arbusti sempreverdi Heliotropium (Eliotropio)
Heliotropium (Eliotropio)

Helitropium (Eliotropio), genere di 250 specie di piante erbacee, annuali, e arbustive, delicate o semirustiche, appartenenti alla famiglia delle Boraginaceae. Si coltivano solo alcune specie arbustive, tra cui la più comune è un ibrido sempreverde. Sono pianta adatte a formare aiuole e al Nord vanno tenute al riparo durante l’inverno, oppure vanno trattate come annuali, mentre al Sud possono essere coltivate all’aperto.
Si coltivano in vaso, utilizzando una composta da vasi, o si piantano all’aperto nelle bordure. Solitamente basta una temperatura minima invernale di 7-10° C ma, per ottenere una fioritura precoce, durante l’inverno si deve mantenere una temperatura di 15° C. Le piante vanno rinvasate ogni anno, in marzo, e da maggio a settembre si somministra un concime liquido molto diluito ogni 10 giorni.
Nelle aiuole si coltivano come annuali o come perenni, a seconda della latitudine. Crescono bene in tutti i terreni fertili, ben drenati, al sole. Le piante di dimensioni ridotte si possono togliere dal terreno in ottobre, in vasare in contenitori da 20 cm o più, riempiti con una composta da vasi, e vanno portate in serra fredda, dove trascorreranno l’inverno.

Potatura: in febbraio-marzo si tagliano tutti i rami a metà o a 2 terzi della lunghezza.

Heliotropium (Eliotropio) x hybridum: pianta di origine orticola, alta 30-50 cm e di pari diametro se coltivata in vaso, mentre è alta 50-70 cm e di pari diametro se coltivata in piena terra. Le foglie sono oblungo-lanceolate, verde scuro, rugose. I fiori sono piccoli, molto profumati, riuniti in cime corimbose larghe 8 cm e più, in una gamma di colori che va dal viola scuro al lavanda e al bianco. La fioritura può avvenire durante tutto l’anno, ma in particolare in primavera e in autunno. Tante le varietà e tra queste si ricordano Florence Nightingale con fiori malva chiaro; Marina con fiori azzurro-violetti.


riproduzione: in luglio, in settembre o in febbraio si prelevano talee lunghe 8-10 cm e si mettono a radicare in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali, in cassone freddo, alla temperatura di 15° C. Le talee radicate si invasano singolarmente in contenitori da 10 cm riempiti con una composta da vasi, e si effettuano rinvasature successive, fino ad utilizzare contenitori da 20 cm. SI piantano poi a dimora, all’aperto, in maggio.
Si può anche seminare in febbraio, in vassoi o terrine riempite con una composta da semi, alla temperatura di 15° C. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano in cassette riempite con una composta da vasi e, successivamente, si trattano come per le talee.
esposizione:
fioritura: tutto l'anno




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Globularia

Globularia, genere di 28 specie di piante erbacee e suffruticose, adatte per il primo piano delle bordure e per il giardino roccioso.
Si coltivano in terreno ben drenato, calcareo, al sole, dove prosperano perfettamente. ........

Davidia

Davidia, genere conprendente una sola specie, arborea, rustica, a foglie decidue, originaria della Cina orietale, coltivata per il fogliame molto ornamentale e per le brattee floreali molto appariscenti. Le infiorescenze, ........

Centrànto (Centranthus)
Il Centrànto (Centranthus), originario del Sud Europa, bacino del Mediterraneo, Libano e Africa settentrionale, comprende circa 15 specie delle quali 4 spontaneee nel nostro Paese ed è un'erbacea perenne ........

Albuca

Albuca, genere di circa 30 specie di piante bulbose appartenenti alla famiglia delle Gigliacee, originarie dell’Africa dove crescono spontanee. Sono piante da serra, che possono essere eccezionalmente coltivate all’aperto ........

Aiùga (Ajuga)

la Aiùga è una pianticella erbacea perenne, strisciante, originaria dell'Europa, Asia ed Africa,  che comprende circa 30 specie, di cui 6 spontanee in Italia e delle quali solo poche vengono ........

 

Ricetta del giorno
Bavarese alla frutta
Fate ammorbidire in acqua fredda per circa 20 minuti i fogli di gelatina, metteteli senza strizzarli in un tegame nel quale aggiungete un bicchiere di ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Crocus (Croco)

Crocus (Croco), genere comprendente 70 specie di piante bulbose, rustiche, che fioriscono dall’autunno ad inizio primavera a seconda della specie. Sono originarie, quasi tutte, delle regioni settentrionali e orientali del ........

Gleditschia

Gleditschia, genere di 11 specie di alberi a foglie decidue, originari dell'Iran, Asia e America settentrionale. La maggior parte di queste piante ha spine semplici o ramificate, che sono di minori dimensioni nelle piante ........

Embothrium

Embothrium, genere di 8 specie di alberi e arbusti sempreverdi, appartenenti alla famiglia delle Proteaceae, originari dell’America meridionale e dell’Australia occidentale. In genere si coltiva una sola specie delicata; ........

Layia
Layia, genere di 15 specie di piante annuali, rustiche. La specie descritta è adatta per le bordure e per le scarpate soleggiate e rustiche. Produce numerosi capolini dai colori vivaci, simili a margherite, ........

Pancratium (Pancrazio)

Pancratium (Pancrazio), genere di 15 specie di piante bulbose. Le due specie descritte, spontanee nelle zone litoranee dell'Italia centro-meridionale e insulare, possono essere coltivate nella maggior parte delle regioni ........


arbusti sempreverdi Heliotropium (Eliotropio)
Heliotropium (Eliotropio)

Helitropium (Eliotropio), genere di 250 specie di piante erbacee, annuali, e arbustive, delicate o semirustiche, appartenenti alla famiglia delle Boraginaceae. Si coltivano solo alcune specie arbustive, tra cui la più comune è un ibrido sempreverde. Sono pianta adatte a formare aiuole e al Nord vanno tenute al riparo durante l’inverno, oppure vanno trattate come annuali, mentre al Sud possono essere coltivate all’aperto.
Si coltivano in vaso, utilizzando una composta da vasi, o si piantano all’aperto nelle bordure. Solitamente basta una temperatura minima invernale di 7-10° C ma, per ottenere una fioritura precoce, durante l’inverno si deve mantenere una temperatura di 15° C. Le piante vanno rinvasate ogni anno, in marzo, e da maggio a settembre si somministra un concime liquido molto diluito ogni 10 giorni.
Nelle aiuole si coltivano come annuali o come perenni, a seconda della latitudine. Crescono bene in tutti i terreni fertili, ben drenati, al sole. Le piante di dimensioni ridotte si possono togliere dal terreno in ottobre, in vasare in contenitori da 20 cm o più, riempiti con una composta da vasi, e vanno portate in serra fredda, dove trascorreranno l’inverno.

Potatura: in febbraio-marzo si tagliano tutti i rami a metà o a 2 terzi della lunghezza.

Heliotropium (Eliotropio) x hybridum: pianta di origine orticola, alta 30-50 cm e di pari diametro se coltivata in vaso, mentre è alta 50-70 cm e di pari diametro se coltivata in piena terra. Le foglie sono oblungo-lanceolate, verde scuro, rugose. I fiori sono piccoli, molto profumati, riuniti in cime corimbose larghe 8 cm e più, in una gamma di colori che va dal viola scuro al lavanda e al bianco. La fioritura può avvenire durante tutto l’anno, ma in particolare in primavera e in autunno. Tante le varietà e tra queste si ricordano Florence Nightingale con fiori malva chiaro; Marina con fiori azzurro-violetti.


riproduzione: in luglio, in settembre o in febbraio si prelevano talee lunghe 8-10 cm e si mettono a radicare in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali, in cassone freddo, alla temperatura di 15° C. Le talee radicate si invasano singolarmente in contenitori da 10 cm riempiti con una composta da vasi, e si effettuano rinvasature successive, fino ad utilizzare contenitori da 20 cm. SI piantano poi a dimora, all’aperto, in maggio.
Si può anche seminare in febbraio, in vassoi o terrine riempite con una composta da semi, alla temperatura di 15° C. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano in cassette riempite con una composta da vasi e, successivamente, si trattano come per le talee.

esposizione:
fioritura: tutto l'anno



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su