erbacee perenni Lychnis (Licnide)
Lychnis (Licnide)

Lychnis (Licnide), genere di 12 specie di piante erbacee, perenni ed annuali, rustiche e semirustiche, appartenenti alla famiglia delle Caryophyllaceae. Le specie perenni, rustiche descritte sono adatte per il primo piano delle bordure e per la produzione di fiori recisi, mentre le specie più piccole sono adatte per i giardini rocciosi. I fiori hanno calice tubuloso o rigonfio e petali espansi all’estremità superiore.
Crescono bene i tutti i terreni da giardino ben drenati, al sole o a mezz’ombra. Si piantano in ottobre o in primavera. Le specie più alte, nelle posizioni non riparate, necessitano di sostegni. Si tagliano le infiorescenze appassite così da stimolare la produzione di nuovi fiori. Ogni anno, in autunno o in primavera, si tagliano i fusti secchi e si distribuisce uno strato di letame o di torba.

Lychnis (Licnide) alpina: pianta originaria della Siberia e del Labrador, alta 10-12 cm, distanza tra le piante 10-12 cm. Si tratta di una specie perenne, con ciuffi di foglie lanceolate o lanceolato-lineari, verde scuro e fiori larghi 1 cm, rosa, raramente bianchi, riuniti in infiorescenze cimose che sbocciano da maggio a luglio.
Lychnis (Licnide) x arkwrightii: pianta di origine orticola, alta 30 cm, distanza tra le piante 20-30 cm. Si tratta di un ibrido con foglie di forma variabile, talvolta con macchie porpora e fiori arancio-scarlatti, larghi 3-5 cm, che sbocciano da giugno ad agosto.
Lychnis (Licnide) chalcedonica: pianta originaria della Russia orientale, alta 60-80 cm, distanza tra le piante 30-40 cm. Si tratta di una specie perenne con foglie lanceolate e con fiori piccoli, scarlatto vivo, riuniti in infiorescenze dense larghe 8-12 cm, che sbocciano in giugno-luglio.
Lychnis (Licnide) coronaria: pianta originaria dell’Europa meridionale e Italia, alta fino a 60 cm, distanza tra le piante 20-30 cm. Si tratta di una pianta perenne, poco longeva, con fusti ramificati e foglie ovato-lanceolate tomentose, grigio-argentee. I fiori magenta-cremisi vivo o bianchi, larghi 3 cm, sbocciano abbondanti da maggio a luglio.
Lychnis (Licnide)coronata: pianta originaria della Cina e Giappone, alta 50 cm, distanza tra le piante 30 cm. Si tratta di una specie biennale, coltivata come annuale, con fusti eretti e foglie ovate, che formano cuscinetti densi. I fiori, larghi 5 cm, con petali dentellati rosa o rossi, riuniti in infiorescenze rade, sbocciano da giugno a settembre.
Lychnis (Licnide) flos-cuculi: pianta originaria dell’Europa e Italia, alta 30-50 cm, distanza tra le piante 30 cm. Si tratta di una pianta perenne, rustica, con foglie inferiori oblungo-spatolate e superiori lineari-lanceolate. I fiori, rosa, a volte bianchi, sbocciano da maggio a luglio.
Lychnis (Licnide) flos-jovis: pianta originaria dell’Europa, alta 50 cm, distanza tra le piante 20-30 cm. Si tratta di una specie perenne, con fusti e foglie grigi o argentei. I fiori porpora, larghi 1 cm, riuniti in rade infiorescenze tondeggianti, sbocciano da giugno ad agosto.
Lychnis (Licnide) x haageana: pianta di origine orticola, alta 20-30 cm, distanza tra le piante 25 cm. Si tratta di un ibrido con foglie ovato-lanceolate, a volte sfumate di porpora e con fiori arancio o scarlatti, larghi 5 cm, che sbocciano in giugno-luglio.
Lychnis (Licnide) viscaria: pianta originaria dell’Europa, Italia, Giappone e Siberia, alta 40-60 cm, distanza tra le piante 30-40 cm. SI tratta di una pianta dai fiori color carminio, larghi 3-4 cm, riuniti in infiorescenze allungate che sbocciano in maggio-giugno. La varietà Splendens Plena ha fiori doppi.


