articolo Vino
Il Cannonau a tavola freccelunedì 15 dicembre 2014 


Un vero intenditore di vini sa benissimo che il Cannonau a tavola è un vero e proprio must, un elemento imprescindibile per una gustosa cena invernale. Il suo gusto caldo e corposo, infatti, ben si adatta alle tipiche atmosfere invernali, dove il clima rigido e freddo costringe a rimanere in casa, preferibilmente con amici e parenti. Vista l’elevata gradazione alcolica (il Cannonau arriva tranquillamente a 13°, un tasso notevole) i suoi abbinamenti preferiti sono solitamente cibi ricchi e particolarmente pieni di sapore, nei quali il vino sardo possa esprimere tutta la sua potenza, senza correre il rischio di sovrastare le altre pietanze con la sua corposità.

Dunque, per poter accompagnare al meglio il gusto, le portate devono essere di spessore. Un esempio semplicissimo può essere quello della carne di cinghiale, solitamente ostica e piuttosto dura. Per poterla rendere tenera e morbida ed evitare un eccessivo sforzo nel doverla masticare, è consigliabile far macerare la carne in un bicchiere abbondante di Cannonau, in modo da lasciare il tempo al vino sardo di poter penetrare a fondo e impregnare il tutto. Una volta in padella, si può ripassare il cinghiale aggiungendo un altro po’ di vino, assieme a origano o rosmarino che completano il tutto e conferiscono al piatto un sapore selvatico.

Come regola generale, comunque, il Cannonau va bene con qualsiasi tipo di carne ma è particolarmente indicato con il brasato. Per quanto concerne l’aspetto storico, riguardo a questo vino sardo è interessante conoscerne un aspetto curioso: è stato recentemente scoperto, infatti, che è addirittura il vino più antico del Mediterraneo. Fino a qualche anno fa si credeva che fosse stato importato dalla Spagna ma recenti ritrovamenti, avvenuti nel sito archeologico Duos Nuraghes, hanno dimostrato che le popolazioni nuragiche conoscevano la coltivazione dell’uva già molti anni prima. Dati concreti alla mano, si è potuto affermare tranquillamente che il Cannonau possiede una storia millenaria: veniva coltivato addirittura 3.200 anni fa, il che è quasi un record.

Oltre al carattere deciso, la sua versatilità è ampia e riconosciuta su scala nazionale. Del Cannonau, infatti, esistono varie tipologie, tutte, ovviamente, estremamente valide. Tra quelle più famose abbiamo: Il Cannonau di Sardegna rossa, il Cannonau di Sardegna Capo Ferrato, il Cannonau di Sardegna Jerzu, il Cannonau di Sardegna Nepente di Oliena e il Cannonau di Sardegna rosato. Tra i liquorosi, ossia quelli nei quali si aggiunge alcol al mosto, abbiamo il Cannonau di Sardegna liquoroso secco e il Cannonau di Sardegna liquoroso dolce naturale.

 

www.francescoagostini.com


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco  Agostini - vedi tutti gli articoli di Francesco  Agostini


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Il vino in cucina - martedì 26 novembre 2013

Il vino in cucina, una idea di cui non è possibile stabilire le origini sia temporali che locali, tuttavia è certo che si trattò di un’idea geniale e, comunque sia nata, per caso, per spirito di innovazione o per esigenze di conservazione degli ........

Mangiare il pane di segale - domenica 13 ottobre 2013
Mangiare il pane di segale rappresenta un alimentazione sana e equilibrata, soprattutto per chi non riesce al pane, il suo consumo si rivela veramente ottimo. Infatti è ottimo per inzupparlo nei sughi, per metterci su la marmellata ma anche da ........

Menù etnico – i cibi di Atlantide – parte 2 - venerdì 30 agosto 2013
Tsike, lo sciamano guaritore della tribù dei Fleathead, incontrato nel 1991 nel Montana, proseguì la sua storia sul lungo viaggio dei suoi progenitori (tra il 5000 e il 2100 a.C. dalle Hawaii al Nord America, passando per l'Egitto, l'Europa, il ........

Gli alimenti ricchi di sali minerali - sabato 7 giugno 2014
La dieta, quando equilibrata, consente di assumere il giusto quantitativo di sali minerali, che sono essenziali per tutelare la nostra salute. Cibi ed alimenti ne contengono, infatti, una buona percentuale, basta solo ricordare che nella cottura ........

Lo zenzero: brucia i grassi e preserva la salute - giovedì 29 maggio 2014
Lo zenzero (Zingiber officinale Roscoe) è una spezia ricavata da una pianta di origine orientale, più precisamente asiatica, arrivata nel nostro Continente in epoca romana e, sin da allora, usata per le molteplici proprietà delle sue radici, utilizzate ........

 

Ricetta del giorno
Frittata con pecorino toscano e pistacchi
Iniziare con lo sgusciare i pistacchi, tritarli sul tagliere con il coltello e metterli da parte.
Rompere le uova in una ciotola, unire sale, ....


Articoli correlati

Vino e sessualità - martedì 10 settembre 2013
Chi diventa rosso alzi la mano e spenga il pc! E non sto parlando di naso rosso che si ha eccedendo nel bere il vino, ma di “rossore” legato all’argomento vino e sessualità che vorrei affrontare in questo mio articoletto. Quindi chi proprio ........

Il Nero d'Avola in cucina - sabato 13 dicembre 2014

Con l’avvicinarsi delle feste natalizie, per chi è appassionato di vini potrebbe risultare utile conoscere le potenzialità del Nero D’Avola in cucina. Questo vino siciliano può essere tranquillamente degustato oppure utilizzato come valido ........

Il vino in tavola. Gli abbinamenti - giovedì 3 gennaio 2013

Il vino in tavola e il suo abbinamento, o meglio, accostamento gastronomico è un aspetto di fondamentale importanza che, se non affrontato correttamente, può anche determinare la pessima riuscita di un buon pranzo. Il sapore di una vivanda ........

Barbera Colli Tortonesi DOC - lunedì 7 ottobre 2013
La Barbera Colli Tortonesi Doc,rigorosamente al femminile,  era fino a pochi decenni fa un comunissimo vino da tavola, senza infamia e senza lode, oggi ha raggiunto livelli qualitativi altissimi, la sua produzione si estende sulle ........

Il Brunello di Montalcino - sabato 6 dicembre 2014
Il Brunello di Montalcino è uno dei vini più famosi e apprezzati d'Italia. Il suo sapore forte e deciso è presente sulle tavole degli italiani da molti anni oramai e ancora oggi è uno dei vini nostrani più presenti all'estero. La sua caratteristica ........

Ricetta del giorno
Ciambellone di riso estivo con verdure e polpette di soia
Fate bollire l’acqua, salatela e cuoceteci il riso basmati, mantenendolo al dente. Nel frattempo lavate tutte le verdure, tritate il più finemente ....

 articolo Vino
Il Cannonau a tavola freccelunedì 15 dicembre 2014 

Un vero intenditore di vini sa benissimo che il Cannonau a tavola è un vero e proprio must, un elemento imprescindibile per una gustosa cena invernale. Il suo gusto caldo e corposo, infatti, ben si adatta alle tipiche atmosfere invernali, dove il clima rigido e freddo costringe a rimanere in casa, preferibilmente con amici e parenti. Vista l’elevata gradazione alcolica (il Cannonau arriva tranquillamente a 13°, un tasso notevole) i suoi abbinamenti preferiti sono solitamente cibi ricchi e particolarmente pieni di sapore, nei quali il vino sardo possa esprimere tutta la sua potenza, senza correre il rischio di sovrastare le altre pietanze con la sua corposità.

Dunque, per poter accompagnare al meglio il gusto, le portate devono essere di spessore. Un esempio semplicissimo può essere quello della carne di cinghiale, solitamente ostica e piuttosto dura. Per poterla rendere tenera e morbida ed evitare un eccessivo sforzo nel doverla masticare, è consigliabile far macerare la carne in un bicchiere abbondante di Cannonau, in modo da lasciare il tempo al vino sardo di poter penetrare a fondo e impregnare il tutto. Una volta in padella, si può ripassare il cinghiale aggiungendo un altro po’ di vino, assieme a origano o rosmarino che completano il tutto e conferiscono al piatto un sapore selvatico.

Come regola generale, comunque, il Cannonau va bene con qualsiasi tipo di carne ma è particolarmente indicato con il brasato. Per quanto concerne l’aspetto storico, riguardo a questo vino sardo è interessante conoscerne un aspetto curioso: è stato recentemente scoperto, infatti, che è addirittura il vino più antico del Mediterraneo. Fino a qualche anno fa si credeva che fosse stato importato dalla Spagna ma recenti ritrovamenti, avvenuti nel sito archeologico Duos Nuraghes, hanno dimostrato che le popolazioni nuragiche conoscevano la coltivazione dell’uva già molti anni prima. Dati concreti alla mano, si è potuto affermare tranquillamente che il Cannonau possiede una storia millenaria: veniva coltivato addirittura 3.200 anni fa, il che è quasi un record.

Oltre al carattere deciso, la sua versatilità è ampia e riconosciuta su scala nazionale. Del Cannonau, infatti, esistono varie tipologie, tutte, ovviamente, estremamente valide. Tra quelle più famose abbiamo: Il Cannonau di Sardegna rossa, il Cannonau di Sardegna Capo Ferrato, il Cannonau di Sardegna Jerzu, il Cannonau di Sardegna Nepente di Oliena e il Cannonau di Sardegna rosato. Tra i liquorosi, ossia quelli nei quali si aggiunge alcol al mosto, abbiamo il Cannonau di Sardegna liquoroso secco e il Cannonau di Sardegna liquoroso dolce naturale.

 

www.francescoagostini.com


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco  Agostini - vedi tutti gli articoli di Francesco  Agostini





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: