erbacee perenni Acetosa (Rumex)
Acetosa (Rumex)

Acetosa (Rumex), specie di piante appartenenti al genere Rumex e alla famiglia delle Poligonacee, erbacee, perenni, rustiche, spontanee, anche se coltivate, accomunate dal fatto di avere foglie dal sapore acidulo, più o meno marcato, dovuto alla presenza di acido ossalico. Il nome volgare di acetosa o acetosella che a volte si utilizza per qualcuna di queste piante, può ingenerare confusione con altre piante pure caratterizzate dallo stesso sapore acidulo delle foglie, appartenenti al genere Oxalis, e molto più diffuse in Italia rispetto ai Rumex. Trova utilizzo in cucina.
Queste piante richiedono terreno profondo, non umido, senza calcare; amano il clima fresco e sopportano bene posizioni a mezz’ombra, mentre non sono adatte ad esposizioni in pieno sole. Resistono bene al freddo e anche al gelo, sempre che non sia prolungato.

Il terreno va lavorato in autunno, in profondità, e ben sminuzzato; la semina per file distanti 25 cm e con 20 cm di distanza sulla fila, si effettua da marzo a giugno, specie nei climi freddi, ma lo si può anticipare in autunno nelle zone a clima mite.
L’acetosa è una pianta perenne: nel secondo anno fiorisce e va a seme, la qual cosa va evitata eliminando i germogli fiorali al loro apparire, se si vuole continuare la raccolta delle foglie. Se invece si vuole raccogliere il seme, conviene tuttavia farlo solo con le piante migliori e più vigorose, si deve sospendere la raccolta delle foglie e a fine stagione tagliare i fusti con le pannocchie quando sono ben secchi per conservarli, appesi, in luogo asciutto; la germinabilità dei semi dure oltre 5 anni.
L’acetosa è una pianta poco esigente, ma si avvantaggia in modo particolare delle concimazioni azotate. Richiede qualche sarchiatura per eliminare le erbe infestanti e una leggera rincalzatura. Non è molto esigente in fatto di acqua, per cui va annaffiata poco e con moderazione.

Rumex Acetosa: conosciuta come acetosa maggiore, è di gran lunga la specie più nota e più diffusa. La forma delle foglie, la loro acidità, la resistenza alla siccità e la precocità o la lentezza di andare a seme mutano a seconda delle varietà. Tra le più coltivate l’Acetosella di Belleville, adatta anche alla coltura forzata; l’Acetosa di Nosay con foglie ampie e coste rosse; l’Acetosa comune d’Italia, rustica e produttiva, con foglie molto acide.
Rumex acetosella: nota come Acetosa minore, è una specie perenne, invadente, che cresce spontanea nei terreni sabbiosi; i fusti sono gracili e le foglie carnose, appuntite, lanceolate.
Rumex patientia: coltivata soprattutto nei paesi dell’Europa centrale, ricorda lo spinacio e ha un sapore delicatamente acido. È poco esigente e più precoce della sorella Maggiore.
Rumex alpinus: generalmente conosciuto con il nome di rabarbaro alpino, è molto diffuso nelle zone umide alpine e appenniniche.
Rumex scutatus: è comune nei luoghi aridi, sassosi, essendo molto resistente alla siccità. Ha foglie piccole, triangolari e fusti esili, spesso prostrati.


riproduzione: si moltiplica per seme, specie negli appezzamenti di una certa estensione, in autunno se il clima è mite, altrimenti nella primavera, da marzo a giugno; si può anche seminare in semenzaio e successivamente trapiantare le piantine a dimora un mese dopo. Nei piccoli orti, dove è sufficiente qualche cespo di acetosa per il consumo familiare, la riproduzione si effettua per divisione dei cespi, prelevando rosette di foglie inserite sulla radice principale, ma munite di rizoma.
esposizione:
fioritura: estate




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Nierembergia

Nierembergia, genere di 35 specie di piante erbacee e suffruticose, perenni. Due delle specie discritte si coltivano solitamente come annuali e si utilizzano nelle aiuole, nelle bordure e in vaso. La specie nana è particolarmente ........

Corbezzolo (Arbutus)

Il Corbezzolo è'  un  arbusto o  alberello sempreverde e legnoso diffuso in tutta la fascia mediterranea, originario dell'Asia minore, Africa del nord, Europa occidentale, Canarie e America ........

Howea (Kentia)

Howea (Kentia), ghenere di 2 specie di palme da appartamento o da serra, appartenenti alla famiglia delle Palmae. L’altezza e le dimensioni delle foglie si riferiscono a esemplari coltivati in appartamento o in serra.
Si ........

Nelumbo (Fior di Loto)

Nelumbo (Fior di Loto), genere di 2 specie perenni, acquatiche, una delle quali, il Fior di Loto propriamente detto, è conosciuta sin dall’antichità. Ambedue hanno foglie peltate, a lamina tondeggiante, ondulata, leggermente ........

Clemàtide (Clematis)

Le Clematidi (Clematis) sono originarie di tutte le zone temperate dell'emisfero nord; molte le specie asiatiche, cinesi e giapponesi, e quelle nordamericane e comprendono dalle 300 alle 400 specie alle quali si ........

 

Ricetta del giorno
Orecchiette con ricotta
FAre bollire in una pentola di generose dimensioni 3 litri d’acqua e salarla con il sale grosso. Buttare la pasta, avendo cura di mescolare subito con ....
sono presenti 539 piante
sono presenti 233 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Lythrum
Il Lythrum , originaria dell'America, Europa e Oceania, comprende circa 30 specie ed è una pianta erbacea perenne o annuale, rustica che hanno dato origine a varietà che possono essere coltivate ovunque, ........

Eryngium (Eringio)

Eryngium (Eringio, genere di 230 specie di piante erbacee perenni, rustiche e delicate, appartenenti alla famiglia delle Umbelliferae. Le specie descritte sono adatte per le bordure e per formare gruppi di piante. Hanno ........

Eranthis

Eranthis, genere comprendente 7 specie di erbacee, perenni, rustiche, con rizomi tuberosi, appartenenti alla famiglia delle Ranuncolacee, originarie delle zone montagnose dell’Europa e dell’Asia. ........


Leonotis

Leonotis, genere di circa 40 specie di piante erbacee e suffruticose, originarie dell'Africa meridionale. La specie descritta è delicata e adatta per la coltivazione all'aperto solo nelle zone a clima mite, mentre nelle ........


erbacee perenni Acetosa (Rumex)
Acetosa (Rumex)

Acetosa (Rumex), specie di piante appartenenti al genere Rumex e alla famiglia delle Poligonacee, erbacee, perenni, rustiche, spontanee, anche se coltivate, accomunate dal fatto di avere foglie dal sapore acidulo, più o meno marcato, dovuto alla presenza di acido ossalico. Il nome volgare di acetosa o acetosella che a volte si utilizza per qualcuna di queste piante, può ingenerare confusione con altre piante pure caratterizzate dallo stesso sapore acidulo delle foglie, appartenenti al genere Oxalis, e molto più diffuse in Italia rispetto ai Rumex. Trova utilizzo in cucina.
Queste piante richiedono terreno profondo, non umido, senza calcare; amano il clima fresco e sopportano bene posizioni a mezz’ombra, mentre non sono adatte ad esposizioni in pieno sole. Resistono bene al freddo e anche al gelo, sempre che non sia prolungato.

Il terreno va lavorato in autunno, in profondità, e ben sminuzzato; la semina per file distanti 25 cm e con 20 cm di distanza sulla fila, si effettua da marzo a giugno, specie nei climi freddi, ma lo si può anticipare in autunno nelle zone a clima mite.
L’acetosa è una pianta perenne: nel secondo anno fiorisce e va a seme, la qual cosa va evitata eliminando i germogli fiorali al loro apparire, se si vuole continuare la raccolta delle foglie. Se invece si vuole raccogliere il seme, conviene tuttavia farlo solo con le piante migliori e più vigorose, si deve sospendere la raccolta delle foglie e a fine stagione tagliare i fusti con le pannocchie quando sono ben secchi per conservarli, appesi, in luogo asciutto; la germinabilità dei semi dure oltre 5 anni.
L’acetosa è una pianta poco esigente, ma si avvantaggia in modo particolare delle concimazioni azotate. Richiede qualche sarchiatura per eliminare le erbe infestanti e una leggera rincalzatura. Non è molto esigente in fatto di acqua, per cui va annaffiata poco e con moderazione.

Rumex Acetosa: conosciuta come acetosa maggiore, è di gran lunga la specie più nota e più diffusa. La forma delle foglie, la loro acidità, la resistenza alla siccità e la precocità o la lentezza di andare a seme mutano a seconda delle varietà. Tra le più coltivate l’Acetosella di Belleville, adatta anche alla coltura forzata; l’Acetosa di Nosay con foglie ampie e coste rosse; l’Acetosa comune d’Italia, rustica e produttiva, con foglie molto acide.
Rumex acetosella: nota come Acetosa minore, è una specie perenne, invadente, che cresce spontanea nei terreni sabbiosi; i fusti sono gracili e le foglie carnose, appuntite, lanceolate.
Rumex patientia: coltivata soprattutto nei paesi dell’Europa centrale, ricorda lo spinacio e ha un sapore delicatamente acido. È poco esigente e più precoce della sorella Maggiore.
Rumex alpinus: generalmente conosciuto con il nome di rabarbaro alpino, è molto diffuso nelle zone umide alpine e appenniniche.
Rumex scutatus: è comune nei luoghi aridi, sassosi, essendo molto resistente alla siccità. Ha foglie piccole, triangolari e fusti esili, spesso prostrati.


riproduzione: si moltiplica per seme, specie negli appezzamenti di una certa estensione, in autunno se il clima è mite, altrimenti nella primavera, da marzo a giugno; si può anche seminare in semenzaio e successivamente trapiantare le piantine a dimora un mese dopo. Nei piccoli orti, dove è sufficiente qualche cespo di acetosa per il consumo familiare, la riproduzione si effettua per divisione dei cespi, prelevando rosette di foglie inserite sulla radice principale, ma munite di rizoma.
esposizione:
fioritura: estate



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su