erbacee orchidee Aërides
Aërides

Aërides, genere comprendente una quarantina di specie di orchidee epifite, perenni, sempreverdi, appartenenti alla famiglia delle Orchidacee, tutte originarie dell’Asia tropicale. Hanno foglie allungate più o meno coriacee e fiori, portati su fusti ricadenti, dall’aspetto vellutato, dai colori più vari e dal profumo penetrante. I fiori, una volta recisi, sono molto resistenti e quindi durano a lungo.
Le Aërides sono piante da collezione e vanno coltivate in ciotole da tenere in serra calda. Il substrato di coltivazione deve essere composto quasi esclusivamente da sfagno. La rinvasatura deve essere possibilmente evitata, infatti è meglio lasciare la pianta in vaso e tentare di sostituire la parte superficiale del terriccio con altro più fresco, badando a non danneggiare nell’operazione le radici. Le annaffiature devono essere abbondanti, almeno fin quando la temperatura resta elevata, mentre nella cattiva stagione vanno progressivamente diradate. Nel complessi può essere considerata una orchidea abbastanza semplice da coltivare.

Aërides crassifolium: questa pianta ha fiori, riuniti in spighe lunghe anche mezzo metro, di un bel colore ametista.
Aërides crispa: pianta dai fusti fioriferi lunghi fino a 45 cm che sono rivolti verso il basso, portanti fiori bianchi sfumati di rosa-porpora che compaiono in estate.
Aërides falcata: si tratta di una specie nana i cui fiori, che compaiono in estate, sono riuniti in spighe lunghe circa 50 cm, e sono bianco-crema orlati di porpora.
Aërides japonica: si tratta di una specie abbastanza delicata che fiorisce da maggio a luglio con fiori bianco-verdastri striati di marrone-porpora alla base.
Aërides odorata: si tratta di una pianta che, come del resto lascia intendere il nome, ha fiori molto profumati, bianco-crema, bordati di rosso, che formano un bel contrasto con il fitto fogliame verde scuro. La fioritura avviene da giugno ad agosto.


riproduzione: la divisione del cespo è il metodo più utilizzato, ma anche il più rischioso, e va effettuato preferibilmente all’inizio della bella stagione, praticamente in aprile-maggio. Molto più sicura è la riproduzione per talea che si effettua prelevando, in aprile-maggio, i germogli basali della lunghezza di circa 10 cm. Le talee vanno interrate in una composta leggera e vanno mantenute ad una temperatura di circa 20° C. Una volta che le talee avranno emesso radici potranno essere rinvasate.
esposizione:
fioritura: estate




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Casuarina

Casuarina, genere di 45 specie di alberi o arbusti originari del Madagascar, dell'Africa orientale, Asia sud-orientale, Malesia e Australia. Le specie arboree descritte sono indicate per formare delle barriere frangivento ........

Monarda

Monarda, genere di 12 piante perenni ed annuali, rustiche, con foglie romatiche. Allo stato spontaneo questa pianta cresce nel sottobosco e lungo i corsi d'acqua. La varietà Didyma è adatta per essere coltivata nelle bordure ........

Sanguinaria

Sanguinaria, genere comprendente una sola specie erbacea, perenne, rustica appartenente alla famiglia delle Papaveraceae, adatta per il giardino roccioso e per il primo piano delle bordure. Il genere deriva dalla linfa rossa ........

Pittòsporo Pittosporum)
Il Pittòsporo (Pittosporum) originario dell'Africa, Asia, Australia, Nuova Zelanda e Isole del Pacifico, comprende circa 80 specie ed è un aubusto o piccolo albero di limitata altezza.
Le foglie, ........

Cardiocrinum

Cardiocrinum, genere di 3 specie di piante perenni, bulbose, rustiche, affini al genere Lilium dal quale si differenziano per il fatto che i bulbi si esauriscono dopo la fioritura e le piante muoiono. Altra differenza è ........

 

Ricetta del giorno
Mousse di fragole con panna
Lavare e asciugare le fragole delicatamente, infine privarle del picciolo. Frullare con 70 gr di zucchero e l’acqua di fiori di arancio, fino ad ottenere ....
sono presenti 534 piante
sono presenti 231 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Laburnum (Maggiociondolo)

Laburnum (Maggiociondolo), genere di 6 specie di alberi e arbusti rustici, a foglie decidue, che fioriscono in primavera. Si coltivano generalmente 2 specie e i loro ibridi, che hanno foglie trifogliate, con foglioline ovato-ellittiche, ........

Gardènia (Gardenia)
La Gardènia (Gardenia) , originaria delle regioni tropicali e subtropicali dell'Asia e dell'Africa, comprende circa 250 specie ed è un arbusto delicato da fiore sempreverde o semisempreverde.

Cotinus (Sommaco)
Il Cotinus (Sommaco) è un genere di 3 specie di alberi o grandi arbusti a foglie decidue, rustici, apprezzati per la bella fioritura e per i birllanti colori autunnali delle foglie.
Questi apiccoli alberi ........

Astrantia (Astranzia)

Astrantia (Astranzia), genere si10 specie di piante erbacee, perenni, rustiche, appartenenti alla famiglia delle Umbelliferae. Le specie descritte sono adatte per  le bordure e gruppi misti, al sole o all’ombra. I fiori ........

Dicèntra (Dicentra)

La Dicèntra (Dicentra) , originaria dell'Asia occidentale, Himalaya e America del Nord, comprende circa 12 specie ed è una erbacea perenne rizomatosa alta da 15 a 80 cm.
Le foglie sono composte ........


erbacee orchidee Aërides
Aërides

Aërides, genere comprendente una quarantina di specie di orchidee epifite, perenni, sempreverdi, appartenenti alla famiglia delle Orchidacee, tutte originarie dell’Asia tropicale. Hanno foglie allungate più o meno coriacee e fiori, portati su fusti ricadenti, dall’aspetto vellutato, dai colori più vari e dal profumo penetrante. I fiori, una volta recisi, sono molto resistenti e quindi durano a lungo.
Le Aërides sono piante da collezione e vanno coltivate in ciotole da tenere in serra calda. Il substrato di coltivazione deve essere composto quasi esclusivamente da sfagno. La rinvasatura deve essere possibilmente evitata, infatti è meglio lasciare la pianta in vaso e tentare di sostituire la parte superficiale del terriccio con altro più fresco, badando a non danneggiare nell’operazione le radici. Le annaffiature devono essere abbondanti, almeno fin quando la temperatura resta elevata, mentre nella cattiva stagione vanno progressivamente diradate. Nel complessi può essere considerata una orchidea abbastanza semplice da coltivare.

Aërides crassifolium: questa pianta ha fiori, riuniti in spighe lunghe anche mezzo metro, di un bel colore ametista.
Aërides crispa: pianta dai fusti fioriferi lunghi fino a 45 cm che sono rivolti verso il basso, portanti fiori bianchi sfumati di rosa-porpora che compaiono in estate.
Aërides falcata: si tratta di una specie nana i cui fiori, che compaiono in estate, sono riuniti in spighe lunghe circa 50 cm, e sono bianco-crema orlati di porpora.
Aërides japonica: si tratta di una specie abbastanza delicata che fiorisce da maggio a luglio con fiori bianco-verdastri striati di marrone-porpora alla base.
Aërides odorata: si tratta di una pianta che, come del resto lascia intendere il nome, ha fiori molto profumati, bianco-crema, bordati di rosso, che formano un bel contrasto con il fitto fogliame verde scuro. La fioritura avviene da giugno ad agosto.


riproduzione: la divisione del cespo è il metodo più utilizzato, ma anche il più rischioso, e va effettuato preferibilmente all’inizio della bella stagione, praticamente in aprile-maggio. Molto più sicura è la riproduzione per talea che si effettua prelevando, in aprile-maggio, i germogli basali della lunghezza di circa 10 cm. Le talee vanno interrate in una composta leggera e vanno mantenute ad una temperatura di circa 20° C. Una volta che le talee avranno emesso radici potranno essere rinvasate.
esposizione:
fioritura: estate



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su