rampicanti da fiore Akebia
 

Akebia, genere di specie arbustive rampicanti, appartenenti alla famiglia delle Berberidacee, originarie dell’Asia orientale, con rami volubili, adatte per ricoprire muri e sostegni. Hanno una fioritura primaverile molto ornamentale rappresentata da grappoli di fiori, quelli femminili posti all’apice più piccoli e marroni, quelli maschili di un bel rosa carico, situati alla base.

Facile da coltivare, l’Akebia predilige terreni freschi e leggeri, ben drenati, esposti al sole o a mezz’ombra, purché in posizione riparata. Si mettono a dimora in primavera o in autunno.

Akebia lobata: pianta sempreverde che può raggiungere e superare i 4 metri d’altezza se posta i posizioni soleggiate. Le foglioline sono ovate, dai margini grossolanamente dentati. Fiorisce in aprile. I frutti sono delle grosse bacche ovoidali color porpora scuro che maturano in autunno.
Akebia quinata: pianta rampicante semisempreverde, dai fiori rosa-porpora, riuniti in racemi, che compaiono tra aprile e maggio e seguiti da abbondanti grosse bacche violacee.

Riproduzione:
per talea, il metodo più diffuso e anche il più affidabile. In estate si prelevano talee di legno e si mettono a radicare in un terriccio a base di torba e sabbia in arti uguali, in letto caldo. Le talee radicate si rinvasano in vasi da 10-12 cm e si tengono in ambiente protetto fino alla primavera successiva. In autunno si potranno mettere a dimora in piena terra.
Buoni risultati si ottengono anche con la divisione dei cespi da effettuare in primavera, o per propaggine. In questo secondo caso i rami si interrano in autunno e vengono staccati dalla pianta madre dopo un anno circa, quando avranno messo le radici.
Esposizione:
Fioritura:
tra aprile e maggio