arbusti a foglia caduca Paliurus
Paliurus

Paliurus, genere di 2 specie di piante arbustive decidue, appartenenti alla famiglia delle Rhamnaceae, diffuse nelle regioni temperato-calde dell’Europa, dell’Asia e dell’Africa. La specie descritta, per il fatto di essere dotata di spine lunghe e robuste, è adatta alla formazione di siepi di recinzione, protettive e impenetrabili.
Si pianta in autunno o in primavera in tutti i terreni da giardino, anche in quelli calcarei, in zone a clima abbastanza mite, in posizioni soleggiate o parzialmente ombreggiate.

Paliurus spina-christi (spino-crocefissi):
  pianta originaria dell’Europa meridionale, Italia e Asia occidentale, alta 2-5 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto o piccolo albero dai rami contorti, con foglie piccole, ovali, lucide, a margine intero o seghettato, che presentano 2 stipole trasformate in spine lunghe e robuste, una diritta e l’altra più corta, ricurva all’estremità. I fiori, piccoli, riuniti in infiorescenze cimose ombrelliformi, ascellari, compaiono in giugno. I frutti sono samare con ala tondeggiante. Questa specie è un elemento caratteristico della macchia mediterranea. Sia il nome comune he quello scientifico ricordano che questa pianta è dotata di lunghe caratteristiche spine, simili a quelle della corona posta sul capo di Cristo sul Golgota.


riproduzione: si può moltiplicare in vari modi; il più semplice consiste nell’utilizzazione dei polloni radicali che vanno staccati dalla pianta madre e posti direttamente a dimora.
Si può anche seminare, utilizzando semi appena raccolti che vanno posti in piena terra, in vivaio. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si diradano e si fanno irrobustire per un altro paio di anni prima di metterle definitivamente a dimora.
esposizione:
fioritura: giugno




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Gilia

Gilia, genere di 120 specie di piante erbacee annuali, biennali e perenni, coltivate per i fiori appariscenti e per il fogliame ornamentale. Le specie descritte, annuali e rustiche, sono facili da coltivare; quelle nane ........

Helipterum

Helipterum, genere di 90 specie di piante erbacee e suffruticose, annuali e perenni, e di arbusti. Le piante descritte sono annuali, hanno capolini molto durevoli, simili a quelli delle margherite, e sono adatte  per ........

Arenaria

Arenaria, genere di 25 specie di piante sempreverdi, annuali, suffruticose, rustiche e semirustiche, appartenenti alla famiglia delle Caryophyllaceae. Le specie descritte sono nane e formano dei cuscini compatti di vegetazione. ........

Epimedium

Epimedium, genere di 21 specie di piante perenni, rustiche, sempreverdi o semisempreverdi che formano dei bei tappeti ornamentali se coltivate in posizioni parzialmente ombreggiate. In primavera le foglie giovani, verdi,  ........

Clethra
La Clethra, originaria delle regioni orientali degli Stati Uniti, Cina, Giappone e isola di Madera, comprende 120 specie ed è un arbusto o piccolo albero, a foglie decidue o sempreverde; la maggior parte ........

 

Ricetta del giorno
Orecchiette con cime di rapa e tofu
Lavate le cime di rapa, tagliatele a pezzettini e lessatele in acqua salata bollente. Nel frattempo in una padella fate soffriggere un cucchiaio di olio ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Altèa (Althaea)
L' Altèa (Althaea) , originaria dell'Europa, comprende circa 15 specie di cui 5 spontanee in Italia ed è una pianta erbacea perenne, annuale o biennale di alta statuta e assai decorativa.
Le foglie ........

Kalmia
Kalmia, genere di 8 specie di arbusti sempreverdi, rustici, a fioritura estiva. Si coltivano in terreno non calcareo, in posizioni semiombreggiate, per esempio nelle zone più luminose del sottobosco, insieme ........

Corbezzolo (Arbutus)

Il Corbezzolo è'  un  arbusto o  alberello sempreverde e legnoso diffuso in tutta la fascia mediterranea, originario dell'Asia minore, Africa del nord, Europa occidentale, Canarie e America ........

Dryas (Driade)

Dryas (Driade), genere di 2 specie di piante suffruticose, sempreverdi, rustiche, a portamento prostrato. La specie descritta è adatta alla coltivazione nei giardino rocciosi e alpini.
Si mettono a dimora da settembre ........

Aechmea

Aechmea, genere di circa 50 specie di piante sempreverdi. La maggior parte sono epifite, alcune sono terrestri. Tutte sono dotate di rosette, tubolari o allargate, di foglie più o meno spinose e addossate  l’una all’altra ........


arbusti a foglia caduca Paliurus
Paliurus

Paliurus, genere di 2 specie di piante arbustive decidue, appartenenti alla famiglia delle Rhamnaceae, diffuse nelle regioni temperato-calde dell’Europa, dell’Asia e dell’Africa. La specie descritta, per il fatto di essere dotata di spine lunghe e robuste, è adatta alla formazione di siepi di recinzione, protettive e impenetrabili.
Si pianta in autunno o in primavera in tutti i terreni da giardino, anche in quelli calcarei, in zone a clima abbastanza mite, in posizioni soleggiate o parzialmente ombreggiate.

Paliurus spina-christi (spino-crocefissi):
  pianta originaria dell’Europa meridionale, Italia e Asia occidentale, alta 2-5 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto o piccolo albero dai rami contorti, con foglie piccole, ovali, lucide, a margine intero o seghettato, che presentano 2 stipole trasformate in spine lunghe e robuste, una diritta e l’altra più corta, ricurva all’estremità. I fiori, piccoli, riuniti in infiorescenze cimose ombrelliformi, ascellari, compaiono in giugno. I frutti sono samare con ala tondeggiante. Questa specie è un elemento caratteristico della macchia mediterranea. Sia il nome comune he quello scientifico ricordano che questa pianta è dotata di lunghe caratteristiche spine, simili a quelle della corona posta sul capo di Cristo sul Golgota.


riproduzione: si può moltiplicare in vari modi; il più semplice consiste nell’utilizzazione dei polloni radicali che vanno staccati dalla pianta madre e posti direttamente a dimora.
Si può anche seminare, utilizzando semi appena raccolti che vanno posti in piena terra, in vivaio. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si diradano e si fanno irrobustire per un altro paio di anni prima di metterle definitivamente a dimora.

esposizione:
fioritura: giugno



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su