erbacee perenni Dryas (Driade)
Dryas (Driade)

Dryas (Driade), genere di 2 specie di piante suffruticose, sempreverdi, rustiche, a portamento prostrato. La specie descritta è adatta alla coltivazione nei giardino rocciosi e alpini.
Si mettono a dimora da settembre a marzo, in tutti i terreni da giardino ben drenati, in pieno sole, evitando successivamente di trapiantarle, in quanto le radici potrebbero essere danneggiate, essendo molto delicate.

Dryas (Driade) octopetula: pianta originaria dell'Europa settentrionale e occidentale, Italia e America settentrionale, alta 8-10 cm e del diametro di 60 cm e più. Si tratta di una pianta che forma tappeti prostrati, spesso radicanti e con foglie lucide, ellittico-lanceolate, verde intenso sulla pagina superiore e grigio-verdi su quella inferiore, a margini dentato-crenati. I fiori, bianchi, tondeggianti, larghi 3 cm, composti da 8 petali, sbocciano in giugno-luglio seguiti, in autunno, da frutti lanuginosi.


riproduzione: in agosto o in marzo si prelevano, dai germogli laterali non fioriferi, talee lunghe 5 cm con una porzione di ramo portante, e si mettono a radicare in sabbia, in letto freddo. Le talee radicate si invasano singolarmente in contenitori da 8 cm, riempiti con una composta da vasi, e si fanno svernare in cassone freddo, per poi metterle a dimora nella primavera o autunno successivi.
Si può anche seminare in settembre-ottobre, in letto freddo. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano prima in vassoi e successivamente in contenitori da 8 cm. Si coltivano in cassone e si mettono a dimora in primavera o autunno successivi.
In marzo si può effettuare la divisione dei cespi, separando i fusti radicati e ripiantandoli immediatamente in terreno sabbioso per facilitarne l'attecchimento.
esposizione:
fioritura: giugno-luglio




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Cardiocrinum

Cardiocrinum, genere di 3 specie di piante perenni, bulbose, rustiche, affini al genere Lilium dal quale si differenziano per il fatto che i bulbi si esauriscono dopo la fioritura e le piante muoiono. Altra differenza è ........

Bergenia
La Bergenia , originaria della Siberia, Himalaya, comprende 6 specie ed è una pianta erbacea perenne rustica, sempreverde.
Le foglie sono coriacee,  ovate, lunghe anche 20 cm e più, color verde ........

Kaki, Cachi, Diospyros kaki

Kaki, Caco, Diospyros kaki, albero da frutto originario della Cina e del Giappone, appartenente alla famiglia delle Ebenacee, alto 5-10 m, caratterizzato da una chioma espansa, tondeggiante, larga circa 5 m. Il tronco, eretto, ........

Cladanthus

Cladanthus, genere di 4 specie di piante erbacee, annuali. La specie descritta è adatta per le bordure. Sia i capolini, sia il fogliame sono profumati; da giugno fino ai primi geli autunnali sbocciano in continuazione una ........

Platycodon
Il Platycodon o fiore paracadute, per la curiosa modalità della fioritura, comprende una sola specie ed è una pianta erbacea perenne, rustica, adatta per le bordure e per i giardini rocciosi grandi.

 

Ricetta del giorno
Cassatine di ricotta
Scolare la ricotta dal latte e versarla in una ciotola, unire lo zucchero, il sale e la vanillina, amalgamare e lavorare fino ad ottenere un composto ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Scalogno – Allium ascalonicum

Scalogno, allim ascalonicum, pianta bulbosa rustica appartenente alla famiglia delle Gigliacee, assai simile alla cipolla e all’aglio: i suoi bulbi sono più dolci e profumati di quelli dell’aglio ma hanno sapore più accentuato ........

Myosotidium

Myosotidium, genere comprendente una sola specie erbacea, sempreverde, perenne, che si coltiva nelle zone a clima mite, umide e ben riparate.
Si pianta in settembre-ottobre, in tutti i terreni da giardino, in posizioni ........

Saponària (Saponaria)
La Saponària (Saponaria) , originaria dell'Euroma meridionale e Asia, comprende circa 30 specie ed è una erbacea perenne, annuale, rustica e semirustica, il cui nome deriva dal fatto che le foglie e ........

Ceratostigma

Ceratostigma, genere di 8 specie di piante erbacee e suffruticose, perenni, semirustiche. Le specie descritte sono adatte per la coltivazione nelle bordura miste. Nelle regioni a clima invernale molto freddo, non resistono ........

Sisyrinchium
Sisyrinchium, genere di 100 specie di piante erbacee, perenni. Le piante descritte sono adatte per il giardino roccioso, hanno foglie lineari-ensiformi, grigio-verdi.
I Sisyrinchi si coltivano in terreno ben ........


erbacee perenni Dryas (Driade)
Dryas (Driade)

Dryas (Driade), genere di 2 specie di piante suffruticose, sempreverdi, rustiche, a portamento prostrato. La specie descritta è adatta alla coltivazione nei giardino rocciosi e alpini.
Si mettono a dimora da settembre a marzo, in tutti i terreni da giardino ben drenati, in pieno sole, evitando successivamente di trapiantarle, in quanto le radici potrebbero essere danneggiate, essendo molto delicate.

Dryas (Driade) octopetula: pianta originaria dell'Europa settentrionale e occidentale, Italia e America settentrionale, alta 8-10 cm e del diametro di 60 cm e più. Si tratta di una pianta che forma tappeti prostrati, spesso radicanti e con foglie lucide, ellittico-lanceolate, verde intenso sulla pagina superiore e grigio-verdi su quella inferiore, a margini dentato-crenati. I fiori, bianchi, tondeggianti, larghi 3 cm, composti da 8 petali, sbocciano in giugno-luglio seguiti, in autunno, da frutti lanuginosi.


riproduzione: in agosto o in marzo si prelevano, dai germogli laterali non fioriferi, talee lunghe 5 cm con una porzione di ramo portante, e si mettono a radicare in sabbia, in letto freddo. Le talee radicate si invasano singolarmente in contenitori da 8 cm, riempiti con una composta da vasi, e si fanno svernare in cassone freddo, per poi metterle a dimora nella primavera o autunno successivi.
Si può anche seminare in settembre-ottobre, in letto freddo. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano prima in vassoi e successivamente in contenitori da 8 cm. Si coltivano in cassone e si mettono a dimora in primavera o autunno successivi.
In marzo si può effettuare la divisione dei cespi, separando i fusti radicati e ripiantandoli immediatamente in terreno sabbioso per facilitarne l'attecchimento.

esposizione:
fioritura: giugno-luglio



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su