rampicanti da fiore Edera (Hedera)
Edera (Hedera)

Edera (Hedera), genere di 15 piante rampicanti sempreverdi, rustiche, appartenenti alla famiglia delle Araliacee, facili da coltivare, diffuse in tutte le zone temperate dell’Europa. Crescono bene anche in terreni molto poveri, sia al sole che all’ombra, inoltre sopportano bene la siccità e l’inquinamento atmosferico. Possono essere utilizzate come piante tappezzanti, per coprire terreni dove difficilmente crescerebbero altre specie, oppure si possono lasciare arrampicare lungo i muri e vecchi tronchi, tuttavia si diffondono con estrema facilità, per cui è necessario tenerle sempre d’occhio per evitare che diventino infestanti. Sono anche indicate come piante d’appartamento. Hanno rami giovanili e adulti con caratteristiche differenti: i primi hanno foglie lobate e radici aeree che si attaccano facilmente a qualunque tipo di superficie, mentre i secondi sono arborescenti, senza radici, con foglie intere a margini ondulati e producono fiori, per lo più insignificanti, ma che attirano una gran quantità di api e vespe, seguiti poi da piccoli frutti. Quando i rami rampicanti hanno raggiunto la sommità del supporto su cui crescono, si formano i rami arborescenti, dai quali si possono prelevare talee che mantengono le stesse caratteristiche e danno luogo a piante arbustive, ricche di fiori e frutti.

Le edere si possono piantare in tutti i tipi di terreno e in qualsiasi esposizione, tenendo presente però che le specie variegate assumono colori più chiari con una buona esposizione alla luce. La messa a dimora si effettua in autunno o in primavera. L’edera si può coltivare bene anche in vaso, scegliendo contenitori da 15-20 cm di diametro riempiti con una composta a base di terra da giardino, terriccio, torba e sabbia in parti uguali, che va tenuta umida tutto l’anno. Si tengono i vasi in posizioni ben illuminate, ma riparati dalla luce diretta del sole. In inverno preferiscono stanze poco e per nulla riscaldate. Da aprile a settembre si concima regolarmente, utilizzando un fertilizzante liquido, seguendo le indicazioni riportate sulla confezione del prodotto. Si invasa annualmente in marzo prima della ripresa vegetativa.

Potatura. Le edere si potano due volte all’anno, in febbraio-marzo e in estate, per contenerne la crescita ed evitare che invadano zone poco adatte, come tetti, grondaie, finestre. I rami adulti si potano in marzo e in luglio, solo per mantenere regolare la forma desiderata degli arbusti. Infine le piante coltivate in vaso si possono potare in aprile-marzo, accorciando i rami più lunghi, anche fino a metà della loro lunghezza.

Edera (Hedera) canariensis: specie originaria delle Isole canarie e dell’Africa settentrionale, che raggiunge facilmente i 4-6 m di altezza. Si tratta di una rampicante molto bella e vigorosa, anche se non completamente rustica, infatti può essere danneggiata dal freddo troppo intenso. Ha foglie cuoiose, lobate, con la base cordata, verdi d’estate e verde-bronzo in inverno. Questa specie non si attacca da sola molto facilmente, pertanto potrebbe essere necessario fornirle dei sostegni. Tra le varietà l’Azorica è molto vigorosa, con foglie verde chiaro, a 5-7 lobi poco sviluppati che, da giovani, sono ricoperte da un feltro marrone al pari dei fusti giovani; Variegata, con foglie verde scuro, più chiare al centro e con margini bianco-crema tendente al grigio-argento; Margino-maculata, con fusti e piccioli rossi e foglie verdi variegate di bianco-crema.
Edera (Hedera) chrysocarpa: specie molto vigorosa, che produce bei frutti di color giallo oro.
Edera (Hedera) colchica: specie originaria dell’Iran che cresce rapidamente fino a 6-9 m di altezza, tra le più belle del genere. Si tratta di una pianta vigorosa e rustica, con foglie ovate e cuoriformi, lunghe 20-25 cm e larghe 15 cm, di color verde scuro. Tra le varietà si ricordano Dentata dalle foglie sottili e dentate, di color verde scuro con sfumature purpuree; Variegata con foglie verde chiaro a macchie e marginature bianco-crema.
Edera (Hedera) helix: la comune Edera, specie molto rustica cui appartengono numerose varietà che possono essere coltivate ovunque, anche in casa e in serra. Diffusa in Europa e in Italia, cresce fino a 15-30 m di altezza, è una rampicante particolarmente adatta a ricoprire muri, tronchi vecchi come pure per tappezzare il terreno. Ha foglie verde scuro, lucide, con macchie argentee lungo le nervature. Tantissime le varietà tra cui si ricordano Purpurea le cui foglie in autunno assumono una colorazione bronzo-violetto; Cavendishii, nana, con fusti rossi e foglie a mezza stella; Gold Heart dalle piccole foglie triangolari a lobi appuntiti, verde scuro dorate al centro; Minor e Minima con foglie piccolissime; Marmorata Minor, nana con foglie verde scuro variegate di bianco; California Gold, cespugliosa con foglie variegate di giallo; Silver Queen con foglie con la parte centrale grigia o azzurro-verdastra e con margini color bianco-crema che diventano rosa in inverno; Tricolor, con foglie a margini bianchi che in autunno si colorano di rosa-rosso carico; Conglomerata, cespugliosa, con fusti rigidi non ramificati, che si sviluppano con portamento prostrato-ascendente fino a 60 cm di altezza; Glacier, con piccole foglie macchiate di grigio-argento, con margini bianchi; Discolor, con piccole foglie a macchie di colore rosso e crema; Cristata con le foglie leggermente increspate.
Edera (Hedera) hibernica: specie molto vigorosa con grandi foglie verdi.
Edera (Hedera) himalaya: specie originaria dell’Himalaya, rampicante, che raggiunge i 4-5 m di altezza. Ha foglie pennato-lobate sui rami giovani e ovato-oblunghe od oblungo-lanceolate, su quelli adulti.


riproduzione: con estrema facilità per mezzo di talee, in qualunque periodo dell’anno, anche se preferibilmente si procede in luglio-agosto o in ottobre-novembre. In estate si prelevano talee apicali lunghe 12-15 cm, e si mettono a radicare in cassone in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali. Le talee radicate si invasano singolarmente in contenitori da 10 cm e si tengono ad irrobustire in cassone freddo o in serra fino alla messa a dimora. Le talee prelevate da rami giovanili daranno origine a piante rampicanti, mentre quelle prelevate dai rami adulti daranno luogo a piante cespugliose e non rampicanti.
esposizione:
fioritura: estate




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Scilla

Scilla, genere di 90-10 specie di piante bulbose appartenenti alla famiglia delle Liliaceae, facili da coltivare. Le specie descritte sono adatte per il giardino roccioso e per i prati, e si possono coltivare anche in vaso, ........

Tigridia

Tigridia, genere di 12 specie di piante bulbose, originarie del Messico e dell'America meridionale. La specie descritta ha fiori molto ornamentali, vivacemente colorati, che durano solo un giorno. Ogni fusto produce 6-8 ........

Yucca
La Yucca è un genere di 40 specie di piccoli alberi o arbusti sempreverdi, delicati o rustici, mlto longevi, adatti anche per i terreni sabbiosi. Hanno foglie lunghe, nastriformi, spesso con apice spinoso. ........

Helichrysum

Helichrysum, genere di 500 specie di piante erbacee e suffruticose, annuali e perenni, e di arbusti rustici e semirustici, appartenenti alla famiglia delle Compositae. Sono adatti per i giardini rocciosi soleggiati, dove ........

Cassia

Cassia, genere di oltre 500 specie di piante erbacee,annuali e perenni, rustiche, di arbusti e alberi sempreverdi, rustici e semirustici.
Le specie C.australis e C.corymbosa si coltivano in vasi di 20-30 cm, riempiti ........

