erbacee perenni Eryngium (Eringio)
Eryngium (Eringio)

Eryngium (Eringio, genere di 230 specie di piante erbacee perenni, rustiche e delicate, appartenenti alla famiglia delle Umbelliferae. Le specie descritte sono adatte per le bordure e per formare gruppi di piante. Hanno foglie e  capolini circondati da un collare di brattee appariscenti, profondamente divise, spesso con denti spinosi, e alcune specie hanno anche una lucentezza metallica e vengono utilizzate per le composizioni di fiori secchi.
Si piantano in ottobre o in aprile in posizioni soleggiate, in qualsiasi terreno da giardino ben drenato. Le specie più alte, se coltivate in posizioni esposte, vanno munite di sostegni. Dopo la fioritura si tagliano i fusti quasi a livello del terreno. I capolini che s’intendono utilizzare per le decorazioni invernali vanno tagliati prima che appassiscano. Le specie delicate sono adatte per le regioni a clima invernale mite;  nell’Italia settentrionale è necessario proteggere la radici con uno strato di paglia, foglie o torba.

Eryngium (Eringio) agavifolium:
pianta originaria dell’Argentina, alta 1,2-2 m, distanza tra le piante 60 cm. Si tratta di una pianta delicata, con fusto ramificato all’estremità e foglie basali, carnose, riunite in rosette grossolanamente spinose. I capolini, cilindrici, con numerose brattee, bianco-verdastre, spinose, sbocciano in luglio-agosto.
Eryngium (Eringio) alpinum:  pianta originaria dell’Europa e Italia, alta 30-60 cm, distanza tra le piante 40 cm. Si tratta di una pianta rustica, con foglie basali cordate, spinose e foglie caulinari profondamente divise, verde-azzurro scuro. IU capolini, azzurro-acciaio, lunghi 2 cm, circondati da brattee dello stesso colore, sbocciano da luglio a settembre.
Eryngium (Eringio) amethystyinum: pianta originaria dell’Europa e Italia, alta 30-80 cm, distanza tra le piante 40 cm. Si tratta di una pianta rustica, spinosa, color verde-azzurro, con foglie basali oblunghe, profondamente divise e foglie caulinari molto ridotte. I capolino ovoidali, sbocciano da luglio a settembre.
Eryngium (Eringio) bourgatii: pianta originaria della Francia e Spagna, alta 50 cm, distanza tra le piante 30 cm. Sii tratta di una pianta rustica, con foglie glauche, tripartite, profondamente incise, macchiate di grigio. I capolini azzurro-argentei, lunghi 3 cm, circondati da lunghe brattee argentate, sbocciano in luglio-agosto.
Eryngium (Eringio) bromeliifolium: pianta originaria del Messico, alta 1-1,2 m, distanza tra le piante 60 cm. Si tratta di una specie con una rosetta di foglie sottili, dentate e capolini verdi, lunghi 2,5 cm, che sbocciano in luglio.
Eryngium (Eringio) eburneum: pianta originaria del Brasile meridionale, Uruguay e Argentina, alta 2 m, distanza tra le piante 1 m. Si tratta di una pianta rizomatose, delicata, con fusto bianco-avorio e foglie basali molto spinose. I capolini, circondati da brattee triangolari o lanceolate, sbocciano in luglio-agosto.
Eryngium (Eringio) giganteum: pianta originaria del Caucaso e Iran, alta 1-1,5 m, distanza tra le piante 60 cm. Si tratta di una pianta con figlie cordate-crenate e fusti azzurri, soffusi di avorio. I capolini, azzurro-argentei, larghi 3,5 cm, sbocciano in agosto-settembre. Questa pianta va coltivata come biennale in quando muore dopo la fioritura.
Eryngium (Eringio) maritimum: pianta originaria dell’Europa e Italia, alta 30-45 cm, distanza tra le piante 30-45 cm. Si tratta di una pianta molto ramificata con foglie basali arrotondate e foglie caulinari palmate, profondamente divise, verde-argento. I capolini, conici, lunghi 2 cm, azzurro metallico, sbocciano in continuazione da luglio a settembre.
Eryngium (Eringio) x oliverianum: pianta di origine orticola, alta 1-1,2 m, distanza tra le piante 60 cm. Si tratta di un ibrido con foglie profondamente divise, verde-azzurro, e capolini azzurro scuro, lunghi 2,5 cm che sbocciano da luglio a settembre.
Eryngium (Eringio) pandanifolium: pianta originaria del Brasile meridionale e Argentina, alta 2 m, distanza tra le piante 1 m. Si tratta di una pianta rizomatosa, delicata, con fusto bianco-avorio e foglie basali molto spinose. I capolini, circondati da brattee triangolari o lanceolate, sbocciano in luglio-agosto.
Eryngium (Eringio) planum: pianta originaria dell’Europa orientale e asia, alta 60 cm, distanza tra le piante 45 cm. Si tratta di una pianta dalle foglie cordate, verde scuro e dai capolini azzurro scuro, larghi 2 cm, che sbocciano in luglio-agosto.
Eryngium (Eringio) tripartitum: pianta di origine sconosciuta, alta 70-80 cm, distanza tra le piante 45 cm. Si tratta di una pianta con foglie verde scuro, cuneate, grossolanamente dentate, meno spinose rispetto a quelle delle altre specie. I capolini, grigio-azzurri, lunghi 2 cm, sbocciano da luglio a settembre.


riproduzione: in febbraio si prelevano talee radicali e si mettono a radicare in cassette riempite con un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali, in cassone freddo. Quando le foglie giovani sono ben sviluppate, si trapiantano in vivaio e si metteranno a dimora in ottobre o marzo-aprile successivi.
Si può anche seminare, in marzo-aprile, in vassoi riempiti con una composta da semi, in cassone freddo. Quando le piatine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano singolarmente in vasi da 8 cm, riempiti con una composta da vasi e si metteranno poi a dimora da ottobre in poi.
esposizione:
fioritura: da luglio a settembre a seconda della specie




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Paliurus

Paliurus, genere di 2 specie di piante arbustive decidue, appartenenti alla famiglia delle Rhamnaceae, diffuse nelle regioni temperato-calde dell’Europa, dell’Asia e dell’Africa. La specie descritta, per il fatto di essere ........

Mesembryanthemum (Mesembriantemo)
Il Mesembryanthemum (Mesembriantemo) è una pianta del genere succulente che, in passato, contava circa 1000 specie, mentre attualmente il genere è stato smembrato in tanti altri generi diversi.

Ceanothus

Ceanothus, genere di 55 specie di arbusti o piccoli alberi sempreverdi o a foglie decidue, appartenenti alla famiglia delle Rhamnaceae, originari dell’America settentrionale, in particolare della California e delle zone ........

Thalia

Thalia, genere di 11 specie di piante originarie delle regioni temperato-calde e subtropicali dell’America settentrionale e dell’Africa, appartenenti alla famiglia delle Marantaceae. Si tratta di piante erbacee, rizomatose,  ........

Convallaria (Mughetto)
Convallaria (Mughetto), genere comprendente una sola specie erbacea, perenne, rustica. Questa pianta, molto nota, si sviluppa da un rizoma allungato, orizzontale, ramificato e, in condizioni adatte, si espande rapidamente. ........

 

Ricetta del giorno
Rotolone alla crema
Versare in un pentolino basso, latte, burro e zucchero, sciogliere a fuoco lento e una volta che il composto sarà omogeneo, togliere dal fuoco e lasciare ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Ancùsa (Anchusa)
L' Ancùsa (Anchusa) , originaria dell'Europa, Africa e Asia occidentale, comprende circa 60 specie delle quali 8 spontanee in Italia ed è una pianta erbacea perenne o annuale, rustica, alta dai 30 cm ........

Chelone

Chelone, genere di 4 specie di piante erbacee, rustiche, perenni. I fiori, portati da fusti eretti, sono simili a quelli della Bocca di Leone. Le specie descritte sono adatte per le bordure erbacee e per le bordure miste.
Si ........

Juniperus (Ginepro)

Juniperus (Ginepro), genere di 60 specie di alberi e arbusti sempreverdi appartenenti alla famiglia delle Cupressaceae, molto diffusi nell’emisfero settentrionale. Alcune specie hanno portamento colonnare o irregolare, altre ........

Halimium

Halimium, genere di 14 specie di arbusti sempreverdi, semirustici e rustici, diffusi nelle regioni meridionali, affini alle specie Cistus. Si coltivano nei grandi giardini rocciosi, particolarmente in quelli posti  ........

Lamarckia

Lamarckia, genere comprendente una sola specie erbacea, annuale, diffusa allo stato spontaneo nei paesi del bacino del Mediterraneo. Può essere utlizzata nelle bordure annuali e miste. Le infiorescenze possono essere seccate ........


erbacee perenni Eryngium (Eringio)
Eryngium (Eringio)

Eryngium (Eringio, genere di 230 specie di piante erbacee perenni, rustiche e delicate, appartenenti alla famiglia delle Umbelliferae. Le specie descritte sono adatte per le bordure e per formare gruppi di piante. Hanno foglie e  capolini circondati da un collare di brattee appariscenti, profondamente divise, spesso con denti spinosi, e alcune specie hanno anche una lucentezza metallica e vengono utilizzate per le composizioni di fiori secchi.
Si piantano in ottobre o in aprile in posizioni soleggiate, in qualsiasi terreno da giardino ben drenato. Le specie più alte, se coltivate in posizioni esposte, vanno munite di sostegni. Dopo la fioritura si tagliano i fusti quasi a livello del terreno. I capolini che s’intendono utilizzare per le decorazioni invernali vanno tagliati prima che appassiscano. Le specie delicate sono adatte per le regioni a clima invernale mite;  nell’Italia settentrionale è necessario proteggere la radici con uno strato di paglia, foglie o torba.

Eryngium (Eringio) agavifolium:
pianta originaria dell’Argentina, alta 1,2-2 m, distanza tra le piante 60 cm. Si tratta di una pianta delicata, con fusto ramificato all’estremità e foglie basali, carnose, riunite in rosette grossolanamente spinose. I capolini, cilindrici, con numerose brattee, bianco-verdastre, spinose, sbocciano in luglio-agosto.
Eryngium (Eringio) alpinum:  pianta originaria dell’Europa e Italia, alta 30-60 cm, distanza tra le piante 40 cm. Si tratta di una pianta rustica, con foglie basali cordate, spinose e foglie caulinari profondamente divise, verde-azzurro scuro. IU capolini, azzurro-acciaio, lunghi 2 cm, circondati da brattee dello stesso colore, sbocciano da luglio a settembre.
Eryngium (Eringio) amethystyinum: pianta originaria dell’Europa e Italia, alta 30-80 cm, distanza tra le piante 40 cm. Si tratta di una pianta rustica, spinosa, color verde-azzurro, con foglie basali oblunghe, profondamente divise e foglie caulinari molto ridotte. I capolino ovoidali, sbocciano da luglio a settembre.
Eryngium (Eringio) bourgatii: pianta originaria della Francia e Spagna, alta 50 cm, distanza tra le piante 30 cm. Sii tratta di una pianta rustica, con foglie glauche, tripartite, profondamente incise, macchiate di grigio. I capolini azzurro-argentei, lunghi 3 cm, circondati da lunghe brattee argentate, sbocciano in luglio-agosto.
Eryngium (Eringio) bromeliifolium: pianta originaria del Messico, alta 1-1,2 m, distanza tra le piante 60 cm. Si tratta di una specie con una rosetta di foglie sottili, dentate e capolini verdi, lunghi 2,5 cm, che sbocciano in luglio.
Eryngium (Eringio) eburneum: pianta originaria del Brasile meridionale, Uruguay e Argentina, alta 2 m, distanza tra le piante 1 m. Si tratta di una pianta rizomatose, delicata, con fusto bianco-avorio e foglie basali molto spinose. I capolini, circondati da brattee triangolari o lanceolate, sbocciano in luglio-agosto.
Eryngium (Eringio) giganteum: pianta originaria del Caucaso e Iran, alta 1-1,5 m, distanza tra le piante 60 cm. Si tratta di una pianta con figlie cordate-crenate e fusti azzurri, soffusi di avorio. I capolini, azzurro-argentei, larghi 3,5 cm, sbocciano in agosto-settembre. Questa pianta va coltivata come biennale in quando muore dopo la fioritura.
Eryngium (Eringio) maritimum: pianta originaria dell’Europa e Italia, alta 30-45 cm, distanza tra le piante 30-45 cm. Si tratta di una pianta molto ramificata con foglie basali arrotondate e foglie caulinari palmate, profondamente divise, verde-argento. I capolini, conici, lunghi 2 cm, azzurro metallico, sbocciano in continuazione da luglio a settembre.
Eryngium (Eringio) x oliverianum: pianta di origine orticola, alta 1-1,2 m, distanza tra le piante 60 cm. Si tratta di un ibrido con foglie profondamente divise, verde-azzurro, e capolini azzurro scuro, lunghi 2,5 cm che sbocciano da luglio a settembre.
Eryngium (Eringio) pandanifolium: pianta originaria del Brasile meridionale e Argentina, alta 2 m, distanza tra le piante 1 m. Si tratta di una pianta rizomatosa, delicata, con fusto bianco-avorio e foglie basali molto spinose. I capolini, circondati da brattee triangolari o lanceolate, sbocciano in luglio-agosto.
Eryngium (Eringio) planum: pianta originaria dell’Europa orientale e asia, alta 60 cm, distanza tra le piante 45 cm. Si tratta di una pianta dalle foglie cordate, verde scuro e dai capolini azzurro scuro, larghi 2 cm, che sbocciano in luglio-agosto.
Eryngium (Eringio) tripartitum: pianta di origine sconosciuta, alta 70-80 cm, distanza tra le piante 45 cm. Si tratta di una pianta con foglie verde scuro, cuneate, grossolanamente dentate, meno spinose rispetto a quelle delle altre specie. I capolini, grigio-azzurri, lunghi 2 cm, sbocciano da luglio a settembre.


riproduzione: in febbraio si prelevano talee radicali e si mettono a radicare in cassette riempite con un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali, in cassone freddo. Quando le foglie giovani sono ben sviluppate, si trapiantano in vivaio e si metteranno a dimora in ottobre o marzo-aprile successivi.
Si può anche seminare, in marzo-aprile, in vassoi riempiti con una composta da semi, in cassone freddo. Quando le piatine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano singolarmente in vasi da 8 cm, riempiti con una composta da vasi e si metteranno poi a dimora da ottobre in poi.

esposizione:
fioritura: da luglio a settembre a seconda della specie



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su