articolo Vino
Il Nero d'Avola in cucina freccesabato 13 dicembre 2014 


Con l’avvicinarsi delle feste natalizie, per chi è appassionato di vini potrebbe risultare utile conoscere le potenzialità del Nero D’Avola in cucina. Questo vino siciliano può essere tranquillamente degustato oppure utilizzato come valido ausilio in alcuni piatti tipici stagionali, alcuni più delicati e leggeri, altri invece più sostanziosi. In genere, l’abbinamento preferito è quello con i primi, utilissimi per dare il giusto avvio alla nostra cena e dare agli ospiti subito un sapore ricco di carattere.

Questo vino rosso proviene indifferentemente dall’intera Sicilia, anche se vi sono zone più o meno interessate: quelle dove la vendemmia è prevalente sono Noto, Pachino, Maccari, Bufalefi, Archi e Buonivini. Il Nero d’Avola è oramai divenuto famoso in tutta Italia e in tutto il mondo, tant’è che al giorno d’oggi è esportato e coltivato negli Stati Uniti D’America (California) e in Australia, dove riscuote ogni anno un grande successo. I suoi punti di forza sono sicuramente l’adattabilità che presenta alle diverse pietanze e il suo aroma. Il sapore del Nero d’Avola è fruttato, talvolta con un velato odore di prugna o di ciliegia ed è caratterizzato da un odore speziato assolutamente travolgente.

Essendo un vino rosso (meravigliosa la sua colorazione tendente al rubino) tende ovviamente ad avere una gradazione alcolica piuttosto alta; in passato il vino siciliano poteva tranquillamente superare i 15°, quindi molto forte. Al giorno d’oggi, invece, Il Nero d’Avola si attesta su 13° sempre molto equilibrati. Oltre che alla degustazione in sé e per sé, questo vino è riuscito pian piano a diventare un punto di riferimento in cucina, donando ai piatti quel qualcosa in più che solo un vino di qualità può dare. L’abbinamento migliore è sicuramente con gli spaghetti: famosissimi sono, infatti, gli spaghetti al Nero d’Avola, ideali per una cena natalizia.

Per cucinarli basta aggiungere al sugo due bicchieri di vino, in modo da rendere più corposo e profumato il tutto e dare quella tipica colorazione rosso scuro agli spaghetti. Una volta fatto ciò, l’ideale sarebbe quello di mantecare bene il tutto, in modo da dare il tempo necessario al Nero d’Avola di esprimersi al meglio delle sue potenzialità e di riempire il nostro piatto del suo aroma. Una volta che impiattiamo, è bene sbriciolare del prezzemolo e spargerlo sugli spaghetti: questo è il tocco finale, che garantisce un perfetto equilibrio tra i vari elementi. Oltre agli spaghetti, comunque, questo vino è particolarmente indicato anche con i formaggi stagionati e con la carne rossa, specie se selvaggina.

 www.francescoagostini.com


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco  Agostini - vedi tutti gli articoli di Francesco  Agostini


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Slow Food o Fast Food? - giovedì 19 settembre 2013
Salve a tutti!!! Si sa che è sempre un piacere, consumare i pasti quotidiani in qualche locale. Da sempre ci piace stare insieme a qualche amico, la nostra famiglia o la nostra metà davanti ad un tavolo pieno di prelibatezze. Ma a questo scopo, ........

Menù etnico – i cibi di Atlantide – parte 2 - venerdì 30 agosto 2013
Tsike, lo sciamano guaritore della tribù dei Fleathead, incontrato nel 1991 nel Montana, proseguì la sua storia sul lungo viaggio dei suoi progenitori (tra il 5000 e il 2100 a.C. dalle Hawaii al Nord America, passando per l'Egitto, l'Europa, il ........

Il caglio vegetale nei formaggi - venerdì 20 dicembre 2013
Per caglio s'intende quella sostanza che serve per coagulare il latte nella produzione dei formaggi, però non tutti sono a conoscienza che esistono ben tre diversi tipi di caglio: animale, microbico e vegetale; il caglio animale è sicuramente ........

I datteri - sabato 14 dicembre 2013
I datteri sono i frutti della palma da dattero e sono originari del nord africa, dell'Arabia,del golfo Persico e del medio oriente in generale; i datteri rappresentano presso le popolazioni locali di queste zone una delle principali fonti di sostentamento, ........

Un weekend extravergine - domenica 24 novembre 2013

Se la gita fuori porta di questo fine settimana vi dovesse condurre in una località di campagna, è bene che non manchiate di fare un salto nei vari frantoi disseminati un po’ ovunque sul territorio della nostra penisola; potreste unire l’utile al ........

 

Ricetta del giorno
Scorze di limone caramellate
Lavare accuratamente i limoni in modo da liberarli da eventuali tracce di pesticidi o altre sostanze chimiche. Pelare i limoni in modo che la scorza sia ....


Articoli correlati

Il vino in tavola. Gli abbinamenti - giovedì 3 gennaio 2013

Il vino in tavola e il suo abbinamento, o meglio, accostamento gastronomico è un aspetto di fondamentale importanza che, se non affrontato correttamente, può anche determinare la pessima riuscita di un buon pranzo. Il sapore di una vivanda ........

Il Nero d'Avola in cucina - sabato 13 dicembre 2014

Con l’avvicinarsi delle feste natalizie, per chi è appassionato di vini potrebbe risultare utile conoscere le potenzialità del Nero D’Avola in cucina. Questo vino siciliano può essere tranquillamente degustato oppure utilizzato come valido ........

Il Brunello di Montalcino - sabato 6 dicembre 2014
Il Brunello di Montalcino è uno dei vini più famosi e apprezzati d'Italia. Il suo sapore forte e deciso è presente sulle tavole degli italiani da molti anni oramai e ancora oggi è uno dei vini nostrani più presenti all'estero. La sua caratteristica ........

Vino e sessualità - martedì 10 settembre 2013
Chi diventa rosso alzi la mano e spenga il pc! E non sto parlando di naso rosso che si ha eccedendo nel bere il vino, ma di “rossore” legato all’argomento vino e sessualità che vorrei affrontare in questo mio articoletto. Quindi chi proprio ........

Barbera Colli Tortonesi DOC - lunedì 7 ottobre 2013
La Barbera Colli Tortonesi Doc,rigorosamente al femminile,  era fino a pochi decenni fa un comunissimo vino da tavola, senza infamia e senza lode, oggi ha raggiunto livelli qualitativi altissimi, la sua produzione si estende sulle ........

Ricetta del giorno
Spaghetti al pesto di rucola e pistacchi
Mettere a bollire l’acqua per la pasta, e una volta raggiunto il bollore, salarla e tuffarvi gli spaghetti, quindi rimettere il coperchio alla pentola ....

 articolo Vino
Il Nero d'Avola in cucina freccesabato 13 dicembre 2014 

Con l’avvicinarsi delle feste natalizie, per chi è appassionato di vini potrebbe risultare utile conoscere le potenzialità del Nero D’Avola in cucina. Questo vino siciliano può essere tranquillamente degustato oppure utilizzato come valido ausilio in alcuni piatti tipici stagionali, alcuni più delicati e leggeri, altri invece più sostanziosi. In genere, l’abbinamento preferito è quello con i primi, utilissimi per dare il giusto avvio alla nostra cena e dare agli ospiti subito un sapore ricco di carattere.

Questo vino rosso proviene indifferentemente dall’intera Sicilia, anche se vi sono zone più o meno interessate: quelle dove la vendemmia è prevalente sono Noto, Pachino, Maccari, Bufalefi, Archi e Buonivini. Il Nero d’Avola è oramai divenuto famoso in tutta Italia e in tutto il mondo, tant’è che al giorno d’oggi è esportato e coltivato negli Stati Uniti D’America (California) e in Australia, dove riscuote ogni anno un grande successo. I suoi punti di forza sono sicuramente l’adattabilità che presenta alle diverse pietanze e il suo aroma. Il sapore del Nero d’Avola è fruttato, talvolta con un velato odore di prugna o di ciliegia ed è caratterizzato da un odore speziato assolutamente travolgente.

Essendo un vino rosso (meravigliosa la sua colorazione tendente al rubino) tende ovviamente ad avere una gradazione alcolica piuttosto alta; in passato il vino siciliano poteva tranquillamente superare i 15°, quindi molto forte. Al giorno d’oggi, invece, Il Nero d’Avola si attesta su 13° sempre molto equilibrati. Oltre che alla degustazione in sé e per sé, questo vino è riuscito pian piano a diventare un punto di riferimento in cucina, donando ai piatti quel qualcosa in più che solo un vino di qualità può dare. L’abbinamento migliore è sicuramente con gli spaghetti: famosissimi sono, infatti, gli spaghetti al Nero d’Avola, ideali per una cena natalizia.

Per cucinarli basta aggiungere al sugo due bicchieri di vino, in modo da rendere più corposo e profumato il tutto e dare quella tipica colorazione rosso scuro agli spaghetti. Una volta fatto ciò, l’ideale sarebbe quello di mantecare bene il tutto, in modo da dare il tempo necessario al Nero d’Avola di esprimersi al meglio delle sue potenzialità e di riempire il nostro piatto del suo aroma. Una volta che impiattiamo, è bene sbriciolare del prezzemolo e spargerlo sugli spaghetti: questo è il tocco finale, che garantisce un perfetto equilibrio tra i vari elementi. Oltre agli spaghetti, comunque, questo vino è particolarmente indicato anche con i formaggi stagionati e con la carne rossa, specie se selvaggina.

 www.francescoagostini.com


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco  Agostini - vedi tutti gli articoli di Francesco  Agostini





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: