articolo Vino
A ciascuno la sua cantina freccelunedì 30 aprile 2012 


Una cantina ideale, qualunque sia la sua capienza, dovrebbe trovarsi nel sottosuolo, che offre sufficienti garanzie rispetto agli sbalzi termici. Inoltre dev'essere esposta a nord dal momento che il fresco continuo in ogni stagione è il principale requisito di ogni cantina.
Le cose da tenere in considerazione quando si decide di organizzare una cantina nella propria abitazione, sono praticamente innumerevoli e così come gli accorgimenti da adottare per la gestione cantine; si va dalla collocazione, alla temperatura, al rumore e a tanto altro ancora. Vediamo di prenderle in considerazione una alla volta.

La temperatura
La temperatura ideale può variare tra i 12 e i 15° C: non deve mai scendere troppo e ovviamente nemmeno salire. Bisogna ricordare che il vino è una sostanza molto sensibile, viva, e soffre terribilmente degli sbalzi di temparetura troppo bruschi. Per questo il cantiniere esperto cerca di conservarlo nelle migliori condizioni possibili, fino al momento in cui sarà portato a tavola. La cantina scavata in profondità è dunque la migliore, perchè in un sottosuolo ben protetto, ma anche opportunamente arieggiato, la temperatura media si aggira sui valori citati in precedenza.
La collocazione sotterranea può essere negativa solo nel caso in cui la cantina si trovi vicino alla caldaia per il riscaldamento o alle tubazioni che distribuiscono l'acqua calda: in tal caso è meglio rinunciare durante l'inverno a tenere una scorta di vini.

Il rumore
Quando è ubicata nel sottosuolo, si presume che la cantina sia lontana a che dalle fonti eccessive di rumore; il rumore trasmette all'aria forti vibrazioni, vere nemiche del vino perché ne turbano l'intima essenza e gli equilibri. Poichè nelle case moderne le autorimesse sono in gran parte sotterranee, ecco che le cantine confinanti con i garages non vanno bene. Altri pericoli sono rappresentati dal traffico, se la cantina è troppo vicina ad una strada troppo frequentata, oppure ai binari della ferrovia, della metropolitana o ad una qualunque altra fonte di rumore. Ci sono poi i motori degli ascensori e dei montacarichi i compressori dei frigoriferi e altri inconvenienti di cui è sempre bene tener conto, anche se non è il caso di scoraggiarsi, poichè è sempre possibile ricorrere ad una buona insonorizzazione.

L'areazione
Come detto prima, la cantina deve essere opportunamente arieggiata, in continuazione. Occorre però che la ventilazione sia moderata, tale da consentire il passaggio attraverso le aperture di lievi correnti d'aria. Per ottenere una buona ventilazione si può anche ricorrere ad impianti di condizionamento d'aria, ma si tratta alla fine di una soluzione poco economica.

La luce
L'ambiente adibito a deposito del vino non deve deve essere dotato di finestroni che lascino entrare la luce diurna o, peggio, i raggi del sole. Uno dei principali requisiti di una buona cantina è che sia buia, o attraversata da una luce molto fioca. Il vino teme la luce ed è per questo che molte bottiglie hanno un colore marrone scuro, quasi nero, e altre sono verdi con maggiore o minore intensità.
Non si possono mettere in cantina impianti di illuminazione elettrica con lampade uguali a quelle usate per il resto della casa. Molto meglio l'illuminazione indiretta e, in ogni caso, con lampade di poche candele. I più accorti cantinieri farebbero bene ad utilizzare lampade che non scaldano.
In ogni caso è importante che il vino non venga disturbato dal suo riposo con lampade di grossa portata o, peggio, con riflettori di elevata potenza.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Il seitan: come prepararlo in casa - domenica 24 novembre 2013
Il seitan è un’ottima fonte di proteine, che è possibile preparare in casa e consumare, poi, come piatto a se stante, dal momento che rappresenta una vera a propria “carne vegetale”, oppure come accompagnamento per altri cibi. Poco noto nel nostro ........

Cosa si deve mangiare per bruciare i grassi - giovedì 25 aprile 2013

Bruciare i grassi, per molti una necessità più che un desiderio, solo che il più delle volte si sceglie la strada sbagliata, perché ci si affida a diete estreme che, pur dando di risultati in molti casi, possono tuttavia rappresentare un pericolo ........

Fiori commestibili, quali sono e alcune ricette - mercoledì 30 luglio 2014

Fiori commestibili, chissà perché non sono pochi a pensare e ad essere incerti prima di mangiare le belle primule gialle o i fiori di nasturzio e, oltre a questi, molti altri fiori che sono del tutto commestibili. Eppure è possibile ravvivare ........

Ricetta farro e ceci - martedì 22 ottobre 2013
Fanno una coppia perfetto il farro e i ceci, una coppia di cui i toscani hanno colto da tempo immemorabile le potenzialità. Il farro è forse il cereale più salutare in quanto è il meno calorico, ha inoltre pochissimi grassi, un basso indice glicemico ........

Come reimpiegare il pane secco - lunedì 4 novembre 2013
Il pane se non si mangia fresco diventa stantio e dopo pochi giorni ammuffisce e molti sono quindi soliti buttarlo tra i rifiuti. Pensando che gran parte della popolazione mondiale muore di fame e soprattutto che il pane costa e di questi tempi ........

 

Ricetta del giorno
Panna cotta guarnita al cioccolato
Per prima cosa mettere a bagno in acqua fredda i fogli di colla di pesce per farli ammorbidire. Nel frattempo mettere in un pentolino la panna, lo stecco ....


Articoli correlati

Sauternes, il vino con la muffa - martedì 8 ottobre 2013
Il Sauternes-Barsac, è un vino francese prodotto con uve “botritizzate”, cioè infavate dalla muffa nobile, la zona vocata per questa particolarissima produzione è la Dordogna, una regione del Bordeaux, tra la grande selva delle Landes e la riva ........

Bottiglie di vino: le dimensioni contano? - lunedì 30 settembre 2013
Sono sicura, visto l'argomento, che se invece di parlare di bottiglie di vino, la stessa domanda fosse stata fatta per altri generi, per esempio...per esempio...uhm uhm..chissà perché non mi viene in mente al momento un altro esempio ........

Amarone della Valpolicella: una "sublime" dimenticanza - sabato 7 settembre 2013
Chissà cosa potrebbe pensare Adelino Lucchese della fortuna e successo che ha avuto la sua “dimenticanza”, oggi dopo 70 anni. Una dimenticanza che ha creato un vino sublime, l’Amarone della Valpolicella, da anni dei più premiati e conosciuti ........

Il vino in cantina. Quante bottiglie conservare - venerdì 28 dicembre 2012

Per organizzare al meglio la cantina è necessario suddividere i vini in modo che possano essere trovati con una certa facilità. L’errore che si riscontra con maggiore frequenza è quello di disporre i vini alla rinfusa, in base all’ordine con ........

Il vino. Piccola guida all’acquisto - lunedì 31 dicembre 2012

Il problema dell’acquisto del vino pone tutta una serie di interrogativi e questioni che potrebbero ai più superficiali sembrare del tutto insignificanti, mentre invece non è affatto così. Luogo d’acquisto, come, quando, in che quantità, sono ........

Ricetta del giorno
Pollo con fagioli e ravanelli
Sciacquare i pezzi di pollo, asciugarli lasciandoli appena umidi e rivestirli con il misto spezie. Scaldare metà olio in un tegame generoso e cuocervi ....

 articolo Vino
A ciascuno la sua cantina freccelunedì 30 aprile 2012 

Una cantina ideale, qualunque sia la sua capienza, dovrebbe trovarsi nel sottosuolo, che offre sufficienti garanzie rispetto agli sbalzi termici. Inoltre dev'essere esposta a nord dal momento che il fresco continuo in ogni stagione è il principale requisito di ogni cantina.
Le cose da tenere in considerazione quando si decide di organizzare una cantina nella propria abitazione, sono praticamente innumerevoli e così come gli accorgimenti da adottare per la gestione cantine; si va dalla collocazione, alla temperatura, al rumore e a tanto altro ancora. Vediamo di prenderle in considerazione una alla volta.

La temperatura
La temperatura ideale può variare tra i 12 e i 15° C: non deve mai scendere troppo e ovviamente nemmeno salire. Bisogna ricordare che il vino è una sostanza molto sensibile, viva, e soffre terribilmente degli sbalzi di temparetura troppo bruschi. Per questo il cantiniere esperto cerca di conservarlo nelle migliori condizioni possibili, fino al momento in cui sarà portato a tavola. La cantina scavata in profondità è dunque la migliore, perchè in un sottosuolo ben protetto, ma anche opportunamente arieggiato, la temperatura media si aggira sui valori citati in precedenza.
La collocazione sotterranea può essere negativa solo nel caso in cui la cantina si trovi vicino alla caldaia per il riscaldamento o alle tubazioni che distribuiscono l'acqua calda: in tal caso è meglio rinunciare durante l'inverno a tenere una scorta di vini.

Il rumore
Quando è ubicata nel sottosuolo, si presume che la cantina sia lontana a che dalle fonti eccessive di rumore; il rumore trasmette all'aria forti vibrazioni, vere nemiche del vino perché ne turbano l'intima essenza e gli equilibri. Poichè nelle case moderne le autorimesse sono in gran parte sotterranee, ecco che le cantine confinanti con i garages non vanno bene. Altri pericoli sono rappresentati dal traffico, se la cantina è troppo vicina ad una strada troppo frequentata, oppure ai binari della ferrovia, della metropolitana o ad una qualunque altra fonte di rumore. Ci sono poi i motori degli ascensori e dei montacarichi i compressori dei frigoriferi e altri inconvenienti di cui è sempre bene tener conto, anche se non è il caso di scoraggiarsi, poichè è sempre possibile ricorrere ad una buona insonorizzazione.

L'areazione
Come detto prima, la cantina deve essere opportunamente arieggiata, in continuazione. Occorre però che la ventilazione sia moderata, tale da consentire il passaggio attraverso le aperture di lievi correnti d'aria. Per ottenere una buona ventilazione si può anche ricorrere ad impianti di condizionamento d'aria, ma si tratta alla fine di una soluzione poco economica.

La luce
L'ambiente adibito a deposito del vino non deve deve essere dotato di finestroni che lascino entrare la luce diurna o, peggio, i raggi del sole. Uno dei principali requisiti di una buona cantina è che sia buia, o attraversata da una luce molto fioca. Il vino teme la luce ed è per questo che molte bottiglie hanno un colore marrone scuro, quasi nero, e altre sono verdi con maggiore o minore intensità.
Non si possono mettere in cantina impianti di illuminazione elettrica con lampade uguali a quelle usate per il resto della casa. Molto meglio l'illuminazione indiretta e, in ogni caso, con lampade di poche candele. I più accorti cantinieri farebbero bene ad utilizzare lampade che non scaldano.
In ogni caso è importante che il vino non venga disturbato dal suo riposo con lampade di grossa portata o, peggio, con riflettori di elevata potenza.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: