articolo Cucina
Burro, margarina e olio di oliva: le differenze freccelunedì 2 dicembre 2013 


Burro, margarina e olio di oliva sono alimenti molto noti dal punto di vista alimentare,alcuni in cucina fanno uso di tutti e tre, altri utilizzano solo due di questi altri soltanto uno;tra il burro, la margarina e l'olio di oliva vi sono enormi differenze, soprattutto per quanto riguarda il discorso salutistico. Iniziamo dalla margarina, solitamente per margarina s'intende quella tradizionale, ovvero quella idrogenata. La margarina idrogenata è composta da oli vegetali, solitamente di palma, i quali subiscono un processo chimico chiamato idrogenazione, il quale trasforma l'olio da sostanza liquida in sostanza solida, questa margarina è molto dannosa, in quanto contiene grassi detti trans di origine chimica, nocivi per la nostra salute.

La margarina non idrogenata invece non contiene questo tipo di grassi, in quanto l'olio vegetale in questo caso viene solidificato mediante un altro processo chiamato frazionamento, il quale non ricorre a sostanze chimiche, però tale procedimento estrae solo la parte satura dell'olio ed elimina quella insatura, ovvero quella benefica, perciò anche la margarina non idrogenata non è affatto salutare, poichè contiene grassi saturi, anche questi nocivi per la salute, come quelli idrogenati. Poi abbiamo il burro, anche il burro è composto da grassi saturi, di origine animale contrariamente a quelli presenti nella margarina non idrogenata, che sono vegetali, tuttavia il burro apporta qualche sostanza nutritiva come la vit D e il calcio, perciò è preferibile alla margarina, dato che quest'ultima non ha nessun valore nutritivo.

L'olio di oliva invece risulta essere,fra i tre, l'unico alimento veramente salutare, in quanto i grassi vegetali in esso presenti non sono nè saturi, nè tantomeno idrogenati, si tratta di grassi polinsaturi, i quali contrariamente a quelli saturi e a quelli idrogenati, non sono nocivi, anzi sono amici della salute. Infatti i grassi polinsaturi presenti nell'olio di oliva non innalzano il livello del colesterolo cattivo LDL e dei trigliceridi, quindi non favoriscono l'insorgenza di patologie gravi come arteriosclerosi, infarti e ictus. L'olio di oliva perciò è il condimento migliore dal punto di vista salutistico, tuttavia  chi non gradisce il suo sapore può optare per il burro, però questo va consumato con giudizio, dato che contiene grassi saturi, inoltre il burro va consumato a crudo, poichè cotto risulta indigesto e produce sostanze tossiche.

L'olio di oliva invece dato il suo elevato valore nutritivo, può essere consumato tranquillamente sia a crudo che cotto, è adatto, anzi raccomandato, infatti anche per la frittura, grazie ai suoi grassi polinsaturi riesce a combattere e a ridurre il colesterolo cattivo LDL e questo non è poco. L'olio di oliva è ricco di vit E e polifenoli, sostanze antiossidanti, inoltre contiene l'oleocantale, una sostanza che è un antinfiammatorio naturale. L'olio di oliva perciò può essere considerato un vero e proprio oro naturale, un dono prezioso che la natura ci offre.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

kety  Abate - vedi tutti gli articoli di kety  Abate


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

L'olio di cocco: pregi e difetti - mercoledì 4 dicembre 2013
L'olio di cocco è un olio vegetale che viene estratto dalla polpa essicata della noce di cocco, detta anche copra, l'olio di cocco per anni è stato sottovalutato per il suo elevato tenore di grassi saturi, esattamente come il burro, infatti l'olio ........

Come preparare il pane con la farina di castagne - venerdì 8 novembre 2013
Il pane fatto con la farina di castagna anticamente, nei periodi di crisi del raccolto che investirono la nostra Penisola, fu senza dubbio una valida alternativa alla sola farina. Cerchiamo ora di riprendere questa antica tradizione spiegando ........

La banana, frutto dalle tante eccellenti proprietà - sabato 20 aprile 2013

La banana un frutto potremmo dire quasi prodigioso ricco di tante eccellenti proprietà, che lo rendono uno dei frutti più consumati e adatti ad un gran numero di diete. Amata in particolare dagli sportivi, che ne ricavano una carica energetica ........

Il computer e la cucina - giovedì 5 settembre 2013
Un confronto tra il PC e la nostra cucina, tra il serio e il faceto… Il disco rigido. Immaginate il frigorifero, i cassetti e gli sportelli di cucina. Si tratta di ambiti in cui memorizzare i vostri pranzi, gli avanzi, il latte, le carni, gli ........

Come preparare i peperoni alla griglia - giovedì 12 settembre 2013
Uno dei piatti più deliziosi della cucina mediterranea sono senza dubbio i peperoni alla griglia, facilissimi da preparare, poco dispendiosi e adatti per qualsiasi occasione sia in inverno che in estate. Il costo per una pietanza del genere è ........

 

Ricetta del giorno
Asparagi alla milanese
Raschiare i gambi degli asparagi della pellicola esterna, pareggiare le estremità, in modo che risultino tutti della stessa lunghezza, lavarli, legarli ....


Articoli correlati

L'ananas: non solo un frutto anticellulite e brucia grassi - mercoledì 6 novembre 2013
L'ananas è una pianta appartenente alla famiglia delle bromelacee, originaria del sud America, in seguito venne portata anche in Europa e poi nelle isole del pacifico,america latina, Florida e a Cuba. I suoi frutti non sono soltanto buoni da mangiare, ........

Il gelato come alimento che si rivoluziona in modo positivo. - martedì 3 settembre 2013
Per gli amanti del gelato, non c’è di cui preoccuparsi, non sarà la fine dell'estate e l’inizio del lavoro, atteso con amore, a frenare la voglia di mangiare un bel cono gelato; ma non solo.. Oramai, anche per coloro che vogliono continuare a ........

Cosa si deve mangiare per bruciare i grassi - giovedì 25 aprile 2013

Bruciare i grassi, per molti una necessità più che un desiderio, solo che il più delle volte si sceglie la strada sbagliata, perché ci si affida a diete estreme che, pur dando di risultati in molti casi, possono tuttavia rappresentare un pericolo ........

Conoscere l'olio - mercoledì 25 settembre 2013
L'ulivo è originario del Mediterraneo, le tracce più antiche sono state trovate in Israele e risalgono al V millennio a.C.. La coltivazione e la produzione vennero messe a punto dai Greci e poi dai Romani. La raccolta delle olive mediante "brucatura" ........

Slow Food o Fast Food? - giovedì 19 settembre 2013
Salve a tutti!!! Si sa che è sempre un piacere, consumare i pasti quotidiani in qualche locale. Da sempre ci piace stare insieme a qualche amico, la nostra famiglia o la nostra metà davanti ad un tavolo pieno di prelibatezze. Ma a questo scopo, ........

Ricetta del giorno
Caprese mozzarella e anguria
Fare bollire l'aceto balsamico e lo zucchero in un pentolino a fuoco medio fin quando non avrà assunto l'aspetto di uno sciroppo denso, simile al miele, ....

 articolo Cucina
Burro, margarina e olio di oliva: le differenze freccelunedì 2 dicembre 2013 

Burro, margarina e olio di oliva sono alimenti molto noti dal punto di vista alimentare,alcuni in cucina fanno uso di tutti e tre, altri utilizzano solo due di questi altri soltanto uno;tra il burro, la margarina e l'olio di oliva vi sono enormi differenze, soprattutto per quanto riguarda il discorso salutistico. Iniziamo dalla margarina, solitamente per margarina s'intende quella tradizionale, ovvero quella idrogenata. La margarina idrogenata è composta da oli vegetali, solitamente di palma, i quali subiscono un processo chimico chiamato idrogenazione, il quale trasforma l'olio da sostanza liquida in sostanza solida, questa margarina è molto dannosa, in quanto contiene grassi detti trans di origine chimica, nocivi per la nostra salute.

La margarina non idrogenata invece non contiene questo tipo di grassi, in quanto l'olio vegetale in questo caso viene solidificato mediante un altro processo chiamato frazionamento, il quale non ricorre a sostanze chimiche, però tale procedimento estrae solo la parte satura dell'olio ed elimina quella insatura, ovvero quella benefica, perciò anche la margarina non idrogenata non è affatto salutare, poichè contiene grassi saturi, anche questi nocivi per la salute, come quelli idrogenati. Poi abbiamo il burro, anche il burro è composto da grassi saturi, di origine animale contrariamente a quelli presenti nella margarina non idrogenata, che sono vegetali, tuttavia il burro apporta qualche sostanza nutritiva come la vit D e il calcio, perciò è preferibile alla margarina, dato che quest'ultima non ha nessun valore nutritivo.

L'olio di oliva invece risulta essere,fra i tre, l'unico alimento veramente salutare, in quanto i grassi vegetali in esso presenti non sono nè saturi, nè tantomeno idrogenati, si tratta di grassi polinsaturi, i quali contrariamente a quelli saturi e a quelli idrogenati, non sono nocivi, anzi sono amici della salute. Infatti i grassi polinsaturi presenti nell'olio di oliva non innalzano il livello del colesterolo cattivo LDL e dei trigliceridi, quindi non favoriscono l'insorgenza di patologie gravi come arteriosclerosi, infarti e ictus. L'olio di oliva perciò è il condimento migliore dal punto di vista salutistico, tuttavia  chi non gradisce il suo sapore può optare per il burro, però questo va consumato con giudizio, dato che contiene grassi saturi, inoltre il burro va consumato a crudo, poichè cotto risulta indigesto e produce sostanze tossiche.

L'olio di oliva invece dato il suo elevato valore nutritivo, può essere consumato tranquillamente sia a crudo che cotto, è adatto, anzi raccomandato, infatti anche per la frittura, grazie ai suoi grassi polinsaturi riesce a combattere e a ridurre il colesterolo cattivo LDL e questo non è poco. L'olio di oliva è ricco di vit E e polifenoli, sostanze antiossidanti, inoltre contiene l'oleocantale, una sostanza che è un antinfiammatorio naturale. L'olio di oliva perciò può essere considerato un vero e proprio oro naturale, un dono prezioso che la natura ci offre.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

kety  Abate - vedi tutti gli articoli di kety  Abate





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: