orto orto Aneto
Aneto

Aneto, pianta aromatica, erbacea, rustica, annuale, appartenente alla famiglia delle Ombrellifere, originaria dell’Europa mediterranea. Ha foglie verde-azzurro fortemente frastagliate e fiori di ombrelle giallo vivo di 5-8 cm di diametro. I piccoli frutti piatti e ovali sono simili a semi. Tutte le parti della pianta presentano un sapore simile a quello del finocchio, ma vengono utilizzati soprattutto i semi, o meglio i frutti, per l’aromatizzazione di salse e sottaceti. I frutti vengono raccolti in autunno, quando sono completamente maturi. Vengono talvolta impiegati anche nelle industrie di profumi e di liquori. L’aneto viene anche considerato pianta medicinale per le sue proprietà stomatiche e diuretiche.

L’aneto è una pianta mediterranea che non presenta particolari problemi di coltivazione. Perché si sviluppi rigoglioso è consigliabile un terreno abbastanza ricco, oltre che ben drenato e con buona esposizione. La distanza tra le piante è di circa 30 cm. Sono di grande utilità regolari zappature e annaffiature in caso di siccità.

Raccolta e conservazione: le foglie, utilizzate per guarnire e aromatizzare diversi piatti, è bene consumarle fresche dal momento che non conservano a lungo le loro proprietà aromatiche una volta raccolte. I frutti, invece, se ben essiccati e conservati in contenitori a tenuta d‘aria, durano a lungo. Questi vanno raccolti alla fine dell’estate e vanno lasciati seccare su carta fino a quando le infruttescenze non si rompono facilmente, liberando i singoli frutti.


riproduzione: si semina direttamente a dimora a spaglio o a file a partire da fine marzo, si risemina di frequente in modo da avere sempre piante fresche durante tutta la stagione. Le piante sono pronte dopo 3 mesi e mezzo dalla semina.
esposizione:
fioritura: estate




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Caprifoglio (Lonicera)

Caprifoglio (Lonicera), genere di 200 specie di arbusti e piante rampicanti, legnose, sempreverdi e decidue, appartenenti alla famiglia delle Caprifogliacee, originarie dell’Asia, dell’America Settentrionale e dell’Europa. ........

Aciphylla

Aciphylla, genere di piante vivaci sempreverdi, appartenenti alla famiglia delle Ombrellifere, originarie delle regioni desertiche e montagnose dell’emisfero meridionale. Le foglie sono rigide e slanciate, con l’apice appuntito. ........

Dipelta

Dipelta, genere di 4 specie di arbusti a foglie decidue, rustici o semirustici, originari della Cina, coltivati per i loro fiori appariscenti e per la corteccia molto ornamentale.
Si coltivano in qualsiasi terreno da ........

Centrànto (Centranthus)
Il Centrànto (Centranthus), originario del Sud Europa, bacino del Mediterraneo, Libano e Africa settentrionale, comprende circa 15 specie delle quali 4 spontaneee nel nostro Paese ed è un'erbacea perenne ........

Asphodelus (Asfodelo)

Asphodelus (Asfodelo), genere di 12 specie di piante erbacee, perenni, rustiche, appartenenti alla famiglia delle Liliaceae, diffuse nel bacino del mediterraneo e nell’Asia occidentale. Crescono bene anche nei luoghi aridi ........

 

Ricetta del giorno
Broccoli marinati
Immergere i broccoli in acqua salata in modo che possano assorbire bene l’acqua e quindi asciugarli bene.
Schiacciare 4 spicchi d'aglio con lo schiaccia ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Arnica

Arnica, genere di 32 specie di piante erbacee perenni, appartenenti alla famiglia delle Compositae, diffuse nelle zone temperate e artiche dell’emisfero boreale. Sono piante adatte per il giardino roccioso e per le bordure.
Cresce ........

Calendula
Calendula: genere di 20-30 specie di piante erbacee o suffruticose, annuali. La specie descritta è quella che più comunemente viene coltivata, eccellente per bordure e per fiori da recidere. Può ........

Poinciana

La Poinciana , originaria del Madagascar, messico, Isole Mascarene, Antille, comprende 2 specie ed è un albero sempreverde, fiorifero, alto circa 10-12 m.
Le foglie sono composte da foglioline molto ........

Penstèmon (Penstemon)

Il Penstèmon (Penstemon) , originario degli Stati Uniti, Messico e Asia nord-occidentale comprende circa 200 specie ed è una erbacea perenne, talvolta dal portamento arbustivo.
Le foglie possono ........

Acantholimon

Acantholimon, genere di 150 specie di piante sempreverdi a crescita lenta, perenni, per lo più originarie di regioni desertiche. Le specie descritte, belle piante per i giardini rocciosi, presentano giuffi di foglie aghiformi ........


orto orto Aneto
Aneto

Aneto, pianta aromatica, erbacea, rustica, annuale, appartenente alla famiglia delle Ombrellifere, originaria dell’Europa mediterranea. Ha foglie verde-azzurro fortemente frastagliate e fiori di ombrelle giallo vivo di 5-8 cm di diametro. I piccoli frutti piatti e ovali sono simili a semi. Tutte le parti della pianta presentano un sapore simile a quello del finocchio, ma vengono utilizzati soprattutto i semi, o meglio i frutti, per l’aromatizzazione di salse e sottaceti. I frutti vengono raccolti in autunno, quando sono completamente maturi. Vengono talvolta impiegati anche nelle industrie di profumi e di liquori. L’aneto viene anche considerato pianta medicinale per le sue proprietà stomatiche e diuretiche.

L’aneto è una pianta mediterranea che non presenta particolari problemi di coltivazione. Perché si sviluppi rigoglioso è consigliabile un terreno abbastanza ricco, oltre che ben drenato e con buona esposizione. La distanza tra le piante è di circa 30 cm. Sono di grande utilità regolari zappature e annaffiature in caso di siccità.

Raccolta e conservazione: le foglie, utilizzate per guarnire e aromatizzare diversi piatti, è bene consumarle fresche dal momento che non conservano a lungo le loro proprietà aromatiche una volta raccolte. I frutti, invece, se ben essiccati e conservati in contenitori a tenuta d‘aria, durano a lungo. Questi vanno raccolti alla fine dell’estate e vanno lasciati seccare su carta fino a quando le infruttescenze non si rompono facilmente, liberando i singoli frutti.


riproduzione: si semina direttamente a dimora a spaglio o a file a partire da fine marzo, si risemina di frequente in modo da avere sempre piante fresche durante tutta la stagione. Le piante sono pronte dopo 3 mesi e mezzo dalla semina.
esposizione:
fioritura: estate



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su