alberi sempreverdi Cycas
Cycas

La Cycas è una piante simile alla palma, originaria del Madagascar, dell'Asia sud-orientale e dell'Oceania, caratterizzata dalla presenza di un fusto eretto, cilindrico, e di un ciuffo di foglie erette, sempreverdi, pennate, che si formano alla sommità del fusto e comprende circa 12 specie. Si tratta di una pianta dioica, ovvero esistono individui che portano solo fiori maschili e altri che portano solo fiori femminili. Specie che ormai si è adattata benissimo al clima del nostro Paese, tuttavia ha una spiccata preferenza, visto il suo luogo d'origine, per le zone a clima mite.
Cresce bene in qualsiasi terreno da giardino, preferibilmente  ben drenato, mal sopportando una eccessiva umidità. Si consiglia di mettere quindi, nel fondo della buca d'impianto, così come del resto nel vaso, uno strato di sabbia o ghiaia grossolana per evitare i ristagni d'acqua. Il suo apparato radicale non è molto esteso e neppure profondo, per cui si presta alla coltivazione in vaso anche se si tratta di un esemplare di grandi dimensioni.
Nelle zone a clima invernale freddo si coltiva in ambiente portetto, in grandi vasi o mastelli, riempiti con un miscuglio di terreno da giardino fertile e sabbia in parti uguali e si rinvasa ogni paio d'anni. Tuttavia questa pianta resiste abbastanza bene al freddo, anche -10°, purchè non prolungato. Ha una crescita molto lenta, circa 0.5-1 cm l'anno per cui, per poter godere di un esemplare di grandi dimensioni, sarà necessario acquistarla già adulta, sobbarcandosi una spesa decisamente impegnativa, o armarsi di santa pazienza e aspettare, anno dopo anno, che cresca.

Cycas revoluta: originaria della Cina, Giappone meridionale e isole della Sonda, raggiunge con grande lentezza i 3 metri d'altezza con un diametro della chioma di 2-2.5 m. Pianta molto longeva, ha fusto eretto non ramificato, talvolta con qualche ramificazione verso l'estremità superiore, e con foglie pennate lunghe 1-1.5 m, leggermente arcuate  formate da un numero decisamente elevato di foglioline lineari, appuntite all'estremità. Le infiorescenze si formano al centro del ciuffo di foglie e quelle maschili sono strobili formate da scuame che portano le sacche polliniche, mentre quelle femminili presentano grandi brattee ai margini delle quali si formano gli ovuli che, dopo la fecondazione, si trasformano in semi carnosi, di color rosa-rosso. Nelle zone di origine i semi sono utilizzati a scopo alimentare.


riproduzione: in primavera si staccano i germogli che si formano alla base della pianta e si piantano in vasi riempiti con terreno da giardino e sabbia in parti uguali. Si puō procedere anche alla semina in primavera ma la germinazione, oltre ad essere molto lenta, potrebbe essere anche difficoltosa. Le piante ottenute si metteranno a dimora dopo qualche anno per dar loro il tempo di irrobustirsi o si rinvaseranno, ogni paio d'anni, aumentando il diamtro del contenitore di 1 cm ogni volta.
esposizione:
fioritura: estate




Se ti č piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



betųlla (Betula)
La Betùlla (Betula) , originaria della Cina, Manciuria, Corea, Nord America, Caucaso, Europa e Himalaya, comprende circa 40 specie ed è un albero a foglia caduca, alto anche 27 m, con corteccia che dal ........

Ancųsa (Anchusa)
L' Ancùsa (Anchusa) , originaria dell'Europa, Africa e Asia occidentale, comprende circa 60 specie delle quali 8 spontanee in Italia ed è una pianta erbacea perenne o annuale, rustica, alta dai 30 cm ........

Morina
Morina, genere di 17 specie di piante erbacee, perenni, rustiche. La specie descritta può essere coltivata nelle bordure.
Si pianta in settembre-ottobre o in marzo-aprile in terreno da giardino, profondo, ........

Brodiaea

Brodiaea, genere di 40 specie di piante bulbose originarie del continente americano; crescono bene prevalentemente in regioni caratterizzate da estati calde e secche e inverni umidi e miti. Alcune specie sono ora inserite ........

Melograno

Melograno, o Punica granata, pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle Punicacee, coltivata per i frutti e anche per il suo valore ornamentale. Originaria dell’Asia occidentale, cresce allo stato spontaneo nelle ........

 

Ricetta del giorno
Frittata con pecorino toscano e pistacchi
Iniziare con lo sgusciare i pistacchi, tritarli sul tagliere con il coltello e metterli da parte.
Rompere le uova in una ciotola, unire sale, ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Parthenocissus (vite del Canada)

Parthenocissus, genere di 10 specie di piante rampicanti a foglie decidue, appartenenti alla famiglia delle Vitaceae, con foglie trilobate o divise in foglioline, viticci che terminano con uncini o ventose, e fiori riuniti ........

Pennisetum (Penniseto)
Pennisetum (Penniseto): genere di 130 specie di graminacee perenni, semirustiche. Le specie descritte sono adatte per le bordure miste e possono essere utilizzate anche in composizioni di fiori secchi.
Si piantano ........

Lavānda (Lavandula)
la Lavànda (Lavandula) , originaria del bacino del Mediterraneo, Isole Canarie e India, comprende circa 25 specie ed è un arbusto sempreverde, rustico.
Le foglie possono essere intere o composte, lineari, a margini ........

Lapageria

Lapageria, genere formato da una sola specie di arbusti rampicanti, sempreverdi, semirustici, che si coltivano all’aperto in posizioni riparate, al coperto dai venti freddi e ben esposte, o in serra.
Non sopportano i ........

Hepatica
L'Hepatica, genere di pianta erbacea che annovera 10 specie, perenni, rizomatose, rustiche, adatte per il sottobosco o per le zone ombreggiate. Fioriscono all'inizio della primavera e sono particolarmente adatte per ........


alberi sempreverdi Cycas
Cycas

La Cycas è una piante simile alla palma, originaria del Madagascar, dell'Asia sud-orientale e dell'Oceania, caratterizzata dalla presenza di un fusto eretto, cilindrico, e di un ciuffo di foglie erette, sempreverdi, pennate, che si formano alla sommità del fusto e comprende circa 12 specie. Si tratta di una pianta dioica, ovvero esistono individui che portano solo fiori maschili e altri che portano solo fiori femminili. Specie che ormai si è adattata benissimo al clima del nostro Paese, tuttavia ha una spiccata preferenza, visto il suo luogo d'origine, per le zone a clima mite.
Cresce bene in qualsiasi terreno da giardino, preferibilmente  ben drenato, mal sopportando una eccessiva umidità. Si consiglia di mettere quindi, nel fondo della buca d'impianto, così come del resto nel vaso, uno strato di sabbia o ghiaia grossolana per evitare i ristagni d'acqua. Il suo apparato radicale non è molto esteso e neppure profondo, per cui si presta alla coltivazione in vaso anche se si tratta di un esemplare di grandi dimensioni.
Nelle zone a clima invernale freddo si coltiva in ambiente portetto, in grandi vasi o mastelli, riempiti con un miscuglio di terreno da giardino fertile e sabbia in parti uguali e si rinvasa ogni paio d'anni. Tuttavia questa pianta resiste abbastanza bene al freddo, anche -10°, purchè non prolungato. Ha una crescita molto lenta, circa 0.5-1 cm l'anno per cui, per poter godere di un esemplare di grandi dimensioni, sarà necessario acquistarla già adulta, sobbarcandosi una spesa decisamente impegnativa, o armarsi di santa pazienza e aspettare, anno dopo anno, che cresca.

Cycas revoluta: originaria della Cina, Giappone meridionale e isole della Sonda, raggiunge con grande lentezza i 3 metri d'altezza con un diametro della chioma di 2-2.5 m. Pianta molto longeva, ha fusto eretto non ramificato, talvolta con qualche ramificazione verso l'estremità superiore, e con foglie pennate lunghe 1-1.5 m, leggermente arcuate  formate da un numero decisamente elevato di foglioline lineari, appuntite all'estremità. Le infiorescenze si formano al centro del ciuffo di foglie e quelle maschili sono strobili formate da scuame che portano le sacche polliniche, mentre quelle femminili presentano grandi brattee ai margini delle quali si formano gli ovuli che, dopo la fecondazione, si trasformano in semi carnosi, di color rosa-rosso. Nelle zone di origine i semi sono utilizzati a scopo alimentare.


riproduzione: in primavera si staccano i germogli che si formano alla base della pianta e si piantano in vasi riempiti con terreno da giardino e sabbia in parti uguali. Si puō procedere anche alla semina in primavera ma la germinazione, oltre ad essere molto lenta, potrebbe essere anche difficoltosa. Le piante ottenute si metteranno a dimora dopo qualche anno per dar loro il tempo di irrobustirsi o si rinvaseranno, ogni paio d'anni, aumentando il diamtro del contenitore di 1 cm ogni volta.
esposizione:
fioritura: estate



Se ti č piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su