piante da interni appartamento Ardisia
Ardisia

Ardisia, genere di 400 specie di alberi o arbusti sempreverdi appartenenti alla famiglia delle Myrsinaceae. Sono piante molto ornamentali, in particolar modo per le  loro bacche rosse brillanti, che durano dall’autunno a giugno dell’anno successivo. Una sola specie è coltivata in serra ed è adatta anche come pianta da appartamento.
Si coltivano in vasi di 12-15 cm, riempiti con una composta da vasi. Richiedono una temperatura invernale minima di 7° C. In estate si annaffiano abbondantemente e durante l’inverno si mantiene la composta appena umida. Settimanalmente si somministra un concime liquido, da aprile e fin quando le bacche diventano colorate. Se coltivata in serra, in estate va ombreggiata leggermente. Si rinvasano in aprile per 1-2 anni di seguito, poi degenero per cui è necessario sostituirle. Le piante vecchie si tagliano alla base e si invasano quando i nuovi germogli sono di circa 7-8 cm di lunghezza.

Potatura: le piante eccessivamente alte e deboli vanno potate radicalmente in febbraio. Si tagliano a 7-10 cm dalla base e, quando la superficie di taglio non emette più linfa, si stimola la pianta a formare nuovi germogli ricominciando con le annaffiature e mantenendo la pianta alla temperatura di almeno 10° C. Successivamente, fra le nuove ramificazioni si lasciano solo alcune delle più vigorose, mentre le altre vanno eliminate.

Ardisia crispa: pianta originaria delle Indie Orientali e Cina, alta 60-90 cm e del diametro di 30-45 cm. Si tratta di un arbusto a portamento eretto, con foglie alterne, verde scuro, lucide, lunghe fino a 10 cm, oblungo-lanceolate, a margini ondulati. I fiori, bianco-crema  sfumati di rosso, del diametro di 1,5 cm, sono a forma di stella riuniti in pannocchie ascellari e sbocciano in giugno, e sono seguiti da bacche rotonde di color rosso-corallo, che possono persistere sulla pianta fino alla successiva fioritura.


riproduzione: si semina in marzo, in terrine riempite con una composta da semi, alla temperatura di 18° C. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano singolarmente in vasi da 7-8 cm riempiti con una composta da vasi e, se necessario, si effettua una seconda rinvasatura.
È possibile anche la moltiplicazione per talea, prelevando porzioni lunghe 7-8 cm dai germogli laterali, da maggio ad agosto. Le talee vanno interrate in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali alla temperatura di 16-18° C. Le talee radicate andranno poi trattate come le piante ottenute da seme.
esposizione:
fioritura: Giugno




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Ceratostigma

Ceratostigma, genere di 8 specie di piante erbacee e suffruticose, perenni, semirustiche. Le specie descritte sono adatte per la coltivazione nelle bordura miste. Nelle regioni a clima invernale molto freddo, non resistono ........

Smilacina

Smilacina, genere di 25 specie di piante erbacee, perenni, rustiche, appartenenti alla famiglia delle Liliaceae. Le 2 specie descritte sono adatte per le zone boschive umide e ombreggiate.
Si piantano in ottobre o in ........

Actaea

Actaea, genere di circa 10 specie di piante erbacee, perenni, rustiche, adatte per il giardino roccioso, le bordure e il sottobosco.
Queste piante crescono bene nei terreni ricchi di sostanza organica, in posizioni ombreggiate. ........

Hunnemannia

Hunnemannia, genere comprendente una sola specie erbacea, perenne, semirustica, adatta alla coltivazione nelle aiuole e nelle fioriere; viene tuttavia trattata generalmente come annuale.
Cresce bene in terreno fertile, ........

Pancratium (Pancrazio)

Pancratium (Pancrazio), genere di 15 specie di piante bulbose. Le due specie descritte, spontanee nelle zone litoranee dell'Italia centro-meridionale e insulare, possono essere coltivate nella maggior parte delle regioni ........

 

Ricetta del giorno
Mezze maniche al forno gratinate con mozzarella di bufala e zucchine
In una pentola ponete due cucchiai di olio extravergine d'oliva e e una cipolla rossa tagliata a fettine sottili, poi aggiungete i pomodori pelati e ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Maclura

Maclura, genere di 12 specie di piante arbustive e arboree appartenenti alla famiglia delle Moraceae, diffuse allo stato spontaneo in Asia, Africa e Stati Uniti. La specie descritta è particolarmente indicata ad essere utilizzata  ........

Platystemon

Platystemon, genere di una sola specie annuale rustica, appartenente alla famiglia delle Papaveraceae, adatta per il primo piano delle bordure erbacee e per il giardino roccioso. Non è una pianta molto comune, tuttavia è ........

Anagallis (Anagallide)
Anagallis (Anagallide): genere di 31 specie di piante perenni e annuali, rustiche e semirustiche. Le specie descritte sono adatte per le bordure, il giardino rocioso e la serra alpina. Danno buoni risultati anche  ........

Ionopsidium

Ionopsidium, genere comprendente una sola specie di pianta erbacea annuale, rustica, di dimensioni limitate, adatta per i giardini rocciosi e i lastricati fioriti.
Si tratta di una pianta facile da coltivare se piantata ........

Dryas (Driade)

Dryas (Driade), genere di 2 specie di piante suffruticose, sempreverdi, rustiche, a portamento prostrato. La specie descritta è adatta alla coltivazione nei giardino rocciosi e alpini.
Si mettono a dimora da settembre ........


piante da interni appartamento Ardisia
Ardisia

Ardisia, genere di 400 specie di alberi o arbusti sempreverdi appartenenti alla famiglia delle Myrsinaceae. Sono piante molto ornamentali, in particolar modo per le  loro bacche rosse brillanti, che durano dall’autunno a giugno dell’anno successivo. Una sola specie è coltivata in serra ed è adatta anche come pianta da appartamento.
Si coltivano in vasi di 12-15 cm, riempiti con una composta da vasi. Richiedono una temperatura invernale minima di 7° C. In estate si annaffiano abbondantemente e durante l’inverno si mantiene la composta appena umida. Settimanalmente si somministra un concime liquido, da aprile e fin quando le bacche diventano colorate. Se coltivata in serra, in estate va ombreggiata leggermente. Si rinvasano in aprile per 1-2 anni di seguito, poi degenero per cui è necessario sostituirle. Le piante vecchie si tagliano alla base e si invasano quando i nuovi germogli sono di circa 7-8 cm di lunghezza.

Potatura: le piante eccessivamente alte e deboli vanno potate radicalmente in febbraio. Si tagliano a 7-10 cm dalla base e, quando la superficie di taglio non emette più linfa, si stimola la pianta a formare nuovi germogli ricominciando con le annaffiature e mantenendo la pianta alla temperatura di almeno 10° C. Successivamente, fra le nuove ramificazioni si lasciano solo alcune delle più vigorose, mentre le altre vanno eliminate.

Ardisia crispa: pianta originaria delle Indie Orientali e Cina, alta 60-90 cm e del diametro di 30-45 cm. Si tratta di un arbusto a portamento eretto, con foglie alterne, verde scuro, lucide, lunghe fino a 10 cm, oblungo-lanceolate, a margini ondulati. I fiori, bianco-crema  sfumati di rosso, del diametro di 1,5 cm, sono a forma di stella riuniti in pannocchie ascellari e sbocciano in giugno, e sono seguiti da bacche rotonde di color rosso-corallo, che possono persistere sulla pianta fino alla successiva fioritura.


riproduzione: si semina in marzo, in terrine riempite con una composta da semi, alla temperatura di 18° C. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano singolarmente in vasi da 7-8 cm riempiti con una composta da vasi e, se necessario, si effettua una seconda rinvasatura.
È possibile anche la moltiplicazione per talea, prelevando porzioni lunghe 7-8 cm dai germogli laterali, da maggio ad agosto. Le talee vanno interrate in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali alla temperatura di 16-18° C. Le talee radicate andranno poi trattate come le piante ottenute da seme.

esposizione:
fioritura: Giugno



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su