articolo Cucina
La cannella, preziosa in cucina e amica della linea freccesabato 26 gennaio 2013 


La  cannella, una spezia preziosa in cucina e grande amica della linea perché contrasta la formazione di quegli antiestetici rotolini di grasso sulla pancia. Spezia che trova la sua naturale utilizzazione nella preparazione dei dolci, al posto dello zucchero raffinato che alcuni soggetti non riescono a metabolizzare correttamente con conseguente accumulo di grasso la dove da più fastidio.  E’ possibile quindi utilizzarla per la preparazione di dolci, di biscotti e di torte che non hanno nulla ad invidiare alle solite torte in cui è stato utilizzato lo zucchero come dolcificante.

La cannella, inoltre, sembra essere una vera amica dei diabetici perché ha un effetto positivo sull’insulina, o meglio, sulla sua sensibilizzazione, per cui faciliterebbe l’assorbimento degli zuccheri nel sangue a tutto vantaggio dei livelli di glicemia che si sa, nei diabetici, vanno tenuti costantemente sotto controllo.  Ma non solo,  perché a trarne vantaggio sono anche i livelli dei trigliceridi, oltre ad un più facile controllo del peso corporeo, questo grazie al fatto che l’azione  dell’ormone dell’insulina sulle varie cellule, contrasta la formazione del grasso addominale.

E ancora, la cannella è uno di quei prodotti naturali che hanno uno spiccato effetto antigas, si potrebbe dire, perché sono in grado, al pari del finocchio e del cumino, di contrastare la formazione di quei gas intestinali che sono  i maggiori responsabili  del gonfiore addominale, oltre che di un evidente stato di disagio conseguente alla necessità di liberarsi, in un modo o nell’altro, di questa  indesiderata presenza.
Ma vediamo un po’ più a vicino cos’è la cannella, visto che non sono in tanti coloro che la conoscono e la utilizzano. Si tratta di una spezia che si estrae  da due piante, la Cinnamomum zeylanicum originaria  dello Sri Lanka e la Cinnamomum vassia, di origine cinese. E’ disponibile in commercio sia in polvere che sotto forma di sottili cilindri o stecche di corteccia essiccata, chiamati cannelli.

Proprietà della Cannella
Le proprietà terapeutiche della cannella sono molteplici, è infatti uno di quei doni che la natura ci ha esso a disposizione e che vengono invece ignorati dalla maggior parte delle persone. E’ un antiossidante naturale, quindi contrasta i radicali liberi,  stimola e favorisce la circolazione sanguigna e contrasta efficacemente il colesterolo.  Ancora, ha proprietà  antibatteriche, antisettiche, stimolanti e anche digestive ed è quindi una vera amica su cui è possibile contare praticamente in tutte le occasioni.

La sua benefica azione per i soggetti portatori di diabete di tipo 2 è dovuta alla presenza di un particolare polifenolo la cui azione è simile a quella dell’insulina, cosa che del resto è stata dimostrata da recenti studi. Stimola le difese immunitarie, per cui è un eccellente coadiuvante nella lotta alle malattie da raffreddamento, e quindi  è ottima da utilizzare anche in caso di influenza. Delle sue proprietà antigas si è già detto, quindi non resta che darsi da fare per cercare di utilizzarla in cucina con maggior frequenza.

La cannella in cucina

Il sapore della cannella è decisamente particolare, caratteristico, perché è dolce e piccante allo steso tempo.  Può essere quindi utilizzata indifferentemente per la preparazione di biscotti, torte, frutta caramellata, creme in genere, ma anche per insaporire il gelato, cos’ come nella preparazione di salse o per insaporire carne e pesce, visto  il suo sapore ambivalente.
Può essere utilizzata anche nella preparazione di bevande, alcune delle quali non potranno che trovare giovamento  dalla presenza del suo aroma speziato come, ad esempio, vin brulè, sangria e vari tipi di punch.

