alberi sempreverdi Inga
Inga

Inga, genere di 200 specie di alberi e arbusti delicati, diffusi allo stato spontaneo nelle regioni tropicali e subtropicali dell'America centrale e meridionale. Le specie descritte possono essere coltivate all'aperto solo nelle regioni particolarmente miti dell'Italia meridionale e insulare.
Si pianta in primavera al sole e al riparo dai venti freddi. Nelle regioni dell'Italia settentrionale possono essere coltivate in serra in gandi vasi o mastelli riempiti con una composta da vasi.

Inga affinis: pianta originaria delle regioni tropicali dell'America, alta 4-8 m e con una chioma del diametro di 4-6 m. Si tratta di un albero dalle dimensioni limitate, con chioma regolare e foglie pennate, formate da 4 paia di foglioline ovali, acuminate all'apice, leggermente pubescenti sulla pagina superiore e grigie su quella inferiore. I fiori sono color cremisi, con numerosi stami rosso vivo, riumiti in spigne ascellari.
Inga feullei: pianta originaria delle regioni tropicali dell'America, alta 5-8 m e con una chioma del diametro di 3-5 m. Si tratta di un piccolo albero dalla chiona regolare, tondeggiante, con foglie composte, pennate, formare da 3-4 paia di foglioline ovato-oblunghe, acuminate alle estremità. I fiori, di colore rosso, con numerosi stami, sono riuniti in spighe all'ascella delle foglie.


riproduzione: si semina durante la primavera, in terrine o in vasi riempiti con una composta da semi in letto caldo. Appena le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano singolarmente in vasi riempiti con una composta da vasi, vasi che vanno interrati all'aperto in posizioni riparate, e poi riportati in ambiente protetto in autunno. Là dove la coltivazione è possibile all'aperto, possono essere messe a dimora dopo 2-3 anni.
esposizione:
fioritura: trada primavera




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 




Fritillaria

La Fritillaria è una pianta bulbosa, rustica, spontanea nelle zone temperate dell'emisfero boreale quali Asia Minore, Asia centro-occidentale, Caucaso, Turchia, Europa settentrionale e perfino Siberia, e ........

Sanguinaria

Sanguinaria, genere comprendente una sola specie erbacea, perenne, rustica appartenente alla famiglia delle Papaveraceae, adatta per il giardino roccioso e per il primo piano delle bordure. Il genere deriva dalla linfa rossa ........

Parrotia
Parrotia, genere comprendente una sola specie arbustiva o arborea, rustica, a foglie decidue, con chioma espansa, che viene coltivata principalmente per i colori autunnali delle foglie, che diventano color ambra, ........

Alstroemèria (Alstroemeria)
L' Alstroemèria (Alstroemeria) , originaria del Cile, Perù, Guyana e Brasile comprende circa 60 specie ed è una pianta erbacea perenne, con radici tuberose, dall'aspetto assai dissimile; la loro altezza varia, ........

 

Ricetta del giorno
Vermicelli alla siracusana
Lavare il peperone, eliminare i semi interni, passarlo sulla griglia per abbrustolirlo, dopo di che eliminare la buccia.
Lavare la melanzana, asciugarla ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Echinacea

Echinacea, genere di 3 specie di piante erbacee perenni, rustiche. Le specie descritte sono adatte per le bordure soleggiate e per la produzione di fiori da recidere.
Si piantano in ottobre o in marzo in pieno sole, in ........

Filipendula
La Filipendula, genere di 10 specie di piante erbacee, perenni, rustiche che crescono bene nei terreni umidi assieme alle Lythrum e Lysimachia. Sono adatte per le bordure e per la raccolta dei fiori ........

Kochia

Kochia, genere di 90 specie di piante erbacee e suffruticose, annuali e perenni. La specie descritta, coltivata per il fogliame ornamentale, si impiega isolata o nelle aiuole, per formare bordure basse, o come pianta da ........

Dierama

Dierama, genere di 25 specie di piante perenni, sempreverdi o semisempreverdi, con bulbo-tuberi molto numerosi. Le specie decritte sono adatte per le bordure in zone a clima mite. Hanno fusti arcuati, molto belli, sottili ........

Phygelius

Phygelius, genere di 2 specie di piante suffruticose, semirustiche, sempreverdi, adatte per le zone a clima mite; nelle regioni più fredde devono essere piantate in posizioni protette. Sono ottime per le bordure e sopportano ........


alberi sempreverdi Inga
Inga

Inga, genere di 200 specie di alberi e arbusti delicati, diffusi allo stato spontaneo nelle regioni tropicali e subtropicali dell'America centrale e meridionale. Le specie descritte possono essere coltivate all'aperto solo nelle regioni particolarmente miti dell'Italia meridionale e insulare.
Si pianta in primavera al sole e al riparo dai venti freddi. Nelle regioni dell'Italia settentrionale possono essere coltivate in serra in gandi vasi o mastelli riempiti con una composta da vasi.

Inga affinis: pianta originaria delle regioni tropicali dell'America, alta 4-8 m e con una chioma del diametro di 4-6 m. Si tratta di un albero dalle dimensioni limitate, con chioma regolare e foglie pennate, formate da 4 paia di foglioline ovali, acuminate all'apice, leggermente pubescenti sulla pagina superiore e grigie su quella inferiore. I fiori sono color cremisi, con numerosi stami rosso vivo, riumiti in spigne ascellari.
Inga feullei: pianta originaria delle regioni tropicali dell'America, alta 5-8 m e con una chioma del diametro di 3-5 m. Si tratta di un piccolo albero dalla chiona regolare, tondeggiante, con foglie composte, pennate, formare da 3-4 paia di foglioline ovato-oblunghe, acuminate alle estremità. I fiori, di colore rosso, con numerosi stami, sono riuniti in spighe all'ascella delle foglie.


riproduzione: si semina durante la primavera, in terrine o in vasi riempiti con una composta da semi in letto caldo. Appena le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano singolarmente in vasi riempiti con una composta da vasi, vasi che vanno interrati all'aperto in posizioni riparate, e poi riportati in ambiente protetto in autunno. Là dove la coltivazione è possibile all'aperto, possono essere messe a dimora dopo 2-3 anni.
esposizione:
fioritura: trada primavera



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su