erbacee annuali Lathyrus (pisello ornamentale)
Lathyrus (pisello ornamentale)

Lathyrus (pisello ornamentale), genere di 130 specie di piante erbacee e suffruticose, rustiche, annuali e perenni, appartenenti alla famiglia delle Papilionaceae, molte delle quali sono rampicanti e si attaccano ai sostegni per mezzo di cirri fogliari. La specie annuale Lathyrus (pisello ornamentale) odorata è la più conosciuta e da essa derivano numerose varietà orticole, di facile coltivazione, che si moltiplicano per seme. Tutte le altre specie, sebbene facili da coltivare, non si reperiscono facilmente nei vivai. I piselli ornamentali non sopportano bene il trapianto, in quanto sono forniti di radici lunghe e profonde. I fiori dei Lathyrus (pisello ornamentale) hanno una caratteristica corolla papilionacea, con grandi petali. Sono perfetti per la produzione di fiori da taglio. Sono provvisti di foglie pennate, con un numero di foglioline che varia da specie a specie.
I Lathyrus (piselli ornamentali) annuali si coltivano in tutti i terreni da giardino ben drenati, abbastanza fertili, leggermente alcalini. Crescono bene in terreno fresco, ed è consigliabile arricchire il terreno con una gran quantità d materiale organico. Il terreno deve essere vangato 2 volte in autunno, interrando letame ben maturo. Si cimano gli apici delle piante giovani, una volta raggiunta l’altezza di 10 cm, per stimolare la formazione di germogli alterali lunghi e robusti. Si eliminano le infiorescenze appassite e si raccolgono i legumi per prolungare la fioritura durante l’estate. Per concimarli si somministra un concime liquido da diluire in acqua in base alle indicazioni presenti sulla confezione del prodotto ogni 2 settimane.
I Lathyrus (piselli ornamentali) perenni si piantano in ottobre o in marzo, in tutti i terreni da giardino ben drenati, al sole, e quasi tutti necessitano di sostegni. Se non si desidera raccogliere i semi, si eliminano le infiorescenze appassite e in ottobre-novembre si tagliano a livello del terreno i rami dell’anno.

Parassiti Animali: gli Afidi sono responsabili del deperimento delle piante e della trasmissione di virosi. Le Lumache si nutrono dei fusti e delle foglie provocando l’arresto della crescita della pianta colpita.

Parassiti Vegetali: il Marciume delle Piantine dei Semenzai determina la morte delle piantine dopo la germinazione. Il Marciume del Colletto è provocato da diversi funghi, con le radici che si ricoprono di macchie nerastre e marciscono, i fusti si decolorano alla base e seccano, le foglie ingialliscono e seccano a loro volta. La Fusariosi provoca l’ingiallimento delle foglie e le piante successivamente seccano; i fusti si ricoprono alla base di macchie bruno-nerastre, la parte interna delle radici assumono una colorazione rossiccia. La Muffa Grigia ricopre i fiori con un feltro grigiastro e li fa marcire, fenomeno che si verifica in particolar modo in condizioni climatiche di persistente umidità. Lo Oidio si manifesta con la presenza di una polvere biancastra su foglie e fusti. Le Virosi provocano sintomi diversi, come l’imbianchimento delle nervature e la decolorazione delle foglie, striature sulle foglie e sui fusti, deformazione e decolorazione dei fiori.

SPECIE ANNUALI
Lathyrus (pisello ornamentale) odoratus: pianta originaria dell’Italia, alta fino a 1.5 m, distanza tra le piante 25 cm. Si tratta di una pianta rampicante, con foglie formate da un solo paio di foglioline ovali-oblunghe, lisce, munite di un cirro ramificato. I fiori, bianchi, rosa o porpora, larghi 2.5 cm, sbocciano da aprile a maggio. La specie tipica è profumata mentre le varietà spesso non lo sono. Queste sono divise in tre gruppi in base all’altezza e al periodo di fioritura.

