orto frutteto Albicocco
Albicocco

L'Albicocco, Prunus Armeniaca, è una painta originaria della Cina, è molto diffusa in Italia e produce frutti molto profumati e di sapore delicato.
Si tratta di una specie rustica ma dal momento che la sua fioritura è decisamente precoce, ai primi di marzo, non si adatta molto bene alle zone dove è alta la possibilità di gelate tardive che potrebbero danneggiare i fiori e far diminuire, di conseguenza, la produzione dei frutti. In ogni caso l'albicocco va piantatio in posizione ben espostta e protetta dai venti freddi.
Trattandosi di una pianta da frutta bisogna riservare una particolare cura alla potatura e l'Albicocco mal sopporta le potature drastiche. Si alleva perciò nella forma naturale, effettuando il minor numero possibile di tagli.
Per quanto riguarda la potatura di produzione è necessario ricordare che i frutti si formano preferibilmente sui dardi a mazzetto, che presentano sia gemme a fiore che gemme a legno e quindi è necessario rispettare rigorosamente questi rami corti.
La potatura di produzione consiste solo in un riordino della pianta consistente in un diradamento molto leggero dei germogli prodotti nell'annata precedente e nell'eliminazione di tutte le parti secche o danneggiate. Il diradamento deve essere leggero in quanto i frutti diventano più grossi e colorati se si trovano in posizione leggermente ombreggiata dallo stesso fogliame della pianta.

Albicocco: Pianta di altezza media di 7-8 m, con diametro della chioma di 4-5 m, complessivamente di dimensioni limitate e chioma tondeggiante con corteccia rosso-nerastra. Le foglie sono ovato-rotonde, lucide, lungamente picciolate, cordate alla base e a margini seghettati.
I fiori, che sbocciano all'inizio di marzo, hanno corolla bianca soffusa esternamente di rosa, larghi 2.5 cm con 5 petali.
IU frutti sono delle drupe globose o oblunghe, con un solco longitudinale di colore giallo arancio. La polpa, dolce e profumata, si stacca facilmente dal nocciolo.
L'inizio della produzione avviene dopo 3-4 anni dalla data d'impianto e durerà oer circa 45-50 anni. La maturazione dei frutti avviene a seconda della varietà tra maggio e luglio.
Le varietà più note e maggiormente coltivate sono la Napoletana, la Cafona, la Canino, la Palummella, la Boccuccia, la Prete e la Reale d'Italia.

Parassiti animali: Afide farinoso, Afide verde e Cocciniglia bianca.
Parassiti vegetali: Coryneum, provoca macchie rossastre sulle foglie e piccoli fori sul lembo. Moniliosi, colpisce fiori e rametti che disseccano e i frutti mummificano. Tumori radicali, sono delle escrescenze sulle radici che possono portare alla morte la pianta.


riproduzione: la moltiplicazione per seme può avvenire solo se si desiderino produrre dei portinnesti sui quali poi si andranno ad innestare le varietà. La moltiplicazione vera e propria, quindi, si effettua per innesto delle varietà sul portinnesto nato da seme, sul susino, sul mandorlo e sul pesco
esposizione:
fioritura: ai primi di marzo




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Leonotis

Leonotis, genere di circa 40 specie di piante erbacee e suffruticose, originarie dell'Africa meridionale. La specie descritta è delicata e adatta per la coltivazione all'aperto solo nelle zone a clima mite, mentre nelle ........

Lampranthus

Lampranthus, genere di 100 specie di piante perenni, semirustiche, nane, succulente, appartenenti alla famiglia delle Aizoaceae. Sono molto diffuse, facili da coltivare a dalla crescita rapida. Hanno fiori simili a capolini, ........

Clivia

Clivia, genere di 3 specie di piante non rustiche, appartenenti alla famiglia delle Amaryllidaceae, da coltivarsi in vaso, n serra o in appartamento; si possono coltivare all’aperto nelle zone a clima temperato-caldo. Le ........

Pachysandra
Pachysandra, genere di 4 specie di piante perenni, sempreverdi, rustiche, dal fusto prostrato. La specie descritta è adatta in particolar modo a coprire il terreno nelle zone ombreggiate del giardino, dove ........

Amorphophallus

Amorphophallus, genere di piante tuberose appartenenti alla famiglia delle Aracee, originarie delle zone tropicali dell’Asia e dell’Africa. Sono piante che vanno coltivate in serra calda, molto eleganti e originali, con ........

 

Ricetta del giorno
Mousse di fragole con panna
Lavare e asciugare le fragole delicatamente, infine privarle del picciolo. Frullare con 70 gr di zucchero e l’acqua di fiori di arancio, fino ad ottenere ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Phygelius

Phygelius, genere di 2 specie di piante suffruticose, semirustiche, sempreverdi, adatte per le zone a clima mite; nelle regioni più fredde devono essere piantate in posizioni protette. Sono ottime per le bordure e sopportano ........

Ancùsa (Anchusa)
L' Ancùsa (Anchusa) , originaria dell'Europa, Africa e Asia occidentale, comprende circa 60 specie delle quali 8 spontanee in Italia ed è una pianta erbacea perenne o annuale, rustica, alta dai 30 cm ........

Platystemon

Platystemon, genere di una sola specie annuale rustica, appartenente alla famiglia delle Papaveraceae, adatta per il primo piano delle bordure erbacee e per il giardino roccioso. Non è una pianta molto comune, tuttavia è ........

Artemisia
Artemisia: genere di 400 specie di piante erbacee e suffruticose, perenni e di arbusti. Queste piante, rustiche e semirustiche, sempreverdi e semisempreverdi, sono adatte per formare siepi, per bordure arbustive e ........

Phormium

Phormium, genere di 2 specie di piante perenni, sempreverdi, semirustiche, coltivate per le foglie e i fiori tubolosi, molto ornamentali. La specie descritta cresce in tuti i terreni fertili. Queste piante possono essere ........


orto frutteto Albicocco
Albicocco

L'Albicocco, Prunus Armeniaca, è una painta originaria della Cina, è molto diffusa in Italia e produce frutti molto profumati e di sapore delicato.
Si tratta di una specie rustica ma dal momento che la sua fioritura è decisamente precoce, ai primi di marzo, non si adatta molto bene alle zone dove è alta la possibilità di gelate tardive che potrebbero danneggiare i fiori e far diminuire, di conseguenza, la produzione dei frutti. In ogni caso l'albicocco va piantatio in posizione ben espostta e protetta dai venti freddi.
Trattandosi di una pianta da frutta bisogna riservare una particolare cura alla potatura e l'Albicocco mal sopporta le potature drastiche. Si alleva perciò nella forma naturale, effettuando il minor numero possibile di tagli.
Per quanto riguarda la potatura di produzione è necessario ricordare che i frutti si formano preferibilmente sui dardi a mazzetto, che presentano sia gemme a fiore che gemme a legno e quindi è necessario rispettare rigorosamente questi rami corti.
La potatura di produzione consiste solo in un riordino della pianta consistente in un diradamento molto leggero dei germogli prodotti nell'annata precedente e nell'eliminazione di tutte le parti secche o danneggiate. Il diradamento deve essere leggero in quanto i frutti diventano più grossi e colorati se si trovano in posizione leggermente ombreggiata dallo stesso fogliame della pianta.

Albicocco: Pianta di altezza media di 7-8 m, con diametro della chioma di 4-5 m, complessivamente di dimensioni limitate e chioma tondeggiante con corteccia rosso-nerastra. Le foglie sono ovato-rotonde, lucide, lungamente picciolate, cordate alla base e a margini seghettati.
I fiori, che sbocciano all'inizio di marzo, hanno corolla bianca soffusa esternamente di rosa, larghi 2.5 cm con 5 petali.
IU frutti sono delle drupe globose o oblunghe, con un solco longitudinale di colore giallo arancio. La polpa, dolce e profumata, si stacca facilmente dal nocciolo.
L'inizio della produzione avviene dopo 3-4 anni dalla data d'impianto e durerà oer circa 45-50 anni. La maturazione dei frutti avviene a seconda della varietà tra maggio e luglio.
Le varietà più note e maggiormente coltivate sono la Napoletana, la Cafona, la Canino, la Palummella, la Boccuccia, la Prete e la Reale d'Italia.

Parassiti animali: Afide farinoso, Afide verde e Cocciniglia bianca.
Parassiti vegetali: Coryneum, provoca macchie rossastre sulle foglie e piccoli fori sul lembo. Moniliosi, colpisce fiori e rametti che disseccano e i frutti mummificano. Tumori radicali, sono delle escrescenze sulle radici che possono portare alla morte la pianta.


riproduzione: la moltiplicazione per seme può avvenire solo se si desiderino produrre dei portinnesti sui quali poi si andranno ad innestare le varietà. La moltiplicazione vera e propria, quindi, si effettua per innesto delle varietà sul portinnesto nato da seme, sul susino, sul mandorlo e sul pesco
esposizione:
fioritura: ai primi di marzo



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su