articolo Vino
Il Cannonau a tavola freccelunedì 15 dicembre 2014 


Un vero intenditore di vini sa benissimo che il Cannonau a tavola è un vero e proprio must, un elemento imprescindibile per una gustosa cena invernale. Il suo gusto caldo e corposo, infatti, ben si adatta alle tipiche atmosfere invernali, dove il clima rigido e freddo costringe a rimanere in casa, preferibilmente con amici e parenti. Vista l’elevata gradazione alcolica (il Cannonau arriva tranquillamente a 13°, un tasso notevole) i suoi abbinamenti preferiti sono solitamente cibi ricchi e particolarmente pieni di sapore, nei quali il vino sardo possa esprimere tutta la sua potenza, senza correre il rischio di sovrastare le altre pietanze con la sua corposità.

Dunque, per poter accompagnare al meglio il gusto, le portate devono essere di spessore. Un esempio semplicissimo può essere quello della carne di cinghiale, solitamente ostica e piuttosto dura. Per poterla rendere tenera e morbida ed evitare un eccessivo sforzo nel doverla masticare, è consigliabile far macerare la carne in un bicchiere abbondante di Cannonau, in modo da lasciare il tempo al vino sardo di poter penetrare a fondo e impregnare il tutto. Una volta in padella, si può ripassare il cinghiale aggiungendo un altro po’ di vino, assieme a origano o rosmarino che completano il tutto e conferiscono al piatto un sapore selvatico.

Come regola generale, comunque, il Cannonau va bene con qualsiasi tipo di carne ma è particolarmente indicato con il brasato. Per quanto concerne l’aspetto storico, riguardo a questo vino sardo è interessante conoscerne un aspetto curioso: è stato recentemente scoperto, infatti, che è addirittura il vino più antico del Mediterraneo. Fino a qualche anno fa si credeva che fosse stato importato dalla Spagna ma recenti ritrovamenti, avvenuti nel sito archeologico Duos Nuraghes, hanno dimostrato che le popolazioni nuragiche conoscevano la coltivazione dell’uva già molti anni prima. Dati concreti alla mano, si è potuto affermare tranquillamente che il Cannonau possiede una storia millenaria: veniva coltivato addirittura 3.200 anni fa, il che è quasi un record.

Oltre al carattere deciso, la sua versatilità è ampia e riconosciuta su scala nazionale. Del Cannonau, infatti, esistono varie tipologie, tutte, ovviamente, estremamente valide. Tra quelle più famose abbiamo: Il Cannonau di Sardegna rossa, il Cannonau di Sardegna Capo Ferrato, il Cannonau di Sardegna Jerzu, il Cannonau di Sardegna Nepente di Oliena e il Cannonau di Sardegna rosato. Tra i liquorosi, ossia quelli nei quali si aggiunge alcol al mosto, abbiamo il Cannonau di Sardegna liquoroso secco e il Cannonau di Sardegna liquoroso dolce naturale.

 

www.francescoagostini.com


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco  Agostini - vedi tutti gli articoli di Francesco  Agostini


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Il tartufo, delizia del palato e dannazione per la tasca - martedì 1 ottobre 2013
Il tartufo, nonostante sia stato accertato che non possegga alcun valore nutritivo, viene ampiamente apprezzato per il proprio aroma tanto da essere unanimemente definito uno degli ingredienti principe dell’arte culinaria. Babilonesi, greci e ........

Cozze gratinate alla siciliana - venerdì 18 ottobre 2013
Le cozze, il mollusco per eccellenza, quello maggiormente conosciuto e consumato, tanto che in alcune regioni d'Italia è considerato un piatto prelibato. Vi sono diversi modi di preparare le cozze, tuttavia la prima cosa da fare è quella di valutare ........

Mangiare il pesce fa bene! - lunedì 23 settembre 2013
Esistono diversi tipi di pesce ed è diverso il loro grado di digeribilità: alcuni sono molti digeribili e adatti all'alimentazione di bambini e anziani(platessa, nasello, sogliola, trota), altri possono risultare meno digeribili(tonno, sgombro, ........

Cosa si deve mangiare per bruciare i grassi - giovedì 25 aprile 2013

Bruciare i grassi, per molti una necessità più che un desiderio, solo che il più delle volte si sceglie la strada sbagliata, perché ci si affida a diete estreme che, pur dando di risultati in molti casi, possono tuttavia rappresentare un pericolo ........

Il berberè: cos’è e come si prepara - giovedì 20 febbraio 2014
Il berberè è una miscela particolarmente piccante, tipica della cucina eritrea e del Corno d’Africa più in generale, un’area geografica all’interno della quale questo rappresenta un elemento essenziale per la preparazione dello zighinì, servito ........

 

Ricetta del giorno
Biscotti al limone
Lavorate il burro (tenendone da parte un cucchiaio che occorrerà in seguito) ammorbidito con lo zucchero e la buccia di limone grattuggiata; quando saranno ....


Articoli correlati

Il Morellino di Scansano - domenica 7 dicembre 2014
Pochi vini come il Morellino di Scansano hanno saputo conquistare la fiducia e la stima degli italiani. Anche se ha conosciuto il palcoscenico del grande successo solo da un tempo relativamente breve, questo vino toscano ha saputo imporsi come ........

Barbera Colli Tortonesi DOC - lunedì 7 ottobre 2013
La Barbera Colli Tortonesi Doc,rigorosamente al femminile,  era fino a pochi decenni fa un comunissimo vino da tavola, senza infamia e senza lode, oggi ha raggiunto livelli qualitativi altissimi, la sua produzione si estende sulle ........

Il vino in tavola. Gli abbinamenti - giovedì 3 gennaio 2013

Il vino in tavola e il suo abbinamento, o meglio, accostamento gastronomico è un aspetto di fondamentale importanza che, se non affrontato correttamente, può anche determinare la pessima riuscita di un buon pranzo. Il sapore di una vivanda ........

Il Cannonau a tavola - lunedì 15 dicembre 2014

Un vero intenditore di vini sa benissimo che il Cannonau a tavola è un vero e proprio must, un elemento imprescindibile per una gustosa cena invernale. Il suo gusto caldo e corposo, infatti, ben si adatta alle tipiche atmosfere invernali, dove ........

Il Nero d'Avola in cucina - sabato 13 dicembre 2014

Con l’avvicinarsi delle feste natalizie, per chi è appassionato di vini potrebbe risultare utile conoscere le potenzialità del Nero D’Avola in cucina. Questo vino siciliano può essere tranquillamente degustato oppure utilizzato come valido ........

Ricetta del giorno
Spaghetti aglio, olio, curcuma e pistacchi
Sgusciare i pistacchi, metterli sul tagliere e sminuzzarli con il coltello.
Intanto mettere a bollire l’acqua per la cottura della pasta. Una volta ....

 articolo Vino
Il Cannonau a tavola freccelunedì 15 dicembre 2014 

Un vero intenditore di vini sa benissimo che il Cannonau a tavola è un vero e proprio must, un elemento imprescindibile per una gustosa cena invernale. Il suo gusto caldo e corposo, infatti, ben si adatta alle tipiche atmosfere invernali, dove il clima rigido e freddo costringe a rimanere in casa, preferibilmente con amici e parenti. Vista l’elevata gradazione alcolica (il Cannonau arriva tranquillamente a 13°, un tasso notevole) i suoi abbinamenti preferiti sono solitamente cibi ricchi e particolarmente pieni di sapore, nei quali il vino sardo possa esprimere tutta la sua potenza, senza correre il rischio di sovrastare le altre pietanze con la sua corposità.

Dunque, per poter accompagnare al meglio il gusto, le portate devono essere di spessore. Un esempio semplicissimo può essere quello della carne di cinghiale, solitamente ostica e piuttosto dura. Per poterla rendere tenera e morbida ed evitare un eccessivo sforzo nel doverla masticare, è consigliabile far macerare la carne in un bicchiere abbondante di Cannonau, in modo da lasciare il tempo al vino sardo di poter penetrare a fondo e impregnare il tutto. Una volta in padella, si può ripassare il cinghiale aggiungendo un altro po’ di vino, assieme a origano o rosmarino che completano il tutto e conferiscono al piatto un sapore selvatico.

Come regola generale, comunque, il Cannonau va bene con qualsiasi tipo di carne ma è particolarmente indicato con il brasato. Per quanto concerne l’aspetto storico, riguardo a questo vino sardo è interessante conoscerne un aspetto curioso: è stato recentemente scoperto, infatti, che è addirittura il vino più antico del Mediterraneo. Fino a qualche anno fa si credeva che fosse stato importato dalla Spagna ma recenti ritrovamenti, avvenuti nel sito archeologico Duos Nuraghes, hanno dimostrato che le popolazioni nuragiche conoscevano la coltivazione dell’uva già molti anni prima. Dati concreti alla mano, si è potuto affermare tranquillamente che il Cannonau possiede una storia millenaria: veniva coltivato addirittura 3.200 anni fa, il che è quasi un record.

Oltre al carattere deciso, la sua versatilità è ampia e riconosciuta su scala nazionale. Del Cannonau, infatti, esistono varie tipologie, tutte, ovviamente, estremamente valide. Tra quelle più famose abbiamo: Il Cannonau di Sardegna rossa, il Cannonau di Sardegna Capo Ferrato, il Cannonau di Sardegna Jerzu, il Cannonau di Sardegna Nepente di Oliena e il Cannonau di Sardegna rosato. Tra i liquorosi, ossia quelli nei quali si aggiunge alcol al mosto, abbiamo il Cannonau di Sardegna liquoroso secco e il Cannonau di Sardegna liquoroso dolce naturale.

 

www.francescoagostini.com


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco  Agostini - vedi tutti gli articoli di Francesco  Agostini





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: