articolo Cucina
Una sana alimentazione e un po’ di attività fisica aiutano a restare giovani freccesabato 20 aprile 2013 


Per mantenersi in forma e restare giovani  è necessario mangiare bene e fare un po’ di sana attività fisica. Mangiare bene non significa mangiare abbondantemente, ma mangiare nella maniera corretta, alimentarsi e non abboffarsi, tanto per intenderci, e per questo non è necessario adottare delle diete particolari, come quelle che vanno tanto di moda in questo periodo, che tutto sono tranne che un sano regime alimentare. Infatti, per lo più si tratta di diete estreme, iperproteiche, in cui la carne svolge un ruolo da protagonista, mentre invece dovrebbe essere consumata con estrema cautela, non più di 4-5 volte al mese, in quanto rappresenta un serio rischio cancerogeno, come del resto raccomanda anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS

Quindi, basterebbe semplicemente eliminare  i veri responsabili dell’incremento di peso, ovvero i vari snack, merendine,  cibi precotti, che tutto sono tranne che alimenti sani, e ridurre semplicemente le quantità degli altri alimenti. La dieta mediterranea, in tutti i casi, rappresenta la soluzione ideale, quella che tutto il mondo ci invidia e che ha rappresentato per anni l’alimentazione tipo. Poi sono arrivate le merendine, i fast food e addio forma fisica.

Tuttavia, non basta solo una sana alimentazione per mantenersi in forma, in quanto a questa è necessario associare un po’ di sana attività fisica, quella di tipo aerobico o cardiovascolare, come lo jogging, la marcia, la cyclette e il nuoto. Ovviamente, la corsa o la marcia, intesa anche solo come il camminare, sono quelle più semplici da praticare, anche perché non richiedono alcun esborso economico particolare se non l’acquisto di un paio di scarpette adatte, indispensabili per evitare infortuni che possono anche essere molto più che un semplice fastidio.

Camminare fa bene al  corpo e alla mente, aiuta a prevenire diverse malattie anche gravi e aiuta a mantenersi in buona salute. Camminare è l'esercizio fisico di base, fondamentale, con la sola differenza che lo si può fare praticamente a quasi tutte le età. Basta solamente indossare un paio di scarpe adatte, degli abiti comodi, e camminare diventa un vero piacere. La cosa migliore, sarebbe di camminare tutti i giorni, per almeno 30-40 minuti, senza fretta, cercando di godersi la passeggiata, e quindi certamente la città piena di traffico non è il luogo più adatto. Una zona pedonale del quartiere, un parco, il lungomare libero dal traffico automobilistico, sono tutti luoghi adatti alla bisogna che consentono di liberare la mente dai cattivi pensieri, di scaricare lo stress, di distrarsi e di godersi  la giornata.

Se poi a farci compagnia vi è un amico a quattro zampe, un  vero amico, la serenità e il piacere saranno ancora maggiori, visto che si potrebbero condividere dei momenti di  serenità  e al tempo stesso far godere anche a lui di un periodo di tempo passato all'aria aperta  piuttosto che costretto tra quattro mura. Ma oltre alla sensazione di  pace  e di benessere  che deriva da una bella e tranquilla passeggiata, vi sono anche tanti altri vantaggi che non sono assolutamente da  trascurare. Camminare consente di rinforzare i muscoli, di migliorare complessivamente il  metabolismo, di mantenere sotto controllo il livello del colesterolo  LDL, ma nel complesso del colesterolo totale in quanto, fare una distinzione tra LDL e HDL sembra ormai essere un concetto superato da recenti ricerche.

Quindi, si  riduce  significativamente il rischio di  infarto  e di ictus, di contrarre il cancro al colon e al seno, di andare incontro a problemi di diabete, stando all'aria aperta e quindi essendo esposti alla luce solare si stimola la produzione di vitamina D, cha tanta importanza ha per il nostro organismo, si bruciano i grassi e quindi si riduce il rischio di andare incontro a problemi di sovrappeso o, peggio di obesità. Ma con il lavoro come la mettiamo? Basta organizzarsi e ritagliarsi del tempo per camminare un po'. Basterebbe, per esempio, abituarsi a fare le scale a piedi, visto che oggi si ha l'abitudine di prendere l'ascensore anche solo per salire un paio di piani, e quel che è peggio anche in discesa, o fermare l'auto ad una  certa distanza  dalla nostra destinazione, qualunque essa sia, piuttosto che fermarsi in seconda fila per paura di dover fare 2 metri a piedi. Si tratta solo di buona volontà e buonsenso.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Frutta e verdura per una pancia piatta in poco tempo - sabato 9 marzo 2013

Avere un bel fisico asciutto, una pancia piatta da poter  esibire  orgogliosamente in costume è l’obiettivo che in tanti cercano di raggiungere in tutti i modi, costi quello che costi, e con l’avvicinarsi dell’estate, anche se mancano ........

Tutti matti per la pizza! - lunedì 23 settembre 2013
La storia della pizza è lunga e complicata. Già nell'antichità esisteva una variante simile alla pizza, cioè delle focacce, più o meno appiattite, alle quali venivano aggiunti svariati tipi di condimenti. Questi pani di forma piatta provenivano ........

I datteri - sabato 14 dicembre 2013
I datteri sono i frutti della palma da dattero e sono originari del nord africa, dell'Arabia,del golfo Persico e del medio oriente in generale; i datteri rappresentano presso le popolazioni locali di queste zone una delle principali fonti di sostentamento, ........

Ricetta farro e ceci - martedì 22 ottobre 2013
Fanno una coppia perfetto il farro e i ceci, una coppia di cui i toscani hanno colto da tempo immemorabile le potenzialità. Il farro è forse il cereale più salutare in quanto è il meno calorico, ha inoltre pochissimi grassi, un basso indice glicemico ........

Il gelato, buono o cattivo? - mercoledì 11 settembre 2013
Che il gelato sia più buono o cattivo è possibile stabilirlo solo conoscendolo bene. Certo, parlare di gelato a settembre, quando l’estate spara ormai le sue ultime cartucce e l’armadio è in attesa del ribaltamento stagionale, può sembrare paradossale. ........

 

Ricetta del giorno
Caponata di verdure
Scolare e sciacquare i capperi sotto acqua corrente. Lavare le melanzane, eliminare il picciolo e ridurle a dadini non troppo piccoli. Eliminare i piccioli ....


Articoli correlati

Ricetta farro e ceci - martedì 22 ottobre 2013
Fanno una coppia perfetto il farro e i ceci, una coppia di cui i toscani hanno colto da tempo immemorabile le potenzialità. Il farro è forse il cereale più salutare in quanto è il meno calorico, ha inoltre pochissimi grassi, un basso indice glicemico ........

Biscotti della nonna: ricetta delle ciambelle all'anice - mercoledì 11 settembre 2013
Quando mia nonna cucinava le ciambelle all'anice, la casa si inondava di un profumo buonissimo, anche ad occhi chiusi si poteva indovinare cosa cuoceva nel forno. I profumi restano nella memoria come le immagini, le sensazioni, gli eventi vissuti, ........

Cosa si deve mangiare per bruciare i grassi - giovedì 25 aprile 2013

Bruciare i grassi, per molti una necessità più che un desiderio, solo che il più delle volte si sceglie la strada sbagliata, perché ci si affida a diete estreme che, pur dando di risultati in molti casi, possono tuttavia rappresentare un pericolo ........

Mangiare il pesce fa bene! - lunedì 23 settembre 2013
Esistono diversi tipi di pesce ed è diverso il loro grado di digeribilità: alcuni sono molti digeribili e adatti all'alimentazione di bambini e anziani(platessa, nasello, sogliola, trota), altri possono risultare meno digeribili(tonno, sgombro, ........

Alimentazione. Dimagrire mangiando bene - lunedì 14 gennaio 2013

L’alimentazione è una delle cose con cui bisogna fare i conti praticamente tutti i giorni, perché è una di quelle cose di cui non è possibile fare a meno. L’alimentazione, il mangiare tanto per intenderci, non è solo una questione di sopravvivenza, ........

Ricetta del giorno
Spaghetti aglio, olio, curcuma e pistacchi
Sgusciare i pistacchi, metterli sul tagliere e sminuzzarli con il coltello.
Intanto mettere a bollire l’acqua per la cottura della pasta. Una volta ....

 articolo Cucina
Una sana alimentazione e un po’ di attività fisica aiutano a restare giovani freccesabato 20 aprile 2013 

Per mantenersi in forma e restare giovani  è necessario mangiare bene e fare un po’ di sana attività fisica. Mangiare bene non significa mangiare abbondantemente, ma mangiare nella maniera corretta, alimentarsi e non abboffarsi, tanto per intenderci, e per questo non è necessario adottare delle diete particolari, come quelle che vanno tanto di moda in questo periodo, che tutto sono tranne che un sano regime alimentare. Infatti, per lo più si tratta di diete estreme, iperproteiche, in cui la carne svolge un ruolo da protagonista, mentre invece dovrebbe essere consumata con estrema cautela, non più di 4-5 volte al mese, in quanto rappresenta un serio rischio cancerogeno, come del resto raccomanda anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS

Quindi, basterebbe semplicemente eliminare  i veri responsabili dell’incremento di peso, ovvero i vari snack, merendine,  cibi precotti, che tutto sono tranne che alimenti sani, e ridurre semplicemente le quantità degli altri alimenti. La dieta mediterranea, in tutti i casi, rappresenta la soluzione ideale, quella che tutto il mondo ci invidia e che ha rappresentato per anni l’alimentazione tipo. Poi sono arrivate le merendine, i fast food e addio forma fisica.

Tuttavia, non basta solo una sana alimentazione per mantenersi in forma, in quanto a questa è necessario associare un po’ di sana attività fisica, quella di tipo aerobico o cardiovascolare, come lo jogging, la marcia, la cyclette e il nuoto. Ovviamente, la corsa o la marcia, intesa anche solo come il camminare, sono quelle più semplici da praticare, anche perché non richiedono alcun esborso economico particolare se non l’acquisto di un paio di scarpette adatte, indispensabili per evitare infortuni che possono anche essere molto più che un semplice fastidio.

Camminare fa bene al  corpo e alla mente, aiuta a prevenire diverse malattie anche gravi e aiuta a mantenersi in buona salute. Camminare è l'esercizio fisico di base, fondamentale, con la sola differenza che lo si può fare praticamente a quasi tutte le età. Basta solamente indossare un paio di scarpe adatte, degli abiti comodi, e camminare diventa un vero piacere. La cosa migliore, sarebbe di camminare tutti i giorni, per almeno 30-40 minuti, senza fretta, cercando di godersi la passeggiata, e quindi certamente la città piena di traffico non è il luogo più adatto. Una zona pedonale del quartiere, un parco, il lungomare libero dal traffico automobilistico, sono tutti luoghi adatti alla bisogna che consentono di liberare la mente dai cattivi pensieri, di scaricare lo stress, di distrarsi e di godersi  la giornata.

Se poi a farci compagnia vi è un amico a quattro zampe, un  vero amico, la serenità e il piacere saranno ancora maggiori, visto che si potrebbero condividere dei momenti di  serenità  e al tempo stesso far godere anche a lui di un periodo di tempo passato all'aria aperta  piuttosto che costretto tra quattro mura. Ma oltre alla sensazione di  pace  e di benessere  che deriva da una bella e tranquilla passeggiata, vi sono anche tanti altri vantaggi che non sono assolutamente da  trascurare. Camminare consente di rinforzare i muscoli, di migliorare complessivamente il  metabolismo, di mantenere sotto controllo il livello del colesterolo  LDL, ma nel complesso del colesterolo totale in quanto, fare una distinzione tra LDL e HDL sembra ormai essere un concetto superato da recenti ricerche.

Quindi, si  riduce  significativamente il rischio di  infarto  e di ictus, di contrarre il cancro al colon e al seno, di andare incontro a problemi di diabete, stando all'aria aperta e quindi essendo esposti alla luce solare si stimola la produzione di vitamina D, cha tanta importanza ha per il nostro organismo, si bruciano i grassi e quindi si riduce il rischio di andare incontro a problemi di sovrappeso o, peggio di obesità. Ma con il lavoro come la mettiamo? Basta organizzarsi e ritagliarsi del tempo per camminare un po'. Basterebbe, per esempio, abituarsi a fare le scale a piedi, visto che oggi si ha l'abitudine di prendere l'ascensore anche solo per salire un paio di piani, e quel che è peggio anche in discesa, o fermare l'auto ad una  certa distanza  dalla nostra destinazione, qualunque essa sia, piuttosto che fermarsi in seconda fila per paura di dover fare 2 metri a piedi. Si tratta solo di buona volontà e buonsenso.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: