arbusti a foglia caduca Paliurus
Paliurus

Paliurus, genere di 2 specie di piante arbustive decidue, appartenenti alla famiglia delle Rhamnaceae, diffuse nelle regioni temperato-calde dell’Europa, dell’Asia e dell’Africa. La specie descritta, per il fatto di essere dotata di spine lunghe e robuste, è adatta alla formazione di siepi di recinzione, protettive e impenetrabili.
Si pianta in autunno o in primavera in tutti i terreni da giardino, anche in quelli calcarei, in zone a clima abbastanza mite, in posizioni soleggiate o parzialmente ombreggiate.

Paliurus spina-christi (spino-crocefissi):
  pianta originaria dell’Europa meridionale, Italia e Asia occidentale, alta 2-5 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto o piccolo albero dai rami contorti, con foglie piccole, ovali, lucide, a margine intero o seghettato, che presentano 2 stipole trasformate in spine lunghe e robuste, una diritta e l’altra più corta, ricurva all’estremità. I fiori, piccoli, riuniti in infiorescenze cimose ombrelliformi, ascellari, compaiono in giugno. I frutti sono samare con ala tondeggiante. Questa specie è un elemento caratteristico della macchia mediterranea. Sia il nome comune he quello scientifico ricordano che questa pianta è dotata di lunghe caratteristiche spine, simili a quelle della corona posta sul capo di Cristo sul Golgota.


riproduzione: si può moltiplicare in vari modi; il più semplice consiste nell’utilizzazione dei polloni radicali che vanno staccati dalla pianta madre e posti direttamente a dimora.
Si può anche seminare, utilizzando semi appena raccolti che vanno posti in piena terra, in vivaio. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si diradano e si fanno irrobustire per un altro paio di anni prima di metterle definitivamente a dimora.
esposizione:
fioritura: giugno




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Schisandra

Schisandra, genere di 25 specie rampicanti appartenenti alla famiglia delle Schisandraceae, fioriferi, legnosi, a foglie sempreverdi o decidue, delicati o rustici. Le specie rustiche descritte sono a foglie decidue. Possono ........

Leucojum

Leucojum, genere di 12 specie di piante bulbose, con fiori simili a quelli dei Bucaneve, ma più tondeggianti. Tutte le specie descritte hanno foglie berde scuro e sono perfettamente rustiche.
I bulbi si piantano alla ........

Godetia (Godezia)

Godetia (Godezia), genere di 20 specie di piante erbacee annuali, rustiche. Le specie descritte sono piante da bordura molto diffuse, folte, con fiori semplici o doppi, molto colorati. Si possono coltivare anche in vaso ........

Sidalcea

Sidalcea, genere di 25 specie di piante erbacee, perenni, rustiche, della famiglia delle Malvaceae. La specie descritte, adatta per le bordure soleggiate, è facile da coltivare. Non cresce nelle zone troppo calde e asciutte ........

Erysimum

Erysimum, genere di 100 specie di piante erbacee perenni, annuali e biennali, appartenenti alla famiglia delle Cruciferae, rustiche, simili alle violacciocche e, nonostante siano poco longeve, sono adatte alla coltivazione ........

 

Ricetta del giorno
Aspic di frutta estiva
Lavare e asciugare bene la frutta, eliminare la buccia di cocomero e melone e tagliarne la polta a cubetti. Grattugiare la buccia dell’arancia, eliminare ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine




Acetosa (Rumex)

Acetosa (Rumex), specie di piante appartenenti al genere Rumex e alla famiglia delle Poligonacee, erbacee, perenni, rustiche, spontanee, anche se coltivate, accomunate dal fatto di avere foglie dal sapore acidulo, più o ........

Amarillide (Amaryllis)

L' Amarillide (Amaryllis) è originaria del sud Africa ed è una erbacea bulbosa con grosso bulbo a forma di pera; durante la fioritura raggiunge l'altezza di 70-80 cm.
le foglie sono nastriformi ........

Epilobium

Epilobium, genere di 215 specie di piante erbacee, perenni e suffruticose, rustiche. Le specie descritte, erbacee e nane, sono adatte per al giardino roccioso.
Si piantano in autunno o in febbraio-marzo, in qualsiasi ........

Penstèmon (Penstemon)

Il Penstèmon (Penstemon) , originario degli Stati Uniti, Messico e Asia nord-occidentale comprende circa 200 specie ed è una erbacea perenne, talvolta dal portamento arbustivo.
Le foglie possono ........


arbusti a foglia caduca Paliurus
Paliurus

Paliurus, genere di 2 specie di piante arbustive decidue, appartenenti alla famiglia delle Rhamnaceae, diffuse nelle regioni temperato-calde dell’Europa, dell’Asia e dell’Africa. La specie descritta, per il fatto di essere dotata di spine lunghe e robuste, è adatta alla formazione di siepi di recinzione, protettive e impenetrabili.
Si pianta in autunno o in primavera in tutti i terreni da giardino, anche in quelli calcarei, in zone a clima abbastanza mite, in posizioni soleggiate o parzialmente ombreggiate.

Paliurus spina-christi (spino-crocefissi):
  pianta originaria dell’Europa meridionale, Italia e Asia occidentale, alta 2-5 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto o piccolo albero dai rami contorti, con foglie piccole, ovali, lucide, a margine intero o seghettato, che presentano 2 stipole trasformate in spine lunghe e robuste, una diritta e l’altra più corta, ricurva all’estremità. I fiori, piccoli, riuniti in infiorescenze cimose ombrelliformi, ascellari, compaiono in giugno. I frutti sono samare con ala tondeggiante. Questa specie è un elemento caratteristico della macchia mediterranea. Sia il nome comune he quello scientifico ricordano che questa pianta è dotata di lunghe caratteristiche spine, simili a quelle della corona posta sul capo di Cristo sul Golgota.


riproduzione: si può moltiplicare in vari modi; il più semplice consiste nell’utilizzazione dei polloni radicali che vanno staccati dalla pianta madre e posti direttamente a dimora.
Si può anche seminare, utilizzando semi appena raccolti che vanno posti in piena terra, in vivaio. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si diradano e si fanno irrobustire per un altro paio di anni prima di metterle definitivamente a dimora.

esposizione:
fioritura: giugno



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su