riproduzione: in maggio-giugno si semina in cassette o vassoi riempiti con una composta da semi, in letto freddo. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, tranne quelle di L.Alpina, si ripicchettano in vivaio e da ottobre in poi si mettono a dimora. Le piantine di L. Alpina si ripicchettano in contenitori da 8 cm, riempiti con una composta da vasi, che vanno interrati all’aperto fino ad ottobre.
L. coronaria e L. coronata si trattano come annuali e si seminano in febbraio, in serra, alla temperatura di 13-46° C. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano in cassette riempite con una composta da vasi e si fanno irrobustire in cassone freddo e in aprile si mettono a dimora. In agosto-settembre si può seminare anche direttamente a dimora e poi si diradano le piantine alla distanza opportuna.
Per tutte le specie, in particolare per gli ibridi che se moltiplicati per seme dallo origine a piante con caratteristiche variabili, è possibile, in aprile-maggio, prelevare talee di germogli basali lunghe 4-7 cm e si interrano in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali, in cassone freddo. Le talee radicate si trasferiscono in vivaio, dove resteranno fino all’autunno quando andranno messe a dimora.
esposizione:
fioritura: da maggio a settembre a seconda della specie




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Polianthes (Tuberosa)

Polianthes (Tuberosa), genere di 13 specie di piante perenni, bulbose, delicate, appartenenti alla famiglia delle Amaryllidaceae. La specie descritta è coltivata all’aperto nelle zone a clima mite, mentre nelle regioni più ........

Dictamnus

Dictamnus, genere di 6 specie di piante erbacee, perenni, rustiche. La specie descritta è molto ornamentale, generalmente longeva, adatta per le bordure soleggiate. Non deve essere confusa con la specie annuale rustica Kochia ........

Dizygotheca

Dizygotheca, genere di 17 specie di arbusti o di piccoli alberi sempreverdi, originari dell’Asia e dell’Oceania, appartenenti alla famiglia delle Araliaceae. La specie descritta ha fogliame molto ornamentale, ed è adatta ........

Arnica

Arnica, genere di 32 specie di piante erbacee perenni, appartenenti alla famiglia delle Compositae, diffuse nelle zone temperate e artiche dell’emisfero boreale. Sono piante adatte per il giardino roccioso e per le bordure.
Cresce ........

Halimium

Halimium, genere di 14 specie di arbusti sempreverdi, semirustici e rustici, diffusi nelle regioni meridionali, affini alle specie Cistus. Si coltivano nei grandi giardini rocciosi, particolarmente in quelli posti  ........

 

Ricetta del giorno
Bavarese ai frutti di bosco
In un pentolino versate il latte, aggiungete l'agar agar e fate bollire. Lasciate, poi, sul fuoco per un paio di minuti, tenendo la fiamma bassa e mescolando ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Aechmea

Aechmea, genere di circa 50 specie di piante sempreverdi. La maggior parte sono epifite, alcune sono terrestri. Tutte sono dotate di rosette, tubolari o allargate, di foglie più o meno spinose e addossate  l’una all’altra ........

Robìnia (Robinia)
La Robìnia (Robinia) , originaria degli Stati Uniti e messico, comprende circa 20 specie ed è uan albero o arbusto a foglia caduca, rustico e fiorifero molto ornamentale.
Le foglie sono composte, ........

Aruncus

Aruncus, genere di 12 piante arbustive, rustiche, appartenenti alla famiglia delle Rosacee, adatte ad essere coltivate nelle zone umide.
Si pianta in ottobre o in febbraio-marzo, in posizioni parzialmente ombreggiate, ........

Lampone (Rubus Idaeus)

Lampone (Rubus Idaeus), pianta che cresce spontanea in tutta Europa, Italia compresa, e viene coltivata per i frutti, che sono utilizzati freschi o per la preparazione di succhi e marmellate. Può avere anche un impiego farmacologico, ........

Edraianthus

Edraianthus, genere di 10 specie di piante erbacee, perenni, appartenenti alla famiglia delle Campanulaceae.  Sono tutte piante poco longeve, rustiche, adatte per il giardino roccioso, che producono fiori campanulati, ........


erbacee perenni Lychnis (Licnide)
Lychnis (Licnide)

Lychnis (Licnide), genere di 12 specie di piante erbacee, perenni ed annuali, rustiche e semirustiche, appartenenti alla famiglia delle Caryophyllaceae. Le specie perenni, rustiche descritte sono adatte per il primo piano delle bordure e per la produzione di fiori recisi, mentre le specie più piccole sono adatte per i giardini rocciosi. I fiori hanno calice tubuloso o rigonfio e petali espansi all’estremità superiore.
Crescono bene i tutti i terreni da giardino ben drenati, al sole o a mezz’ombra. Si piantano in ottobre o in primavera. Le specie più alte, nelle posizioni non riparate, necessitano di sostegni. Si tagliano le infiorescenze appassite così da stimolare la produzione di nuovi fiori. Ogni anno, in autunno o in primavera, si tagliano i fusti secchi e si distribuisce uno strato di letame o di torba.

Lychnis (Licnide) alpina: pianta originaria della Siberia e del Labrador, alta 10-12 cm, distanza tra le piante 10-12 cm. Si tratta di una specie perenne, con ciuffi di foglie lanceolate o lanceolato-lineari, verde scuro e fiori larghi 1 cm, rosa, raramente bianchi, riuniti in infiorescenze cimose che sbocciano da maggio a luglio.
Lychnis (Licnide) x arkwrightii: pianta di origine orticola, alta 30 cm, distanza tra le piante 20-30 cm. Si tratta di un ibrido con foglie di forma variabile, talvolta con macchie porpora e fiori arancio-scarlatti, larghi 3-5 cm, che sbocciano da giugno ad agosto.
Lychnis (Licnide) chalcedonica: pianta originaria della Russia orientale, alta 60-80 cm, distanza tra le piante 30-40 cm. Si tratta di una specie perenne con foglie lanceolate e con fiori piccoli, scarlatto vivo, riuniti in infiorescenze dense larghe 8-12 cm, che sbocciano in giugno-luglio.
Lychnis (Licnide) coronaria: pianta originaria dell’Europa meridionale e Italia, alta fino a 60 cm, distanza tra le piante 20-30 cm. Si tratta di una pianta perenne, poco longeva, con fusti ramificati e foglie ovato-lanceolate tomentose, grigio-argentee. I fiori magenta-cremisi vivo o bianchi, larghi 3 cm, sbocciano abbondanti da maggio a luglio.
Lychnis (Licnide)coronata: pianta originaria della Cina e Giappone, alta 50 cm, distanza tra le piante 30 cm. Si tratta di una specie biennale, coltivata come annuale, con fusti eretti e foglie ovate, che formano cuscinetti densi. I fiori, larghi 5 cm, con petali dentellati rosa o rossi, riuniti in infiorescenze rade, sbocciano da giugno a settembre.
Lychnis (Licnide) flos-cuculi: pianta originaria dell’Europa e Italia, alta 30-50 cm, distanza tra le piante 30 cm. Si tratta di una pianta perenne, rustica, con foglie inferiori oblungo-spatolate e superiori lineari-lanceolate. I fiori, rosa, a volte bianchi, sbocciano da maggio a luglio.
Lychnis (Licnide) flos-jovis: pianta originaria dell’Europa, alta 50 cm, distanza tra le piante 20-30 cm. Si tratta di una specie perenne, con fusti e foglie grigi o argentei. I fiori porpora, larghi 1 cm, riuniti in rade infiorescenze tondeggianti, sbocciano da giugno ad agosto.
Lychnis (Licnide) x haageana: pianta di origine orticola, alta 20-30 cm, distanza tra le piante 25 cm. Si tratta di un ibrido con foglie ovato-lanceolate, a volte sfumate di porpora e con fiori arancio o scarlatti, larghi 5 cm, che sbocciano in giugno-luglio.
Lychnis (Licnide) viscaria: pianta originaria dell’Europa, Italia, Giappone e Siberia, alta 40-60 cm, distanza tra le piante 30-40 cm. SI tratta di una pianta dai fiori color carminio, larghi 3-4 cm, riuniti in infiorescenze allungate che sbocciano in maggio-giugno. La varietà Splendens Plena ha fiori doppi.


riproduzione: in maggio-giugno si semina in cassette o vassoi riempiti con una composta da semi, in letto freddo. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, tranne quelle di L.Alpina, si ripicchettano in vivaio e da ottobre in poi si mettono a dimora. Le piantine di L. Alpina si ripicchettano in contenitori da 8 cm, riempiti con una composta da vasi, che vanno interrati all’aperto fino ad ottobre.
L. coronaria e L. coronata si trattano come annuali e si seminano in febbraio, in serra, alla temperatura di 13-46° C. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano in cassette riempite con una composta da vasi e si fanno irrobustire in cassone freddo e in aprile si mettono a dimora. In agosto-settembre si può seminare anche direttamente a dimora e poi si diradano le piantine alla distanza opportuna.
Per tutte le specie, in particolare per gli ibridi che se moltiplicati per seme dallo origine a piante con caratteristiche variabili, è possibile, in aprile-maggio, prelevare talee di germogli basali lunghe 4-7 cm e si interrano in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali, in cassone freddo. Le talee radicate si trasferiscono in vivaio, dove resteranno fino all’autunno quando andranno messe a dimora.

esposizione:
fioritura: da maggio a settembre a seconda della specie



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su