articolo Cucina
Una sana alimentazione e un po’ di attività fisica aiutano a restare giovani freccesabato 20 aprile 2013 


Per mantenersi in forma e restare giovani  è necessario mangiare bene e fare un po’ di sana attività fisica. Mangiare bene non significa mangiare abbondantemente, ma mangiare nella maniera corretta, alimentarsi e non abboffarsi, tanto per intenderci, e per questo non è necessario adottare delle diete particolari, come quelle che vanno tanto di moda in questo periodo, che tutto sono tranne che un sano regime alimentare. Infatti, per lo più si tratta di diete estreme, iperproteiche, in cui la carne svolge un ruolo da protagonista, mentre invece dovrebbe essere consumata con estrema cautela, non più di 4-5 volte al mese, in quanto rappresenta un serio rischio cancerogeno, come del resto raccomanda anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS

Quindi, basterebbe semplicemente eliminare  i veri responsabili dell’incremento di peso, ovvero i vari snack, merendine,  cibi precotti, che tutto sono tranne che alimenti sani, e ridurre semplicemente le quantità degli altri alimenti. La dieta mediterranea, in tutti i casi, rappresenta la soluzione ideale, quella che tutto il mondo ci invidia e che ha rappresentato per anni l’alimentazione tipo. Poi sono arrivate le merendine, i fast food e addio forma fisica.

Tuttavia, non basta solo una sana alimentazione per mantenersi in forma, in quanto a questa è necessario associare un po’ di sana attività fisica, quella di tipo aerobico o cardiovascolare, come lo jogging, la marcia, la cyclette e il nuoto. Ovviamente, la corsa o la marcia, intesa anche solo come il camminare, sono quelle più semplici da praticare, anche perché non richiedono alcun esborso economico particolare se non l’acquisto di un paio di scarpette adatte, indispensabili per evitare infortuni che possono anche essere molto più che un semplice fastidio.

Camminare fa bene al  corpo e alla mente, aiuta a prevenire diverse malattie anche gravi e aiuta a mantenersi in buona salute. Camminare è l'esercizio fisico di base, fondamentale, con la sola differenza che lo si può fare praticamente a quasi tutte le età. Basta solamente indossare un paio di scarpe adatte, degli abiti comodi, e camminare diventa un vero piacere. La cosa migliore, sarebbe di camminare tutti i giorni, per almeno 30-40 minuti, senza fretta, cercando di godersi la passeggiata, e quindi certamente la città piena di traffico non è il luogo più adatto. Una zona pedonale del quartiere, un parco, il lungomare libero dal traffico automobilistico, sono tutti luoghi adatti alla bisogna che consentono di liberare la mente dai cattivi pensieri, di scaricare lo stress, di distrarsi e di godersi  la giornata.

Se poi a farci compagnia vi è un amico a quattro zampe, un  vero amico, la serenità e il piacere saranno ancora maggiori, visto che si potrebbero condividere dei momenti di  serenità  e al tempo stesso far godere anche a lui di un periodo di tempo passato all'aria aperta  piuttosto che costretto tra quattro mura. Ma oltre alla sensazione di  pace  e di benessere  che deriva da una bella e tranquilla passeggiata, vi sono anche tanti altri vantaggi che non sono assolutamente da  trascurare. Camminare consente di rinforzare i muscoli, di migliorare complessivamente il  metabolismo, di mantenere sotto controllo il livello del colesterolo  LDL, ma nel complesso del colesterolo totale in quanto, fare una distinzione tra LDL e HDL sembra ormai essere un concetto superato da recenti ricerche.

Quindi, si  riduce  significativamente il rischio di  infarto  e di ictus, di contrarre il cancro al colon e al seno, di andare incontro a problemi di diabete, stando all'aria aperta e quindi essendo esposti alla luce solare si stimola la produzione di vitamina D, cha tanta importanza ha per il nostro organismo, si bruciano i grassi e quindi si riduce il rischio di andare incontro a problemi di sovrappeso o, peggio di obesità. Ma con il lavoro come la mettiamo? Basta organizzarsi e ritagliarsi del tempo per camminare un po'. Basterebbe, per esempio, abituarsi a fare le scale a piedi, visto che oggi si ha l'abitudine di prendere l'ascensore anche solo per salire un paio di piani, e quel che è peggio anche in discesa, o fermare l'auto ad una  certa distanza  dalla nostra destinazione, qualunque essa sia, piuttosto che fermarsi in seconda fila per paura di dover fare 2 metri a piedi. Si tratta solo di buona volontà e buonsenso.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Il caffè, tra leggenda e realtà - mercoledì 25 settembre 2013
Si narrano numerose leggende sull'origine del caffè. Tra le più note, quella di un pastore etiope di nome Kaldi. Un giorno, le sue capre, mentre erano al pascolo, mangiarono delle bacche e le foglie di una certa pianta. Fin qui nulla di strano ........

Cenone della befana: concludere le feste con una cena buffet. Come organizzarla - lunedì 16 dicembre 2013
Perché non organizzare un ricco buffet per il Cenone della befana? Piuttosto che la solita cena seduti, un modo alternativo per trascorrere ancora l’ultima serata di festa con amici e parenti, potrebbe essere quello di organizzare una cena in ........

La dieta e il diabete - sabato 11 maggio 2013

Il diabete va curato per lo più con un appropriato regime alimentare. Il ruolo della dieta, o meglio, la corretta alimentazione nella cura della malattia è fondamentale. Infatti i medici la considerano non una pura e semplice indicazione, da ........

Menù etnico – i cibi di Atlantide – parte 2 - venerdì 30 agosto 2013
Tsike, lo sciamano guaritore della tribù dei Fleathead, incontrato nel 1991 nel Montana, proseguì la sua storia sul lungo viaggio dei suoi progenitori (tra il 5000 e il 2100 a.C. dalle Hawaii al Nord America, passando per l'Egitto, l'Europa, il ........

Carne di tacchino: proprietà e ricetta - martedì 17 settembre 2013
Le proprietà della carne di tacchino sono molteplici e, soprattutto, non hanno rovesci della medaglia. Com’è risaputo il tacchino appartiene al gruppo delle carni bianche, di cui le linee guida del Ministero della Salute promuovono un consumo ........

 

Ricetta del giorno
Bavarese ai frutti di bosco
In un pentolino versate il latte, aggiungete l'agar agar e fate bollire. Lasciate, poi, sul fuoco per un paio di minuti, tenendo la fiamma bassa e mescolando ....


Articoli correlati

Il mirtillo: un frutto buono e sano. - domenica 15 settembre 2013
Ecco che arriva il mirtillo. Ormai ci siamo: il 22 settembre inizierà l’autunno e potremmo dire definitivamente “arrivederci” alla nostra estate tanto voluta e amata. Cade di una domenica che, secondo le previsioni Meteo, sarà soleggiata con un ........

Menù etnico - i cibi di Atlantide – parte 1 - giovedì 29 agosto 2013
Sembra incredibile come questi Menù Etnici siano finiti nelle mie mani; in realtà avevo sempre considerato molto improbabile l'esistenza di testimonianze Atlantidee: credevo fosse tutta roba da fumetti! Ma adesso sono qui e sono pronto a renderli ........

I vegetariani vivono più a lungo dei carnivori - domenica 30 giugno 2013

I vegetariani vivono più a lungo di coloro che mangiano anche la carne.  È quanto emerge dai risultati di una ricerca della Loma Linda University in California che ha osservato per un certo periodo di tempo, circa sei anni, oltre ........

L'ananas: non solo un frutto anticellulite e brucia grassi - mercoledì 6 novembre 2013
L'ananas è una pianta appartenente alla famiglia delle bromelacee, originaria del sud America, in seguito venne portata anche in Europa e poi nelle isole del pacifico,america latina, Florida e a Cuba. I suoi frutti non sono soltanto buoni da mangiare, ........

Le gallette di riso, un pericolo per la salute - sabato 8 giugno 2013

Le gallette di riso, o meglio tutti i cereali e i prodotti a base di riso, quindi il riso stesso, sono potenzialmente pericolosi per la salute. Il pericolo è rappresentato dall’arsenico che è presente in piccolissima parte, si tratta di microgrammi, ........