Dovendo scegliere quale cannella da tenere in casa sarebbe meglio rivolgere la propria attenzione alla forma in bastoncini, rispetto a quella in polvere, perché mantiene più a lungo il suo aroma. Del resto, basta tagliuzzarla finemente oppure  immergerla  intera nella salsa durante la sua preparazione e toglierla una volta terminata la cottura. Provare per credere.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Cucina a bassa temperatura: la pazienza in cucina - venerdì 6 settembre 2013
Sono molte le tecniche culinarie che esistono oggi per preparare gli alimenti, sia in casa che al ristorante. Una delle più recenti è la cucina a bassa temperatura. Per un’alimentazione sana, la dieta non è sufficiente, in quanto è fondamentale ........

Zucchero di canna e zucchero bianco: le differenze - giovedì 12 dicembre 2013
La differenza fondamentale tra lo zucchero di canna e quello bianco raffinato, consiste nel fatto che, mentre quello di canna, come dice la parola stessa viene estratto dalla canna da zucchero, quello bianco invece deriva dalla lavorazione della ........

Il cioccolato un amico della salute - sabato 27 aprile 2013

La salute e il cioccolato sono due facce della stessa medaglia, si potrebbe dire,  a condizione che  il cioccolato sia solo e rigorosamente fondente, cosa che non vale per il  cioccolato al latte, bianco o di qualsiasi altro ........

Padelle Antiaderenti, il Teflon può essere Cancerogeno - lunedì 28 luglio 2014

Padelle Antiaderenti, il Teflon può essere Cancerogeno, è quanto sembrano dimostrare alcune recenti ricerche che quindi consiglierebbero di evitare di utilizzare questo tipo di padelle, ma anche pentole, per la cottura degli alimenti. Il condizionale ........

Formaggi light e formaggi tradizionali - martedì 24 dicembre 2013
In commercio troviamo vari tipi di formaggio, che si differenziano tra loro per il diverso contenuto di sostanze grasse in essi presente, infatti da questo punto di vista i formaggi possono essere suddivisi in tre categorie: formaggi grassi, ........

 

Ricetta del giorno
Arancini di riso alla siciliana
Fate lessare il riso in abbondante acqua salata, sgocciolatelo bene e ancora caldo mantecatelo con lo zafferano, il parmigiano grattugiato e due delle ....


Articoli correlati

Come preparare il pane con la farina di castagne - venerdì 8 novembre 2013
Il pane fatto con la farina di castagna anticamente, nei periodi di crisi del raccolto che investirono la nostra Penisola, fu senza dubbio una valida alternativa alla sola farina. Cerchiamo ora di riprendere questa antica tradizione spiegando ........

Sushi vegetariano o con pesce cotto. Un all you can cook a casa tua - domenica 29 settembre 2013
Da due anni a questa parte la città nella quale vivo si è del tutto modificata e si è riempita di ristoranti giapponesi "all you can eat". Il sushi, piatto forte della cucina nipponica, ha letteralmente stregato tutti coloro che amano il pesce, ........

La pizza turca - lunedì 16 settembre 2013
Il Lahmacun (che significa impasto di carne) è una pizza diffusa in Turchia e Armenia. E' molto popolare quasi quanto il kebab. E' un sottile strato di pasta ricoperto di carne di agnello o manzo macinata e peperoni verdi. Viene solitamente ........

Come preparare l'insalata bavarese - venerdì 15 novembre 2013
L'insalata bavarese è un piatto tipico europeo semplice da preparare, nutriente e gustoso. In questa guida vogliamo infatti aiutare il lettore, specialmente se è single ed ha poca dimestichezza in cucina, a prepararla in maniera semplice e veloce. ........

Come preparare le arepas - giovedì 12 settembre 2013
Oggigiorno sempre più persone si appassionano ai cibi esotici, e prendono sempre più piede le focacce che vengono cucinate in America latina. Tra queste menzioneremo le arepas, di origine venezuelane, che sono entrate prepotentemente nelle nostre ........

Ricetta del giorno
Arance ripiene alla siciliana
Prendete quattro arance e, con l'aiuto di un coltellino dalla lama aguzza e tagliente, tagliate la calotta di ciascun frutto in modo da ricavare tanti ....
Articoli redazionali

La Contessa di “Camaldoli” - giovedì 13 marzo 2014

C’è un luogo magico in cui il tempo sembra fermarsi, in cui le papille gustative sembrano essere spinte  a degustare con maggior consapevolezza qualche specialità partenopea o a inebriarsi con vini pregiati, per via della posizione surreale ........


 articolo Cucina
La cannella, preziosa in cucina e amica della linea freccesabato 26 gennaio 2013 

La  cannella, una spezia preziosa in cucina e grande amica della linea perché contrasta la formazione di quegli antiestetici rotolini di grasso sulla pancia. Spezia che trova la sua naturale utilizzazione nella preparazione dei dolci, al posto dello zucchero raffinato che alcuni soggetti non riescono a metabolizzare correttamente con conseguente accumulo di grasso la dove da più fastidio.  E’ possibile quindi utilizzarla per la preparazione di dolci, di biscotti e di torte che non hanno nulla ad invidiare alle solite torte in cui è stato utilizzato lo zucchero come dolcificante.

La cannella, inoltre, sembra essere una vera amica dei diabetici perché ha un effetto positivo sull’insulina, o meglio, sulla sua sensibilizzazione, per cui faciliterebbe l’assorbimento degli zuccheri nel sangue a tutto vantaggio dei livelli di glicemia che si sa, nei diabetici, vanno tenuti costantemente sotto controllo.  Ma non solo,  perché a trarne vantaggio sono anche i livelli dei trigliceridi, oltre ad un più facile controllo del peso corporeo, questo grazie al fatto che l’azione  dell’ormone dell’insulina sulle varie cellule, contrasta la formazione del grasso addominale.

E ancora, la cannella è uno di quei prodotti naturali che hanno uno spiccato effetto antigas, si potrebbe dire, perché sono in grado, al pari del finocchio e del cumino, di contrastare la formazione di quei gas intestinali che sono  i maggiori responsabili  del gonfiore addominale, oltre che di un evidente stato di disagio conseguente alla necessità di liberarsi, in un modo o nell’altro, di questa  indesiderata presenza.
Ma vediamo un po’ più a vicino cos’è la cannella, visto che non sono in tanti coloro che la conoscono e la utilizzano. Si tratta di una spezia che si estrae  da due piante, la Cinnamomum zeylanicum originaria  dello Sri Lanka e la Cinnamomum vassia, di origine cinese. E’ disponibile in commercio sia in polvere che sotto forma di sottili cilindri o stecche di corteccia essiccata, chiamati cannelli.

Proprietà della Cannella
Le proprietà terapeutiche della cannella sono molteplici, è infatti uno di quei doni che la natura ci ha esso a disposizione e che vengono invece ignorati dalla maggior parte delle persone. E’ un antiossidante naturale, quindi contrasta i radicali liberi,  stimola e favorisce la circolazione sanguigna e contrasta efficacemente il colesterolo.  Ancora, ha proprietà  antibatteriche, antisettiche, stimolanti e anche digestive ed è quindi una vera amica su cui è possibile contare praticamente in tutte le occasioni.

La sua benefica azione per i soggetti portatori di diabete di tipo 2 è dovuta alla presenza di un particolare polifenolo la cui azione è simile a quella dell’insulina, cosa che del resto è stata dimostrata da recenti studi. Stimola le difese immunitarie, per cui è un eccellente coadiuvante nella lotta alle malattie da raffreddamento, e quindi  è ottima da utilizzare anche in caso di influenza. Delle sue proprietà antigas si è già detto, quindi non resta che darsi da fare per cercare di utilizzarla in cucina con maggior frequenza.

La cannella in cucina

Il sapore della cannella è decisamente particolare, caratteristico, perché è dolce e piccante allo steso tempo.  Può essere quindi utilizzata indifferentemente per la preparazione di biscotti, torte, frutta caramellata, creme in genere, ma anche per insaporire il gelato, cos’ come nella preparazione di salse o per insaporire carne e pesce, visto  il suo sapore ambivalente.
Può essere utilizzata anche nella preparazione di bevande, alcune delle quali non potranno che trovare giovamento  dalla presenza del suo aroma speziato come, ad esempio, vin brulè, sangria e vari tipi di punch.

Dovendo scegliere quale cannella da tenere in casa sarebbe meglio rivolgere la propria attenzione alla forma in bastoncini, rispetto a quella in polvere, perché mantiene più a lungo il suo aroma. Del resto, basta tagliuzzarla finemente oppure  immergerla  intera nella salsa durante la sua preparazione e toglierla una volta terminata la cottura. Provare per credere.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: