erbacee bulbose Cardiocrinum
Cardiocrinum

Cardiocrinum, genere di 3 specie di piante perenni, bulbose, rustiche, affini al genere Lilium dal quale si differenziano per il fatto che i bulbi si esauriscono dopo la fioritura e le piante muoiono. Altra differenza è rappresentata dalle foglie di colore verde scuro, largamente ovate, cuoriformi, spesso riunite in rosette, che si formano alla base dei fusti. I fiori, a forma di una tromba stretta e allungata, sono riuniti in racemi portati da fusti eretti e robusti. I frutti sono capsule lisce, dapprima verde chiaro e successivamente gialle.
I Cardiocrinum sono piante monocarpiche, ovvero che muoiono dopo la fioritura, tuttavia producono diversi bulbilli che danno piante in  grado di fiorire dopo 3-5 anni. I bulbi completamente sviluppati si piantano in ottobre, in terreno ben drenato e tendenzialmente umido, arricchito con letame ben maturo o terriccio di foglie. Vanno sistemati in posizioni riparate, leggermente ombreggiate, e la parte superiore dei bulbi deve essere appena sotto il livello del terreno. Si annaffia abbondantemente nei periodo siccitosi e ogni anno, in primavera, si esegue una pacciamatura con composta o letame ben maturo.

Cardiocrinum cordatum:
pianta originaria del Giappone, alta 1,2-1,8 m, distanza tra le piante 1 m. Si tratta di una specie che inizia la vegetazione molto presto in primavera tano che i germogli vanno protetti dalle gelate tardive. Le foglie giovani sono cremisi-bronzee per poi diventare verde scuro, con riflessi ramati. Le foglie basali sono riunite in rosette spiralate, poste a 30-60 cm dal livello del suolo. I fiori, bianco-crema,  screziati di giallo e con piccole macchie rosso porpora, lunghi fino a 15 cm, sono riuniti in racemi terminali e sbocciano in luglio-agosto.
Cardiocrinum giganteum: pianta originaria dell’Himalaya e Tibet, alta 1,8-3 m, distanza tra le piante 0,9-1,2 m. Simile alla specie precedente, ma più rustica e di dimensioni maggiori, ha foglie  disposte a spirale lungo il fusto partendo dal livello del terreno fino ad arrivare alla fase dell’infiorescenza. I fiori, profumati, lunghi 15 cm o più, sono color crema o bianco-verdastri, con screziature porpora o cremisi-marrone all’interno del perigonio, e sbocciano in luglio-agosto. La varietà Yunnanense è alta 2 m e ha fiori  bianchi con punti rossi.


riproduzione: in ottobre si dividono i bulbilli e si piantano immediatamente, tuttavia impiegheranno di norma dai 3 ai 5 anni prima di produrre piante in grado di fiorire.
Si possono moltiplicare anche da seme, eseguendo la semina in ottobre in vasi o terrine riempiti con una composta da seme, in cassone. Quando le giovani piantine saranno abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano in letto freddo o in vivaio all’aperto, dove resteranno 3-4 anni prima di metterle definitivamente a dimora. Le piante prodotte da seme impiegheranno 6-7 anni prima di fiorire.
esposizione:
fioritura: luglio-agosto




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Crepis

Crepis, genere di 200 piante erbacee, annuali, biennali e perenni, rustiche. Le specie descritte sono adatte per il giardino roccioso o per il primo piano delle bordure.
Crescono bene in tutti i terreni ben drenati, inclusi ........

Ailanthus (Ailanto)
Ailanthus (Ailanto): genere di 8-9 specie di alberi rustici, dioici, a foglie decidue, originari dell'Asia centrale e dell'Australia. La specie descritta è impiegata soprattutto per i parchi e per i viali cittadini ........

Echinacea

Echinacea, genere di 3 specie di piante erbacee perenni, rustiche. Le specie descritte sono adatte per le bordure soleggiate e per la produzione di fiori da recidere.
Si piantano in ottobre o in marzo in pieno sole, in ........


Arnica

Arnica, genere di 32 specie di piante erbacee perenni, appartenenti alla famiglia delle Compositae, diffuse nelle zone temperate e artiche dell’emisfero boreale. Sono piante adatte per il giardino roccioso e per le bordure.
Cresce ........

 

Ricetta del giorno
Bavarese alla frutta
Fate ammorbidire in acqua fredda per circa 20 minuti i fogli di gelatina, metteteli senza strizzarli in un tegame nel quale aggiungete un bicchiere di ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Acantholimon

Acantholimon, genere di 150 specie di piante sempreverdi a crescita lenta, perenni, per lo più originarie di regioni desertiche. Le specie descritte, belle piante per i giardini rocciosi, presentano giuffi di foglie aghiformi ........

Arum

Arum, genere di 15 specie di piante erbacee, perenni, rizomatose, originarie dell'Europa e dei Paesi del bacino del Mediterraneo, con grandi foglie basali, lungamente picciolate e infiorescenze a spadice avvolte da una spata. ........

Houttuynia
Houttuynia: genere comprendente una sola specie erbacea, perenne, rustica, che cresce bene in qualsiasi terreno fresco, umido, leggermente ombreggiato, o anche in acque poco profonde. In condizioni particolarmente ........

Leonotis

Leonotis, genere di circa 40 specie di piante erbacee e suffruticose, originarie dell'Africa meridionale. La specie descritta è delicata e adatta per la coltivazione all'aperto solo nelle zone a clima mite, mentre nelle ........

Lychnis (Licnide)

Lychnis (Licnide), genere di 12 specie di piante erbacee, perenni ed annuali, rustiche e semirustiche, appartenenti alla famiglia delle Caryophyllaceae. Le specie perenni, rustiche descritte sono adatte per il primo piano ........


erbacee bulbose Cardiocrinum
Cardiocrinum

Cardiocrinum, genere di 3 specie di piante perenni, bulbose, rustiche, affini al genere Lilium dal quale si differenziano per il fatto che i bulbi si esauriscono dopo la fioritura e le piante muoiono. Altra differenza è rappresentata dalle foglie di colore verde scuro, largamente ovate, cuoriformi, spesso riunite in rosette, che si formano alla base dei fusti. I fiori, a forma di una tromba stretta e allungata, sono riuniti in racemi portati da fusti eretti e robusti. I frutti sono capsule lisce, dapprima verde chiaro e successivamente gialle.
I Cardiocrinum sono piante monocarpiche, ovvero che muoiono dopo la fioritura, tuttavia producono diversi bulbilli che danno piante in  grado di fiorire dopo 3-5 anni. I bulbi completamente sviluppati si piantano in ottobre, in terreno ben drenato e tendenzialmente umido, arricchito con letame ben maturo o terriccio di foglie. Vanno sistemati in posizioni riparate, leggermente ombreggiate, e la parte superiore dei bulbi deve essere appena sotto il livello del terreno. Si annaffia abbondantemente nei periodo siccitosi e ogni anno, in primavera, si esegue una pacciamatura con composta o letame ben maturo.

Cardiocrinum cordatum:
pianta originaria del Giappone, alta 1,2-1,8 m, distanza tra le piante 1 m. Si tratta di una specie che inizia la vegetazione molto presto in primavera tano che i germogli vanno protetti dalle gelate tardive. Le foglie giovani sono cremisi-bronzee per poi diventare verde scuro, con riflessi ramati. Le foglie basali sono riunite in rosette spiralate, poste a 30-60 cm dal livello del suolo. I fiori, bianco-crema,  screziati di giallo e con piccole macchie rosso porpora, lunghi fino a 15 cm, sono riuniti in racemi terminali e sbocciano in luglio-agosto.
Cardiocrinum giganteum: pianta originaria dell’Himalaya e Tibet, alta 1,8-3 m, distanza tra le piante 0,9-1,2 m. Simile alla specie precedente, ma più rustica e di dimensioni maggiori, ha foglie  disposte a spirale lungo il fusto partendo dal livello del terreno fino ad arrivare alla fase dell’infiorescenza. I fiori, profumati, lunghi 15 cm o più, sono color crema o bianco-verdastri, con screziature porpora o cremisi-marrone all’interno del perigonio, e sbocciano in luglio-agosto. La varietà Yunnanense è alta 2 m e ha fiori  bianchi con punti rossi.


riproduzione: in ottobre si dividono i bulbilli e si piantano immediatamente, tuttavia impiegheranno di norma dai 3 ai 5 anni prima di produrre piante in grado di fiorire.
Si possono moltiplicare anche da seme, eseguendo la semina in ottobre in vasi o terrine riempiti con una composta da seme, in cassone. Quando le giovani piantine saranno abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano in letto freddo o in vivaio all’aperto, dove resteranno 3-4 anni prima di metterle definitivamente a dimora. Le piante prodotte da seme impiegheranno 6-7 anni prima di fiorire.

esposizione:
fioritura: luglio-agosto



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su