  1. Cuthbertson Floribunda: alta 2.5 m, fiorisce dalla fine di maggio in poi. Le varietà di questo gruppo sono adatte anche alla coltivazione in serra. Ogni infiorescenza porta 5-7 fiori di un unico colore o variegati.
  2. Multiflora Gigantea: alta 2 m, fiorisce da aprile in poi. I fusti, lunghi e robusti, portano gruppi di 6-10 fiori.
  3. Spencer: alta 2-3 m, fiorisce da maggio in poi. Numerosissime le varietà di questo gruppo assai noto, di cui si ricordano, a mo’ di esempio, Air Warden con fiori rosso-scarlatti; Noel Sutton dai fiori blu-porpora; Sonata dai fiori rosa-salmone; Stylish dai fiori azzurri; Tell Tale dai fiori bianchi con margini rosa.

Esistono anche varietà nane di cui si ricordano i tre gruppi principali:

  1. Bijou: alta 40 cm, fiorisce da maggio ad agosto. Si tratta di un gruppo introdotto di recente e comprende varietà cespugliose dai fiori grandi, larghi fino a 5 cm. Si tratta di piante molto resistenti alle condizioni atmosferiche più avverse e non necessitano di sostegni. Ne esistono varietà dai fiori monocolori e altre con fiori variegati.
  2. Knee-hi: alta 0.6-1.2 m, fiorisce da maggio ad agosto. Seminando questa varietà in autunno si ottengono siepi fiorite alte e larghe 1 m, che necessitano di sostegni.
  3. Colour Carpet: alta 20-25 cm, fiorisce da giugno a settembre. Si tratta di una varietà in miscuglio, a portamento espanso, adatta al giardino roccioso, per i davanzali delle finestre e per le bordure. Ogni fusto porta di norma 3 fiori, larghi 2.5 cm.

Lathyrus (pisello ornamentale) tingitanus: pianta originaria delle regioni Mediterranee e Sardegna, alta 2 m, distanza tra le piante 30 cm. Si tratta di una specie adatta per la serra fredda, da coltivare all’aperto solo nelle zone mediterranee, con foglie formate da 2 foglioline lanceolate, con un cirro terminale ramificato. I fiori, a 2 colori, porpora carico e rosso vivo, larghi 2,5-4 cm. Sbocciano in giugno-luglio.

SPECIE PERENNI
Lathyrus (pisello ornamentale) cirrhosus: pianta originaria dei Pirenei, alta 1.5-2 m. Si tratta di una pianta vigorosa, con foglie strette, verde scuro, portanti ognuna 2-3 paia di foglioline. I fiori, rosa-porpora, larghi 1.5-2 cm, sbocciano abbondanti da maggio ad agosto.
Lathyrus (pisello ornamentale) grandiflorus: pianta originaria dell’Europa meridionale e Italia, alta 1.5-2 m, distanza tra le piante 40-50 cm. Si tratta di una pianta con foglie formate da un paio d i foglioline ovate e con fiori rosa-rossi, larghi 4 cm, che sbocciano da maggio a luglio.
Lathyrus (pisello ornamentale) latifolius: pianta originaria dell’Europa e Italia, alta 2-3 m, distanza tra le piante 40-50 cm. Si tratta di una pianta assai vigorosa, con foglie verde scuro formate da 2 foglioline ellittiche e con fiori rosa-porpora, ma anche rossi e viola, larghi 2.5 cm che sbocciano da maggio a luglio.
Lathyrus (pisello ornamentale) rotundifolius: pianta originaria dell’Europa orientale e Asia minore, alta 2 m, distanza tra le piante 40-50 cm. Si tratta di una pianta vigorosa, che si distingue facilmente dalle altre specie, in quanto ha foglioline tondeggianti riunite in coppie, verde scuro, e dai fiori rosa, larghi 2.5 cm che sbocciano da giugno ad agosto.
Lathyrus (pisello ornamentale) vernus: pianta originaria dell’Europa e Italia, alta 25-30 cm e di pari diametro. Si tratta di una specie non rampicante, con radici profonde, che in primavera produce numerosissimi germogli. Le foglie sono formate da 2-3 paia di foglioline ovate e i fiori, porpora-violetti, larghi 1.5 cm, sbocciano in aprile maggio. Le foglie cadono dopo la fioritura.