 

Ricetta del giorno
Insalata con feta e polpa di granchio
Lavare la menta, asciugarla, staccare le foglie dal rametto e tritarle. Versare lo yogurt in una ciotola con il succo di limone, l’olio, sale, pepe e ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Lapageria

Lapageria, genere formato da una sola specie di arbusti rampicanti, sempreverdi, semirustici, che si coltivano all’aperto in posizioni riparate, al coperto dai venti freddi e ben esposte, o in serra.
Non sopportano i ........

Lysichiton

Lysichiton, genere spesso denominato Lysichitum, comprende 2 specie di piante erbacee, perenni, rustiche, appartenenti alla famiglia delle Araceae, che si coltivano nei terreni umidi, ai margini degli stagni e dei ........

Caltha

Caltha, genere di 20 specie di piante erbacee, rustiche, appartenenti alla famiglia delle Ranuncolaceae, adatte per la coltivazione nei terreni paludosi o nelle acque poco profonde, ai margini degli stagni. La maggior parte ........

Phygelius

Phygelius, genere di 2 specie di piante suffruticose, semirustiche, sempreverdi, adatte per le zone a clima mite; nelle regioni più fredde devono essere piantate in posizioni protette. Sono ottime per le bordure e sopportano ........

Kochia

Kochia, genere di 90 specie di piante erbacee e suffruticose, annuali e perenni. La specie descritta, coltivata per il fogliame ornamentale, si impiega isolata o nelle aiuole, per formare bordure basse, o come pianta da ........


rampicanti da fiore Edera (Hedera)
Edera (Hedera)

Edera (Hedera), genere di 15 piante rampicanti sempreverdi, rustiche, appartenenti alla famiglia delle Araliacee, facili da coltivare, diffuse in tutte le zone temperate dell’Europa. Crescono bene anche in terreni molto poveri, sia al sole che all’ombra, inoltre sopportano bene la siccità e l’inquinamento atmosferico. Possono essere utilizzate come piante tappezzanti, per coprire terreni dove difficilmente crescerebbero altre specie, oppure si possono lasciare arrampicare lungo i muri e vecchi tronchi, tuttavia si diffondono con estrema facilità, per cui è necessario tenerle sempre d’occhio per evitare che diventino infestanti. Sono anche indicate come piante d’appartamento. Hanno rami giovanili e adulti con caratteristiche differenti: i primi hanno foglie lobate e radici aeree che si attaccano facilmente a qualunque tipo di superficie, mentre i secondi sono arborescenti, senza radici, con foglie intere a margini ondulati e producono fiori, per lo più insignificanti, ma che attirano una gran quantità di api e vespe, seguiti poi da piccoli frutti. Quando i rami rampicanti hanno raggiunto la sommità del supporto su cui crescono, si formano i rami arborescenti, dai quali si possono prelevare talee che mantengono le stesse caratteristiche e danno luogo a piante arbustive, ricche di fiori e frutti.

Le edere si possono piantare in tutti i tipi di terreno e in qualsiasi esposizione, tenendo presente però che le specie variegate assumono colori più chiari con una buona esposizione alla luce. La messa a dimora si effettua in autunno o in primavera. L’edera si può coltivare bene anche in vaso, scegliendo contenitori da 15-20 cm di diametro riempiti con una composta a base di terra da giardino, terriccio, torba e sabbia in parti uguali, che va tenuta umida tutto l’anno. Si tengono i vasi in posizioni ben illuminate, ma riparati dalla luce diretta del sole. In inverno preferiscono stanze poco e per nulla riscaldate. Da aprile a settembre si concima regolarmente, utilizzando un fertilizzante liquido, seguendo le indicazioni riportate sulla confezione del prodotto. Si invasa annualmente in marzo prima della ripresa vegetativa.

Potatura. Le edere si potano due volte all’anno, in febbraio-marzo e in estate, per contenerne la crescita ed evitare che invadano zone poco adatte, come tetti, grondaie, finestre. I rami adulti si potano in marzo e in luglio, solo per mantenere regolare la forma desiderata degli arbusti. Infine le piante coltivate in vaso si possono potare in aprile-marzo, accorciando i rami più lunghi, anche fino a metà della loro lunghezza.

Edera (Hedera) canariensis: specie originaria delle Isole canarie e dell’Africa settentrionale, che raggiunge facilmente i 4-6 m di altezza. Si tratta di una rampicante molto bella e vigorosa, anche se non completamente rustica, infatti può essere danneggiata dal freddo troppo intenso. Ha foglie cuoiose, lobate, con la base cordata, verdi d’estate e verde-bronzo in inverno. Questa specie non si attacca da sola molto facilmente, pertanto potrebbe essere necessario fornirle dei sostegni. Tra le varietà l’Azorica è molto vigorosa, con foglie verde chiaro, a 5-7 lobi poco sviluppati che, da giovani, sono ricoperte da un feltro marrone al pari dei fusti giovani; Variegata, con foglie verde scuro, più chiare al centro e con margini bianco-crema tendente al grigio-argento; Margino-maculata, con fusti e piccioli rossi e foglie verdi variegate di bianco-crema.
Edera (Hedera) chrysocarpa: specie molto vigorosa, che produce bei frutti di color giallo oro.
Edera (Hedera) colchica: specie originaria dell’Iran che cresce rapidamente fino a 6-9 m di altezza, tra le più belle del genere. Si tratta di una pianta vigorosa e rustica, con foglie ovate e cuoriformi, lunghe 20-25 cm e larghe 15 cm, di color verde scuro. Tra le varietà si ricordano Dentata dalle foglie sottili e dentate, di color verde scuro con sfumature purpuree; Variegata con foglie verde chiaro a macchie e marginature bianco-crema.
Edera (Hedera) helix: la comune Edera, specie molto rustica cui appartengono numerose varietà che possono essere coltivate ovunque, anche in casa e in serra. Diffusa in Europa e in Italia, cresce fino a 15-30 m di altezza, è una rampicante particolarmente adatta a ricoprire muri, tronchi vecchi come pure per tappezzare il terreno. Ha foglie verde scuro, lucide, con macchie argentee lungo le nervature. Tantissime le varietà tra cui si ricordano Purpurea le cui foglie in autunno assumono una colorazione bronzo-violetto; Cavendishii, nana, con fusti rossi e foglie a mezza stella; Gold Heart dalle piccole foglie triangolari a lobi appuntiti, verde scuro dorate al centro; Minor e Minima con foglie piccolissime; Marmorata Minor, nana con foglie verde scuro variegate di bianco; California Gold, cespugliosa con foglie variegate di giallo; Silver Queen con foglie con la parte centrale grigia o azzurro-verdastra e con margini color bianco-crema che diventano rosa in inverno; Tricolor, con foglie a margini bianchi che in autunno si colorano di rosa-rosso carico; Conglomerata, cespugliosa, con fusti rigidi non ramificati, che si sviluppano con portamento prostrato-ascendente fino a 60 cm di altezza; Glacier, con piccole foglie macchiate di grigio-argento, con margini bianchi; Discolor, con piccole foglie a macchie di colore rosso e crema; Cristata con le foglie leggermente increspate.
Edera (Hedera) hibernica: specie molto vigorosa con grandi foglie verdi.
Edera (Hedera) himalaya: specie originaria dell’Himalaya, rampicante, che raggiunge i 4-5 m di altezza. Ha foglie pennato-lobate sui rami giovani e ovato-oblunghe od oblungo-lanceolate, su quelli adulti.


riproduzione: con estrema facilità per mezzo di talee, in qualunque periodo dell’anno, anche se preferibilmente si procede in luglio-agosto o in ottobre-novembre. In estate si prelevano talee apicali lunghe 12-15 cm, e si mettono a radicare in cassone in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali. Le talee radicate si invasano singolarmente in contenitori da 10 cm e si tengono ad irrobustire in cassone freddo o in serra fino alla messa a dimora. Le talee prelevate da rami giovanili daranno origine a piante rampicanti, mentre quelle prelevate dai rami adulti daranno luogo a piante cespugliose e non rampicanti.
esposizione:
fioritura: estate



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su