arbusti sempreverdi Arālia (Aralia)
Arālia (Aralia)

L' Aràlia (Aralia), originaria dell'America del Nord, Australia, Asia, Giappone e kashmir, comprende circa 20 specie ed è una pianta arbustiva, a volte erbacea o nache arborea, talvolta con fusto spinoso. le foglie sono coriacee, con superficie molto lucida, persistenti o caduche a seconda della specie, composte da foglie di varia forma (spesso hanno la sagoma di una mano), di colore bverde vivo e intenso. I fiori sono insignificanti, biancastri, riuniti in infiorescenze a ombrello.
Si utilizza nelle zone ombrose e fresche del giardino, anche se luminose. Può essere coltivata anche in grandi vasi, almeno 50x40x40, per ornare terrazze o cortili, sempre rigorosamente in ombra, in verande o ingressi luminosi e ricchi d'aria.
Si pianta in primavera in terreno ricco e leggero, un po' umido, meglio se misto a 1/4 di torba e necessita di regolari concimazioni con fertilizzante organico da sciogliere nell'acqua delle annaffiature. Questa pianta  vegeta tranquillamente nel Sud del nostro Paese o ungo i litorali mentre nei climii freddi è bene proteggere le piante in inverno con una copertura di plastica e un po' di torba al piede della pianta.

Precisazione: Questa pianta viene facilmente confusa con alcune piante di appartamento che invece appartengono a generi diversi. Infatti l'Aralia sieboldii o japonica che è largamente utilizzata come pianta da appartamento, si chiama in realtà Fatsia japonica ed è abbastanza somigliante ad alcune Aralia.
Nei paesi di origene le Aralie, considerate specie medicinali di un certo valore, vengono piantate in quasi tutti i giardini perchè vi è la diffusa credenza che abbiano il potere di rendere l'aria più salubre e di tener lontano molti insetti. Del resto c'è un certo fondo di verità . Con le sue grandi foglie sempreverdi produce tanto ossigeno tutto l'anno.

Aralia spinosa: dall'aspetto esotico, munita di lunghe spine può raggiungere anche i 10 m di altezza. Un tempo era credenza diffusa che questa pianta curasse i reumatismi.
Aralia chinensis o elata: spinosa ed arborea, molto alta, può raggiungere anche i 15 m, presenta numerose varietà tra le quali una molto bella con foglie macchiate di giallo.
Aralia papyrifera: specie arbustiva molto bella da piena aria., con grandi foglie a forma di mano, esige clima e posizione riparata.
Aralia racemosa: erbacea priva di spine, adatta essenzialmente per il sottobosco.
riproduzione: si esegue per seme, subito dopo la maturazione, ma anche per talea radicale ponendo a vegetare direttamente in terra. Non č affatto raro, comunque, anzi tutt'altro, vederla riprodursi spontaneamente per seme dove le condizioni climatiche sono favorevoli.
esposizione:
fioritura: insignificante




Se ti č piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Amorphophallus

Amorphophallus, genere di piante tuberose appartenenti alla famiglia delle Aracee, originarie delle zone tropicali dell’Asia e dell’Africa. Sono piante che vanno coltivate in serra calda, molto eleganti e originali, con ........

Shortia

Shortia, genere di 8-9 specie di piante erbacee, perenni, sempreverdi, rustiche, appartenenti alla famiglia delle Diapensiaceae. Le specie descritte sono adatte per le zone fresche del giardino roccioso.
Crescono bene ........

Ceanothus

Ceanothus, genere di 55 specie di arbusti o piccoli alberi sempreverdi o a foglie decidue, appartenenti alla famiglia delle Rhamnaceae, originari dell’America settentrionale, in particolare della California e delle zone ........

Parrotia
Parrotia, genere comprendente una sola specie arbustiva o arborea, rustica, a foglie decidue, con chioma espansa, che viene coltivata principalmente per i colori autunnali delle foglie, che diventano color ambra, ........

Luzula

Luzula, genere di 80 specie di piante erbacee perenni, appartenenti alla famiglia delle Juncaceae, diffuse nelle regioni temperate e temperato-fredde. Le specie descritte sono adatte alla coltivazione nei giardini rocciosi ........

 

Ricetta del giorno
Panna cotta guarnita al cioccolato
Per prima cosa mettere a bagno in acqua fredda i fogli di colla di pesce per farli ammorbidire. Nel frattempo mettere in un pentolino la panna, lo stecco ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine




Maranta

Maranta, genere di 25 specie di piante perenni, sempreverdi, appartenenti alla famiglia delle Marantaceae, coltivata per le foglie, molto ornamentali. Č diffusa una sola specie, coltivata in serra  ma č adatta anche ........

Asclepias

Asclepias, genere di 120 specie di piante erbacee, perenni, rustiche o delicate, o di suffrutici e arbusti, appartenenti alla famiglia delle Asclepiadaceae. Le specie descritte sono erbacee o suffruticose, vigorose.
Le ........

Agrifōglio (Ilex)
L' Agrifòglio (Ilex) originario dell'America meridionale e altre zone temperate ad esclusione dell'Africa e Australia, spontaneo in Europa, comprende circa 295 specie ed è un arbusto o alberello a rami ........

Tolmiea

Tolmiea, genere comprendente una sola specie perenne, sempreverde, rustica, appartenente alla famiglia delle Scrophulariaceae, che puō essere coltivata in vaso o in piena terra. Ha la caratteristica di produrre piantine ........


arbusti sempreverdi Arālia (Aralia)
Arālia (Aralia)

L' Aràlia (Aralia), originaria dell'America del Nord, Australia, Asia, Giappone e kashmir, comprende circa 20 specie ed è una pianta arbustiva, a volte erbacea o nache arborea, talvolta con fusto spinoso. le foglie sono coriacee, con superficie molto lucida, persistenti o caduche a seconda della specie, composte da foglie di varia forma (spesso hanno la sagoma di una mano), di colore bverde vivo e intenso. I fiori sono insignificanti, biancastri, riuniti in infiorescenze a ombrello.
Si utilizza nelle zone ombrose e fresche del giardino, anche se luminose. Può essere coltivata anche in grandi vasi, almeno 50x40x40, per ornare terrazze o cortili, sempre rigorosamente in ombra, in verande o ingressi luminosi e ricchi d'aria.
Si pianta in primavera in terreno ricco e leggero, un po' umido, meglio se misto a 1/4 di torba e necessita di regolari concimazioni con fertilizzante organico da sciogliere nell'acqua delle annaffiature. Questa pianta  vegeta tranquillamente nel Sud del nostro Paese o ungo i litorali mentre nei climii freddi è bene proteggere le piante in inverno con una copertura di plastica e un po' di torba al piede della pianta.

Precisazione: Questa pianta viene facilmente confusa con alcune piante di appartamento che invece appartengono a generi diversi. Infatti l'Aralia sieboldii o japonica che è largamente utilizzata come pianta da appartamento, si chiama in realtà Fatsia japonica ed è abbastanza somigliante ad alcune Aralia.
Nei paesi di origene le Aralie, considerate specie medicinali di un certo valore, vengono piantate in quasi tutti i giardini perchè vi è la diffusa credenza che abbiano il potere di rendere l'aria più salubre e di tener lontano molti insetti. Del resto c'è un certo fondo di verità . Con le sue grandi foglie sempreverdi produce tanto ossigeno tutto l'anno.

Aralia spinosa: dall'aspetto esotico, munita di lunghe spine può raggiungere anche i 10 m di altezza. Un tempo era credenza diffusa che questa pianta curasse i reumatismi.
Aralia chinensis o elata: spinosa ed arborea, molto alta, può raggiungere anche i 15 m, presenta numerose varietà tra le quali una molto bella con foglie macchiate di giallo.
Aralia papyrifera: specie arbustiva molto bella da piena aria., con grandi foglie a forma di mano, esige clima e posizione riparata.
Aralia racemosa: erbacea priva di spine, adatta essenzialmente per il sottobosco.

riproduzione: si esegue per seme, subito dopo la maturazione, ma anche per talea radicale ponendo a vegetare direttamente in terra. Non č affatto raro, comunque, anzi tutt'altro, vederla riprodursi spontaneamente per seme dove le condizioni climatiche sono favorevoli.
esposizione:
fioritura: insignificante



Se ti č piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su