articolo Cucina
Padelle Antiaderenti, il Teflon può essere Cancerogeno freccelunedì 28 luglio 2014 


Padelle Antiaderenti, il Teflon può essere Cancerogeno, è quanto sembrano dimostrare alcune recenti ricerche che quindi consiglierebbero di evitare di utilizzare questo tipo di padelle, ma anche pentole, per la cottura degli alimenti. Il condizionale è d’obbligo in quanto gli studi in questione non sono definitivi, tuttavia sembra che  si stia prendendo in considerazione la possibilità di vietare l’uso di  tale materiale a partire dal 2015. Ovviamente, se questa ipotesi dovesse dimostrarsi veritiera, si dovrà provvedere a sostituire le padelle di casa, perché rischiare la salute per pochi euro sarebbe davvero colpevole, considerando poi che le alternative esistono e sono altrettanto valide. Quando si tratta della salute non dovrebbero esistere tentennamenti, anche perché una volta  che questa viene meno, ne va della qualità della vita e della aspettativa di vita stessa.

Ciò che rende  pericoloso il teflono è una sostanza che viene utilizzata nell’industria nei processi di realizzazione di  tale rivestimento, e precisamente il PFOA, o anche acido perfluorottanico.  Tra le ricerche cui si è accennato in precedenza, una in particolare condotta presso la University of Exeter negli Stati Uniti ha evidenziato che il PFOA  potrebbe favorire la comparsa di alcune patologie della tiroide, e questo soprattutto nelle donne, e come se non bastasse si è giunti ad affermare che il teflon è di fatto potenzialmente cancerogeno. Che lo sia in effetti o non lo sia è del tutto marginale, perché il solo fatto che possa essere responsabile di un qualsiasi cancro, dovrebbe far riflettere seriamente se continuare ad utilizzare il pentolame dotato di tale rivestimento antiaderente.

La ricerca afferma  che tale pericolosità deriva dal fatto che,  alle alte temperature cui è inevitabilmente esposta una padella o pentola di questo tipo, il teflon darebbe luogo ad un’altra sostanza,  il tetrafluoroetilene, altrettanto  pericolosa per la salute.  Il buon senso, ma anche la prudenza suggeriscono quindi di orientare le proprie scelte su padelle di materiali diversi, comunque altrettanto efficienti, e quel che più conta prive di sostanze che le renderebbero nocive per la salute. Un alimento cotto in presenza di una sostanza pericolosa, ne assorbe buona parte che, inevitabilmente, finisce nel piatto  e infine assorbita dall’organismo, quindi meglio sostituire le padelle di casa scegliendo tra quelle che non presentano fattori di rischio.

Tante le  alternative esistenti, e tra queste una buona scelta potrebbe essere rappresentata dalle pentole, padelle e tegami  in terracotta, materiale del tutto naturale, le quali offrono una perfetta antiaderenza naturale, sono resistenti, belle a vedersi il che non guasta e inoltre permettono di cuocere gli alimenti a temperature decisamente più basse  perché assicurano  una temperatura costante e uniforme. In questo modo, anche altre sostanze nocive che si possono liberare alle alte temperature, in particolare nelle fritture, potrebbero non generarsi più. È bene scegliere le pentole, tegami e padelle sottoposte a  processo di vetrificazione, che quindi non contengono metalli pesanti o altre sostanze nocive per la salute.

Esistono poi le padelle rivestite in ceramica atossica, quindi totalmente sicure per la salute, perfettamente antiaderenti al pari di quelle rivestite al teflon, del  tutto prive di tossicità.

Eccellenti anche le pentole o i tegami in vetro pirex, ma possono essere utilizzate solo per la cottura al forno e non su fiamma viva. Vi è poi l’acciaio inox, resistente e adatto a tutti i tipi di cottura degli alimenti, sicuro e senza il  pericolo di ritrovarsi con sostanze nocive nel piatto, richiede la sola accortezza di aggiungere un po’ di acqua o olio nella cottura. Infine un materiale del tutto naturale, la pietra ollare, dotata di una naturale e perfetta antiaderenza,  che ha il solo svantaggio di avere un costo più elevato, anche per il fatto di essere utilizzata raramente.
 


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Croccante di mandorle - giovedì 17 ottobre 2013
Fare il croccante di mandorle è molto semplice, basta prestare un poco di attenzione, e la casa si riempirà del meraviglioso profumo del caramello e dell’essenza dell’arancia, che insieme creano un connubio perfetto e che ricorda il delizioso ........

Mangiare il pesce fa bene! - lunedì 23 settembre 2013
Esistono diversi tipi di pesce ed è diverso il loro grado di digeribilità: alcuni sono molti digeribili e adatti all'alimentazione di bambini e anziani(platessa, nasello, sogliola, trota), altri possono risultare meno digeribili(tonno, sgombro, ........

L'ananas: non solo un frutto anticellulite e brucia grassi - mercoledì 6 novembre 2013
L'ananas è una pianta appartenente alla famiglia delle bromelacee, originaria del sud America, in seguito venne portata anche in Europa e poi nelle isole del pacifico,america latina, Florida e a Cuba. I suoi frutti non sono soltanto buoni da mangiare, ........

Carne di tacchino: proprietà e ricetta - martedì 17 settembre 2013
Le proprietà della carne di tacchino sono molteplici e, soprattutto, non hanno rovesci della medaglia. Com’è risaputo il tacchino appartiene al gruppo delle carni bianche, di cui le linee guida del Ministero della Salute promuovono un consumo ........

Panna vegetale e panna tradizionale: le differenze - martedì 17 dicembre 2013

La panna vegetale, come la margarina, è uno dei tanti alimenti vegetali che sono stati creati come alternativa ai grassi di origine animale, perciò molti avranno sicuramente pensato che i grassi di origine vegetale siano migliori di quelli ........

 

Ricetta del giorno
Casarecce con crema di porri e zucca
Lavare accuratamente i porri, eliminare buona parte dello stelo verde e tagliare poi a fette sottili. Se si vuole avere un sapore più intenso, affettare ....


Articoli correlati

La cucina, un intimo focolare domestico - venerdì 20 settembre 2013
La cucina, sia intesa come spazio fisico nel quale l'individuo può preparare succulenti pietanze per cibarsi, sia intesa come una serie di abitudini comportamentali relative all'alimentazione, abbraccia una dimensione dell'esistenza dell'uomo ........

La batteria da cucina - martedì 16 ottobre 2012

Alla base di una buona cucina vi deve essere una altrettanto buona conoscenza dei vari utensili, la batteria da cucina, da impiegare nella varie preparazioni che richiedono, ciascuna, un modello ben preciso di pentola, e questo non solo per ........

Il computer e la cucina - giovedì 5 settembre 2013
Un confronto tra il PC e la nostra cucina, tra il serio e il faceto… Il disco rigido. Immaginate il frigorifero, i cassetti e gli sportelli di cucina. Si tratta di ambiti in cui memorizzare i vostri pranzi, gli avanzi, il latte, le carni, gli ........

Padelle Antiaderenti, il Teflon può essere Cancerogeno - lunedì 28 luglio 2014

Padelle Antiaderenti, il Teflon può essere Cancerogeno, è quanto sembrano dimostrare alcune recenti ricerche che quindi consiglierebbero di evitare di utilizzare questo tipo di padelle, ma anche pentole, per la cottura degli alimenti. Il condizionale ........

Ricetta del giorno
Polpettine di fagioli
Lessare le patate, sbucciarle, schiacciarle con lo schiacciapatate e metterle da parte. Lessare nel frattempo i fagioli, tritare il porro, sgocciolare ....

 articolo Cucina
Padelle Antiaderenti, il Teflon può essere Cancerogeno freccelunedì 28 luglio 2014 

Padelle Antiaderenti, il Teflon può essere Cancerogeno, è quanto sembrano dimostrare alcune recenti ricerche che quindi consiglierebbero di evitare di utilizzare questo tipo di padelle, ma anche pentole, per la cottura degli alimenti. Il condizionale è d’obbligo in quanto gli studi in questione non sono definitivi, tuttavia sembra che  si stia prendendo in considerazione la possibilità di vietare l’uso di  tale materiale a partire dal 2015. Ovviamente, se questa ipotesi dovesse dimostrarsi veritiera, si dovrà provvedere a sostituire le padelle di casa, perché rischiare la salute per pochi euro sarebbe davvero colpevole, considerando poi che le alternative esistono e sono altrettanto valide. Quando si tratta della salute non dovrebbero esistere tentennamenti, anche perché una volta  che questa viene meno, ne va della qualità della vita e della aspettativa di vita stessa.

Ciò che rende  pericoloso il teflono è una sostanza che viene utilizzata nell’industria nei processi di realizzazione di  tale rivestimento, e precisamente il PFOA, o anche acido perfluorottanico.  Tra le ricerche cui si è accennato in precedenza, una in particolare condotta presso la University of Exeter negli Stati Uniti ha evidenziato che il PFOA  potrebbe favorire la comparsa di alcune patologie della tiroide, e questo soprattutto nelle donne, e come se non bastasse si è giunti ad affermare che il teflon è di fatto potenzialmente cancerogeno. Che lo sia in effetti o non lo sia è del tutto marginale, perché il solo fatto che possa essere responsabile di un qualsiasi cancro, dovrebbe far riflettere seriamente se continuare ad utilizzare il pentolame dotato di tale rivestimento antiaderente.

La ricerca afferma  che tale pericolosità deriva dal fatto che,  alle alte temperature cui è inevitabilmente esposta una padella o pentola di questo tipo, il teflon darebbe luogo ad un’altra sostanza,  il tetrafluoroetilene, altrettanto  pericolosa per la salute.  Il buon senso, ma anche la prudenza suggeriscono quindi di orientare le proprie scelte su padelle di materiali diversi, comunque altrettanto efficienti, e quel che più conta prive di sostanze che le renderebbero nocive per la salute. Un alimento cotto in presenza di una sostanza pericolosa, ne assorbe buona parte che, inevitabilmente, finisce nel piatto  e infine assorbita dall’organismo, quindi meglio sostituire le padelle di casa scegliendo tra quelle che non presentano fattori di rischio.

Tante le  alternative esistenti, e tra queste una buona scelta potrebbe essere rappresentata dalle pentole, padelle e tegami  in terracotta, materiale del tutto naturale, le quali offrono una perfetta antiaderenza naturale, sono resistenti, belle a vedersi il che non guasta e inoltre permettono di cuocere gli alimenti a temperature decisamente più basse  perché assicurano  una temperatura costante e uniforme. In questo modo, anche altre sostanze nocive che si possono liberare alle alte temperature, in particolare nelle fritture, potrebbero non generarsi più. È bene scegliere le pentole, tegami e padelle sottoposte a  processo di vetrificazione, che quindi non contengono metalli pesanti o altre sostanze nocive per la salute.

Esistono poi le padelle rivestite in ceramica atossica, quindi totalmente sicure per la salute, perfettamente antiaderenti al pari di quelle rivestite al teflon, del  tutto prive di tossicità.

Eccellenti anche le pentole o i tegami in vetro pirex, ma possono essere utilizzate solo per la cottura al forno e non su fiamma viva. Vi è poi l’acciaio inox, resistente e adatto a tutti i tipi di cottura degli alimenti, sicuro e senza il  pericolo di ritrovarsi con sostanze nocive nel piatto, richiede la sola accortezza di aggiungere un po’ di acqua o olio nella cottura. Infine un materiale del tutto naturale, la pietra ollare, dotata di una naturale e perfetta antiaderenza,  che ha il solo svantaggio di avere un costo più elevato, anche per il fatto di essere utilizzata raramente.
 


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: