articolo Vino
Il Nero d'Avola in cucina freccesabato 13 dicembre 2014 


Con l’avvicinarsi delle feste natalizie, per chi è appassionato di vini potrebbe risultare utile conoscere le potenzialità del Nero D’Avola in cucina. Questo vino siciliano può essere tranquillamente degustato oppure utilizzato come valido ausilio in alcuni piatti tipici stagionali, alcuni più delicati e leggeri, altri invece più sostanziosi. In genere, l’abbinamento preferito è quello con i primi, utilissimi per dare il giusto avvio alla nostra cena e dare agli ospiti subito un sapore ricco di carattere.

Questo vino rosso proviene indifferentemente dall’intera Sicilia, anche se vi sono zone più o meno interessate: quelle dove la vendemmia è prevalente sono Noto, Pachino, Maccari, Bufalefi, Archi e Buonivini. Il Nero d’Avola è oramai divenuto famoso in tutta Italia e in tutto il mondo, tant’è che al giorno d’oggi è esportato e coltivato negli Stati Uniti D’America (California) e in Australia, dove riscuote ogni anno un grande successo. I suoi punti di forza sono sicuramente l’adattabilità che presenta alle diverse pietanze e il suo aroma. Il sapore del Nero d’Avola è fruttato, talvolta con un velato odore di prugna o di ciliegia ed è caratterizzato da un odore speziato assolutamente travolgente.

Essendo un vino rosso (meravigliosa la sua colorazione tendente al rubino) tende ovviamente ad avere una gradazione alcolica piuttosto alta; in passato il vino siciliano poteva tranquillamente superare i 15°, quindi molto forte. Al giorno d’oggi, invece, Il Nero d’Avola si attesta su 13° sempre molto equilibrati. Oltre che alla degustazione in sé e per sé, questo vino è riuscito pian piano a diventare un punto di riferimento in cucina, donando ai piatti quel qualcosa in più che solo un vino di qualità può dare. L’abbinamento migliore è sicuramente con gli spaghetti: famosissimi sono, infatti, gli spaghetti al Nero d’Avola, ideali per una cena natalizia.

Per cucinarli basta aggiungere al sugo due bicchieri di vino, in modo da rendere più corposo e profumato il tutto e dare quella tipica colorazione rosso scuro agli spaghetti. Una volta fatto ciò, l’ideale sarebbe quello di mantecare bene il tutto, in modo da dare il tempo necessario al Nero d’Avola di esprimersi al meglio delle sue potenzialità e di riempire il nostro piatto del suo aroma. Una volta che impiattiamo, è bene sbriciolare del prezzemolo e spargerlo sugli spaghetti: questo è il tocco finale, che garantisce un perfetto equilibrio tra i vari elementi. Oltre agli spaghetti, comunque, questo vino è particolarmente indicato anche con i formaggi stagionati e con la carne rossa, specie se selvaggina.

 www.francescoagostini.com


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco  Agostini - vedi tutti gli articoli di Francesco  Agostini


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

La buona tavola, la prima regola del mangiare bene - lunedì 15 ottobre 2012

La buona tavola deve rispettare le regole del mangiare bene, sano ed equilibrato. Questo non vuol dire affatto che la buona tavola è solo quella salutista, quella delle diete, tanto per intenderci, ma è quella caratterizzata da una cucina sana, ........

Tutti matti per la pizza! - lunedì 23 settembre 2013
La storia della pizza è lunga e complicata. Già nell'antichità esisteva una variante simile alla pizza, cioè delle focacce, più o meno appiattite, alle quali venivano aggiunti svariati tipi di condimenti. Questi pani di forma piatta provenivano ........

Il gelato come alimento che si rivoluziona in modo positivo. - martedì 3 settembre 2013
Per gli amanti del gelato, non c’è di cui preoccuparsi, non sarà la fine dell'estate e l’inizio del lavoro, atteso con amore, a frenare la voglia di mangiare un bel cono gelato; ma non solo.. Oramai, anche per coloro che vogliono continuare a ........

I vegetariani vivono più a lungo dei carnivori - domenica 30 giugno 2013

I vegetariani vivono più a lungo di coloro che mangiano anche la carne.  È quanto emerge dai risultati di una ricerca della Loma Linda University in California che ha osservato per un certo periodo di tempo, circa sei anni, oltre ........

La cucina delle mamme e delle nonne - mercoledì 11 settembre 2013
La cucina delle mamme, è da sempre un elemento fondamentale della vita di tutti noi, tanto da far pensare che mamme che non passerebbero la prima selezione di Master Chef, siano delle ottime cuoche super organizzate. A fare che tutto ciò sia ........

 

Ricetta del giorno
Risotto alle castagne
Fare soffriggere lo scalogno tritato con un filo d’olio in una padella antiaderente. Sminuzzare le castagne finemente e metterle da parte.
Aggiungere ....


Articoli correlati

Il Cannonau a tavola - lunedì 15 dicembre 2014

Un vero intenditore di vini sa benissimo che il Cannonau a tavola è un vero e proprio must, un elemento imprescindibile per una gustosa cena invernale. Il suo gusto caldo e corposo, infatti, ben si adatta alle tipiche atmosfere invernali, dove ........

Il vino in tavola. Gli abbinamenti - giovedì 3 gennaio 2013

Il vino in tavola e il suo abbinamento, o meglio, accostamento gastronomico è un aspetto di fondamentale importanza che, se non affrontato correttamente, può anche determinare la pessima riuscita di un buon pranzo. Il sapore di una vivanda ........

Il Brunello di Montalcino - sabato 6 dicembre 2014
Il Brunello di Montalcino è uno dei vini più famosi e apprezzati d'Italia. Il suo sapore forte e deciso è presente sulle tavole degli italiani da molti anni oramai e ancora oggi è uno dei vini nostrani più presenti all'estero. La sua caratteristica ........

Vino e sessualità - martedì 10 settembre 2013
Chi diventa rosso alzi la mano e spenga il pc! E non sto parlando di naso rosso che si ha eccedendo nel bere il vino, ma di “rossore” legato all’argomento vino e sessualità che vorrei affrontare in questo mio articoletto. Quindi chi proprio ........

Cococciola, Pecorino e Cerasuolo: 3 vini importanti per un grande Abruzzo - venerdì 30 agosto 2013
"<i>Appleche e fa sapêne</i>". (mettiti all’opera ed otterrai il risultato) Questo vecchissimo proverbio abruzzese ben si adatta, da qualche anno a questa parte, proprio alla produzione di elevata <b>qualità dei vini </b>di questa ........

Ricetta del giorno
Orecchiette con ricotta
FAre bollire in una pentola di generose dimensioni 3 litri d’acqua e salarla con il sale grosso. Buttare la pasta, avendo cura di mescolare subito con ....

 articolo Vino
Il Nero d'Avola in cucina freccesabato 13 dicembre 2014 

Con l’avvicinarsi delle feste natalizie, per chi è appassionato di vini potrebbe risultare utile conoscere le potenzialità del Nero D’Avola in cucina. Questo vino siciliano può essere tranquillamente degustato oppure utilizzato come valido ausilio in alcuni piatti tipici stagionali, alcuni più delicati e leggeri, altri invece più sostanziosi. In genere, l’abbinamento preferito è quello con i primi, utilissimi per dare il giusto avvio alla nostra cena e dare agli ospiti subito un sapore ricco di carattere.

Questo vino rosso proviene indifferentemente dall’intera Sicilia, anche se vi sono zone più o meno interessate: quelle dove la vendemmia è prevalente sono Noto, Pachino, Maccari, Bufalefi, Archi e Buonivini. Il Nero d’Avola è oramai divenuto famoso in tutta Italia e in tutto il mondo, tant’è che al giorno d’oggi è esportato e coltivato negli Stati Uniti D’America (California) e in Australia, dove riscuote ogni anno un grande successo. I suoi punti di forza sono sicuramente l’adattabilità che presenta alle diverse pietanze e il suo aroma. Il sapore del Nero d’Avola è fruttato, talvolta con un velato odore di prugna o di ciliegia ed è caratterizzato da un odore speziato assolutamente travolgente.

Essendo un vino rosso (meravigliosa la sua colorazione tendente al rubino) tende ovviamente ad avere una gradazione alcolica piuttosto alta; in passato il vino siciliano poteva tranquillamente superare i 15°, quindi molto forte. Al giorno d’oggi, invece, Il Nero d’Avola si attesta su 13° sempre molto equilibrati. Oltre che alla degustazione in sé e per sé, questo vino è riuscito pian piano a diventare un punto di riferimento in cucina, donando ai piatti quel qualcosa in più che solo un vino di qualità può dare. L’abbinamento migliore è sicuramente con gli spaghetti: famosissimi sono, infatti, gli spaghetti al Nero d’Avola, ideali per una cena natalizia.

Per cucinarli basta aggiungere al sugo due bicchieri di vino, in modo da rendere più corposo e profumato il tutto e dare quella tipica colorazione rosso scuro agli spaghetti. Una volta fatto ciò, l’ideale sarebbe quello di mantecare bene il tutto, in modo da dare il tempo necessario al Nero d’Avola di esprimersi al meglio delle sue potenzialità e di riempire il nostro piatto del suo aroma. Una volta che impiattiamo, è bene sbriciolare del prezzemolo e spargerlo sugli spaghetti: questo è il tocco finale, che garantisce un perfetto equilibrio tra i vari elementi. Oltre agli spaghetti, comunque, questo vino è particolarmente indicato anche con i formaggi stagionati e con la carne rossa, specie se selvaggina.

 www.francescoagostini.com


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco  Agostini - vedi tutti gli articoli di Francesco  Agostini





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: