erbacee annuali Arctotis
Arctotis

Arctotis, genere di 65 specie di piante annuali, perenni e semirustiche, appartenenti alla famiglia delle Compositae. Le specie descritte, sebbene perenni, vengono per lo più coltivate come annuali, in quanto difficilmente superano l’inverno, tranne che i Italia meridionale dove è possibile coltivarle come perenni. Le foglie e i fusti sono lanosi, biancastri. I capolini hanno fiori del raggio ligulati e disco centrale marrone, purpureo o violetto. Sono piante eccellenti per le bordure e per i vasi, anche molto adatte alla produzione di fiori da recidere, sebbene questi durino per pochi giorni in acqua. I capolini si aprono solo in pieno sole e tendono a chiudersi nel primo pomeriggio.
Queste piante crescono bene in terreno umido ma ben drenato, leggero, al sole. Le piante giovani, quando sono alte 12-13 cm, vengono cimate per favorire la ramificazione. Le varietà alte con capolini grandi devono essere munite di sostegni. I capolini sfioriti si tagliano, per prolungare il periodo della fioritura. Le piante coltivate in fioriere o vasi non devono essere annaffiate troppo altrimenti si sviluppano marciumi al loro piede.

Parassiti animali: i giovani germogli possono essere attaccati dagli Afidi.
Parassiti vegetali: se favorita da un ambiente troppo umido, la Muffa grigia  si manifesta con la presenza di una muffetta grigiastra che porta alla marcescenza delle parti colpite.

Arctotis acaulis: pianta originaria del Sud-Africa, alta 15-25 cm, distanza tra le piante 30 cm. Si tratta di una pianta nana adatta per il primo piano delle bordure o per le fioriere dei davanzali. Le foglie, incise e lobate, hanno una densa peluria  bianca sulla pagina inferiore. I capolini, solitari, del diametro di 5-7 cm, sbocciano il luglio-agosto. Le varietà hanno diversi colori, dall’arancio al rosso cupo e tra queste si ricorda Arlecchino a capolini variamente colorati e sfumature in anelli concentrici.
Arctotis breviscapa:  pianta originaria del Sud-Africa, alta 15 cm, distanza tra le piante 25 cm. Si tratta di una specie nana, con foglie incise, pelose, biancastre sulla pagina inferiore, ed è adatta per il fronte delle bordure. I capolini, larghi 5 cm, arancio-vivo e con un disco centrale nero, sbocciano da luglio ai primi geli. Tra le varietà Aurantiaca è giallo arancio con disco porpora.
Arctotis x hybruda: pianta di origine orticola, alta 30-60 cm, distanza tra le piante 30 cm. Sotto questa denominazione vengono riuniti i numerosi ibridi ottenuti dai vivaisti incrociando le specie. Sono piante adatte per le bordure e le aiuole. Le foglie sono strette, grigio-verdi, mentre i capolini, portati da fusti alti, larghi fino a 10 cm, sbocciano da luglio ai primi geli, in varie tonalità di colore che vanno dal rosso al giallo, arancio, prugna, carminio, crema e bianco, con più colori nella stessa infiorescenza. Recisi, durano più a lungo di quelli delle specie tipiche.
Arctotis stoechadifolia: pianta originaria del Sud-Africa, alta 70-80 cm, distanza tra le piante 30 cm. Si tratta di una specie a crescita rapida, dai fusti robusti, da coltivare in gruppi nelle zone del secondo piano delle bordure. Le foglie grigio-verdi sono strette e dentellate e i capolini, che compaiono da luglio ai primi geli, sono larghi 7-8 cm, con fiori del raggio bianco-perlacei e disco centrale blu-viola, circondato da una stretta zona dorata.


riproduzione: si semina in marzo, in vassoi o terrine riempite cin una composta da semi, in letto caldo, alla temperatura di 18° C, ricoprendo i recipienti. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano e si fanno irrobustire in letto freddo, prima di metterle all’aperto, in maggio o in aprile nelle zone a clima mite.
Si può anche seminare direttamente a dimora in aprile e, successivamente, si diradano le piantine alla distanza desiderata.
esposizione:
fioritura: luglio primi geli




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Portulacaria

Portulacaria, genere comprendente 2 specie di piante arbustive a foglie succulente, appartenenti alla famiglia delle Portulacaceae, originarie del Sud-Africa. La specie descritta può essere coltivata all’aperto solo nelle ........

Thermopsis

Thermopsis, genere di 30 specie di piante erbacee, perenni, rizomatose, rustiche, appartenenti alla famiglia delle Papilionaceae, simili al lupino, facili da coltivare, adatte per le bordure miste.
Platycodon
Il Platycodon o fiore paracadute, per la curiosa modalità della fioritura, comprende una sola specie ed è una pianta erbacea perenne, rustica, adatta per le bordure e per i giardini rocciosi grandi.

Clethra
La Clethra, originaria delle regioni orientali degli Stati Uniti, Cina, Giappone e isola di Madera, comprende 120 specie ed è un arbusto o piccolo albero, a foglie decidue o sempreverde; la maggior parte ........

Carex

Carex: genere vastissimo, comprendente 1500-2000 specie appartenenti alla famiglia delle Cyperaceae, diffuse in tutti i continenti e in tutti gli ambienti. Dalle rive del mare alle zone montuose. Le specie descritte vengono ........

 

Ricetta del giorno
Biscotti al limone
Lavorate il burro (tenendone da parte un cucchiaio che occorrerà in seguito) ammorbidito con lo zucchero e la buccia di limone grattuggiata; quando saranno ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Rheum

Rheum, genere di 50 specie di piante erbacee, perenni, rizomatose, comprendente anche il rabarbaro officinale, cioè utilizzato in farmacia, e quello cemmestibile. Le specie decritte hanno fogliame molto ornamentale.
Si ........

Trollius (Botton d'oro - Luparia)
Trollius (Botton d'oro - Luparia): genere di 25 specie di piante erbacee, perenni, rustiche, con fiori globosi, grandi, di colore variabile dal giallo all'arancio. Le foglie sono di color verde più o meno scuro, ........


Garrya

Garrya, genere di 18 specie di piante arbustive sempreverdi, rustiche o delicate. La specie descritta, dioica, si coltiva per le infiorescenze ad amento, pendule, molto ornamentali. Le piante maschili sono più decorative ........

Erianthus

Erianthus, genere di 28 specie di piante erbacee di grandi dimensioni, originarie dell'America tropicale, dell'Europa meridionale, dell'Asia e dell'Africa. La specie descritta può essere utilizzata come l'erba delle Pampas, ........


erbacee annuali Arctotis
Arctotis

Arctotis, genere di 65 specie di piante annuali, perenni e semirustiche, appartenenti alla famiglia delle Compositae. Le specie descritte, sebbene perenni, vengono per lo più coltivate come annuali, in quanto difficilmente superano l’inverno, tranne che i Italia meridionale dove è possibile coltivarle come perenni. Le foglie e i fusti sono lanosi, biancastri. I capolini hanno fiori del raggio ligulati e disco centrale marrone, purpureo o violetto. Sono piante eccellenti per le bordure e per i vasi, anche molto adatte alla produzione di fiori da recidere, sebbene questi durino per pochi giorni in acqua. I capolini si aprono solo in pieno sole e tendono a chiudersi nel primo pomeriggio.
Queste piante crescono bene in terreno umido ma ben drenato, leggero, al sole. Le piante giovani, quando sono alte 12-13 cm, vengono cimate per favorire la ramificazione. Le varietà alte con capolini grandi devono essere munite di sostegni. I capolini sfioriti si tagliano, per prolungare il periodo della fioritura. Le piante coltivate in fioriere o vasi non devono essere annaffiate troppo altrimenti si sviluppano marciumi al loro piede.

Parassiti animali: i giovani germogli possono essere attaccati dagli Afidi.
Parassiti vegetali: se favorita da un ambiente troppo umido, la Muffa grigia  si manifesta con la presenza di una muffetta grigiastra che porta alla marcescenza delle parti colpite.

Arctotis acaulis: pianta originaria del Sud-Africa, alta 15-25 cm, distanza tra le piante 30 cm. Si tratta di una pianta nana adatta per il primo piano delle bordure o per le fioriere dei davanzali. Le foglie, incise e lobate, hanno una densa peluria  bianca sulla pagina inferiore. I capolini, solitari, del diametro di 5-7 cm, sbocciano il luglio-agosto. Le varietà hanno diversi colori, dall’arancio al rosso cupo e tra queste si ricorda Arlecchino a capolini variamente colorati e sfumature in anelli concentrici.
Arctotis breviscapa:  pianta originaria del Sud-Africa, alta 15 cm, distanza tra le piante 25 cm. Si tratta di una specie nana, con foglie incise, pelose, biancastre sulla pagina inferiore, ed è adatta per il fronte delle bordure. I capolini, larghi 5 cm, arancio-vivo e con un disco centrale nero, sbocciano da luglio ai primi geli. Tra le varietà Aurantiaca è giallo arancio con disco porpora.
Arctotis x hybruda: pianta di origine orticola, alta 30-60 cm, distanza tra le piante 30 cm. Sotto questa denominazione vengono riuniti i numerosi ibridi ottenuti dai vivaisti incrociando le specie. Sono piante adatte per le bordure e le aiuole. Le foglie sono strette, grigio-verdi, mentre i capolini, portati da fusti alti, larghi fino a 10 cm, sbocciano da luglio ai primi geli, in varie tonalità di colore che vanno dal rosso al giallo, arancio, prugna, carminio, crema e bianco, con più colori nella stessa infiorescenza. Recisi, durano più a lungo di quelli delle specie tipiche.
Arctotis stoechadifolia: pianta originaria del Sud-Africa, alta 70-80 cm, distanza tra le piante 30 cm. Si tratta di una specie a crescita rapida, dai fusti robusti, da coltivare in gruppi nelle zone del secondo piano delle bordure. Le foglie grigio-verdi sono strette e dentellate e i capolini, che compaiono da luglio ai primi geli, sono larghi 7-8 cm, con fiori del raggio bianco-perlacei e disco centrale blu-viola, circondato da una stretta zona dorata.


riproduzione: si semina in marzo, in vassoi o terrine riempite cin una composta da semi, in letto caldo, alla temperatura di 18° C, ricoprendo i recipienti. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano e si fanno irrobustire in letto freddo, prima di metterle all’aperto, in maggio o in aprile nelle zone a clima mite.
Si può anche seminare direttamente a dimora in aprile e, successivamente, si diradano le piantine alla distanza desiderata.

esposizione:
fioritura: luglio primi geli



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su