riproduzione: le specie annuali si seminano in settembre o in febbraio-marzo in cassette riempiti con una composta da semi, alla temperatura di 15° C. Quando le piantine saranno abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si invasano singolarmente in contenitori da 5 cm, riempiti con una composta da vasi, e si ripicchettano quando sono alte 10 cm, e si lasciano irrobustire in cassone freddo prima della loro messa d dimora. I semi di molte varietà sono ricoperti da una pellicola spessa per cui devono essere incisi e immersi in acqua tiepida per 12 ore, in modo da favorire la germinazione.
Anche per le specie perenni i semi vanno trattati allo stesso modo, ovvero vanno incisi. Si seminano in marzo, in vasi, in cassone o in serra fredda. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano singolarmente in contenitori da 10 cm, riempiti con una composta da vasi, e si mettono definitivamente a dimora in ottobre. Si possono anche moltiplicare per divisione dei cespi, in marzo, ma questo vale solo per Lathyrus (pisello ornamentale) latifolious e Lathyrus (pisello ornamentale) vernus.
esposizione:
fioritura: da maggio ad agosto a seconda della specie




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Acorus

Acorus, genere di 2 specie di piante erbacee, perenni, rizomatose, rustiche. Si coltivano nei terreni umidi, sulle rive dei riuscelli e degli stagni e nelle vasche poco profonde.
Crescono bene nei terreni molto umidi. ........

Echium

Echium, genere di 40 specie di piante annuali e biennali, rustiche e delicate che vanno seminate ad inizio primavera. Le specie biennali fioriscono nello stesso anno. Le speciedescritte possono essere coltivate all’aperto ........

Ficus

Ficus, genere di 800 specie di alberi e arbusti sempreverdi e a foglie decidue, delicati e rustici, e di piante rampicanti e striscianti, appartenenti alla famiglia delle Moraceae. Le specie sempreverdi descritte vengono ........


Dimorfotèca (Dimorphoteca)
La Dimorfotèca (Dimorphoteca) originaria dell'Africa del sud, comprende circa 20 specie ed è una pianta erbacea, eretta o prostrata, perenne o annuale. Le foglie sono alternate oppure riunite alla base ........

 

Ricetta del giorno
Frullato di mirtilli
Mettere in un frullatore i mirtilli, il latte di riso(va bene anche quello di mandorle), la mezza banana e frullare per qualche minuto, fin quando si ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Dentaria

Dentaria, genere di 20 specie di piante erbacee, perenni, rizomatose, diffuse allo stato spontaneo nelle regioni temperate dell'Europa, dell'Asia e dell'America settentrionale. La specie descritta è facile da coltivare ed ........

Romneya

Romneya, genere di 2 specie di pianta suffruticose, perenni, molto ornamentali, con fiori simili a quelli dei papaveri, non sempre facili da coltivare, rustiche solo nelle zone a clima mite. Non sono adatte per le bordure ........

Anthyllis
Anthyllis: genere di 80 specie di piante erbacee e suffruticose, perenni, originarie dei Paesi del bcino del Mediterraneo, adatte in particolare per il giardino roccioso e molto facili da coltivare. Fioriscono all'inizio ........

Passiflora (fiore della passione)

Passiflora (Fiore della passione), genere di 500 specie di piante rampicanti fiorifere, appartenenti alla famiglia delle Passifloraceae, sempreverdi, vigorose, delicate, adatte per le zone a clima mite. La parte apicale ........

Duranta
La Duranta è un arbusto originario dell'America Centrale e Meridionale, delicata e comprende circa 36 specie. Ls specie descritta è adatta ad essere coltivata all'aperto nelle zone a clima mite dell'Italia ........


erbacee annuali Lathyrus (pisello ornamentale)
Lathyrus (pisello ornamentale)

Lathyrus (pisello ornamentale), genere di 130 specie di piante erbacee e suffruticose, rustiche, annuali e perenni, appartenenti alla famiglia delle Papilionaceae, molte delle quali sono rampicanti e si attaccano ai sostegni per mezzo di cirri fogliari. La specie annuale Lathyrus (pisello ornamentale) odorata è la più conosciuta e da essa derivano numerose varietà orticole, di facile coltivazione, che si moltiplicano per seme. Tutte le altre specie, sebbene facili da coltivare, non si reperiscono facilmente nei vivai. I piselli ornamentali non sopportano bene il trapianto, in quanto sono forniti di radici lunghe e profonde. I fiori dei Lathyrus (pisello ornamentale) hanno una caratteristica corolla papilionacea, con grandi petali. Sono perfetti per la produzione di fiori da taglio. Sono provvisti di foglie pennate, con un numero di foglioline che varia da specie a specie.
I Lathyrus (piselli ornamentali) annuali si coltivano in tutti i terreni da giardino ben drenati, abbastanza fertili, leggermente alcalini. Crescono bene in terreno fresco, ed è consigliabile arricchire il terreno con una gran quantità d materiale organico. Il terreno deve essere vangato 2 volte in autunno, interrando letame ben maturo. Si cimano gli apici delle piante giovani, una volta raggiunta l’altezza di 10 cm, per stimolare la formazione di germogli alterali lunghi e robusti. Si eliminano le infiorescenze appassite e si raccolgono i legumi per prolungare la fioritura durante l’estate. Per concimarli si somministra un concime liquido da diluire in acqua in base alle indicazioni presenti sulla confezione del prodotto ogni 2 settimane.
I Lathyrus (piselli ornamentali) perenni si piantano in ottobre o in marzo, in tutti i terreni da giardino ben drenati, al sole, e quasi tutti necessitano di sostegni. Se non si desidera raccogliere i semi, si eliminano le infiorescenze appassite e in ottobre-novembre si tagliano a livello del terreno i rami dell’anno.

Parassiti Animali: gli Afidi sono responsabili del deperimento delle piante e della trasmissione di virosi. Le Lumache si nutrono dei fusti e delle foglie provocando l’arresto della crescita della pianta colpita.

Parassiti Vegetali: il Marciume delle Piantine dei Semenzai determina la morte delle piantine dopo la germinazione. Il Marciume del Colletto è provocato da diversi funghi, con le radici che si ricoprono di macchie nerastre e marciscono, i fusti si decolorano alla base e seccano, le foglie ingialliscono e seccano a loro volta. La Fusariosi provoca l’ingiallimento delle foglie e le piante successivamente seccano; i fusti si ricoprono alla base di macchie bruno-nerastre, la parte interna delle radici assumono una colorazione rossiccia. La Muffa Grigia ricopre i fiori con un feltro grigiastro e li fa marcire, fenomeno che si verifica in particolar modo in condizioni climatiche di persistente umidità. Lo Oidio si manifesta con la presenza di una polvere biancastra su foglie e fusti. Le Virosi provocano sintomi diversi, come l’imbianchimento delle nervature e la decolorazione delle foglie, striature sulle foglie e sui fusti, deformazione e decolorazione dei fiori.

SPECIE ANNUALI
Lathyrus (pisello ornamentale) odoratus: pianta originaria dell’Italia, alta fino a 1.5 m, distanza tra le piante 25 cm. Si tratta di una pianta rampicante, con foglie formate da un solo paio di foglioline ovali-oblunghe, lisce, munite di un cirro ramificato. I fiori, bianchi, rosa o porpora, larghi 2.5 cm, sbocciano da aprile a maggio. La specie tipica è profumata mentre le varietà spesso non lo sono. Queste sono divise in tre gruppi in base all’altezza e al periodo di fioritura.

  1. Cuthbertson Floribunda: alta 2.5 m, fiorisce dalla fine di maggio in poi. Le varietà di questo gruppo sono adatte anche alla coltivazione in serra. Ogni infiorescenza porta 5-7 fiori di un unico colore o variegati.
  2. Multiflora Gigantea: alta 2 m, fiorisce da aprile in poi. I fusti, lunghi e robusti, portano gruppi di 6-10 fiori.
  3. Spencer: alta 2-3 m, fiorisce da maggio in poi. Numerosissime le varietà di questo gruppo assai noto, di cui si ricordano, a mo’ di esempio, Air Warden con fiori rosso-scarlatti; Noel Sutton dai fiori blu-porpora; Sonata dai fiori rosa-salmone; Stylish dai fiori azzurri; Tell Tale dai fiori bianchi con margini rosa.

Esistono anche varietà nane di cui si ricordano i tre gruppi principali:

  1. Bijou: alta 40 cm, fiorisce da maggio ad agosto. Si tratta di un gruppo introdotto di recente e comprende varietà cespugliose dai fiori grandi, larghi fino a 5 cm. Si tratta di piante molto resistenti alle condizioni atmosferiche più avverse e non necessitano di sostegni. Ne esistono varietà dai fiori monocolori e altre con fiori variegati.
  2. Knee-hi: alta 0.6-1.2 m, fiorisce da maggio ad agosto. Seminando questa varietà in autunno si ottengono siepi fiorite alte e larghe 1 m, che necessitano di sostegni.
  3. Colour Carpet: alta 20-25 cm, fiorisce da giugno a settembre. Si tratta di una varietà in miscuglio, a portamento espanso, adatta al giardino roccioso, per i davanzali delle finestre e per le bordure. Ogni fusto porta di norma 3 fiori, larghi 2.5 cm.

Lathyrus (pisello ornamentale) tingitanus: pianta originaria delle regioni Mediterranee e Sardegna, alta 2 m, distanza tra le piante 30 cm. Si tratta di una specie adatta per la serra fredda, da coltivare all’aperto solo nelle zone mediterranee, con foglie formate da 2 foglioline lanceolate, con un cirro terminale ramificato. I fiori, a 2 colori, porpora carico e rosso vivo, larghi 2,5-4 cm. Sbocciano in giugno-luglio.

SPECIE PERENNI
Lathyrus (pisello ornamentale) cirrhosus: pianta originaria dei Pirenei, alta 1.5-2 m. Si tratta di una pianta vigorosa, con foglie strette, verde scuro, portanti ognuna 2-3 paia di foglioline. I fiori, rosa-porpora, larghi 1.5-2 cm, sbocciano abbondanti da maggio ad agosto.
Lathyrus (pisello ornamentale) grandiflorus: pianta originaria dell’Europa meridionale e Italia, alta 1.5-2 m, distanza tra le piante 40-50 cm. Si tratta di una pianta con foglie formate da un paio d i foglioline ovate e con fiori rosa-rossi, larghi 4 cm, che sbocciano da maggio a luglio.
Lathyrus (pisello ornamentale) latifolius: pianta originaria dell’Europa e Italia, alta 2-3 m, distanza tra le piante 40-50 cm. Si tratta di una pianta assai vigorosa, con foglie verde scuro formate da 2 foglioline ellittiche e con fiori rosa-porpora, ma anche rossi e viola, larghi 2.5 cm che sbocciano da maggio a luglio.
Lathyrus (pisello ornamentale) rotundifolius: pianta originaria dell’Europa orientale e Asia minore, alta 2 m, distanza tra le piante 40-50 cm. Si tratta di una pianta vigorosa, che si distingue facilmente dalle altre specie, in quanto ha foglioline tondeggianti riunite in coppie, verde scuro, e dai fiori rosa, larghi 2.5 cm che sbocciano da giugno ad agosto.
Lathyrus (pisello ornamentale) vernus: pianta originaria dell’Europa e Italia, alta 25-30 cm e di pari diametro. Si tratta di una specie non rampicante, con radici profonde, che in primavera produce numerosissimi germogli. Le foglie sono formate da 2-3 paia di foglioline ovate e i fiori, porpora-violetti, larghi 1.5 cm, sbocciano in aprile maggio. Le foglie cadono dopo la fioritura.


riproduzione: le specie annuali si seminano in settembre o in febbraio-marzo in cassette riempiti con una composta da semi, alla temperatura di 15° C. Quando le piantine saranno abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si invasano singolarmente in contenitori da 5 cm, riempiti con una composta da vasi, e si ripicchettano quando sono alte 10 cm, e si lasciano irrobustire in cassone freddo prima della loro messa d dimora. I semi di molte varietà sono ricoperti da una pellicola spessa per cui devono essere incisi e immersi in acqua tiepida per 12 ore, in modo da favorire la germinazione.
Anche per le specie perenni i semi vanno trattati allo stesso modo, ovvero vanno incisi. Si seminano in marzo, in vasi, in cassone o in serra fredda. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano singolarmente in contenitori da 10 cm, riempiti con una composta da vasi, e si mettono definitivamente a dimora in ottobre. Si possono anche moltiplicare per divisione dei cespi, in marzo, ma questo vale solo per Lathyrus (pisello ornamentale) latifolious e Lathyrus (pisello ornamentale) vernus.

esposizione:
fioritura: da maggio ad agosto a seconda della specie



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su