Ricetta del giorno
Riso Basmati con peperoni
Lessare il riso per 15 minuti in una pentola con acqua bollente ovviamente salata, scolarlo e versarlo in una insalatiera. Condire con 2 cucchiai di olio ....

 articolo Cucina
Una sana alimentazione e un po’ di attività fisica aiutano a restare giovani freccesabato 20 aprile 2013 

Per mantenersi in forma e restare giovani  è necessario mangiare bene e fare un po’ di sana attività fisica. Mangiare bene non significa mangiare abbondantemente, ma mangiare nella maniera corretta, alimentarsi e non abboffarsi, tanto per intenderci, e per questo non è necessario adottare delle diete particolari, come quelle che vanno tanto di moda in questo periodo, che tutto sono tranne che un sano regime alimentare. Infatti, per lo più si tratta di diete estreme, iperproteiche, in cui la carne svolge un ruolo da protagonista, mentre invece dovrebbe essere consumata con estrema cautela, non più di 4-5 volte al mese, in quanto rappresenta un serio rischio cancerogeno, come del resto raccomanda anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS

Quindi, basterebbe semplicemente eliminare  i veri responsabili dell’incremento di peso, ovvero i vari snack, merendine,  cibi precotti, che tutto sono tranne che alimenti sani, e ridurre semplicemente le quantità degli altri alimenti. La dieta mediterranea, in tutti i casi, rappresenta la soluzione ideale, quella che tutto il mondo ci invidia e che ha rappresentato per anni l’alimentazione tipo. Poi sono arrivate le merendine, i fast food e addio forma fisica.

Tuttavia, non basta solo una sana alimentazione per mantenersi in forma, in quanto a questa è necessario associare un po’ di sana attività fisica, quella di tipo aerobico o cardiovascolare, come lo jogging, la marcia, la cyclette e il nuoto. Ovviamente, la corsa o la marcia, intesa anche solo come il camminare, sono quelle più semplici da praticare, anche perché non richiedono alcun esborso economico particolare se non l’acquisto di un paio di scarpette adatte, indispensabili per evitare infortuni che possono anche essere molto più che un semplice fastidio.

Camminare fa bene al  corpo e alla mente, aiuta a prevenire diverse malattie anche gravi e aiuta a mantenersi in buona salute. Camminare è l'esercizio fisico di base, fondamentale, con la sola differenza che lo si può fare praticamente a quasi tutte le età. Basta solamente indossare un paio di scarpe adatte, degli abiti comodi, e camminare diventa un vero piacere. La cosa migliore, sarebbe di camminare tutti i giorni, per almeno 30-40 minuti, senza fretta, cercando di godersi la passeggiata, e quindi certamente la città piena di traffico non è il luogo più adatto. Una zona pedonale del quartiere, un parco, il lungomare libero dal traffico automobilistico, sono tutti luoghi adatti alla bisogna che consentono di liberare la mente dai cattivi pensieri, di scaricare lo stress, di distrarsi e di godersi  la giornata.

Se poi a farci compagnia vi è un amico a quattro zampe, un  vero amico, la serenità e il piacere saranno ancora maggiori, visto che si potrebbero condividere dei momenti di  serenità  e al tempo stesso far godere anche a lui di un periodo di tempo passato all'aria aperta  piuttosto che costretto tra quattro mura. Ma oltre alla sensazione di  pace  e di benessere  che deriva da una bella e tranquilla passeggiata, vi sono anche tanti altri vantaggi che non sono assolutamente da  trascurare. Camminare consente di rinforzare i muscoli, di migliorare complessivamente il  metabolismo, di mantenere sotto controllo il livello del colesterolo  LDL, ma nel complesso del colesterolo totale in quanto, fare una distinzione tra LDL e HDL sembra ormai essere un concetto superato da recenti ricerche.

Quindi, si  riduce  significativamente il rischio di  infarto  e di ictus, di contrarre il cancro al colon e al seno, di andare incontro a problemi di diabete, stando all'aria aperta e quindi essendo esposti alla luce solare si stimola la produzione di vitamina D, cha tanta importanza ha per il nostro organismo, si bruciano i grassi e quindi si riduce il rischio di andare incontro a problemi di sovrappeso o, peggio di obesità. Ma con il lavoro come la mettiamo? Basta organizzarsi e ritagliarsi del tempo per camminare un po'. Basterebbe, per esempio, abituarsi a fare le scale a piedi, visto che oggi si ha l'abitudine di prendere l'ascensore anche solo per salire un paio di piani, e quel che è peggio anche in discesa, o fermare l'auto ad una  certa distanza  dalla nostra destinazione, qualunque essa sia, piuttosto che fermarsi in seconda fila per paura di dover fare 2 metri a piedi. Si tratta solo di buona volontà e buonsenso.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: