arbusti sempreverdi Pieris
Pieris

Pieris, genere di 10 specie di arbusti fioriferi sempreverdi, rustici, a portamento compatto, appartenenti alla famiglia delle Ericaceae, che vanno coltivati in terreno primo di calcare. In primavera producono fiori simili a quelli del mughetto.
Si piantano in ottobre o in marzo-aprile, in terreno umido, non calcareo, in posizioni parzialmente ombreggiate e riparate. Ogni anno, in aprile, si provvede ad una pacciamatura con terriccio di foglie o torba.

Potatura:
dopo la fioritura vanno asportate le infiorescenze appassite e si tagliano i rami disordinati.

Pieris floribunda:
pianta originaria delle regioni sud-orientali degli Stati Uniti, alta fino a 2 m e di pari diametro. Si tratta di una pianta dalle foglie coriacee, verde scuro, oblungo-ellittiche e dai fiori bianchi, penduli, a forma di brocca, riuniti in pannocchie terminali erette, lunghe 8-10 cm, che sbocciano in marzo-aprile.
Pieris formosa: pianta originaria dello Yunnan (Cina meridionale), e Himalaya, alta 3-6 m e di pari diametro. Si tratta di una pianta con foglie oblungo-lanceolate, rosso-rame da giovani, successivamente verdi e dai fiori bianchi, riuniti in pannocchie terminali pendule, lunghe 10-15 cm, che sbocciano in aprile-maggio. La varietà cinese Forrestii ha foglie che da giovani sono rosso vivo e rimangono colorate per maggior tempo rispetto a quelle della specie tipica e fiori bianchi, riuniti in pannocchie rade, che sbocciano in aprile-maggio.
Pieris japonica: pianta originaria del Giappone, alta 2-3 m e di pari diametro. Si tratta di una pianta con foglie oblungo-ovate, rosso rame da giovani e successivamente verdi. I fiori, bianchi, riuniti in pannocchie terminali pendule, larghe 8-10 cm, sbocciano in marzo-aprile. La varietà Variegata è a crescita lenta e presenta foglie strette e a margini bianco-gialli.


riproduzione: in agosto si prelevano talee, lunghe 8-10 cm, dai rami semimaturi e si piantano in sabbia, in letto freddo. Le talee radicate si piantano singolarmente, in aprile-maggio, in contenitori da 8 cm riempiti con un miscuglio di terriccio di foglie, sabbia e torba in parti uguali e, successivamente, in ottobre si trapiantano in vivaio dove resteranno per 2-3 anni prima della loro definitiva messa a dimora.
In novembre o in marzo si può seminare in ciotole riempite con un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali, in letto freddo. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano in vassoi e, successivamente, singolarmente in contenitori da 8 cm e si trattano poi come le talee.
Pieris formosa si può anche riprodurre per propaggine, in settembre. Queste andranno poi separate dalla pianta madre dopo circa 2 anni e si ripiantano direttamente a dimora.
esposizione:
fioritura: tra marzo e maggio a seconda della specie




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Salpiglossis

Salpiglossis, genere di 18 specie di piante erbacee annuali, biennali e perenni, appartenenti alla famiglia delle Solanaceae. La specie descritta è annuale, semirustica,  adatta per le bordure annuali e miste e per ........

Brasiliopuntia

Brasiliopuntia, genere di circa 10 specie di piante succulente, originarie dell'America meridionale, affine al genere Opuntia. La specie descritta può essere coltivata all'aperto nelle zone più calde dell'Italia meridionale ........

Epimedium

Epimedium, genere di 21 specie di piante perenni, rustiche, sempreverdi o semisempreverdi che formano dei bei tappeti ornamentali se coltivate in posizioni parzialmente ombreggiate. In primavera le foglie giovani, verdi,  ........

Nepeta (Erba gattaia)
Nepeta (Erba gattaia), genere di 250 specie di piante erbacee, perenni ed annuali. Le specie perenni descritte sono rustiche e adatte per il giardino roccioso e per le bordure. Hanno fiori piccoli, tubulosi. Bisogna ........

Cypripedium
La Cypripedium (scarpetta di Venere) fa parte delle Orchidaceae, è originaria dell'Europa, Italia, Asia America settentrionale, comprende 50 specie di orchidee rizomatose prevalentemente terrestri, rustiche, ........

 

Ricetta del giorno
Broccoli marinati
Immergere i broccoli in acqua salata in modo che possano assorbire bene l’acqua e quindi asciugarli bene.
Schiacciare 4 spicchi d'aglio con lo schiaccia ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Myosotidium

Myosotidium, genere comprendente una sola specie erbacea, sempreverde, perenne, che si coltiva nelle zone a clima mite, umide e ben riparate.
Si pianta in settembre-ottobre, in tutti i terreni da giardino, in posizioni ........

Diplacus

Diplacus, genere di 6-7 specie di piante arbustive, perenni, sempreverdi. La specie descritta si coltiva in serra e si tiene all'aperto in estate. Nelle zone a clima decisamente mite può essere coltivata in piena terra.
Si ........

Anagallis (Anagallide)
Anagallis (Anagallide): genere di 31 specie di piante perenni e annuali, rustiche e semirustiche. Le specie descritte sono adatte per le bordure, il giardino rocioso e la serra alpina. Danno buoni risultati anche  ........

Scalogno – Allium ascalonicum

Scalogno, allim ascalonicum, pianta bulbosa rustica appartenente alla famiglia delle Gigliacee, assai simile alla cipolla e all’aglio: i suoi bulbi sono più dolci e profumati di quelli dell’aglio ma hanno sapore più accentuato ........

Dentaria

Dentaria, genere di 20 specie di piante erbacee, perenni, rizomatose, diffuse allo stato spontaneo nelle regioni temperate dell'Europa, dell'Asia e dell'America settentrionale. La specie descritta è facile da coltivare ed ........


arbusti sempreverdi Pieris
Pieris

Pieris, genere di 10 specie di arbusti fioriferi sempreverdi, rustici, a portamento compatto, appartenenti alla famiglia delle Ericaceae, che vanno coltivati in terreno primo di calcare. In primavera producono fiori simili a quelli del mughetto.
Si piantano in ottobre o in marzo-aprile, in terreno umido, non calcareo, in posizioni parzialmente ombreggiate e riparate. Ogni anno, in aprile, si provvede ad una pacciamatura con terriccio di foglie o torba.

Potatura:
dopo la fioritura vanno asportate le infiorescenze appassite e si tagliano i rami disordinati.

Pieris floribunda:
pianta originaria delle regioni sud-orientali degli Stati Uniti, alta fino a 2 m e di pari diametro. Si tratta di una pianta dalle foglie coriacee, verde scuro, oblungo-ellittiche e dai fiori bianchi, penduli, a forma di brocca, riuniti in pannocchie terminali erette, lunghe 8-10 cm, che sbocciano in marzo-aprile.
Pieris formosa: pianta originaria dello Yunnan (Cina meridionale), e Himalaya, alta 3-6 m e di pari diametro. Si tratta di una pianta con foglie oblungo-lanceolate, rosso-rame da giovani, successivamente verdi e dai fiori bianchi, riuniti in pannocchie terminali pendule, lunghe 10-15 cm, che sbocciano in aprile-maggio. La varietà cinese Forrestii ha foglie che da giovani sono rosso vivo e rimangono colorate per maggior tempo rispetto a quelle della specie tipica e fiori bianchi, riuniti in pannocchie rade, che sbocciano in aprile-maggio.
Pieris japonica: pianta originaria del Giappone, alta 2-3 m e di pari diametro. Si tratta di una pianta con foglie oblungo-ovate, rosso rame da giovani e successivamente verdi. I fiori, bianchi, riuniti in pannocchie terminali pendule, larghe 8-10 cm, sbocciano in marzo-aprile. La varietà Variegata è a crescita lenta e presenta foglie strette e a margini bianco-gialli.


riproduzione: in agosto si prelevano talee, lunghe 8-10 cm, dai rami semimaturi e si piantano in sabbia, in letto freddo. Le talee radicate si piantano singolarmente, in aprile-maggio, in contenitori da 8 cm riempiti con un miscuglio di terriccio di foglie, sabbia e torba in parti uguali e, successivamente, in ottobre si trapiantano in vivaio dove resteranno per 2-3 anni prima della loro definitiva messa a dimora.
In novembre o in marzo si può seminare in ciotole riempite con un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali, in letto freddo. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano in vassoi e, successivamente, singolarmente in contenitori da 8 cm e si trattano poi come le talee.
Pieris formosa si può anche riprodurre per propaggine, in settembre. Queste andranno poi separate dalla pianta madre dopo circa 2 anni e si ripiantano direttamente a dimora.

esposizione:
fioritura: tra marzo e maggio a seconda della specie



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su