterranea, in tutti i casi, rappresenta la soluzione ideale, quella che tutto il mondo ci invidia e che ha rappresentato per anni l’alimentazione tipo. Poi sono arrivate le merendine, i fast food e addio forma fisica.

Tuttavia, non basta solo una sana alimentazione per mantenersi in forma, in quanto a questa è necessario associare un po’ di sana attività fisica, quella di tipo aerobico o cardiovascolare, come lo jogging, la marcia, la cyclette e il nuoto. Ovviamente, la corsa o la marcia, intesa anche solo come il camminare, sono quelle più semplici da praticare, anche perché non richiedono alcun esborso economico particolare se non l’acquisto di un paio di scarpette adatte, indispensabili per evitare infortuni che possono anche essere molto più che un semplice fastidio.

Camminare fa bene al  corpo e alla mente, aiuta a prevenire diverse malattie anche gravi e aiuta a mantenersi in buona salute. Camminare è l'esercizio fisico di base, fondamentale, con la sola differenza che lo si può fare praticamente a quasi tutte le età. Basta solamente indossare un paio di scarpe adatte, degli abiti comodi, e camminare diventa un vero piacere. La cosa migliore, sarebbe di camminare tutti i giorni, per almeno 30-40 minuti, senza fretta, cercando di godersi la passeggiata, e quindi certamente la città piena di traffico non è il luogo più adatto. Una zona pedonale del quartiere, un parco, il lungomare libero dal traffico automobilistico, sono tutti luoghi adatti alla bisogna che consentono di liberare la mente dai cattivi pensieri, di scaricare lo stress, di distrarsi e di godersi  la giornata.

Se poi a farci compagnia vi è un amico a quattro zampe, un  vero amico, la serenità e il piacere saranno ancora maggiori, visto che si potrebbero condividere dei momenti di  serenità  e al tempo stesso far godere anche a lui di un periodo di tempo passato all'aria aperta  piuttosto che costretto tra quattro mura. Ma oltre alla sensazione di  pace  e di benessere  che deriva da una bella e tranquilla passeggiata, vi sono anche tanti altri vantaggi che non sono assolutamente da  trascurare. Camminare consente di rinforzare i muscoli, di migliorare complessivamente il  metabolismo, di mantenere sotto controllo il livello del colesterolo  LDL, ma nel complesso del colesterolo totale in quanto, fare una distinzione tra LDL e HDL sembra ormai essere un concetto superato da recenti ricerche.

Quindi, si  riduce  significativamente il rischio di  infarto  e di ictus, di contrarre il cancro al colon e al seno, di andare incontro a problemi di diabete, stando all'aria aperta e quindi essendo esposti alla luce solare si stimola la produzione di vitamina D, cha tanta importanza ha per il nostro organismo, si bruciano i grassi e quindi si riduce il rischio di andare incontro a problemi di sovrappeso o, peggio di obesità. Ma con il lavoro come la mettiamo? Basta organizzarsi e ritagliarsi del tempo per camminare un po'. Basterebbe, per esempio, abituarsi a fare le scale a piedi, visto che oggi si ha l'abitudine di prendere l'ascensore anche solo per salire un paio di piani, e quel che è peggio anche in discesa, o fermare l'auto ad una  certa distanza  dalla nostra destinazione, qualunque essa sia, piuttosto che fermarsi in seconda fila per paura di dover fare 2 metri a piedi. Si tratta solo di buona volontà e buonsenso.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: