arbusti sempreverdi Piombàggine (Plumbago)
Piombàggine (Plumbago)

La Piombàggine (Plumbago) , originaria dell'Africa del Sud, Asia e Perù, comprende circa 10 specie ed è un arbusto o rampicante sempreverde, fiorifero, diffuso in tutti i continenti, fatta eccezione per l'Australia.
Le foglie sono oblunghe, spatulate o appuntite, liscie , di color verde pallido.
I fiori sono riuniti in infiorescenze a ombrella e le corolle sono formate da 5 petali e presentano calici pelosi; il colore è blu, violetto, rosa, porpora o bianco.
Si utilizza per roccaglie, muri, per bordura per le specie a portamento eretto e per la coltura in vaso.
La piantagione si esegue in ottobre o in febbraio-marzo, in normale terreno da giardino, fertile e di media compattezza, ben drenato, in posizione soleggiata. La Piombàggine si coltiva abbastanza facilmente, ma bisogna tener presente che teme il freddo e quindi, soprattutto nelle regioni settentrionali, è bene coltivarle in vaso che poi andrà messo al riparo durante l'inverno. Le annaffiature non devono mai essere troppo abbondanti ed è consigliabile, sia per le piante in piena terra che per quelle in vaso, di curare attentamente il drenaggio sistemando uno strato di ghisia sul fondo della buca d'impianto o del vaso, per evitare che l'eccessiva umidità possa danneggiare le radici. La pianta va potata energicamente alla fine dell'inverno o in autunno. Concimare regolarmente in autunno con concime minerale completo in granuli a lenta cessione e, da giugno a settembre, ogni 15 giorni con un concime minerale completo da sciogliere nell'acqua delle annaffiature.

Plumbago capensis: alta 2-4 metri, è specie rampicante che necessita di sostegni, ha foglie oblunghe verde chiaro e fiori tubolosi azzurro-cielo che sbocciano da aprile a ottobre.
Plumbago rosea: perenne, alta 0.8-1.2 m, ha portamento arbustivo, foglie oblungo ellittiche e fiori scarlatti riuniti in spighe lunghe 15-20 cm che sbocciano da giugno ad agosto.
Plumbago zeylanica: perenne, sarmentosa, con tralci lunghi anche 3 m, ha fiori bianchi che sbocciano da giugno ad agosto.
riproduzione: si esegue in autunno o primavera per talea o per divisione dei cespi nel tardo autunno.
esposizione:
fioritura: da giugno a ottobre a seconda della specie




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Lamarckia

Lamarckia, genere comprendente una sola specie erbacea, annuale, diffusa allo stato spontaneo nei paesi del bacino del Mediterraneo. Può essere utlizzata nelle bordure annuali e miste. Le infiorescenze possono essere seccate ........

Perovskia
Perovskia, genere di 7 specie di piante arbustive perenni, rustiche. La specie descritta è particolarmente adatta per le zone marittime e per i terreni calcarei.
Si pianta in autunno o in primavera in ........

Goumi del Giappone (Elaeagnus sdulis)

Goumi del Giappone (Elaeagnus sdulis), considerato da molti botanici una sottospecie di Elaeagnus multiflora, è un arbusto molto ornamentale, appartenente alla famiglia delle Elaeagnaceae, che produce frutti commestibili ........

Juniperus (Ginepro)

Juniperus (Ginepro), genere di 60 specie di alberi e arbusti sempreverdi appartenenti alla famiglia delle Cupressaceae, molto diffusi nell’emisfero settentrionale. Alcune specie hanno portamento colonnare o irregolare, altre ........

Jeffersonia

Jeffersonia, genere di 2 specie di piante erbacee, perenni, rustiche, appartenenti alla famiglia delle Berberidaceae, adatte per il giardino roccioso. I fiori, solitari, a forma di coppa, compaiono in marzo-aprile. In autunno ........

 

Ricetta del giorno
Ciambellone di riso estivo con verdure e polpette di soia
Fate bollire l’acqua, salatela e cuoceteci il riso basmati, mantenendolo al dente. Nel frattempo lavate tutte le verdure, tritate il più finemente ....
sono presenti 534 piante
sono presenti 231 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Acero (Acer)

L'Acero, originario dell'Asia, Europa, Africa del Nord e America settentrionale comprende più di 100 specie.
Sono alberi di varia altezza ( da 2 a 30 metri a seconda della specie ) con foglie quasi ........

Myosotidium

Myosotidium, genere comprendente una sola specie erbacea, sempreverde, perenne, che si coltiva nelle zone a clima mite, umide e ben riparate.
Si pianta in settembre-ottobre, in tutti i terreni da giardino, in posizioni ........

Asclepias

Asclepias, genere di 120 specie di piante erbacee, perenni, rustiche o delicate, o di suffrutici e arbusti, appartenenti alla famiglia delle Asclepiadaceae. Le specie descritte sono erbacee o suffruticose, vigorose.
Le ........

Maclura

Maclura, genere di 12 specie di piante arbustive e arboree appartenenti alla famiglia delle Moraceae, diffuse allo stato spontaneo in Asia, Africa e Stati Uniti. La specie descritta è particolarmente indicata ad essere utilizzata  ........



arbusti sempreverdi Piombàggine (Plumbago)
Piombàggine (Plumbago)

La Piombàggine (Plumbago) , originaria dell'Africa del Sud, Asia e Perù, comprende circa 10 specie ed è un arbusto o rampicante sempreverde, fiorifero, diffuso in tutti i continenti, fatta eccezione per l'Australia.
Le foglie sono oblunghe, spatulate o appuntite, liscie , di color verde pallido.
I fiori sono riuniti in infiorescenze a ombrella e le corolle sono formate da 5 petali e presentano calici pelosi; il colore è blu, violetto, rosa, porpora o bianco.
Si utilizza per roccaglie, muri, per bordura per le specie a portamento eretto e per la coltura in vaso.
La piantagione si esegue in ottobre o in febbraio-marzo, in normale terreno da giardino, fertile e di media compattezza, ben drenato, in posizione soleggiata. La Piombàggine si coltiva abbastanza facilmente, ma bisogna tener presente che teme il freddo e quindi, soprattutto nelle regioni settentrionali, è bene coltivarle in vaso che poi andrà messo al riparo durante l'inverno. Le annaffiature non devono mai essere troppo abbondanti ed è consigliabile, sia per le piante in piena terra che per quelle in vaso, di curare attentamente il drenaggio sistemando uno strato di ghisia sul fondo della buca d'impianto o del vaso, per evitare che l'eccessiva umidità possa danneggiare le radici. La pianta va potata energicamente alla fine dell'inverno o in autunno. Concimare regolarmente in autunno con concime minerale completo in granuli a lenta cessione e, da giugno a settembre, ogni 15 giorni con un concime minerale completo da sciogliere nell'acqua delle annaffiature.

Plumbago capensis: alta 2-4 metri, è specie rampicante che necessita di sostegni, ha foglie oblunghe verde chiaro e fiori tubolosi azzurro-cielo che sbocciano da aprile a ottobre.
Plumbago rosea: perenne, alta 0.8-1.2 m, ha portamento arbustivo, foglie oblungo ellittiche e fiori scarlatti riuniti in spighe lunghe 15-20 cm che sbocciano da giugno ad agosto.
Plumbago zeylanica: perenne, sarmentosa, con tralci lunghi anche 3 m, ha fiori bianchi che sbocciano da giugno ad agosto.

riproduzione: si esegue in autunno o primavera per talea o per divisione dei cespi nel tardo autunno.
esposizione:
fioritura: da giugno a ottobre a seconda della specie



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su