articolo Cucina
Frutta e verdura per una pancia piatta in poco tempo freccesabato 9 marzo 2013 


Avere un bel fisico asciutto, una pancia piatta da poter  esibire  orgogliosamente in costume è l’obiettivo che in tanti cercano di raggiungere in tutti i modi, costi quello che costi, e con l’avvicinarsi dell’estate, anche se mancano ancora 3-4 mesi, la ricerca delle migliore soluzione comincia a diventare quasi spasmodica, ossessiva.  Avendo tutto il tempo davanti a sé per raggiungere l’obiettivo, è possibile fare le cose con calma, senza quindi fare scelte sbagliate semmai affidandosi a diete miracolose che di tale hanno solo i grossi vantaggi economici  di cui potranno godere i rispettivi ideatori.

I principali problemi della pancia gonfia non sono i chili di troppo, ma per lo più la presenza di aria nell’intestino, aria che va eliminata in un modo o nell’altro e questo crea spesso delle situazioni a dir poco imbarazzanti. La formazione dei gas durante il processo digestivo è un fatto del tutto normale, tanto che madre natura ha pensato a risolvere il problema alla base, trovando un meccanismo perfettamente funzionante per eliminarla. Questa, infatti, viene assorbita dalla muscosa intestinale e avviata al circolo sanguigno da dove poi, una volta arrivata ai bronchi e polmoni, verrà regolarmente eliminata nel normale processo di scambio gassoso.

Questo meccanismo funziona però entro certi limiti, perché se i gas presenti nell’intestino vanno oltre la normale capacità di smaltimento, questi persisteranno nella pancia dando anche un evidente segno della loro presenza che si manifesta con la pancia gonfia. Nella maggior parte dei casi, questo problema è legato all’alimentazione, per cui è necessario cercare di porvi rimedio mangiando nel modo giusto e, soprattutto, gli alimenti giusti. Ma vediamo un po’ più da vicino di cosa si tratta.

Il primo passo da fare è quello di evitare gli alimenti che fermentano durante la digestione, per cui anche le verdure che spesso sono il piatto più importante di tutte le diete andrebbero consumate cotte, preferibilmente al vapore, perché altrimenti da crude hanno la tendenza a fermentare. Quindi, largo carote, zucchine, spinaci, bietole e a tutte quelle verdure che solitamente vanno consumate cotte, ma questo non vuol dire dover rinunciare all’insalata, purché non si ecceda con il condimento che non farebbe altro che innescare il processo di fermentazione.

Vi sono poi verdure che possono essere consumate crude, anzi cha vanno consumate senza essere cotte,  come il finocchio, un vero e proprio antigas naturale, visto che contrasta la formazione di quei gas intestinali responsabili del gonfiore. Altro eccellente antigas è il cumino, poco utilizzato nella cucina nostrana, mentre invece trova una vasta applicazione nei paesi del Nord Africa.
La frutta poi, un altro alimento molto importante nella dieta di tutti i giorni, viene considerata da alcuni una fonte di gas intestinali, mentre per altri è uno di quegli alimenti da non far mai mancare a tavola, visto che è ricca di una infinità di sostanza benefiche per l’organismo delle quali sarebbe veramente colpevole fare a meno. Le mele e le pere sono i frutti più indicati in quanto sono quelli che fermentano meno degli altri, senza poi dimenticare le banane che contengono potassio, sostanza importante per i muscoli e il cuore. Le arance, al pari di tutti gli agrumi, essendo una fonte insostituibile di vitamina C, andrebbero consumati senza remore, così come i frutti di bosco, in particolare i mirtilli, particolarmente ricchi di polifenoli e altre molecole, che sono degli antiossidanti e antinfiammatori naturali e che contribuiscono anche a migliorare la permeabilità capillare.

La frutta e la verdura non dovrebbero mai mancare in tavola, ed è quanto sostiene la regola del 5, ovvero 5 porzioni tra frutta e verdura da consumare nell’arco della giornata, obiettivo facilmente raggiungibile se si comincia a consumare della frutta anche nella colazione del mattino.
Infine, per cercare di eliminare e prevenire il gonfiore intestinale è anche necessario saper fare qualche rinuncia, come le bibite gassate, qualche dolce di troppo e l’abitudine di masticare il chewing gum, la gomma da masticare, perché fa ingoiare una notevole quantità d’aria che, prima o poi, sarà pur necessario eliminare in qualche modo.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Come risparmiare in cucina riutilizzando il pane secco - mercoledì 11 settembre 2013
Risparmiare partendo proprio dalla cucina? Ebbene sì, è possibile! Quante volte ci si ritrova col carrello pieno e il portafoglio vuoto? Per evitare che la spesa ci vuoti le tasche possiamo farci furbi. Pensiamo al pane! Quante volte ci si ........

Come preparare i deliziosi panini hawaiani - giovedì 12 settembre 2013
Vi siete mai chiesti che tipo di panini vengono preparati sulle spiagge hawaiane? Sicuramente si, e se quindi amate panini particolari, provenienti da mete esotiche, non perdete l’occasione di assaporarne uno veramente stravagante, ........

Il miele: anche un ottimo antibiotico naturale - venerdì 8 novembre 2013
Il miele è un alimento prodotto dal lavoro intenso delle api. La base di partenza per la produzione del miele è il nettare che le api estraggono dai fiori e il miele è un alimento prezioso e noto sin dall'antichità per le sue proprietà benefiche, ........

Parmigiana di melanzane light - domenica 6 ottobre 2013
Una parmigiana di melanzane? Ci piace mangiar bene e saporito ma teniamo comunque alla linea? Un dilemma,questo, non di facile soluzione se si pensa che alla base della cucina saporita c’è sempre l’abitudine di soffriggere e friggere: due modalità ........

Frutta nelle scuole - lunedì 23 settembre 2013
Non tutti i bambini amano e apprezzano la frutta, perciò è ideale trovare modi alternativi e gustosi per presentare la frutta. Ecco alcune delle idee più facili da realizzare e più gustose per invogliare il bambino all'uso quotidiano di questo ........

 

Ricetta del giorno
Arance ripiene alla siciliana
Prendete quattro arance e, con l'aiuto di un coltellino dalla lama aguzza e tagliente, tagliate la calotta di ciascun frutto in modo da ricavare tanti ....


Articoli correlati

Biscotti della nonna: ricetta delle ciambelle all'anice - mercoledì 11 settembre 2013
Quando mia nonna cucinava le ciambelle all'anice, la casa si inondava di un profumo buonissimo, anche ad occhi chiusi si poteva indovinare cosa cuoceva nel forno. I profumi restano nella memoria come le immagini, le sensazioni, gli eventi vissuti, ........

Autunno: l'alimentazione che cura. Non solo frutta e verdura - domenica 29 settembre 2013
Arriva l’autunno e spesso ci si affanna alla ricerca di un’ alimentazione che possa curarci dai malanni stagionali. Il cambio di stagione è da sempre sinonimo di stress psicologico ma soprattutto fisico ma non siamo soli. La natura ci lancia ........

Pancia gonfia? Ecco cosa mangiare per essere nuovamente in forma - martedì 16 aprile 2013

Pancia gonfia? Un problema con cui sono chiamati a fare i conti ogni giorno un gran numero di persone che oltre tutto non sanno come fare a liberarsi del  fastidio. Si, perché il fastidio è decisamente serio, visto che oltre ad un problema ........

Menù Etnico – i cibi di Atlantide – parte 3 - lunedì 2 settembre 2013
Tsike mi disse che la parte successiva era per lui la più piacevole; il primo vero e proprio cibo di Atlantide. Quando me lo comunicò mi era già venuto un certo languorino, quindi veder preparare questi tortini di mais, carne e verdure, fu una ........

Menù etnico – i cibi di Atlantide – parte 2 - venerdì 30 agosto 2013
Tsike, lo sciamano guaritore della tribù dei Fleathead, incontrato nel 1991 nel Montana, proseguì la sua storia sul lungo viaggio dei suoi progenitori (tra il 5000 e il 2100 a.C. dalle Hawaii al Nord America, passando per l'Egitto, l'Europa, il ........

Ricetta del giorno
Risotto al pesto di rucola
Tagliate a fettine sottili lo scalogno e mettetelo nell'olio in una pentola. Fatelo rosolare a fiamma viva e, non appena diventa dorato, aggiungete il ....

 articolo Cucina
Frutta e verdura per una pancia piatta in poco tempo freccesabato 9 marzo 2013 

Avere un bel fisico asciutto, una pancia piatta da poter  esibire  orgogliosamente in costume è l’obiettivo che in tanti cercano di raggiungere in tutti i modi, costi quello che costi, e con l’avvicinarsi dell’estate, anche se mancano ancora 3-4 mesi, la ricerca delle migliore soluzione comincia a diventare quasi spasmodica, ossessiva.  Avendo tutto il tempo davanti a sé per raggiungere l’obiettivo, è possibile fare le cose con calma, senza quindi fare scelte sbagliate semmai affidandosi a diete miracolose che di tale hanno solo i grossi vantaggi economici  di cui potranno godere i rispettivi ideatori.

I principali problemi della pancia gonfia non sono i chili di troppo, ma per lo più la presenza di aria nell’intestino, aria che va eliminata in un modo o nell’altro e questo crea spesso delle situazioni a dir poco imbarazzanti. La formazione dei gas durante il processo digestivo è un fatto del tutto normale, tanto che madre natura ha pensato a risolvere il problema alla base, trovando un meccanismo perfettamente funzionante per eliminarla. Questa, infatti, viene assorbita dalla muscosa intestinale e avviata al circolo sanguigno da dove poi, una volta arrivata ai bronchi e polmoni, verrà regolarmente eliminata nel normale processo di scambio gassoso.

Questo meccanismo funziona però entro certi limiti, perché se i gas presenti nell’intestino vanno oltre la normale capacità di smaltimento, questi persisteranno nella pancia dando anche un evidente segno della loro presenza che si manifesta con la pancia gonfia. Nella maggior parte dei casi, questo problema è legato all’alimentazione, per cui è necessario cercare di porvi rimedio mangiando nel modo giusto e, soprattutto, gli alimenti giusti. Ma vediamo un po’ più da vicino di cosa si tratta.

Il primo passo da fare è quello di evitare gli alimenti che fermentano durante la digestione, per cui anche le verdure che spesso sono il piatto più importante di tutte le diete andrebbero consumate cotte, preferibilmente al vapore, perché altrimenti da crude hanno la tendenza a fermentare. Quindi, largo carote, zucchine, spinaci, bietole e a tutte quelle verdure che solitamente vanno consumate cotte, ma questo non vuol dire dover rinunciare all’insalata, purché non si ecceda con il condimento che non farebbe altro che innescare il processo di fermentazione.

Vi sono poi verdure che possono essere consumate crude, anzi cha vanno consumate senza essere cotte,  come il finocchio, un vero e proprio antigas naturale, visto che contrasta la formazione di quei gas intestinali responsabili del gonfiore. Altro eccellente antigas è il cumino, poco utilizzato nella cucina nostrana, mentre invece trova una vasta applicazione nei paesi del Nord Africa.
La frutta poi, un altro alimento molto importante nella dieta di tutti i giorni, viene considerata da alcuni una fonte di gas intestinali, mentre per altri è uno di quegli alimenti da non far mai mancare a tavola, visto che è ricca di una infinità di sostanza benefiche per l’organismo delle quali sarebbe veramente colpevole fare a meno. Le mele e le pere sono i frutti più indicati in quanto sono quelli che fermentano meno degli altri, senza poi dimenticare le banane che contengono potassio, sostanza importante per i muscoli e il cuore. Le arance, al pari di tutti gli agrumi, essendo una fonte insostituibile di vitamina C, andrebbero consumati senza remore, così come i frutti di bosco, in particolare i mirtilli, particolarmente ricchi di polifenoli e altre molecole, che sono degli antiossidanti e antinfiammatori naturali e che contribuiscono anche a migliorare la permeabilità capillare.

La frutta e la verdura non dovrebbero mai mancare in tavola, ed è quanto sostiene la regola del 5, ovvero 5 porzioni tra frutta e verdura da consumare nell’arco della giornata, obiettivo facilmente raggiungibile se si comincia a consumare della frutta anche nella colazione del mattino.
Infine, per cercare di eliminare e prevenire il gonfiore intestinale è anche necessario saper fare qualche rinuncia, come le bibite gassate, qualche dolce di troppo e l’abitudine di masticare il chewing gum, la gomma da masticare, perché fa ingoiare una notevole quantità d’aria che, prima o poi, sarà pur necessario eliminare in qualche modo.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: